Connect with us

Tricase

La Sagra della Terracotta a Lucugnano

Si tiene la prima edizione sabato 1° agosto, all’interno del suggestivo centro storico, precisamente fra Piazza Comi, via Madonna delle Grazie, via dei Vasai e via Accademia Salentina.

Pubblicato

il

Si tiene la prima edizione sabato 1° agosto, all’interno del suggestivo centro storico, precisamente fra Piazza Comi, via Madonna delle Grazie, via dei Vasai e via Accademia Salentina.

Nella terra conosciuta anche per la lavorazione della creta (oltre che per Girolamo Comi, barone e poeta ermetico, e per “Papa Caliazzu”, arciprete arguto ed autore di barzellette), non poteva certo non essere partorita, prima o poi, l’idea di una sagra dedicata proprio alla terracotta. E questo momento è finalmente arrivato, grazie alla brillante iniziativa di tre Associazioni locali, il Centro Culturale Ricreativo Sportivo Lucugnanese, Porta d’Oriente e Casa di Ritrovo Giovanni Paolo II, che hanno appunto organizzato, per sabato 1° agosto, la prima “Sagra della Terracotta”, all’interno del suggestivo centro storico, precisamente fra Piazza Comi, via Madonna delle Grazie, via Don Galeazzo e via Accademia Salentina. Da sempre la popolosa e laboriosa frazione tricasina è famosa per questa attività artigianale, sviluppatasi nel secolo scorso e favorita dalla presenza sul territorio di sedimenti di argilla di diverso colore, particolarmente adatti all’arte figula. Alla realizzazione della Sagra collaborano (attraverso l’esposizione dei loro lavori) gli stessi artigiani figuli di Lucugnano, i “criteri”, impegnati nell’evoluzione delle tecniche di lavorazione della creta, la quale continua ad offrire numerosi oggetti di grande bellezza artistica, che fanno da sfondo a tutti i prodotti genuini dell’agricoltura lucugnanese. Numerosi gli stand, ben nove, che arricchiranno l’evento, offrendo davvero di tutto a residenti e turisti che si annunciano numerosissimi: antipasti caserecci, pasta, carne arrosto e alla griglia, rosticceria, “pittule”, angurie paesane, dolci, bibite e vino. Ad allietare ed a rendere più invitante il tutto ci penserà, immancabilmente, la musica. Ed anche sotto questo aspetto gli organizzatori hanno fatto le cose in grande, considerato che sono previsti due spettacoli, con inizio alle 21. Sul palco principale, in Piazza Comi, si terrà l’attesissima esibizione del ben noto gruppo “Lu Rusciu Nosciu”, con la loro pizzica ed i loro canti legati alla tradizione popolare salentina; sul palco secondario, in via Accademia Salentina, toccherà invece ai “Musicamò”, gruppo composto da giovani di Lucugnano, formatosi da un paio d’anni.

Continua a Leggere

Dai Comuni

Tricase: “Fate lavorare quell’ecocentro!”

Pubblicato

il

L’ecocentro di Tricase torna a far parlare di sé, dopo gli intoppi invernali sul passaggio di consegne gestionali che lo avevano costretto a qualche giorno extra di chiusura.

Ora che è tornato in attività, l’ecocentro non sempre riesce a smaltire per tempo l’afflusso di rifiuti, complice anche (come evidente dalle immagini) la pessima educazione di molti cittadini che vi abbandonano gli scatti fuori orario d’apertura.

In questi giorni, più volte, lo scenario che si ripropone è grossomodo quello in foto: ammassi di rifiuti davanti al portone chiuso. Gettati senza alcuna distinzione tra le varie tipologie e senza alcuna garanzia sulla possibilità che possano essere conferiti presso l’ecocentro.

Nunzio Dell’Abate, consigliere d’opposizione al comune di Tricase, incalza l’amministrazione sottolineando che “l’ecocentro comunale di una città come Tricase non può restare aperto per sole tre ore nel pomeriggio (e chiuso i festivi), specie nel periodo primaverile-estivo, e con una sola unità lavorativa impiegata. Lo diciamo da tempo, ma invano, all’Amministrazione Comunale, così come sosteniamo imprescindibile una maggiore vigilanza nelle attività di conferimento, anche attraverso un sistema di videosorveglianza”.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Una Rock Room per i ragazzi in ospedale

Una serata in memoria di Fabrizio Aspromonte, il dj tricasino prematuramente scomparso nel gennaio 2018. L’incasso sarà totalmente utilizzato per la realizzazione di una Rock Room, una stanza musicale in ospedale per adolescenti e giovanissimi che affrontano cure oncologiche

Pubblicato

il

Al Mamma Li Turchi di Tricase Porto, una serata in memoria di Fabrizio Aspromonte, il dj tricasino prematuramente scomparso nel gennaio 2018. Suoneranno tutti i Dj (non solo) del Salento.

Un motivo in più per partecipare alla serata di domani mercoledì 21 agosto: l’incasso sarà totalmente utilizzato per la realizzazione di una Rock Room, una stanza musicale in ospedale per adolescenti e giovanissimi che affrontano cure oncologiche.

L’iniziativa è in collaborazione con l’Associazione Lorenzo Risolo con in testa la presidente Sonia Chetta che ha accettato con entusiasmo la proposta dell’Associazione Fabrizio Aspromonte.

Domani sera, al Mamma Li Turchi, si alterneranno alla consolle: Frank Di Rienzo, Marcello Melica, Steven The Prince, Giuseppe Scarlino, Elvix Dj, Julian Mc Cain e Diego Riveira.

Presteranno la loro voce Marco Abati, Sandro Cosi, Gianty, Andrew The Voice e Gianfranco Frakatame.

«Per ricordare un grande amico e un grande Dj»

Continua a Leggere

Attualità

Mercato di Tricase, il sindaco diffida i commercianti

Chiuri scrive ai concessionari di stallo sollecitandoli a pulire gli spazi utilizzati

Pubblicato

il

mercato bancarelle tricase

Il sindaco di Tricase, Carlo Chiuri, scrive ai commercianti concessionari di stallo per il mercato settimanale.

Il motivo, l’irrisolto problema della spazzatura abbandonata ogni martedì alla fine delle vendite (già 4 anni fa ne parlavamo dando voce ad alcuni lettori).

Quella del sindaco, in realtà, non è una semplice lettera ma una vera e propria diffida che, come scrive, fa seguito a “vari e numerosi tentativi di persuasione morale che non hanno sortito alcun effetto”.

Vane infatti, negli anni, le lamentele dei residenti e gli accorati appelli.

Gli interessati sono pertanto, con effetto immediato, “diffidati ad ottemperare alla pulizia del proprio spazio vendita, alla raccolta differenziata dei rifiuti secondo le direttive impartite dai servizi comunali competenti ed a rimettere in pristino l’assetto dell’area ottenuta in concessione”, pena la possibilità di incappare nella revoca dello stallo stesso.

Il sindaco, in più, approfitta per ricordare l’orario di chiusura del mercato stesso. L’autorizzazione infatti ha validità fino alle ore 13e30, deadline non sempre rispettata.

Domani stesso, proprio in occasione del mercato settimanale, la polizia locale consegnerà brevi manu la lettera di diffida a tutti i “mercatari”.

Staremo a vedere se la decisione del primo cittadino di mettere per iscritto l’invito sortirà effetto o se i destinatari faranno ancora…”orecchio da mercante”.

Chiuri intanto non esclude ulteriori ripercussioni: “Non è più tempo di scherzare. Non escludo, qualora l’andazzo non dovesse cambiare, la chiusura temporanea del mercato settimanale“.

Di seguito la lettera completa.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus