Connect with us

Melpignano

Melpignano: trovato il cadavere del padre del parroco

A Melpignano, verso le 23, è stato rinvenuto il cadavere di Brizio Caretti, nato a Martano 72 anni fa, coniugato e pensionato. Il corpo è stato trovato in una cisterna all’interno

Pubblicato

il

A Melpignano, verso le 23, è stato rinvenuto il cadavere di Brizio Caretti, nato a Martano 72 anni fa, coniugato e pensionato. Il corpo è stato trovato in una cisterna all’interno di un terreno di sua proprietà ed era in evidente stato di decomposizione, dovuto molto probabilmente al fatto che lo stesso era immerso nell’acqua della cisterna da molti giorni. L’allarme è stato dato ieri sera stessa dal figlio, parroco del paese, il quale, vista l’assenza del padre da ormai molti giorni, si è recato nel terreno di proprietà del padre e dopo aver notato davanti al boccale della cisterna le scarpe del padre, ha chiamato i Carabinieri. Il figlio ha riferito che il padre si era allontanato, come era solito fare, il 16 agosto 2011. La salma è a disposizione dell’A.G. per l’autopsia che ne stabilirà le cause della morte. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco di Maglie ed i Carabinieri della Compagnia di Maglie.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Novità sull’Artrosi, il convegno

“Terapia infiltrativa o protesi nelle Artrosi Distrettuali?”. Sabato 7 Dicembre al Palazzo Marchesale di Melpignano

Pubblicato

il

Il convegno “Terapia o protesi nelle artrosi distrettuali?”, promosso da Medinforma in collaborazione con SIMG – Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie, con il patrociniol dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Lecce, Comune di Melpignano, Provincia di Lecce – Salento d’Amare, dell’Assessore all’Industria Turistica e Culturale – Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali della Regione Puglia, riunirà sabato 7 dicembre al Palazzo Marchesale di Melpignano  specialisti delle più importanti stutture sanitarie italiane. Al centro dei lavori l’artrosi, fra le malattie croniche più frequenti nella popolazione italiana e principale causa di disabilità dell’anziano in Puglia.

Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Tra queste l’artrosi, fra le malattie croniche più frequenti nella popolazione e principale causa di disabilità dell’anziano. Secondo i dati ISTAT trasmessi dall’Ufficio Statistiche della Regione Puglia, la malattia cronica più diffusa in Puglia è l’artrosi-artrite (179,6 ogni 1.000 residenti).

In Italia sono colpiti oltre 5 milioni di cittadini con proiezioni che indicano una crescita esponenziale della malattia nei prossimi anni e della spesa socio-sanitaria. Di conseguenza, saranno in crescita un numero già altissimo di protesi impiantate: l’Italia difatti si attesta tra i primi paesi in Europa con oltre 200 mila interventi l’anno.

Quali le terapie più sicure e i rimedi più efficaci per i pazienti? Se da un lato la sostituzione dell’articolazione con una protesi parziale o totale può essere la soluzione ad una limitazione funzionale grave e invalidante, la possibilità di trattare efficacemente la sintomatologia doloroso mediante adeguate terapie farmacologiche e/o fisioterapiche coadiuvate da infiltrazioni articolari potrebbe permettere un minor ricorso alla chirurgia protesica, contribuendo a contenere i notevoli costi sopportati dal SSN.

Oggi, oltre al noto e pur valido acido ialuronico, vengono proposte innovative infiltrazioni con gel piastrinico e cellule staminali prelevate dal tessuto adiposo del paziente stesso. A discuterne al convegno saranno chirurghi ortopedici (Maurizio Fontana, Lucio Catamo e Giuseppe Rollo), medici sportivi (Giuseppe Palaia), fisiatri (Gianna Tondi), e per la SIMG, Società Italiana di Medicina Generale, Antonio Metrucci e Donato Zocchi.

Il Convegno si svolgerà sabato 7 dicembre presso il Palazzo Marchesale di Melpignano con i saluti del sindaco Ivan Stomeo all’apertura dei lavori.

Durante il convegno verrà presentato il programma “Salute e Turismo nel Salento“, che propone l’integrazione fra assistenza sanitaria e turismo attraverso la realizzazione di un network a livello regionale che coniughi un’avanza assistenza sanitaria specialistica con offerte turistiche aperte ad una utenza con “bisogni speciali” (anziani, disabili, persone con difficoltà alimentari o che necessitano di trattamenti illness/wellness), ma compatibili con il percorso sanitario.

Di questo programma fa parte anche il progetto “Regala un Sorriso” per la prevenzione e i trattamenti odontoiatrici, tesi di laurea in Management e Marketing per Gioia Catamo all’Università di Bologna.

A confronto, coordinati da Pietro Siciliano e Maria Rosaria De Lumè,  il ministro Teresa Bellanova, l’assessore al Turismo della Regione Puglia Loredana Capone e il consigliere regionale Sergio Blasi, il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, il presidente dell’Ordine dei Medici Donato De Giorgi, il vice sindaco di Melpignano Valentina Avantaggiato, gli imprenditori Marco Maiello e Giovanni Melone.

Continua a Leggere

Attualità

Il sindaco di Tricase in corsa per le Regionali?

Carlo Chiuri sarebbe uno degli uomini scelti dal centrodestra per l’area geografica del Capo di Leuca. Certo Ernesto Abaterusso, altri possibili candidati sono Federica Esposito (Udc) e Ippazio Morciano (Pd)

Pubblicato

il

Si sta prospettando una clamorosa candidatura nel centrodestra per le elezioni regionali in programma nella prossima primavera.

Il sindaco di Tricase Carlo Chiuri

Il centrodestra pugliese nella sua squadra punterebbe, tra i papabili in lista, sul sindaco di Tricase, Carlo Chiuri, che, a sua volta, starebbe riflettendo sull’opportunità di correre per uno scranno nel palazzo barese.

Sulla questione al momento non ci sono conferme ufficiali né tantomeno dichiarazioni ma, da nostre fonti certe, risulta che i contatti con il “partito di centro – centrodestra” sarebbero avvenuti nel periodo in cui Chiuri era dimissionario da sindaco di Tricase per le note vicende che hanno riguardato la maggioranza di Palazzo Gallone.

Il sindaco di Tricase, a nostra specifica richiesta, ha risposto con un sorrisetto malizioso, evitando accuratamente di commentare o lasciarsi sfuggire alcunché.

Non ha neanche smentito, però, la clamorosa indiscrezione che, laddove venisse confermata, porterebbe, come previsto dalla legge, alle nuove dimissioni dal ruolo di primo cittadino di Tricase, per concentrare le forze sulla competizione regionale.

Indiscrezione per indiscrezione, ci risulta che il primo cittadino di Tricase, nel periodo in cui era dimissionario, sia stato contattato anche da forze del centrosinistra. Contatti però che non avrebbero avuto seguito.

Federica Esposito

Se Chiuri, come pare, sarà in lizza per dare (restituire, dopo tanto tempo) una rappresentanza nel Governo barese a Tricase ed al Capo di Leuca, potrebbe doversela vedere, ma si parla sempre di prime indiscrezioni, anche con la “sua” consigliera comunale Federica Esposito.

La Esposito, ormai ex maggioranza (in consiglio comunale ha dichiarato di sentirsi distante dal gruppo che amministra), dovrebbe essere tra i candidati in lista dell’Udc che, salvo sorprese dell’ultima ora, dovrebbe far parte della coalizione di centrosinistra.

Sempre nel centrosinistra si ricandiderà di sicuro per Art. 1, Ernesto Abaterusso, consigliere regionale uscente già pronto per la nuova sfida.

Ippazio Morciano

Tra i papabili in lista tra le fila del Partito Democratico, il consigliere provinciale ed ex sindaco di Tiggiano, Ippazio Morciano, indicato come uno dei nomi forti del centrosinistra per il sud Salento.

Resta da vedere quale possa essere il rapporto con Sergio Blasi, consigliere regionale uscente che, dopo aver sostenuto la corsa a segretario provinciale del PD di Morciano, se lo ritroverebbe come “compagno di squadra” che si rivolge allo stesso elettorato.

Nonostante le smentite della diretta interessata che indica il regolamento dei 5 Stelle per spiegare come da consigliera comunale di Tricase non potrà candidarsi, restano le voci di una possibile presenza tra le fila dei pentastellati di Francesca Sodero. Per ora i 5 Stelle hanno cambiato la loro regola dando la possibilità di candidarsi solo ai consiglieri comunali al secondo mandato e quindi, regolamento alla mano, la Sodero non potrebbe essere candidata.

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere

Attualità

Il Nuovo Ospedale del Sud Salento

Sorgerà tra Maglie e Melpignano, avrà quasi 400 posti letto e costerà 145 milioni di euro. I presidi di Galatina, Maglie e Poggiardo non saranno mantenuti e saranno riconvertiti dall’Asl leccese

Pubblicato

il

Presentato il nuovo ospedale del Sud Salento: con un investimento totale di 145 milioni: 142 milioni di euro di investimento (134milioni e 900mila pari al 95% a carico dello Stato; 7milioni e 100mila a carico della Regione)  a cui vanno aggiunti i tre milioni donati dalla signora Vita Carrapa di Maglie in memoria del fratello Paolo.

Il nuovo ospedale del Sud Salento sarà realizzato su circa 12 ettari tra il territorio di Maglie e di Melpignano.

Avrà quasi 400 posti letto sarà pronto entro i prossimi 7 anni. La struttura sarà riferimento ad un bacino di utenza con 43 Comuni e poco più di 209mila abitanti.

Disporrà di tutti i reparti previsti per un nosocomio di primo livello. Saranno presenti e disponibili in rete h. 24 i Servizi di Radiologia almeno con T.A.C. ed Ecografia, Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale. La struttura sarà anche dotata di letti di “Osservazione Breve Intensiva” e di letti per la Terapia Subintensiva (anche a carattere multidisciplinare). Per le patologie complesse (traumi, cardiovascolari, ictus) saranno previste forme di consultazione, di trasferimento delle immagini e protocolli concordati di trasferimento dei pazienti presso il Centro di II livello.

L’ufficializzazione è arrivata in un consiglio comunale aperto tenutosi a Maglie con la presenza del governatore Michele Emiliano, del direttore generale della Asl, Rodolfo Rollo, dei sindaci di Maglie Ernesto Toma e di Melpignano, Ivan Stomeo dell’eurodeputato Andrea Caroppo, dei consiglieri regionali Cristian Casili e Tony Trevisi (M5s), Sergio Blasi (Pd), del presidente della Provincia Stefano Minerva e degli architetti dello studio Cucinella, vincitori del bando insieme ad Aicom, Rina Consulting, GAe Engineering, Enzo Rizzato e con la consulenza di Mic – Mobility in Chain.

IL PROGETTO

Proprio dal sito dalla Mario Cucinella architects apprendiamo particolari che hanno indirizzato al progettazione della nuova struttura ospedaliera: «La vision e per il nuovo ospedale del Sud Salento nasce dall’obiettivo di coniugare le esigenze funzionale di realizzare una struttura ospedaliera pubblica d’eccellenza con l’ambizione di concretizzarla in una struttura architettonica sensibile alle caratteristiche del luogo in cui si inserisce, sostenibile e umana.

Proprio nella progettazione dell’edilizia sanitaria si possono cogliere le saltare le potenzialità e le specificità del disegno architettonico, che per la sua specifica natura coniuga funzionalità ed efficacia, il rigore costruttivo con la creatività e il calore dell’ambiente e la misura d’uomo.

Nel progetto dell’ospedale si è ritenuto fondamentale dare pari importanza e dignità gli spazi destinati alla diagnostica, il pronto intervento alle esigenze primarie del paziente legate alla malattia con quelli destinati all’ambiente, decoro della cura di tutti gli aspetti che rendono più tollerabile la degenza del malato nell’ambiente di cura. Per attendere a tali obiettivi il concept propone un edificio unitario anche se articolato, la cui forma organica deriva dal connubio tra la particolare morfologia dell’area longilinea costretta tra due infrastrutture viarie, con l’intenzione di salvaguardare il più possibile le aree di degenza del paziente e di accoglienza dei visitatori. L’architettura dell’ospedale supera il vecchio modello dei padiglioni; si snoda in tre volumi principali sviluppati su tre piani che come una massa viva si flette e arretra rispetto i limiti del lotto, per proteggere e salvaguardare le aree più sensibili come quelle dell’accoglienza e della degenza.

Questa permeabilità dell’ambiente esterno non interrompe le connessioni funzionali interne tra un’area assistenziale e l’altra, consentendo di prevedere e realizzare grandi elementi paesaggistici verdi, vere proprie colline alberate, che proteggono ulteriormente dal rumore e offrono affacci di  indubbie qualità alle camere di degenza e agli ambienti di lavoro del personale. Il complesso architettonico proposto, maturato dalla traduzione strutturale delle funzioni assistenziali (la forma deriva dalla funzione), permette di allocare le aree di degenza (più di 400 posti letto) e le connesse attività diagnostiche e di supporto (compresa l’area dell’emergenza-urgenza) nei due corpi di fabbrica posti al sud mentre al nord sono concentrate le funzioni out-patient (ambulatori, prelievi, dialisi, pre-ricovero, ecc.)».

GALATINA, SCORRANO E POGGIARDO CHE FINE FARANNO?

Nella sede comunale di Maglie tutti hanno sottolineato la necessità di non poter mantenere più, così come sono i vecchi presidi territoriali, di Galatina, Scorrano e Poggiardo che, come già previsto dalle intenzioni dell’Asl leccese, saranno presto riconvertiti.

Va sottolineato che per area geografica il Nuovo Ospedale del Sud Salento riguarderà soprattutto (ma non solo) i distretti sociosanitari proprio di Galatina, Scorrano e Poggiardo e, in più, quello di Martano.

Il presidente Emiliano ha parlato di «passi avanti della sanità pugliese certificata da tutti i parametri: pur avendo 15mila addetti in meno dell’Emilia Romagna abbiamo fatto un balzo rilevante nell’offerta delle cure, e con il nuovo ospedale faremo un ulteriore avanzamento».

Il sindaco di Maglie, Ernesto Toma, e quello di Melpignano, Ivan Stomeo, ribadendo la loro soddisfazione per la scelta di quella fasca del Salento, hanno chiesto «nei limiti del possibile di ridurre i tempi per il completamento dell’opera».

Per il presidente de La Puglia con Emiliano e consigliere delegato all’edilizia sanitaria, Paolo Pellegrino, si tratta di «un’opera che coniuga qualità e innovazione. Un’opera che può e che deve davvero cambiare il volto assistenziale del Salento. Senza dimenticare la sua posizione strategica. La collocazione infatti lungo la direttrice Lecce-Maglie-Santa Maria di Leuca consentirà all’ospedale di servire in modo efficace tutti i Comuni dei distretti sociosanitari di Maglie, Poggiardo e Martano e di interessare, per la sua accessibilità, anche molti Comuni dei distretti di Casarano, Gallipoli, Galatina e Nardò. A dimostrazione che progettare e realizzare un ospedale significa intercettare a 360 gradi le necessità dei territori. Aver incontrato la cittadinanza è stato un momento di importante analisi e confronto».

 C’È CHI DICE NO

Non tutti però fanno salti di gioia per il nuovo ospedale. Tanto che si è anche formato un un Comitato Cittadino Spontaneo per la tutela della salute e per il giusto impiego delle risorse nella sanità pubblica.

«L’area tra Maglie e Melpignano individuata per la nuova struttura ospedaliera», fanno presente dal Comitato,  «è troppo piccola per ospitare un nosocomio degno di questo nome che dia risposte alla domanda di salute che viene da quelle collettività. Vogliamo lanciare un grido di allarme per scongiurare la costruzione di una scatoletta compressa su un’ area piccola. Vogliamo ancora una volta evidenziare come», punzecchiano, «non si possa costruire un ospedale solo perché bisogna utilizzare quel terreno e non altri. Oltre al danno ci sarebbe anche la beffa dello spreco delle risorse pubbliche. Denaro di tutti», concludono, «che aumenterà il patrimonio edilizio abbandonato della ASL di Lecce».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus