Connect with us

News & Salento

Progetto Passiuna “Opera Rock” a Zollino

Pubblicato

il

L’idea è alquanto originale, bizzarra forse, certamente curiosa. Il progetto Passiuna “Opera Rock”, rivisitazione in chiave rock dell’antico testo della Passione di Cristo, tradizionalmente proposto nella versione grika, nasce dalla volontà di divulgare e valorizzare il canto della Passione di Cristo, attirando l’attenzione e l’entusiasmo dei giovani, attraverso un rimpasto tra antico, la lingua e la cultura grika, e moderno, ossia la musica rock.

Ideatore e realizzatore del lavoro è il giovane zollinese Palmiro Lifonso, figlio di uno dei maggiori cantori della lingua grika, che tra fede, tradizione e dubbi, presenta una versione stilisticamente attenta e completa di uno dei gioielli più importanti che la tradizione griko contadina abbia trasmesso alla cultura salentina. Il fine ultimo di questo lavoro, che contiene un videoclip, un cd audio, voci storiche e testimonianze dei cantori che per anni hanno diffuso il rito della “Passiuna”, e le immagini del pittore Gigi Specchia, è, come ci spiega il suo autore, “quello di ideare un evento,  attualizzando la passione e rendendola fruibile ai giovani, e che la stessa possa essere un canovaccio da reinterpretare ogni anno, utilizzando un artista di animo o estrazione culturale diversa, che la possa contaminare o rielaborare partendo sempre dalla lingua Grika come elemento di congiunzione fra le interpretazioni”.

La presentazione del lavoro al pubblico avrà luogo venerdì 30 ottobre, alle 20, presso l’Auditorium del Centro Polivalente per Anziani di Zollino, alla presenza del sindaco Francesco Pellegrino, del prof. Gino Santoro e del parroco di Carpignano Salentino, don Giuseppe Colavero. Potrebbe apparire strana la scelta di presentare un’opera tipicamente pasquale in un periodo diverso, ma anche su questa tema Palmiro Lifonso ha le idee molto chiare: “Il Salento gode di ottima salute culturale per tutto il periodo estivo, tanto da essere sulla bocca di personaggi nazionali ed internazionali per gli eventi che ci hanno fatto conoscere. Ma non nel periodo primaverile, che invece, a mio parere, è uno dei più belli per visitare questa meravigliosa terra, che in questi mesi fa sfoggio di colori e di sfaccettature quotidiane e tradizionali. Se l’evento che sto proponendo avesse nel tempo la giusta considerazione, potrebbe creare un nuovo afflusso di turisti e di conseguenza dare più vigore alle attività turistico-ricettive ed artigianali del posto”.

Antonella Corvino

Attualità

Elisa per la Notte della Taranta, sono per metà salentina…

Fiiiiiiiiuh…   Qui si trema e si studia ragazzi. Ci si vede a Melpignano il 24 agosto

Pubblicato

il

Che emozione grande, studiare le mie radici… che conosco pochissim0, ma io sono in effetti per metà salentina 🔥🔥🔥(mamma e papà di papà erano di Gallipoli).

Cercherò di dare proprio tutta l’anima per questa festa così piena di calore e di tradizioni bellissime che è la Notte Della Taranta.
Fiiiiiiiiuh…   Qui si trema e si studia ragazzi. Ci si vede a Melpignano il 24 agosto!

Manca Pocooooooo 😱😱😱

Elisa

https://www.facebook.com/elisaweb/

Continua a Leggere

Cronaca

Schianto e ribaltamento, paura all’incrocio

Impatto tra Punto e Panda, quest’ultima finisce a ruote per aria: nessuna grave conseguenza per i coinvolti

Pubblicato

il

Il botto ed il cappottamento, tutto in pochi spaventosi attimi.

È accaduto ieri sera dopo le 20 all’altezza di un incrocio, tra Melendugno e Borgagne.

Coinvolte una Fiat Punto ed una Fiat Panda. Quest’ultima ha finito per ribaltarsi sull’asfalto, rimanendo adagiata sul tettuccio.

118 e vigili del fuoco hanno raggiunto il punto dell’incidente assieme alle forze dell’ordine.

Per fortuna per i coinvolti nessuna ferita grave.

(foto da pagina Facebook “Melendugno.net”)

Continua a Leggere

News & Salento

Guerra agli ombrelloni segnaposto in spiaggia

Sequestrati altri 7 ombrelloni. In azione Polizia Locale e Guardie Ecologiche Volontarie

Pubblicato

il

Così come annunciato, nella notte di Ferragosto la Polizia Locale ha effettuato un altro intervento finalizzato al contrasto del fenomeno dei cosiddetti ombrelloni “segnaposto”.
Dopo il sequestro di 11 ombrelloni a Sant’Isidoro e Santa Maria al Bagno la notte dell’11 agosto, gli agenti di Polizia Locale e le Guardie Ecologiche Volontarie del gruppo Endas sono tornate in azione, stavolta in località Torre Squillace, individuando e sequestrando altri 7 ombrelloni e altra attrezzatura (basi e funi).
I controlli, sempre nel corso della notte di Ferragosto, sono stati estesi ad altri tratti di litorale, ma non sono state rilevate altre situazioni di abuso.
Quella dell’ombrellone “segnaposto” è un malcostume che si è diffuso anche sulla costa neretina e che si sta cercando di contrastare senza indugi, a tutela del decoro del litorale e della possibilità di accesso al mare di tutti i bagnanti.
Una cattiva abitudine che consiste nel piazzare nottetempo (quando la spiaggia è libera) gli ombrelloni sull’arenile, “prenotando” dunque la postazione per la mattina seguente e anticipando sul tempo gli altri utenti della spiaggia. Dal Comando di Polizia Locale di via Crispi rammentano ancora una volta che si tratta di comportamenti espressamente vietati dal codice che sancisce in materia di prescrizioni sull’uso del demanio marittimo e relativi divieti: “È inoltre vietato lasciare sulle spiagge libere, oltre il tramonto del sole, ombrelloni, lettini, sedie sdraio, tende o altre attrezzature comunque denominate”.
Il tenore della disposizione, precisamente il riferimento a “oltre il tramonto del sole”, rende essenziale e tempestivo l’intervento degli agenti nelle ore notturne (e non all’alba del giorno dopo).
Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus