Connect with us

Appuntamenti

ApuliAntica all’alba e al tramonto

Da domani al 26 settembre quindici concerti nei palazzi, nei chiostri e nei manieri di Tricase (Castello de’ Trane a Tutino), Monopoli, Acquaviva delle Fonti e San Nicandro Garganico

Pubblicato

il

Domani, alle ore 20, nello splendido Palazzo de Mari di Acquaviva delle Fonti, prende il via l’undicesima edizione di ApuliAntiqua, festival di Early Music con quindici concerti al tramonto e all’alba in programma sino al 26 settembre con una formula itinerante che prevede appuntamenti nei palazzi, nei chiostri e nei manieri di Tricase, Monopoli, Acquaviva delle Fonti e San Nicandro Garganico.


Duo De Finibus Terrae (da sinistra, Luca Alfonso Rizzello e Gilberto Scordari)


Organizzata dall’associazione Sentieri Armonici in partnership con l’associazione Aremu, la rassegna s’inaugura con un progetto del duo De Finibus Terrae che vede Luca Alfonso Rizzello al violino barocco e Gilberto Scordari alla spinetta proporre un parallelo tra Alessandro Scarlatti e il figlio Domenico, tra i più geniali ambasciatori dell’arte musicale partenopea.


Dopo il debutto di venerdì 23 luglio ad Acquaviva delle Fonti, il concerto verrà replicato domenica 25 luglio (ore 19) nel Cortile del Castello di Tutino, a Tricase, vincitore del bando «Radici e Ali» della Regione Puglia come luogo di spettacolo.


Karoline Kang


Il festival proseguirà con Caroline Kang, che con il suo violoncello del 1730 attribuito al liutista tedesco Paulus Alletsee esplorerà il repertorio solistico italiano accanto a pagine di Bach a San Nicandro Garganico, all’alba del 31 luglio (ore 5.50, Torre Mileto), e poi a Tricase, il 1° agosto (ore 19, Cortile del Castello) e ad Acquaviva delle Fonti, il 5 agosto (ore 20, Cortile Palazzo de Mari).


Ancora musica antica, con attenzione al Seicento italiano, nel quadruplo concerto «Around a ground» che vede protagonista l’Ensemble Hortensia Virtuosa (foto in basso a destra) formato da Giovanni Rota (violino barocco e maestro di concerto), Valerio Latartara (violino barocco), Gioacchino De Padova (viola da gamba), Paola Ventrella (tiorba) e Giuseppe Petrella (chitarra barocca). La formazione suonerà a San Nicandro Garganico, il 17 agosto (ore 20, Torre Mileto), ad Acquaviva delle Fonti, il 18 agosto (ore 20, Cortile Palazzo de Mari), a Tricase, il 19 agosto (ore 19, Cortile del Castello di Tutino) e a Monopoli, all’alba del 21 agosto (ore 6, piazzale chiesetta di San Michele, contrada Impalata).


A seguire, il primo dei quattro concerti del festival ApuliAntiqua vincitori del bando Puglia Sounds Live, in programma a Monopoli il 28 agosto (ore 20, chiostro di Palazzo San Martino) con il Collegium Pro Musica diretto dal virtuoso di flauti dolci Stefano Bagliano, coadiuvato da Luca Taccardi alla viola da gamba e Andrea Coen al clavicembalo.

La formazione presenta un omaggio al «Mito della donna angelicata» in un reading concert con testi della voce recitante Mariagrazia Liberatoscioli e musiche antiche eseguite su copie di strumenti d’epoca.


La voce e la tiorba di Francesca Benetti (foto grande in alto) si intrecciano in sentieri comunicativi armonici e naturali nel recital «Verde barocco» previsto a San Nicandro Garganico, il 30 agosto (ore 20, Cortile del Castello), e ad Acquaviva delle Fonti,  il 31 agosto (ore 20, Cortile Palazzo de Mari).


Il programma del festival si concluderà con gli altri tre concerti sostenuti da Puglia Sounds Live. Il primo è con i virtuosi di violino barocco Alessandro Ciccolini e Domenico Scicchitano, protagonisti a Monopoli, il 9 settembre (ore 20, Chiostro Palazzo San Martino), del viaggio musicale tra Italia e Francia del XVIII secolo intitolato «Il maestro e il discepolo».


Il secondo è con l’Ensemble Labirinto Armonico in un omaggio alla musica del compositore tedesco Johan Joachim Quantz in programma a Tricase, il 12 settembre (ore 19, Cortile del Castello di Tutino).


Il terzo è con l’Ensemble del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Latina, a Monopoli, il 26 settembre (ore 20, chiostro Palazzo San Martino), quando si potrà ascoltare un florilegio di sonate e cantate italiane tra Sei e Settecento di Benedetto Marcello, Giacobbe Basevi «Cervetto», Francesco Antonio Vallotti e Alessandro Scarlatti.


Il Festival ApuliAntiqua è sostenuto dal Ministero della Cultura, dalla Fondazione Puglia e da Puglia Sounds, gode della partnership della Città Metropolitana di Bari e del patrocinio dei Comuni di Acquaviva delle Fonti, San Nicandro Garganico e della Pro Loco di San Nicandro Garganico.


Appuntamenti

Natale a Galatina con il Festival degli Artisti di Strada

Pubblicato

il

Il periodo più magico dell’anno sta tornando e Galatina, tra gli addobbi che illuminano strade e vicoli del centro storico, si immerge nell’atmosfera del Natale sorprendendo cittadini e visitatori in un fantastico e intenso show itinerante, con gag acrobatiche e magiche, trampolieri e acrobati circensi, giocolieri, sputafuoco, clown e bolle di sapone.

A Galatina la sesta edizione del “Festival natalizio degli Artisti di Strada” che porterà un tocco di magia allo shopping di Natale di domenica.

Gli appuntamenti sono in cartellone per il 4, 11 e 18 dicembre, a partire dalle ore 18,30, con una festa lungo le strade del commercio e spettacoli di animazione in movimento con Il Grande Lebuski Show, spettacolo comico circense.

L’evento, promosso dall’amministrazione comunale all’interno della rassegna “Il Natale della Civetta” e dal Duc di Galatina con “Intervento cofinanziato dalla Regione Puglia – R.R. n.15 del 15/07/2011 – DGR n°473 del 22/03/2021”, è rivolto a tutti, bambini e famiglie comprese, ma soprattutto accompagnerà e allieterà le domeniche di shopping nel centro cittadino, promuovendo e dando risalto al tessuto commerciale del distretto galatinese e frazioni.

Obiettivo primario dell’evento è il sostegno verso il circuito locale, perché acquistare in attività gestite da persone che conosciamo, che ci accolgono con affetto, professionalità e che ci forniscono un servizio qualificato non ha paragone. Ma il Festival intende anche portare le persone a passare questo magico periodo di feste in città, facendo vivere il centro delle vibranti energie tipiche del Natale.

Tante le attività parallele al Festival e presentate oggi alla conferenza stampa, tra le quali, Le Strade del Gusto degustazioni di piatti tipici natalizi della tradizione salentina promossa dalle attività di ristorazione del centro storico e dall’Associazione Città Nostra, le luminarie a led  per contrastare la crisi energetica che saranno accese l’8 dicembre grazie al supporto dell’Associazione Imprenditori di Galatina, e poi ancora festoni a tema natalizio con le attività del centro storico e l’iniziativa a tema ambientale dei commercianti di Galatina e Frazioni, ognuno dei quali ha acquistato un pino di Natale che a conclusione delle feste verrà piantato in uno spazio comunale per creare un’area verde.

Infine una raccolta fondi nel giorno dell’Epifania, in collaborazione con l’Associazione Eliantus, e il Villaggio di Babbo Natale che ritorna per il sesto anno grazie all’Associazione Agorà e i Poli scolastici di Galatina.

Il sindaco di Galatina Fabio Vergine ha sottolineato come si voglia «riuscire ad attrarre non soltanto i tanti concittadini ma anche e soprattutto i preziosissimi amici dei comuni limitrofi, della provincia e oltre. E con questo intento si è andato a realizzare una vera e propria stagione natalizia, con eventi che coprono un arco temporale di oltre un mese».

Gli ha fatto eco il vice sindaco e assessore alle Attività Produttive, Mariagrazia Anselmi: «lo spirito di comunità che si è creato tra tutte le attività coinvolte nell’organizzazione della rassegna natalizia è entusiasmante, un esempio di lavoro in perfetta sinergia per offrire la tradizionale atmosfera di gioia, di accoglienza e di calore sia in centro storico che nei quartieri grazie alle numerose opportunità di intrattenimento che dimostrano la voglia di stare insieme».

IL PROGRAMMA

4 DICEMBRE

– Bikeman – Spettacolo clownesco di circo e pantomima   musicale

– Fachiro Nirname – Fachiro mangiafuoco

– Spettacolo di bolle di sapone

– Nuvole bianche – spettacolo su trampoli con effetti pirotecnici + trampolieri itineranti

– Les Fanfaron – band itinerante

11 DICEMBRE

– Il Grande Lebuski Show – spettacolo comico circense

– Fashionissima me – Spettacolo comico di acrobatica aerea

– Demenzio – Spettacolo clownesco.

– In Cerchio – Spettacolo acrobatico di circo

– Las Brillantes – Farfalle luminose su trampoli

– Spettacolo di bolle di sapone

– Gamblin Band – Band itinerante

18 DICEMBRE

– Compagnia dei girovaghi – Acrobata aerea, spettacolo di fuoco, Ballerini nella sfera

– Robertino – spettacolo di magia e giocoleria comica

– Spettacolo di bolle di sapone

– Stamu street – Band itinerante

– Il Grande Lebuski Show – spettacolo comico circense

– Fashionissima me – Spettacolo comico di acrobatica aerea.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Un messaggio di Pace dal Presepe Vivente di Tricase

Questo pomeriggio, dalle 18, nella Sala del Trono di Palazzo Gallone, nel corso della presentazione della XXXI e Dialoghi di Pace tra il presidente nazionale di Pax Christi Mons. Giovanni Ricchiuti, il presidente della “Fondazione Don Tonino Bello” Giancarlo Piccinni ed Emanuela Ariano, di Agesci – capo gruppo scout Tricase 1

Pubblicato

il

La pace prima che traguardo, è cammino. E, per giunta, cammino in salita”.

La citazione è di Don Tonino Bello, e non poteva essere diversamente visto che il tema scelto per la 41esima edizione del Presepe Vivente di Tricase, è la Pace.

E del simbolismo del cammino e del pellegrinare nel corso del tempo, è ricca la storia della Natività tricasina.

Già dal 1996, il Presepe Vivente di Tricase, ha abbracciato l’iniziativa della Luce della Pace, accogliendo la ritualità e la spiritualità della fiamma della pace ogni anno.

Il Natale 2022 a Tricase sarà, dunque, dedicato alla pace ed il Presepe Vivente, tra i più longevi d’Italia, si propone di avviare un dialogo profondo e un cammino con tutta la comunità.

All’apertura del Presepe Vivente di Tricase, (primo giorno proprio il 25 dicembre), si arriverà con altre due date importanti: questo pomeriggio, dalle ore 18, l’attesa cerimonia dell’annullo filatelico con Poste Italiane, momento di rilievo nazionale per i collezionisti e gli appassionati del settore.

L’evento, aperto a tutta la cittadinanza, si terrà presso la Sala del Trono di Palazzo Gallone a Tricase.

Il clou dell’evento sarà il dialogo sulla pace tra il presidente nazionale di Pax Christi e Vescovo di Altamura Mons. Giovanni Ricchiuti, il presidente della “Fondazione Don Tonino Bello” Giancarlo Piccinni ed Emanuela Ariano, di Agesci, Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani- capo gruppo scout Tricase 1.

Il dialogo sarà moderato dal nostro Giuseppe Cerfeda.

Dialogo al quale chiunque potrà partecipare chiamando o scrivendo al numero 340 002 8166 o inviando le domande da porre agli ospiti sulla pagina facebook del Presepe Vivente di Tricase.

Altro appuntamento pre-apertura giovedì 22 dicembre alle ore 18: presso la chiesa di San Nicola a Tricase Porto, il Vescovo Mons. Vito Angiuli celebrerà la Santa Messa con la Luce della Pace.

Unico nel suo genere, con una struttura permanente, esistente 365 giorni l’anno sulla collinetta di Monte Orco, aprirà le porte ai visitatori il 25, 26, 28 e 30 dicembre 2022 ed 1, 3, 5 e 6 gennaio 2023 dalle 17 alle 20.

L’emozione che regala il Presepe Vivente di Tricase è unica e irripetibile. Varcare il portale che indica “Città di Betlemme” significa lasciarsi andare in una dimensione nuova, per portare a casa il ricordo di un incantesimo fatto di colori, suoni, profumi e sorrisi.

L’evento coniuga la tradizione della Natività agli antichi mestieri popolari e alle tradizioni culinarie e folkloristiche del Capo di Leuca, dando modo ai visitatori di conoscere da vicino il lavoro e i gesti delle antiche arti, in un percorso di circa 2 chilometri da vivere in un tempo lento, sospeso a mezz’aria tra luccicanti luminarie e scoppiettanti focolari.

Attraverso i mestieri e le rievocazioni di circa 200 persone tutte in costume che operano da artigiani, popolani, contadini si assiste ad una suggestiva rappresentazione della natività contestualizzata in Salento.

C’è chi ha dedicato il suo tempo per ben 39 edizioni (come Teresa, pastaia al Presepe dal 1978) e chi non è un semplice figurante, ma dona al Presepe il suo mestiere della vita (come Ettore, il fabbro).

È così che si intrecciano le storie delle persone, incontrando tra sentieri e suggestioni Lucia, la figurante più anziana del Presepe Vivente di Tricase.

È nel Presepe Vivente di Tricase che si potranno ammirare le straordinarie arti locali: quella del pelacane (conciatore di pelli, mestiere legato alla maestosa Quercia Vallonea di Tricase), del funaro (il costruttore delle funi di lavoro), del tessitore, dello scalpellino e del cartapestaio, del nachiro (colui che dirige il frantoio) e della massaia, solo per citarne alcuni. E mentre si fa amicizia con queste figure antiche si potranno degustare pittule e vino locale.

Si chiuderà come da tradizione con la suggestiva sfilata per le strade della città, il 6 Gennaio 2023 con partenza dalle ore 160 da Piazza Pisanelli.

In esclusiva per gli istituti scolastici che ne faranno richiesta, è prevista una apertura straordinaria mattutina, il 22 dicembre.

Info utili: Date di apertura 25, 26, 28 e 30 dicembre 2022 e il 1, 3, 5 e 6 gennaio 2023.

Accesso gratuito.

Mail to: info@presepeviventetricase.it

www.presepeviventetricase.it

Info line: 340 002 8166

Continua a Leggere

Appuntamenti

Lo sport per la parità: Danielle Frederique Madam a Ruffano

La campionessa italiana di getto del peso ospite della serata conclusiva del Traguardi Festival

Pubblicato

il

Un’ospite speciale per la serata conclusiva della prima edizione del Traguardi Festival, la rassegna che coniuga sport, cultura e diritti. La campionessa azzurra di getto del peso Danielle Frederique Madam sarà a Ruffano per parlare di sport come strumento di promozione della parità di genere e di una società aperta.

L’appuntamento, presso il Teatro Renata Fonte di via Paisiello, è per le ore 19:00 di venerdì 2 dicembre.

Danielle Frederique Madam è 5 volte campionessa nazionale di getto del peso. È una giovane eccellenza dello sport azzurro, divenuta apprezzato volto tv lo scorso anno, in occasione dei campionati Europei di calcio, quando è stata co-conduttrice del programma Notti Europee su RaiUno.

Lei, campionessa nazionale, non ha potuto calcare il palcoscenico mondiale e misurarsi con le sue omologhe, le migliori atlete del mondo. Il perché nella legge italiana sulla cittadinanza, che ha fatto della morte dello zio (con cui viveva da bambina a Pavia) e del suo passato in una casa-famiglia gestita dalle suore, una colpa. Danielle, in Italia dall’età di 7 anni, è diventata cittadina italiana solo nel 2021, quando ne aveva quasi 24, ben più tardi di quando ne avrebbe avuto diritto, a 18, e dopo un singolare e tribolato iter, che ha lasciato il segno sulla sua carriera sportiva.

Oggi, in una vita divisa tra università, lavoro e carriera sportiva, non manca mai di sostenere pubblicamente la causa dei tanti e delle tante che, come accaduto a lei, non vedono riconosciuti i loro diritti. Anche quando, come purtroppo accade ancora spesso, incontra sulla sua strada chi, per il colore della sua pelle, le urla in faccia “non sarai mai davvero italiana”.

Con lei e con un nutrito parterre di ospiti si chiuderà, venerdì 2 dicembre, l’edizione 2022 del Traguardi Festival, con la partecipazione speciale di Gynnika sport Miggiano e Asd Saracenatletica. Una rassegna organizzata dall’associazione culturale Pari e promossa dall’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Ruffano.

Il sindaco di Ruffano, Antonio Cavallo, ne parla così: “Con l’appuntamento di venerdì, in compagnia di una brillante ospite come Danielle Frederique Madam, si chiude la prima ricca pagina del Traguardi Festival. È stato un percorso intenso, denso di significati e contenuti. L’impegno di numerosi attori sociali ha generato il dialogo che auspicavamo su tematiche inerenti i diritti civili, non solo tra enti e cittadinanza, ma anche tra generazioni. Fondamentale, in tal senso, è stato l’apporto di scuole ed enti formativi partner del Festival, così come dell’Università del Salento. La grande partecipazione e gli stimoli proposti nei singoli eventi sono gli elementi da cui ripartiremo per scrivere le prossime pagine della manifestazione: il Traguardi Festival non è solo un importante appuntamento culturale, ma è anche un impegno nei confronti della società che rinnoveremo”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus