Connect with us

Alessano

S.S. 275: “Utilizzate quei 5 milioni per bonificarci dai rifiuti tossici!”

Le associazioni ambientaliste chiedono il blocco immediato del progetto della Maglie – Leuca, la restituzione dei 5milioni di euro, l’immediato inizio della bonifica delle aree interessate

Pubblicato

il

Le associazioni ambientaliste chiedono il blocco immediato del progetto della s.s. 275, la restituzione dei 5milioni di euro assegnati per via diretta per la progettazione, l’immediato inizio della bonifica delle aree interessate.

Nelle prossime settimane partirà un laboratorio di sussidiarietà con enti locali, associazioni ambientaliste e rappresentanti della società civile coordinato dal CSV Salento.

I rifiuti tossici disotterrati a Tricase...

I rifiuti tossici disotterrati a Tricase…

Non c’è più tempo da perdere, il progetto di ammodernamento della Maglie-Leuca deve essere fermato, bisogna pensare seriamente alla salute dei cittadini del Sud Salento, insomma bisogna ricominciare a fare politica, nella logica dei Beni Comuni, non in quella degli schieramenti”: lo hanno ribadito Vito Lisi, portavoce dell’associazione SOS 275 e Luigi Russo, presidente di SOS Costa Salento e dirigente del Forum Terzo Settore, che insieme all’avvocato Luigi Paccione, da anni al fianco dei volontari “nella battaglia contro la colata di cemento da 288milioni di euro prevista per il Salento”, sono intervenuti in conferenza stampa stamattina alle Officine Cantelmo di Lecce.

... e quelli disotterrati ad Alessano

… e quelli disotterrati ad Alessano

L’annuncio arriva a seguito della scoperta di due discariche di rifiuti tossici a Tricase e ad Alessano, di cui si stanno interessando la Procura di Lecce e la Procura della Corte dei Conti di Roma, esattamente sul tracciato individuato dai progettisti della s.s. 275, in aree su cui era previsto un intervento a “terrapieno”, senza la necessità di scavare. “Il rischio sfiorato, quindi, è che, proprio in una zona in cui sembra ormai dimostrata la presenza di inquinanti sotterrati nelle numerose e mai censite discariche delle cave, che potrebbero anche essere la spiegazione dell’aumento delle patologie tumorali in quelle zone come si evince dai dati inquietanti del Registro regionale dei tumori, le “bombe ecologiche” sarebbero state insabbiate per sempre. L’allarme riguarda anche il ritrovamento di quantità critiche di diossina nelle falde acquifere proprio nella zona Matine”.

È necessario ritornare a fare politica”, ha detto ancora Luigi Russo durante la conferenza stampa, “per dare risposte concrete ai tanti cittadini allarmati del Capo di Leuca e pensare insieme un progetto di reale sviluppo del territorio. Proprio per affrontare in maniera seria, partecipata e con documenti alla mano due temi allarmanti e più che mai connessi come quello dell’allarme tumori e quello dell’appalto Maglie-Leuca con il suo enorme carico di capitale economico che scatena appetiti di ogni genere. a partire dalle prossime settimane attiveremo attraverso il Centro Servizi Volontariato Salento un laboratorio di sussidiarietà dedicato, la cui prima sessione sarà avviata alla fine di aprile a Tiggiano. Un tavolo di consultazione, informazione, proposta tra gli enti locali, le realtà del Terzo settore e della società civile e aperto a tutta la cittadinanza, che produrrà un vero e proprio documento politico da inviare alla Regione e al Governo”. All’iniziativa hanno già aderito i Comuni di Tiggiano, Corsano, Patù, Alessano, Castrignano del Capo e Tricase, il Forum Terzo Settore regionale e quello provinciale, Acli Puglia, Forum ambiente salute, Gaia, Comitato No Tap e Comitato No Tav; tra le adesioni da liberi cittadini, sono arrivate quelle dell’ex Ministro alla Cultura, on. Massimo Bray, dell’on. Salvatore Capone e del sociologo Franco Chiarello.

Dopo i numerosi esposti sulla cattiva gestione dell’appalto del progetto e le tante sollecitazioni per una corretta valutazione ambientale della zona interessata al progetto”, ha aggiunto Vito Lisi, “le associazioni ambientaliste chiedono l’azzeramento del progetto e la restituzione dei 5milioni di euro assegnati direttamente alla Prosal, senza che ne avesse i requisiti, per effettuare le bonifiche nelle aree delle discariche. Vogliamo, inoltre, risposte dalla Regione Puglia che non si è ancora espressa sulla questione”.

Il silenzio istituzionale”, ha incalzato Paccione, “è inaccettabile. Sembra che solo le associazioni che lavorano gratuitamente e spesso, come in questo caso, in totale solitudine, per la tutela dei Beni Comuni siano interessate ad approfondire la questione. Con loro, inoltre, abbiamo presentato negli anni numerosi esposti a Procure locali, nazionali, internazionali, e ben 4 atti di diffida ad Anas sulla modalità di assegnazione del progetto e soprattutto sulla grave carenza delle valutazioni geologiche, ma ANAS non si è mai degnata di rispondere. La totale illecità nella gestione delle procedure è sotto gli occhi di tutti, basti pensare che negli allegati progettuali per le procedure di esproprio dei terreni mancano persino le firme dei tecnici. Rispetto all’emergenza veleni, che si intreccia con il percorso della S.s. 275”, conclude l’avv. Paccione, “è dovere dello Stato quello di dare immediata risposta, sia con le inchieste della magistratura alla ricerca dei responsabili, sia con la immediata bonifica di quelle aree, sia con la rassicurazione delle popolazioni giustamente preoccupate per la loro salute”.

Alessano

Incidente mortale Siria: “Responsabili entrambi conducenti”

Per la perizia consegnata in Procura, la Sharan tagliò la strada alla Clio che, dal canto suo, correva su asfalto bagnato, con gomme deteriorate ed un ruotino di scorta

Pubblicato

il

La consulenza affidata dalla Procura di Lecce all’ingegner Antonio Vernaleone, per la perizia sull’incidente stradale che tolse la vita alla 17enne Siria Fanciullo lo scorso 1 novembre, è arrivata nelle scorse ore negli uffici del pm Donatina Buffelli.

Le indagini, basate in maniera consistente sulle immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza dell’esercizio commerciale “Bennardi” sui cui muri di cinta si schiantò la Clio, hanno portato all’indagine per omicidio colposo di entrambi i conducenti coinvolti nella dinamica che portò al sinistro: W.A., 27enne di Tricase alla guida della Renault Clio in cui era la vittima, e M.T., 47enne di Alessano conducente della VW Sharan che, provenendo in senso opposto, svoltò a sinistra tagliando la strada all’altra vettura.

La ricostruzione

Dalla ricostruzione messa in piedi dall’ingegnere emergono i comportamenti dei due automobilisti.

Quella notte, sulla SS275, in territorio di Alessano, la Volkswagen Sharan effettuò una svolta a sinistra senza inserire l’indicatore di direzione. In quel momento la distanza dalla vettura che sopraggiungeva, la Clio condotta da W.A. e con a bordo tre ragazze, era di 42 metri. L’improvvisa sterzata del conducente 47enne (poi allontanatosi senza prestare soccorso perché, come riferito ai carabinieri dopo esser stato identificato, non avvedutosi di quanto successo) sarebbe la causa dello sbandamento della Clio.

A differenza di quanto supposto nel primo abbozzo di ricostruzione, quello quasi contestuale alla tragedia, l’incidente infatti non fu autonomo. W.A. raccontò alle forze dell’ordine di una vettura che gli avrebbe tagliato la strada facendogli perdere il controllo del mezzo. Ed effettivamente le immagini delle telecamere di sorveglianza hanno confermato la presenza della seconda vettura ed hanno anche permesso di definire la traiettoria effettuata dalla Renault prima di finire contro il muro: W.A. deviò dapprima la sua corsa verso sinistra, in una reazione prettamente istintiva per evitare l’impatto con la Sharan, per poi riaccentrarsi e perdere il controllo dell’auto che, finita in scarrocciamento, andò a terminare la sua corsa contro l’esercizio commerciale, collocato a bordo strada sulla destra rispetto alla direzione di marcia della Renault.

Rimangono poi, sulla carta, altri elementi a carico invece del 27enne. In primis, il fatto che la sua Clio montava gomme deteriorate e, al posto della ruota anteriore sinistra, un ruotino di scorta. Elemento rilevante in un contesto in cui l’auto che conduceva viaggiava ad una velocità tra i 110 ed i 115km/h. In un tratto dove, per giunta, il limite di 90km/h potrebbe venir ritenuto anche più basso dal pubblico ministero, su base delle condizioni del caso specifico: asfalto bagnato, oscurità e attività commerciali che insistono sulla strada.

Un insieme di elementi, insomma, quello ricomposto dalla perizia, che fa luce su tanti dubbi e interrogativi sorti dopo la tragedia ma che, al contempo, ne pone di nuovi sulla ripartizione delle responsabilità tra i due conducenti coinvolti. Compito che, a questo punto, passerà nelle mani della magistratura, con uno scopo: capire per colpa di chi e di quali scorretti comportamenti una giovane vita, di appena 17 anni, è stata spezzata.

Continua a Leggere

Alessano

La “Gravità” diventa Musica

Pubblicato

il

Concerti Lampus ad Alessano: la sera di San Valentino torna il grande jazz con il Marco Boccia Trio che presenta “Gravity”, il secondo disco del contrabbassista pugliese

Nella prestigiosa cornice della Sala della Musica di Palazzo Sangiovanni, ad Alessano, la gravità del fisico Rovelli si fa jazz per il Marco Boccia Trio e “Gravity”, il secondo disco del contrabbassista pugliese, che Lampus presenterà ad Alessano nel giorno di San Valentino.Dopo il grande successo di pubblico e di critica riscontrato dal suo primo disco, “In The Park”, Marco Boccia torna a stupire gli amanti del jazz con un secondo progetto discografico.

“Gravity” è il titolo del nuovo disco del contrabbassista e compositore pugliese, ancora una volta accompagnato nella sua avventura musicale da Marino Cordasco, al pianoforte, e Gianlivio Liberti alla batteria.

Il Marco Boccia Trio, forte del talento e della creatività dei tre musicisti, ha già presentato il disco in alcune vetrine internazionali quali il JazzitFest a Pompei, con un’anteprima ad agosto 2019, nonché il Catania Jazz.

“Gravity” è stato prodotto da Kekko Fornarelli con il supporto programma Puglia Sounds Records 2019 e, a partire da fine ottobre, è disponibile in CD/Digital su tutte le principali piattaforme.

All’interno del disco sono contenuti otto brani interamente composti da Boccia, fra cui la stessa titletrack che ha dato nome all’intero album.

«Gravity è stata per me un’esperienza umana che ha riguardato il rapporto della coscienza nello spazio e nel tempo», ha raccontato Marco Boccia, «ho capito che questo lavoro lo avrei chiamato così quando, le immagini e le suggestioni che affollavano la mia mente, avevano attinenza con il peso declinato nelle sue diverse sfumature semantiche come: forza, attrazione, spinta e, meno correttamente, impulso. Nel mio immaginario “Gravità”, a quel punto», continua il contrabassista pugliese, «si è aperto un mondo di antiche passioni e nuove riflessioni che hanno fatto sì che la penna fluisse, inaspettatamente, a pochi mesi dall’uscita di “In the Park”, il nostro precedente lavoro. Un vero e proprio “Apeiron”».

La gravità, dunque, come ‘energia’ che influenza lo scorrere del tempo e che impedisce agli oggetti di perdersi nello spazio infinito. Questo il concetto racchiuso fra le note di “Gravity”, un disco ispirato da un’approfondita lettura dei libri di Carlo Rovelli e dai suoi studi sul tempo e la gravità. Vibrazioni sonore in grado di sollecitare tutti sensi del corpo e dell’animo umano.

«Il disco», aggiunge Boccia, «è stato realizzato con il prezioso contributo di Marino e Gianlivio che, in un anno di preparazione, hanno tirato fuori capacità, passione e quella componente creativa determinante per la realizzazione di questa nostra nuova musica».

Così, la gravità si fa musica con il Marco Boccia Trio conducendo l’ascoltatore,durante il suo viaggio sonoro, a percepire tanto il calore umano (“Human Warmth”) quanto la profondità del mare (“Deep Sea”), ma anche le sensazioni di un dolce risveglio mattutino dinnanzi al volto di una persona amata (“MonkeyMorning Mood” e “Wake Up Sweet Love”).

Appuntamento con il Marco Boccia Trio venerdì 14 febbraio dalle 19 presso il Salone della musica di Palazzo Sangiovanni, ad Alessano.

L’ingresso è libero con prenotazione obbligatoria (347/5169946).

Il concerto del Marco Boccia Trio è un evento Lampus, un’associazione culturale non profit che, come ama ripetere, Paolo Insalata, «vuole spingere la bellezza a portata di tutti. O almeno, tenta di farlo!».

Continua a Leggere

Alessano

Alessano Città d’Arte

Riconoscimento da parte del dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia. La sindaca: «Tassello coerente con la visione di Città dell’accoglienza; passo in avanti utile ad intercettare risorse per la riqualificazione dei luoghi e ad aumentare gli investimenti in turismo e cultura».

Pubblicato

il

«Una splendida notizia per la nostra comunità!», Con questa premessa il sindaco Francesca Torsello annuncia dalla propria pagina facebook il riconoscimento ad Alessano della qualifica di Città d’Arte da parte del dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia.

Disposta anche l’iscrizione di Alessano tra i Comuni ad economia prevalentemente turistica e città d’arte.

«È un risultato importante», sottolinea la prima cittadina, «raggiunto grazie ad un intenso lavoro di implementazione dell’offerta e dei servizi culturali svolto dal Comune e dalla cittadinanza attiva insieme agli stakeholders che collaborano con noi».

Per la Torsello si tratta di «un tassello coerente con la visione di Città dell’accoglienza, un passo in avanti utile ad intercettare risorse per la riqualificazione dei luoghi, ad aumentare gli investimenti in turismo e cultura, a rendere più bella e accogliente la Città nel suo complesso. Il nostro sforzo», prosegue, «sarà quello di lavorare sempre di più perché Alessano continui a guardare nella direzione della vocazione alla cultura e alla valorizzazione dell’identità».

Infine Francesca Torsello rivolge «un grande ringraziamento all’assessore Loredana Capone sempre attenta e sensibile nei confronti del nostro territorio».

Le fa eco il consigliere con delega all’Accoglienza e al Turismo, Giuseppe Rizzo: «Il fresco riconoscimento proietta la nostra comunità verso nuovi e più alti traguardi. Ora saremo ancor di più nelle condizioni di attrarre finanziamenti e migliorare la bellezza dei luoghi, l’accessibilità delle infrastrutture e l’efficienza dei servizi. Quello in Cultura e Turismo», sottolinea infine Rizzo, «si conferma l’investimento più produttivo che un Comune possa mettere in campo per crescere».

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus