Connect with us

Appuntamenti

Apulia Horror International Film Festival

Dal 5 al 9 giugno, al Cinelab Giuseppe Bertolucci di Lecce ed alla Galleria dei Due Mari del Teatro Italia di Gallipoli. Ingresso libero

Pubblicato

il

Da mercoledì 5 a domenica 9 giugno si terrà, tra Lecce e Gallipoli, la prima edizione di Apulia Horror International Film Festival (AHIFF), con la direzione artistica di Andrea Cavalera e Francesco Corchia. Il festival, il primo in Puglia dedicato interamente al genere horror, è ideato e organizzato dall’associazione Girasud con il supporto e la collaborazione di Filmfreway, Nocturno, Ra.Ne. – Rainbow Network, Quasi Cinema, La Bottega del Cinema, Concerto Bandistico Municipale Città di Taviano, con il patrocino dell’Università del Salento, DAMS, Provincia di Lecce, Comune di Gallipoli, Città Metropolitana di Bari, Provincia di Barletta, Andria e Trani, Provincia di Taranto e Comuni di Andria, Cisternino, di Locorotondo, Melissano e Peschici.


L’Apulia Horror International film festival apre la sua prima edizione mercoledì 5 e giovedì 6 giugno nella sala “Giuseppe Bertolucci, Cinelab del Cineporto di Lecce, con due incontri OFF realizzati dalla Fondazione Apulia Film Commission e finanziati dalla Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale – nell’ambito dell’intervento “Viva Cinema – Promuovere il Cinema e Valorizzare i Cineporti di Puglia” a valere su risorse FSC Puglia 2014-2020 – Patto per la Puglia. Gli appuntamenti saranno dedicati a due figure cardini del genere horror: la “Scream Queen” e il maestro del cinema horror Mario Bava.


Mercoledì 5 alle 18, Mariuccia Ciotta (critico cinematografico, ex caporedattore del quotidiano Il Manifesto, nonché autrice di numerosi libri sul cinema) e Roberto Silvestri (critico cinematografico, fondatore ed ex caporedattore di Alias – Il Manifesto e autore di diversi volumi sul cinema) affronteranno, attraverso la presentazione del loro ultimo libro Bambole Perverse. Le ribelli che sconvolsero Hollywood, la figura della “Screen Queen”: da Fay Wray, protagonista femminile del primo King Kong, a Mia Farrow passando per i personaggi incarnati da Janet Leigh e Barbara Steele, fino a Jamie Lee Curtis protagonista della pellicola horror Halloween – La notte delle streghe di John Carpenter. Subito dopo il dibattito saranno proiettati, alle 20.00, i cortometraggi specificatamente horror del concorso internazionale. Sono 15 i film brevi selezionati tra più di 60 opere provenienti da tutto il mondo e che saranno presentati durante le giornate del festival


L’incontro del giorno dopo, giovedì 6 alle 17, vedrà protagonista Davide Di Giorgio (critico cinematografico, saggista, segretario del Centro Studi cinematografici e membro scientifico del Fantafestival) che analizzerà la figura e il lavoro del regista Mario Bava, considerato il padre e il maestro del cinema horror italiano. Durante l’incontro, ripercorrerà la sua carriere e analizzerà i film più importanti che hanno ispirato le successive generazioni di registi del genere horror. La serata si concluderà con la proiezione di due film: alle 18.30 “I tre volti della paura” (1963) di Mario Bava e alle 20 “Onirica” (2019), opera prima di Luca Canale Brucculeri, presente in sala.


Le giornate ufficiali della prima edizione dell’AHIFF saranno inaugurate, venerdì 7 giugno alle 17 nella sala 2 della Galleria dei due Mari di Gallipoli, con i saluti istituzionali alla presenza del sindaco di Gallipoli e presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, l’assessore Loredana Capone e la presidente di Apulia Film Commission Simonetta Dellomonaco.


La cerimonia inaugurale sarà condotta da Maria Ausilia Maglione che, insieme ai direttori artistici Andrea Cavalera e Francesco Corchia, presenterà il programma e gli ospiti del Festival: Davide Pulici co-fondatore della rivista di cinema “Nocturno”, i critici cinematografici Roberto Silvestri e Mariuccia Ciotta, i registi Sergio Stivaletti, Luigi Pastore e Luca Canale Brucculeri, Mario Scarlino e la sua “Bottega del Cinema”, mostra cinematografica allestita nella sala 4 della Galleria e aperta al pubblico durante le giornate del festival.


A seguire, il Concerto Bandistico Municipale Città di Taviano eseguirà alcuni temi musicali dei più celebri film horror: “Phenomena” e “Profondo rosso” di Dario Argento composti dai Goblin e il tema composto da John Williams per “Lo squalo” di Steven Spielberg.


Ad aprire le proiezioni, alle 21 al Teatro Italia, sarà il film “Rabbia Furiosa – er canaro” (2018) di Sergio Stivaletti, che introdurrà il film insieme a Davide Pulici e Roberto Silvestri.

La seconda giornata del festival, sabato 8 giugno alle 9.00 nella sala 3 della Galleria dei Due Mari, si aprirà con un’esibizione di body painting a cura degli artisti Mauro Marinosci e Patrizia Leo che, insieme ai loro modelli, daranno una dimostrazione delle tecniche per creare effetti speciali e dare vita ai mostri del cinema horror. Alle 10.30, nella sala 2 della Galleria, avverrà la celebrazione dei 25 anni della rivista Nocturno. Davide Pulici, co-fondatore della rivista nata nel 1994, ripercorrerà la storia, gli obiettivi e l’evoluzione della rivista che ha saputo conquistarsi uno spazio di rilievo, nazionale e internazionale, all’interno del panorama delle riviste specializzate.


Lo stesso Pulici insieme al regista Brucculeri, alle 11.30, introdurranno “Onirica”, opera prima del regista torinese che dedica il suo primo lavoro ai film e al genio di Dario Argento, restituendo all’interno della narrazione i film più salienti del maestro che ha ispirato i suoi primi passi nel mondo del cinema horror. Alle 14 nella sala 2 della Galleria dei Due Mari, continua il concorso internazionale di cortometraggi con la proiezione delle opere in concorso.


Le proiezioni dei lungometraggi riprenderanno alle 16.30 con “Me and the Devil” di Dario Almerighi (2019), film che mette in scena attraverso un’analisi profonda, l’incomunicabilità e la mancanza di empatia della società contemporanea che nell’isolamento e incomprensione dà sfogo ad atti efferati e violenti. Alle 18 verrà proiettato “Come una crisalide” (2009) opera prima di Luigi Pastore. Il regista sarà intervistato insieme a Sergio Stivaletti, curatore degli effetti speciali del film, da Davide Pulici. Alle 21 Maria Ausilia Maglione, presenterà i corti in proiezione, finalisti del concorso internazionale.


L’ultimo giorno del festival, domenica 9 alle 16 nella la sala 2 della Galleria dei Due Mari, si apre con la proiezione di quattro episodi tratti dal primo e unico format tanatologico “Prepararsi alla morte”, presentato e introdotto dal regista Luigi Pastore che ha ideato, diretto e condotto la serie web sul tema della morte indagata nelle sue varie declinazioni e sfumature. Alle 17.30 sarà proiettato “McBetter” (2018) del regista salentino Mattia De Pascalis. De Pascalis, intervistato da Davide Pulici, introdurrà il suo primo lungometraggio girato interamente nel Salento: una black comedy dai colpi di scena splatter dove la famiglia McBetter, come nell’opera shakespeariana MacBeth, affronta le divergenze famigliari fino all’ultimo respiro.


Le proiezioni dei lungometraggi proseguiranno alle 19.30 con “Il Cubo” (1997) di Vincenzo Natali, proiettato in pellicola grazie a Mario Scarlino e alla sua costante tutela di vecchi proiettori cinematografici. Nel corso della serata conclusiva, condotta alle 21.30 da Maria Ausilia Maglione, saranno proclamati i corti vincitori e saranno assegnati i premi: Premio della critica, Premio Miglior cortometraggio e il Premio DAMS. Saranno presenti e interverranno gli ospiti del festival: Davide Pulici, Luigi Pastore e Sergio Stivaletti insieme agli studenti del DAMS.


La proiezione del film “Rabbia furiosa – er canaro” di Sergio Stivaletti avverrà presso il Teatro Italia di Gallipoli e prevede l’acquisto del biglietto direttamente al botteghino o in prevendita contattando il numero 0833266940.


Appuntamenti

Otranto è OTRANTO

La nuova campagna di promozione turistica della città per l’estate

Pubblicato

il

La Città di Otranto, nonostante l’emergenza epidemiologica in corso, non rinuncia alla stagione turistica ormai alle porte e lancia una nuova campagna di promozione. Dopo il grande successo di “Otranto Sicuramente”, il progetto comunicativo della scorsa stagione estiva, e “Smart Working Otranto”, promossa in autunno, il Comune di Otranto, avvalendosi del medesimo staff che ormai da un anno lavora a pieno ritmo per realizzare piani di comunicazione efficaci ed emozionali, propone “Otranto è OTRANTO”, un progetto integrato che basa il suo punto di forza sull’identità del territorio attraverso lo storytelling.


Il racconto delle emozioni è il motore trainante di questo progetto, una narrazione quotidiana che possa toccare il cuore, persuadere, coinvolgere le persone a tal punto da scatenare il desiderio di venire in vacanza nella nostra Città.


Il territorio otrantino offre numerose attrattive. Quelle storiche e monumentali sono visibili ai più, ma ve ne sono tante altre, più piccole e defilate, forse, ma meritevoli di attenzione e non meno belle, altrettanto “vere”, intime, legate ai piccoli gesti quotidiani di una comunità che ha tanto da raccontare.


Un racconto che parla delle consuetudini tipiche dei giorni speciali, della spensieratezza di una serata tra amici, frame di una vita che scorre in una località dell’estremo sud d’Italia dove, per certi aspetti, il tempo sembra essersi fermato. Il genius loci irrompe prepotentemente ed è tangibile in ogni luogo.


Ciò che i visitatori trovano quando giungono a Otranto non è solo il bellissimo mare, le calde spiagge baciate dal sole, il suggestivo centro storico con i suoi monumenti più rappresentativi, ma si lasciano ammaliare dalle emozioni più autentiche.



Il sindaco Pierpaolo Cariddi invita anche quest’anno a scegliere Otranto come meta per le vacanze: «Noi siamo pronti. Abbiamo lavorato negli ultimi mesi per cercare di riorganizzarci al meglio in vista della stagione estiva, necessaria per far ripartire la nostra economia. Non è stato facile, spesso abbiamo navigato a vista in attesa delle direttive ministeriali  che, come ormai tutti sappiamo, in base alla curva epidemiologica regolano chiusure e aperture. Ma abbiamo sempre guardato al futuro positivamente, fiduciosi e, nonostante i tempi incerti, abbiamo studiato e realizzato una nuova campagna di promozione basata sull’identità di un territorio che ha tanto da raccontare. Perché Otranto è OTRANTO e può offrire, come nessun’altra località turistica, una vera esperienza che risveglia tutti i sensi e riempie il cuore».

Il tema della sicurezza rimane comunque centrale nell’estate otrantina. Anche quest’anno, saranno garantiti distanziamento e ordine nelle spiagge pubbliche cittadine. In ogni struttura saranno assicurati percorsi e metodi che garantiranno le distanze sociali e tutte le accortezze per evitare la diffusione del virus.


La community library “Le Fabbriche”, in Piazza all’Umanità Migrante, sarà aperta al pubblico con spazi esterni in  cui leggere, lavorare e studiare con Wi-Fi gratuito.


Per ciò che concerne gli eventi, invece, è confermato Giornalisti del Mediterraneo i primi di settembre, altri si stanno valutando in funzione delle norme che verranno in questi giorni emanate per quel settore. Certamente i Fossati del Castello ospiteranno iniziative “a cielo aperto”, come Battiti Live e concerti di artisti di fama internazionale.


Durante la stagione estiva saranno visitabili tutti i principali contenitori culturali cittadini, Castello Aragonese e Torre Matta. Le sale del Castello ospiteranno la mostra Banksy al Castello, dal 23 giugno al 19 settembre, e una mostra sulle ceramiche artistiche pugliesi in collaborazione con il museo di Grottaglie; a Torre Matta, invece, sarà allestita una mostra di arte contemporanea di Maria Papadimitriou a cura di Cijaru.


Il Comune di Otranto, inoltre, offre agli ospiti che soggiorneranno nelle strutture in Città  una serie di servizi gratuiti, fra cui la visita guidata del borgo antico e la visita naturalistica, inseriti nella Otranto Card.


Continua a Leggere

Appuntamenti

Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la trans fobia

Per l’occasione,  il Comune di Racale in collaborazione con la  Consulta Giovanile, organizza un incontro online in diretta sulla  pagina Facebook della Consulta; ospite dell’evento la Senatrice Monica Cirinnà

Pubblicato

il

Il 17 maggio si celebra in tutta Europa la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

La commemorazione fu istituita nel 2007 per condannare le discriminazioni che ancora oggi moltissime persone sono costrette a subire sulla base del loro orientamento sessuale.


La senatrice Monica Cirinnà


Per l’occasione,  il Comune di Racale in collaborazione con la  Consulta Giovanile, organizza un incontro on line in diretta sulla  pagina Facebook della Consulta; ospite dell’evento la Senatrice Monica Cirinnà.


L’incontro vuole essere un momento di riflessione e campagna di sensibilizzazione per denunciare e lottare contro ogni abuso fisico e morale legato all’orientamento sessuale.


Mattia Antonio Chetta, presidente della Consulta giovanile di Racale: «Abbiamo accolto con grande entusiasmo la proposta pervenuta dalla Presidente del Consiglio comunale, Anna Toma, perché è un’iniziativa che dà seguito al percorso cominciato qualche mese fa proprio dai giovani della città. Infatti, dopo Brindisi, Lecce e Martano, a Racale non volevamo essere da meno e decidemmo, con la Consulta giovanile, di invitare il nostro Consiglio comunale a sostenere formalmente questa battaglia di civiltà, invitando l’assise a pronunciarsi sul ddl Zan. Siamo altresì felici di dialogare con la senatrice Monica Cirinnà, promotrice delle unioni civili e difensore dei diritti LGBTQI».

Anna Toma, presidente del consiglio comunale di Racale e componente del consiglio nazionale dell’Anci


«La realtà è policroma e ogni tonalità ha pari diritti di fronte al mondo», sottolinea Anna Toma, presidente del consiglio comunale con delega alle Pari opportunità, «un messaggio che riassume le aspirazioni di milioni di persone e che il Ddl Zan sta tenacemente cercando di trasformare in giusta legge dello Stato. La battaglia per la non violenza contro ogni discriminazione e per l’affermazione dei diritti delle Comunità LGBTQ+», evidenzia, «è la nostra battaglia. Mi rammarica il fatto che ogni anno si debbano celebrare la giornata contro l’omofobia, contro la violenza sulle donne, quella per i diritti dei minori, contro la povertà… come se certi valori non fossero già, naturalmente, patrimonio di una civiltà evoluta e moderna e si debba, invece, ribadirne di continuo l’importanza. Ognuno di noi ha sensibilità differenti, ognuno nella vita pubblica, ma soprattutto privata, compie scelte in base alle proprie inclinazioni e ai propri desideri e su questo è impensabile che si continui su uno scontro di valori. Credo si possa rimanere della propria idea politica pur continuando a rispettare le scelte dell’altro. Per la nostra amministrazione», insiste la presidente del consiglio comunale, «l’obiettivo del 17 maggio è quello di promuovere la consapevolezza e individuare le azioni positive di prevenzione e contrasto al fenomeno dell’omofobia, lesbofobia, bifobia, transfobia. Scriviamoli e ripetiamoli bene tutti questi termini, perché le persone purtroppo non sono ancora tutte libere di essere e il compito di un’amministrazione non è solo quello di promuovere la libertà, garantita in primis dalla Costituzione, ma di diffondere una cultura aperta e inclusiva e di lavorare costantemente, nella società e nelle sue diramazioni, a partire dalla scuola, per rimuovere gli ostacoli che si frappongono alla realizzazione di quella libertà. Non basta promuovere la libertà per dichiararsi a posto con la propria coscienza e il proprio ruolo».


«Il 17 maggio», annuncia  Anna Toma, «avremo l’onore di ospitare, in una diretta Facebook, la Senatrice Monica Cirinnà, da sempre in prima linea su queste tematiche e fautrice della normativa sulle unioni civili, nonché il presidente di ArciGay Salento Giuseppe Todisco su impulso del quale nel gennaio scorso abbiamo portato in  consiglio la mozione a sostegno del Ddl Zan, e per questo ringrazio l’amministrazione e la Consulta per aver accolto con entusiasmo tale iniziativa».


L’appuntamento, in streaming, in diretta Facebook sulla pagina della Consulta Giovanile di Racale, è n programma per  lunedì  17 maggio, alle ore 17.



Continua a Leggere

Appuntamenti

La street art di Banksy in mostra

Dal 23 giugno protagonista della mostra al castello il famoso street art originario di Bristol, forse il più esemplare caso di popolarità per un autore vivente dai tempi di Andy Warhol

Pubblicato

il

Banksy al Castello 2002 2007 prints selection, a cura di Stefano S. Antonelli e Gianluca Marziani da un progetto sul territorio di Lorenzo Madaro, prodotta da MetaMorfosi Associazione Culturale e MostreLab e promossa dal Comune di Otranto, il 23 giugno riaprirà al pubblico gli spazi espositivi del Castello di Otranto dopo la lunga chiusura imposta dalla pandemia da covid-19.


Protagonista della mostra l’artista originario di Bristol, forse il più esemplare caso di popolarità per un autore vivente dai tempi di Andy Warhol. A parlare, al posto di colui che nessuno ha mai visto e di cui nessuno conosce il volto, saranno le sue opere: immagini e forme di inaudita potenza etica, evocativa e tematica che rimarranno in esposizione fino al 19 settembre 2021.


Saranno in mostra una selezione numerose serigrafie originali, quelle che Banksy considera tracce fondamentali per diffondere i suoi messaggi etici. Sono queste le immagini che hanno decretato il successo planetario di un artista tra i più complessi, geniali e intuitivi del nostro secolo.


«Siamo lieti di ospitare una mostra di Banksy, probabilmente lo street artist più famoso e importante ancora in vita», ha dichiarato il sindaco Pierpaolo Cariddi, «la sua arte ha una grande eco mediatica, non rispetta le convenzioni e le sue azioni sono capaci di sorprendere. Banksy sceglie per le sue rappresentazioni eventi e spazi chiave, coinvolgendo le persone e sollecitando il loro senso critico. Mi auguro che le sue opere siano apprezzate dai visitatori che sceglieranno Otranto come meta per le vacanze. Saranno esposte nelle sale del nostro bellissimo Castello che rappresenta ormai il contenitore culturale principale della nostra Città e che negli anni ha ospitato prestigiose mostre ed eventi che hanno riscosso un notevole successo».


Secondo Pietro Folena, presidente di MetaMorfosi, associazione culturale che produce l’evento, «il rapporto tra l’imponente fortezza aragonese e la potenza dirompente e trasgressiva delle opere di questo artista è destinato a suscitare un forte impatto tra i visitatori. L’esigenza di ripartire dalla cultura, in questa fase di post-emergenza pandemica, è fortissima ovunque. Banksy ne incarna lo spirito e rappresenta con forza uno desiderio di rinascita attento al presente e alle istanze sociali che ci coinvolgono tutti».

Tra le opere in mostra ci saranno due vere e proprie icone della produzione dell’artista britannico, ormai conosciute e amate in tutto il mondo per il tratto artistico immediato e per i potenti messaggi sociali: Girl with Balloon, serigrafia su carta del 2004-05, che nel 2017 è stata votata in un sondaggio come l’opera più amata dai britannici e Love is in the Air, un lavoro su carta che riproduce su fondo rosso lo stencil apparso per la prima volta nel 2003 a Gerusalemme, raffigurante un giovane che lancia un mazzo di fiori. Un messaggio potente proprio qui a Otranto, da sempre ponte verso gli altri mondi che popolano il Mediterraneo.


Gianluca Marziani, curatore della mostra insieme a Stefano Antonelli, aggiunge: «Banksy dentro un Castello crea un perfetto cortocircuito tra l’origine antagonista delle immagini e la forma chiusa della fortezza, da sempre il luogo che l’artista di Bristol vuole simbolicamente conquistare, rompendo la continuità del Potere e irrompendo nella discontinuità del presente liquido…».


Questa mostra è esito di un progetto scientifico, analitico e critico indipendente. L’artista, conosciuto come Banksy, non è coinvolto nel progetto espositivo, pur essendone stato informato.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus