Connect with us

News & Salento

Progetto Passiuna “Opera Rock” a Zollino

Pubblicato

il

L’idea è alquanto originale, bizzarra forse, certamente curiosa. Il progetto Passiuna “Opera Rock”, rivisitazione in chiave rock dell’antico testo della Passione di Cristo, tradizionalmente proposto nella versione grika, nasce dalla volontà di divulgare e valorizzare il canto della Passione di Cristo, attirando l’attenzione e l’entusiasmo dei giovani, attraverso un rimpasto tra antico, la lingua e la cultura grika, e moderno, ossia la musica rock.

Ideatore e realizzatore del lavoro è il giovane zollinese Palmiro Lifonso, figlio di uno dei maggiori cantori della lingua grika, che tra fede, tradizione e dubbi, presenta una versione stilisticamente attenta e completa di uno dei gioielli più importanti che la tradizione griko contadina abbia trasmesso alla cultura salentina. Il fine ultimo di questo lavoro, che contiene un videoclip, un cd audio, voci storiche e testimonianze dei cantori che per anni hanno diffuso il rito della “Passiuna”, e le immagini del pittore Gigi Specchia, è, come ci spiega il suo autore, “quello di ideare un evento,  attualizzando la passione e rendendola fruibile ai giovani, e che la stessa possa essere un canovaccio da reinterpretare ogni anno, utilizzando un artista di animo o estrazione culturale diversa, che la possa contaminare o rielaborare partendo sempre dalla lingua Grika come elemento di congiunzione fra le interpretazioni”.

La presentazione del lavoro al pubblico avrà luogo venerdì 30 ottobre, alle 20, presso l’Auditorium del Centro Polivalente per Anziani di Zollino, alla presenza del sindaco Francesco Pellegrino, del prof. Gino Santoro e del parroco di Carpignano Salentino, don Giuseppe Colavero. Potrebbe apparire strana la scelta di presentare un’opera tipicamente pasquale in un periodo diverso, ma anche su questa tema Palmiro Lifonso ha le idee molto chiare: “Il Salento gode di ottima salute culturale per tutto il periodo estivo, tanto da essere sulla bocca di personaggi nazionali ed internazionali per gli eventi che ci hanno fatto conoscere. Ma non nel periodo primaverile, che invece, a mio parere, è uno dei più belli per visitare questa meravigliosa terra, che in questi mesi fa sfoggio di colori e di sfaccettature quotidiane e tradizionali. Se l’evento che sto proponendo avesse nel tempo la giusta considerazione, potrebbe creare un nuovo afflusso di turisti e di conseguenza dare più vigore alle attività turistico-ricettive ed artigianali del posto”.

Antonella Corvino

News & Salento

“Gaming” con la SCU: 10 arresti e sequestri per 7 milioni

Dall’alba operazione antimafia tra San Marino e l’Italia nei confronti di persone ritenute appartenenti a una organizzazione criminale affiliata al clan Coluccia

Pubblicato

il

Come riporta l’Ansa, la Procura e la Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce hanno dato il via, questa mattina all’alba, all’esecuzione di 10 arresti e a sequestri di beni per 7 milioni di euro, tra San Marino e l’Italia (nelle province di Lecce, Brindisi, Taranto e anche nel Lazio, province di Frosinone e Latina) nei confronti di persone ritenute appartenenti a una organizzazione criminale affiliata al clan Coluccia della Sacra Corona Unita.

Nel Salento, nell’operazione sono stati impegnati gli uomini del Gico della Guardia di Finanza.

L’indagine ha fatto emergere estorsioni, truffe informatiche e gioco d’azzardo, in una organizzazione che secondo gli inquirenti imporrebbe con metodo mafioso l’avvio, la gestione e il controllo del mercato del gaming, gioco legale e illegale.

Continua a Leggere

Cronaca

Schianto in galleria: paura su tangenziale ovest

Pubblicato

il

Violento incidente nel pomeriggio a Lecce, sulla tangenziale ovest.

Più vetture sono rimaste coinvolte in un sinistro all’interno della galleria Condò della SS694, in direzione Maglie. L’impatto a velocità sostenuta ha arrecato notevoli danni alle vetture coinvolte, provocando anche dei feriti.

Sul posto 118 e forze dell’ordine. Traffico in coda nella direzione interessata fino alle 18e30 quando, a rilievi ultimati e carreggiata sgomberata, la circolazione è tornata alla normalità.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Mostra di Retrocomputing a Galatone

“Enrico Medi”: uno sguardo al passato per comprendere il futuro: domani Special Open Day con la mostra di apparecchiature elettroniche ed informatiche di interesse storico

Pubblicato

il

Giunge alla terza edizione presso l’I.I.S.S. “Enrico Medi” di Galatone la mostra di apparecchiature elettroniche ed informatiche di interesse storico presentata in collaborazione con l’Associazione Culturale Apulia Retrocomputing di Bari.

Domani, domenica 19 gennaio, con la Mostra di Retrocomputing, lo Special Open Day, in Via Scorrano 6, a Galatone (non stop dalle 10 alle 17).
verrà allestita un’esposizione di computer e console d’epoca, tutti rigorosamente funzionanti, appartenenti al periodo compreso tra la fine degli anni settanta e la fine degli anni novanta del secolo scorso.

Il motto dell’Associazione è “Uno sguardo al passato per comprendere il futuro” ed è in linea, e perfettamente coerente, con la visione della scuola che, peraltro è fortemente orientata ad usare le tecnologie del futuro per migliorare la didattica e le competenze degli alunni.

«Negli scorsi anni», ricorda il dirigente scolastico Davide Cammarota, «è stato bello vedere le espressioni meravigliate dei ragazzi mentre visitavano la mostra e vedevano come erano fatti i video giochi degli anni 70/80, a partire dal mitico ping pong in bianco e nero, che si collegava alla televisione, fino i primi computer Commodore 64 o PC IBM».

E si scorgevano anche gli sguardi nostalgici dei loro genitori, che lasciavano trasparire il bel ricordo dei giorni in cui erano essi stessi, a loro volta, ragazzi ed alunni che si avvicinavano alle nuove tecnologie dell’epoca.

«La mostra, anche quest’anno», evidenzia il dirigente scolastico, «non sarà solo un’occasione per visitare la scuola, vedendo insieme genitori e figli, ma anche un’opportunità per riflettere sull’impetuoso sviluppo tecnologico degli ultimi anni e sulla necessità di studiarlo per comprenderne l’intimo linguaggio per poterlo dominare, anche per non lasciarsi fagocitare e tiranneggiare dai nuovi dispositivi con i quali tutti noi facciamo i conti, quotidianamente. La nostra scuola», prosegue, «mette al centro del proprio interesse gli alunni e le loro famiglie, cercando di creare un ambiente favorevole all’apprendimento ed allo sviluppo di relazioni positive nelle classi e con i professori, e per fare questo usa le tecnologie più avanzate, come il sito web, la connessione internet super veloce, i social ma soprattutto viene stimolato l’instaurarsi di un rapporto relazionale tra docenti ed alunni, consapevoli che tutti i contenuti disciplinari (matematica, italiano, inglese ecc.) possono solo passare attraverso un canale affettivo che va costruito e mantenuto con cura».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus