Connect with us

Attualità

Dal Salento in Olanda e Germania per studiare agricoltura sociale

Operatori agricoli salentini in visita alle fattorie sociali col Gal Capo di Leuca

Pubblicato

il

Negli ultimi anni nel Salento si è registrato l’avvio di varie iniziative e progetti nel settore dell’agricoltura sociale, finalizzate all’inserimento lavorativo, ma soprattutto, sociale, di soggetti diversamente abili nel settore agricolo. Il GAL “Capo S. Maria di Leuca” dal 2012 con varie iniziative ha sensibilizzato il territorio su questa tematica, con workshop e attività formative, attivando lo “Sportello Agrisociale”, un infopoint gratuito, presso la propria sede in Piazza Pisanelli a Palazzo Gallone.


Grazie a questo impegno, fino all’8 ottobre, gli operatori agricoli salentini: Gabriella Elia e Sara Elia dell’Azienda Agrituristica “Gli Ulivi” di Tricase, Laura Agostinello e Maria Antonietta Agostinello dell’Azienda Agrituristica “Matine” di Alessano e Filippo Cavaliere dell’Azienda Agricola “Calizzi” di Lecce, han partecipato ad un viaggio studio in Olanda e Germania per visitare alcune fattorie sociali. L’iniziativa è organizzata dalla Rete Fattorie Sociali e finanziato dal For.Agri, che, insieme GAL “Capo S. Maria di Leuca” nei giorni 15 e 16 febbraio scorsi avevano attivato un Corso di Formazione gratuito in Agricoltura Sociale di I livello a Tricase.


Un’attività formativa che ha presentato moduli didattici interessanti e ha visto oltre un cento di partecipanti tra operatori agricoli e uditori, provenienti anche dal Centro – Sud Italia. Il gruppo di studio all’estero ha fatto visita in Olanda le fattorie sociali a Lienden, a  Wageningen, a Wenum-Wiesel e a Arnhem, dove il Prof. Jan Hassink, studioso delle agricolture sociali olandesi, ha illustrato le attività svolte. Dopo l’Olanda il viaggio è proseguito in Germania, presso le fattorie sociali di Karcherhof e Stadtbauernhof di Saarbrücken, presso la fattoria didattica Waldorfschool Saar/Hunsrück a Nohfelden/Walhausen e la fattoria sociale Wintringer Hof , le cui attività sono state illustrate dal Prof. Thomas van Elsen. Durante la permanenza all’estero gli operatori dell’agricoltura sociale han seguito le lezioni di: Marco Berardo Di Stefano, Presidente Rete Fattorie Sociali, Alfonso Pascale, Presidente CeSLAM e formatore Rete Fattorie Sociali, e Roberto Finuola, Referente Scientifico della Rete Fattorie Sociali.

“L’agricoltura sociale sarà senz’altro una delle protagoniste della prossima attuazione del nostro GAL, nell’ambito della Misura 19 del PSR Puglia 2014 – 2020”, dichiara il Rag. Renato Rizzo, Presidente del GAL Capo S.Maria di Leuca “infatti saranno sostenute finanziariamente le Fattorie Sociali, le quali generano benessere nei confronti di persone svantaggiate e costituiscono un’opportunità per riqualificare il welfare locale attraverso la sinergia tra servizi sociali, socio-sanitari e le Aziende Agricole.”


                                                                     Maurizio Antonazzo


Attualità

Decreto Semplificazioni: la 275 esclusa dalle opere strategiche

Pubblicato

il

L’atteso Decreto Semplificazioni che permetterà di accelerare e snellire le procedure per le realizzazioni di grandi opere non includerà la 275.

Una chimera

Rischia di restare una chimera la realizzazione dei lavori di miglioramento e allargamento della Maglie-Leuca. L’ennesima puntata dell’eterna incompiuta la segna il Premier Conte che ha annunciato le opere strategiche incluse nel Decreto, senza inserire la 275.

Potenziamento ferroviario

Resta sull’altro piatto della bilancia un intervento ferroviario che prevede il potenziamento dell’asse Napoli-Bari-Lecce-Taranto.

Continua a Leggere

Attualità

La scrittrice Marina Di Guardo, mamma della Ferragni, si gode il Salento

Pubblicato

il

La scrittrice Marina Di Guardo, mamma di Chiara Ferragni, si gode il Salento.

Piatti tipici, mare, centri storici nostrani. Le sue storie instagram raccontano il suo soggiorno nel basso Salento tra Specchia, Presicce, Ugento ed altri centri del Tacco.

Ospite di un resort di Torre San Giovanni, risolleva il morale della marina di Ugento, oggi comparsa sulle pagine di cronaca di mezza Italia per l’arresto di un boss della camorra finito in manette proprio sulle sue spiagge.

Continua a Leggere

Attualità

Un biglietto per il Salento? Costa oro

Pubblicato

il

L’alternativa al Frecciargento? Più che il Frecciarossa, il Frecciaoro.

È ciò che si direbbe consultando i prezzi che stanno comparendo sul sito di Trenitalia per l’alta stagione.

Quest’estate non torno

Una nostra lettrice di Montesano ci segnala l’incredibile rincaro dei biglietti. Complice il Coronavirus e le misure antiassembramento che hanno ridotto i posti utilizzabili nelle carrozze, la disponibilità di sedute è dimezzata. Ma la richiesta non va di pari passo, anzi.

Dopo mesi di lockdown, sono tanti i salentini che ancora attendono di poter tornare a casa. Dal lavoro o dall’università. E molti di loro non potranno farlo in queste vacanze estive. Il motivo? Il costo dei biglietti. Prendere un treno per Lecce da Torino, un sabato di agosto, costa minimo 150€. Le tariffe volano vertiginosamente (non solo per chi arriva da Piemonte).

Come in foto, dal capoluogo torinese in agosto partiranno treni per i quali vi è sola disponibilità di biglietti executive con un prezzo indicibile: 304 euro.

Chissà che, con ancora 3 settimane di tempo, il costo non possa salire ancora da qui al fischio del capotreno.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus