Connect with us

Appuntamenti

Ugento inaugura il nuovo Sistema Culturale cittadino

Appuntamento a domenica 22. Il sindaco Chiga: “Una gioia immensa”

Pubblicato

il


A Ugento l’arte torna a rifiorire. Il 22 gennaio, il sindaco Salvatore Chiga assieme a tutta l’Amministrazione Comunale invitano la cittadinanza all’inaugurazione del nuovo Sistema Culturale cittadino.





Nato dalle ceneri del vecchio Sistema Museale, dopo lunghe difficoltà burocratiche, è frutto dell’impegno comunale assieme alla Cooperativa Imago di Lecce, che ha ottenuto dal Comune di Ugento l’affidamento dei servizi di gestione dell’intero sistema.









Il Sistema Culturale comprende il Nuovo Museo Archeologico, il Castello di Ugento e la Biblioteca di Comunità presso Palazzo Rovito. E ancora, ne fanno parte l’ex Chiesa di Santa Filomena nonché la Cripta del Crocifisso e la Chiesa della Madonna di Costantinopoli. La stessa data di inaugurazione non è casuale.





Il 22 gennaio infatti ricorre la festività di San Vincenzo, giornata dedicata al patrono della città e dell’intera diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca. Una scelta accurata, con cui l’Amministrazione intende permettere alla popolazione di riavvicinarsi alla propria cultura.





“Una gioia immensa”




«È una gioia immensa», afferma il sindaco Salvatore Chiga.
«Acquisire consapevolezza dei protagonisti e dei valori unici della comunità è la base di qualsiasi percorso di crescita».
La giornata del 22 gennaio si aprirà alle 18.30, al termine della celebrazione religiosa, con una visita all’intero Sistema Culturale alla presenza delle autorità di Ugento e dei Sindaci di tutti i comuni della diocesi. A partire dalle 19.00, invece, gli edifici saranno fruibili al pubblico, che potrà così ammirarne le meraviglie architettoniche e letterarie. Nelle sale della Biblioteca, fra manuali storici e libri di narrativa, anche i bambini potranno trovare divertimento con giochi e sale speciali per l’infanzia. Sarà possibile inoltre visitare l’ex Chiesa di Santa Filomena e il Castello, con il suo piano nobile e i meravigliosi affreschi.





Fulcro dell’evento sarà però il Nuovo Museo Archeologico che ospita, tra gli altri, la Tomba dell’Atleta e una replica fedele dello Zeus di Ugento, statua cui originale è oggi custodita presso il MArTa – Museo Archeologico Nazionale di Taranto. Nel chiostro del Museo, non prima delle 19.30, si terrà anche un concerto per pianoforte e violino.
Con l’occasione, la cittadinanza e gli ospiti potranno scoprire anche gli orari di apertura dei luoghi della cultura, che saranno interamente fruibili al pubblico a partire dal giorno successivo, il lunedì 23 gennaio.
«Restituiamo al territorio ciò che merita e aspetta da tempo. Abbiamo davanti il futuro e sarà bellissimo».





Programma dell’evento Riapertura dei Beni Culturali di Ugento

18.30 Visita ai Beni Culturali
Con le autorità e i sindaci della diocesi
19.30 Concerto per Pianoforte e violino
Presso Nuovo Museo Archeologico a cura dell’Amministrazione Comunale
19.00-23.00 Apertura dei Beni Culturali
Biblioteca di Comunità, Nuovo Museo Archeologico, Castello, ex Chiesa di Santa Filomena





Orari di apertura Nuovo Museo Archeologico
Lunedì: Chiuso
Da martedì a sabato: 16.00-19.00
Martedì e giovedì: 9.30-12.30 (su prenotazione per visite guidate di gruppi, laboratori e attività didattiche) Domenica: 10.00-13.00 / 16.00-19.00
Contatti: museo@comune.ugento.le.it 0833 555819





Orari di apertura Biblioteca di Comunità

Da lunedì a venerdì:
15.30-19.00
Martedì e giovedì:
9.30-12.30
Sabato:
9.30-12.30 / 16.00-19.00
Domenica:
16.00-19.00
Contatti:

biblioteca@comune.ugento.le.it


Appuntamenti

Bentornata Gardensia anche a Tricase e Gagliano

L’iniziativa dell’Aism sostenuta da Tricasèmia con la collaborazione del Centro Diurno Giovanni Paolo II in piazza Pisanelli venerdì 8, sabato 9, e domenica 10 marzo. Doppio appuntamento anche a Gagliano del Capo

Pubblicato

il

Gardensia torna a marzo, in occasione della Giornata Internazionale della Donna.

In migliaia di piazze italiane AISM con i suoi volontari invita a scegliere una pianta di gardenia, di ortensia o entrambe per sostenere la ricerca scientifica e il supporto alle persone con SM e patologie correlate.

I due fiori rappresentano lo stretto legame che c’è tra le donne e la sclerosi multipla (SM), una malattia che colpisce la popolazione femminile in misura doppia rispetto agli uomini.

“Bentornata Gardensia” nelle piazze di tutta Italia dall’8 al 10 marzo, è una manifestazione che si presenta al grande pubblico e nelle piazze di tutta Italia per sensibilizzare sulla realtà della sclerosi multipla e raccogliere fondi fondamentali per la ricerca scientifica.

I fondi raccolti con l’iniziativa andranno a sostegno della ricerca scientifica e permetteranno ad AISM di continuare le proprie attività di supporto e assistenza per le persone con SM del territorio.

A Tricase l’iniziativa è sostenuta da Tricasèmia con la collaborazione del Centro Diurno Giovanni Paolo II che, venerdì 8, sabato 9, e domenica 10 marzo, saranno presente con uno stand in piazza Pisanelli.

A Gagliano del Capo appuntamento in piazza Mercato il 9 marzo e in piazza San Rocco il 10 marzo.

 

Continua a Leggere

Appuntamenti

Maglie, il Museo Archeo-industriale di Terra d’Otranto

Il primo nel meridione d’Italia. Inaugurazione sabato 2 marzo, dalle 18, con il Ministro alla coesione e PNRR Raffaele Fitto

Pubblicato

il

Tutto pronto per l’inaugurazione del Museo del patrimonio industriale del comune di Maglie: un bene di grande prestigio che nasce dal restauro conservativo dell’ex fabbrica di mobilio dei f.lli Piccinno, “Stabilimento moderno per l’arte del mobilio e della decorazione della Casa”, progettato nel 1919 da Adolfo Piccinno ed ultimato nel 1925.

I Piccinno furono rinomati ebanisti e intagliatori magliesi sin dal 1863.

La cerimonia del taglio del nastro in programma per sabato 2 marzo, dalle ore 18, alla presenza del ministro alla coesione e PNRR Raffaele Fitto.

Il sindaco di Maglie Ernesto Toma

«Finalmente grazie a positive sinergie che nel corso degli anni hanno fatto molto e bene la città ed a tutto il territorio di riferimento», afferma il sindaco Ernesto Toma che organizza l’evento inaugurale, «possiamo beneficiare di una struttura innovativa che non è solo la sintesi del sistema industriale locale tra il 1850 e il 1950 (infatti racchiude testimonianze di ciò che era il sistema produttivo dei tempi) ma anche, e soprattutto, un vero e proprio contenitore culturale, estremamente smart; un luogo attivo, contenitore di eventi, di percorsi didattici, di aggregazione e animazione. Inoltre l’ex mobilificio è un elemento essenziale di un più vasto percorso di valorizzazione del territorio, insomma un unicum fra luogo di sperimentazione didattica e momento di marketing territoriale».

«L’orgoglio mio personale», prosegue il primo cittadino magliese, «è quello di aver potuto dare alla mia Città il racconto concreto della produzione industriale di Terra d’Otranto e della città di Maglie: sono state censite e localizzate su una carta tematica tutte le realtà industriali come concerie, molini e pastifici, magazzini per la lavorazione del tabacco, stabilimenti vinicoli, frantoi ed altri opifici, che hanno portato alla luce un volto della città di Maglie ancora poco noto».

«Realizzazioni come questa che ci apprestiamo ad inaugurare», conclude Toma, «diventano il fulcro di un cambiamento del concetto di bene culturale, posto al centro di nuove strategie, finalizzate all’attrazione di flussi turistici, laddove il recupero del patrimonio industriale e la sua valorizzazione costituiscono la chiave di volta».

COSA CONTIENE IL MUSEO

Il Museo archeo-industriale di Terra d’Otranto di Maglie è il primo nel meridione d’Italia.

La fabbrica di mobili dei noti ebanisti, i F.lli Piccinno, poi magazzino di tabacco, diventa un Museo dedicato all’industria della città di Maglie e al patrimonio industriale presente sul territorio di Terra d’Otranto: le attuali tre province di Lecce, Brindisi e Taranto.

Il museo realizzato ed allestito grazie ad una task force di specialisti ed esperti, ospita al suo interno una Sala virtuale dedicata alle attività produttive di Terra d’Otranto ed alla loro evoluzione tecnologica, altri spazi sono riservati alle due principali attività produttive, quella agricola e quella artigianale-manifatturiera; risulta, quindi, diviso in due sezioni: una dedicata all’industria di Terra d’Otranto; una alla Maglie industriale, nota in tutto il Salento meridionale come “Emporio del Capo di Leuca”.

È stata, inoltre, allestita una sala polifunzionale a carattere didattico con l’installazione di apparecchiature multimediali e la creazione di spazi polivalenti, dedicati alle attività culturali ed a percorsi privilegiati per le scuole.

Lo spazio dedicato al Centro di documentazione del patrimonio industriale del Capo di Leuca è integrato nell’ambiente museale in modo da fornire all’utente qualcosa di diverso dalla classica biblioteca.

Un museo reale e al tempo stesso multimediale.

Per l’allestimento del museo, sono state molto importanti le numerose donazioni delle famiglie magliesi, delle quali i loro congiunti sono stati i protagonisti di questa straordinaria storia, ed anche donazioni da parte di altre famiglie salentine.

La sezione dedicata all’industria di Maglie è articolata in due settori: quello agroalimentare e il manifatturiero; il primo illustra le attività e i suoi protagonisti, legate alla produzione dell’olio, del vino, del grano e pasta, dei dolci. Nel secondo invece si parla: della produzione di mobili; di cancelli, inferriate, ferro battuto; di berretti e cappelli; di tabacco; della concia delle pelli; di fiscoli e altro.

LA CERIMONIA INUAGURALE

Il Ministro alla coesione e PNRR Raffale Fitto

All’evento inaugurale saranno presenti: il sindaco di Maglie Ernesto Toma per i saluti istituzionali; l’arch. Giovanni Guido del Comune di Maglie; Antonio Zunno, funzionario Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio; Renato Covino docente dell’Università degli studi di Perugia e Presidente AIPAI (Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale); l’arch. Laura Piccinno, discendente famiglia Piccinno; Franco Milella,  oordinatore tecnico-scientifico dei partenariati pubblico-privati e fondatore della Fondazione Fitzcarraldo di Torino. In collegamento Francesca Riccio, Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Lecce e Brindisi.

L’ conclusioni saranno affidate a Raffaele Fitto, ministro per gli Affari Europei, il Sud, le Politiche di Coesione e il PNRR.

Continua a Leggere

Alessano

Don Tonino Bello, scrittore e profeta di pace

Dialogo su Don Tonino e presentazione del volume “I segni della festa / 1”, atti della prima giornata di studi sugli scritti del vescovo di Alessano 

Pubblicato

il

Avrà luogo domani presso il chiostro dei Carmelitani a Nardò (ore 18,30), l’incontro dal titolo “Don Tonino Bello, scrittore e profeta di pace”.

Interverranno all’incontro, organizzato nell’ambito della rassegna culturale “Mouseia”, Valerio Ugenti (Università del Salento), curatore del volume Catalogo ragionato di tutti gli scritti di don Tonino (Ed. Insieme 2022) e Alessandro Capone (Università del Salento), curatore de I segni della Festa/1 (Ed. Insieme 2023), atti della prima Giornata di Studi dedicata agli scritti del vescovo di Alessano.

L’evento è organizzato dalla Delegazione di Nardò dell’Associazione di Cultura Classica, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Salento e con il patrocinio del Comune di Nardò e dell’UniTre di Nardò.

Don Tonino Bello, considerato un profeta, un pastore, un apostolo della pace, viene in questo incontro presentato anche come scrittore elegante ed efficace comunicatore. Così commenta Mario Mennonna, lo studioso di storia locale che modererà l’incontro: “sarà offerta l’occasione per un approccio in ampio spettro e in profondità di pensiero con un vescovo, un prete, una persona, quale autentico interprete di una Chiesa conciliare attenta alle problematiche connesse alla contemporaneità, presentate non dal pulpito o dal trono episcopale, ma in mezzo al popolo; non in base alle leggi teologico-catechistiche, ma nella semplicità evangelica; non con la complessa conoscenza oratoria, ma con la leggerezza sensibile della poesia. Don Tonino è un testimone profetico dei nostri tempi, che, proprio perché tale, riesce ancora a parlare al cuore della gente, anche con il linguaggio delle metafore, che rispecchiano le parabole evangeliche”.

“La conoscenza della sua opera”, continua Mario Mennonna, “è un cammino spirituale che ha inizio, ma che prosegue, presentando ad ogni angolo una novità, una pillola di riflessione e di coinvolgimento, mentre lineare è il percorso di testimonianza di un uomo di preghiera e di azione, di pace e di granitica fiducia di potersi liberare con l’aiuto della grande ala di riserva che il Signore conserva per ogni sua creatura”.

Il gruppo di studio, coordinato da Valerio Ugenti, ha inteso pubblicare il volume “I segni della Festa”, curato da Alessandro Capone.

Il comitato scientifico e organizzatore della rassegna Mouseia è costituito da Alfredo Sanasi, Alberta Barone, Maria Pia Carlucci, Rossella Marzano dell’AICC di Nardò e, per l’Università del Salento, da Saulo Delle Donne e Alessandra Manieri, che è anche presidente della Delegazione dell’Associazione di Cultura classica neretina.

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus