Connect with us

Alessano

La 275 prende la direzione della terza strada

La Regione, ascoltati i rappresentati di Anas, Provincia e Comuni interessati, si riserva di decidere in merito. Probabile a questo punto si scelga la soluzione tre che passa da Specchia

Pubblicato

il

Altra riunione tenutasi presso la  sede dell’Amministrazione  regionale (Dipartimento mobilità, qualità urbana, opere pubbliche, ecologia e paesaggio), convocata dall’assessore ai Trasporti, Giovanni Giannini, hanno partecipato i sindaci o i rappresentanti dei Comuni di Miggiano, Specchia, Tricase, Alessano, Gagliano del Capo, Castrignano del Capo, Tiggiano, e Montesano Salentino. Presenti anche il consigliere provinciale Ippazio Morciano in rappresentanza della Provincia, e l’ing. Gianfranco Paglialunga per l’Anas.

L’ing. Francesca Pace della Regione, aprendo la seduta, ha illustrato i contenuti della riunione tenutasi presso il MIT il 30 luglio scorso secondo cui “alla Regione è chiesto di esprimersi sulla localizzazione dell’opera, anche qualora non si giungesse ad uno condivisione con tutti i Comuni nel cui territorio la stessa andrà realizzata. Solo allora potranno avviarsi le interlocuzioni col MIT al fine di reperire le necessarie risorse finanziarie per l’ulteriore sviluppo della progettazione e la realizzazione dell’opera che, una volta verificato e valutato il permanere dell’importanza strategica e delle positive ricadute economiche e sociali sul territorio, potrà essere inserita nel prossimo atto programmatorio Mit-Anas”.

La Provincia di Lecce, rappresentata da Ippazio Morciano, ha proposto la cosiddetta terza strada o soluzione tre in quanto ritiene che sia «quella meno impattante dal punto di vista ambientale».

In questo caso il primo lotto resterebbe come prima e dalla zona compresa tra DFV e Mercatone Uno di Surano arriverebbe fino alla prima rotatoria della tangenziale di Tricase provenendo da nord. Chi è diretto nel Capo di Leuca potrebbe procedere sulla “Cosimina” utilizzando la vecchia rete viaria oppure dalla Zona Industriale di Tricase potrà collegarsi alla strada del secondo lotto. Secondo lotto a due corsie che si potrebbe anche imboccare proseguendo dritti una volta arrivati a Surano (probabilmente si studierà il modo per non passare dall’abitato di Montesano) fino alla “rotatoria più grande del mondo tra Lucugnano Miggiano e Specchia per poi reindirizzarsi verso de fininbus terrae seguendo quello che era il vecchio progetto dell’Anas. In questo modo l’arteria, disegnata tra Lucugnano e Specchia, come una sorta di tangenziale si lascerebbe a sinistra la frazione di Tricase per poi ricongiungersi a quello che era il percorso originario nei pressi di Alessano (nei pressi del Ristorante da Enzo).

La provincia, comunque non esclude la soluzione ad ovest di Tricase quella che attraverserebbe il territorio tra Tricase – Lucugnano.

Il sindaco di Miggiano, Michele Sperti, ritiene «fondamentale ed essenziale il primo lotto, non anche dunque il secondo lotto», pur tuttavia predilige l’ipotesi ad ovest  «più naturale e meno invasiva dei territori urbani».

Specchia, rappresentata dal vice sindaco Roberto Musio e dall’ing. Comunale Simona Bramato, si dice «in linea con Miggiano» e preferisce la soluzione ad ovest. Musio ha evidenziato come «l’interessamento successivo del territorio del Comune di Specchia è conseguenza di due precedenti prospettate soluzioni a cui non si è trovata soluzione, che riguardavano Comuni che risultavano coinvolti già dalla 275».

Anche il sindaco di Castrignano del Capo, Santo Papa,  indica la soluzione ad ovest «ma potrebbe andare bene anche la soluzione tre».

Il consigliere e assessore di Gagliano del Capo, Massimo Ciardo, ha fatto sapere che «il preferito è il tracciato ad ovest di Tricase, fermo restando che la soluzione tre non è da escludere se risolutivo all’immobilismo decennale che sta penalizzando il Capo di Leuca».

Il sindaco Giacomo Cazzato sottolinea che «Tiggiano è interessato sia dalla ipotesi ovest che dalla tre», e afferma che «la soluzione più idonea sia quella del terzo tracciato, ritenuto il meno impattante come consumo di suolo».

Il sindaco di Alessano Francesca Torsello, premettendo di essersi «espressa già in passato per la soluzione ad Ovest», sul terzo tracciato non ha preclusioni «perché cambia poco, però se il terzo tracciato è meno invasivo e con un minor numero di svincoli a livelli sfalsati», preferisce quest’ultima ipotesi.

Per il sindaco di Montesano, Giuseppe Maglie, «la soluzione ad ovest e quella della terza strada, sono le migliori»; con la   terza soluzione ritiene, però, che il proprio territorio comunale sia «maggiormente penalizzato rispetto alla soluzione ad ovest. Qualora si decidesse per la soluzione tre bisognerebbe salvaguardare i giardini recintati e le case». Il sindaco di Montesano, prende atto anche di quanto asserito dalla Provincia, ovvero che «la soluzione tre è la meno impattante».

L’ing. Gianfranco Paglialunga di  ANAS ha rassicurato il sindaco  di  Montesano  proponendo «l’attraversamento della ferrovia tramite interramento, salvo diverse prescrizioni da parte enti competenti».

Il sindaco di Tricase, Carlo Chiuri, premesso che «il consiglio comunale ha deliberato a favore della soluzione ad est», ha fatto proprio il parere della Provincia con riferimento alla soluzione tre, «in quanto meno impattante». Chiuri però si oppone «fermamente all’ipotesi ad ovest di Tricase, in quanto la stessa risulterebbe non solo impattante sul territorio comunale ma assolutamente divisiva e sostanzialmente devastante con riferimento anche al collegamento tra Tricase e la frazione di Lucugnano, essendo stata comunque la soluzione ad ovest categoricamente esclusa dalla cittadinanza».

Inoltre «anche nell’ottica di un principio di condivisione e solidarietà», ritiene che la soluzione ad ovest sia quella «maggiormente incidente sul territorio della sola Tricase e quindi sacrificherebbe solo ed esclusivamente la città di Tricase, nel mentre la soluzione tre prevederebbe anche un “sacrificio” condiviso considerato che anche questa attraverserà il territorio di Tricase in parte». Il sindaco Chiuri ha fatto anche notare che «il territorio di Tricase risulta già essere interessato in modo importante dalla realizzazione del primo lotto».

L’ing. Pace, infine, preso atto delle posizioni espresse dai rappresentanti dei Comuni, ha ribadito che la Regione si riserva di decidere in merito.

Giuseppe Cerfeda

Alessano

La via del Jazz, Los Angeles-Alessano andata e ritorno

Luca Alemanno: ritorno a casa e concerto di presentazione del disco “I can see home from here”

Pubblicato

il

Il controllo tecnico, la precisione e la facilità che Luca possiede sul suo strumento sono impressionanti. Con la sua musica, riesce a creare nuove direzioni dove la Tradizione del Jazz diventa un trampolino

Quando a vergare queste parole sulla copertina del disco, I can see home from here, è Herbie Hancock, leggenda vivente del Jazz, dubbi non ce ne sono.

Si riferisce di certo a un astro già nato, e si chiama Luca Alemanno classe 1988, salentino del Capo di Leuca, di professione contrabbassista e compositore, cresciuto ad Alessano e maturato… in giro per il mondo.

Con la presentazione di I can see home from heredisco di esordio firmato Luca Alemanno, l’Associazione culturale non profit Lampus, con il patrocinio del Comune di Alessano e in collaborazione con Muse Salentine Festival, apre il 2020 proprio ad Alessano nell’unica tappa in Puglia del secondo tour promozionale del disco.

Inciso a Los Angeles nel 2019 per l’etichetta Workin’ Label con il sostegno di Puglia Sounds Records e la distribuzione I.R.D., il disco contiene 7 composizioni originali, suonate da i na band decisamente multinazionale: Miguel Zenon (8 Grammy Awards Nominations) al sax alto (Porto Rico), Jon Hatamiya al trombone (USA), Simon Moullier al vibrafono (Francia), Isaac Wilson al piano (USA) e Jongkuk Kim alla batteria (Corea del Sud).

La tracklist si conclude con un’interpretazione in basso solo del famoso standard jazz Stardust.

Il concerto di terrà domenica 26 gennaio, dalle ore 19, presso la Sala della Musica di Palazzo Sangiovanni, in Piazza Castello, 3 ad Alessano.  Ingresso libero con prenotazione obbligatoria al 347/5169946 o sulla pagina Facebook di Lampus

Di assoluta eccellenza la formazione del concerto di Alessano: Luca Alemanno, band leader e contrabbasso; Alessandro Lanzoni, pianoforte; Gaetano Partipilo, sassofoni; Francesco Ciniglio (batteria).

Napoletano, Francesco Ciniglio, vanta al suo attivo collaborazioni con, tra i tanti, Wynton Marsalis, Sheila Jordan, Aaron Parks, Seamus Blake, Shai Maestro, Joe Sanders, Philip Dizack, Dayna Stephens, Cyrille Aiméei. Residente a New York da 10 anni, ha ricevuto una borsa completa per la Juilliard School, e ha ottenuto l’Artist Diploma, nello scorso maggio. Il suo più recente album da leader è “Wood” (Fresh Sound New Talent 2016) con Aaron Parks e Joe Sanders, e molti altri da sideman.

A proposito di Luca Alemanno

Originario di Alessano, Luca Alemanno è considerato da critici e musicisti tra i migliori musicisti jazz giovani e moderni che attualmente l’Italia ha da offrire e la storica rivista Musica Jazz lo ha inserito al terzo posto nella classifica dei migliori talenti italiani del 2019.

Luca ha ricevuto il 1° premio alla giornata europea del basso 2009. All’età di 19 anni, ha ricevuto 2 borse di studio per frequentare la Berklee School of Music (Boston).

Si è diplomato in contrabbasso classico presso il “Conservatorio di musica T.Schipa” (Lecce) e un secondo in basso elettrico jazz presso il “Conservatorio di musica G.Martucci” (Salerno).

Nel 2016 Luca ha vinto l’audizione al rinnovato mondo “Thelonoius Monk Institute of Jazz Performance” classe 2018 a Los Angeles. L’ammissione all’istituto è durissima: 7 musicisti (uno per strumento musicale) ammessi ogni due anni e Luca è stato il primo italiano ammesso da sempre. iIl panel dei docenti è stato composto da Herbie Hancock, Wayne Shorter, Jimmy Heat, Kenny Burrell tra gli altri.

In tournée, registrando ed esibendosi in tutto il mondo, attualmente fa parte di numerosi progetti, tra cui Fabrizio Bosso Quartet, Anne Ducros Quartet, Stanley Jordan Trio, Nicola Conte Jazz Combo.

Un musicista con interessi diversi e una vasta gamma di abilità, Luca si è esibito (in Italia, Francia, Germania, Spagna, Portogallo, Regno Unito, Canada, Stati Uniti, Giappone, Cina, Hong Kong, Malesia, Angola, Russia, Germania, Turchia, Svezia, Danimarca, Grecia, Bielorussia, Ucraina, Kosovo, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Austria, Polonia, Svizzera, Belgio, Serbia, Bulgaria, Olanda) con artisti jazz internazionali come: Dee Dee Bridgewater, Joe Lovano, Geroge Garzone, Stanley Jordan, Kenwood

Dennard, Maria Schneider, Jerry Bergonzi, Mark Giuliana, Jason Lindner, Enrico Pieranunzi, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Rosario Giuliani, Anne Ducros, Logan Ritchardson, Kim Plainfield, Bill O’Connel, Teppo Makynen, Magnus Lindgren, Nicola Conte tra gli altri.

Continua a Leggere

Alessano

Scintille di Neve e Canti Natalizi

Doppio appuntamento. Sabato 21 dicembre, al teatro Benedetto XVI di Alessano e domenica 22 nella Chiesa Regina Pace di Gemini fantasia di canti natalizi, rigorosamente dal vivo

Pubblicato

il

Nell’ambito delle Associazioni di volontariato, la Pro Loco di Alessano si è sempre distinta per impegno, serietà e spirito di collaborazione. Anche il nuovo Direttivo della Pro Loco, insediato da pochi mesi e capitanato dal neo presidente Gabriele Marasco è ben lieto di portare avanti i valori della solidarietà e dell’impegno sociale. Tra i diversi concerti svolti nel corso di diversi anni, spicca la partecipazione insieme agli altri cori di Alessano, (Parrocchia e Convento Cappuccini) all’evento più importante: cantare alla presenza del Santo Padre il 20 aprile 2018 durante la sua visita sulla tomba di don Tonino Bello. Il 1° dicembre dello stesso anno la due Diocesi, quella di Ugento-Santa Maria di Leuca e di Molfetta hanno ricambiato la visita del Santo Padre recandosi a Roma per una Udienza Speciale. Anche in questa occasione il “coro di Alessano per don Tonino” ha cantato insieme al coro polifonico di Molfetta all’interno della Sala Paolo VI, gremita di gente, in diretta su TV2000, sempre alla presenza del Santo Padre.

Ultimamente il coro è stato ospite della trasmissione Linea Verde in prima serata su Rai 1 condotto da Lorella Cuccarini.

In quell’occasione il coro è stato protagonista insieme alla Cuccarini presso la cascata monumentale di Santa Maria di Leuca proponendo il canto Freedom.

Il coro della Pro Loco “Ala di Riserva” è formato da circa 50 elementi, magistralmente diretto dal Maestro Sergio Filippo e rappresenta un vero spaccato della società: artigiani e commercianti, professionisti e casalinghe, tante voci che diventano un unico sentimento e una voce per donare.

Dopo i grandi successi ottenuti con le precedenti edizioni del concerto di Natale “Scintille di Neve”, anche quest’anno darà vita ad una serata carica di magia, sabato 21 dicembre alle ore 20 presso il teatro Benedetto XVI in Alessano, proponendo una fantasia di canti natalizi, eseguiti rigorosamente dal vivo. Voci soliste della serata Francesca Profico, Marco Casciaro, Marco Platì. Tanti altri ospiti arricchiranno la serata.

Domenica 22, alle ore 18,30, invece, replica nella Chiesa Regina della Pace a Gemini di Ugento con lo spettacolo organizzato dalla locale proloco e dalla Parrocchia.

Nel corso di questi anni, i diversi concerti di Natale hanno sempre avuto come scopo quello della solidarietà. Il ricavato ottenuto è stato interamente devoluto alle Associazioni del nostro territorio impegnate nella ricerca e nel sociale. Gli enti che hanno beneficiato della nostra solidarietà sono stati la LILT, Cuore Amico, L’Associazione “Insieme per i Disabili” e il Convento dei Frati Cappuccini di Alessano per il ripristino della Pala d’Altare e Telethon.

Quest’anno lo scopo principale di questo concerto Natalizio è quello di raccogliere fondi da destinare alle famiglie bisognose di Alessano.

Continua a Leggere

Alessano

Tamponata al semaforo: donna incinta in ospedale

Fiat Punto finisce su auto ferma al rosso sulla SS275: controlli per scongiurare conseguenze sulla gravidanza

Pubblicato

il

Un tamponamento al semaforo e tanta paura stamattina per una donna alla guida della sua Ford Kuga sulla SS275.

La malcapitata era ferma al “rosso” nel tratto che collega la frazione tricasina di Lucugnano al centro abitato di Alessano quando una Fiat Punto l’ha tamponata.

Un impatto violento ma nessuna grave ferita per i coinvolti. La donna nella Ford però, essendo incinta, è stata immediatamente accompagnata in ospedale per essere sottoposta ad accertamenti e scongiurare conseguenze sulla gravidanza.

Sul posto polizia locale di Alessano e carro attrezzi per rimuovere la Punto, molto danneggiata dall’impatto.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus