Connect with us

Attualità

Decreto Rilancio: “55 miliardi per aiuti a famiglie e imprese”

Tutte le misure contenute nelle 464 pagine del Decreto. Regolarizzazione dei migranti ed emersione del nero. Restano congelati i trasferimenti tra regioni. Autocertificazione bye bye. La conferenza stampa integrale del Presidente Conte

Pubblicato

il

Un decreto a dir poco corposo, sia per le 464 pagine che lo compongono, che, soprattutto, per i 55 miliardi di euro previsti per aiuti ad imprese e famiglie, oltre ai 4 miliardi di tasse tagliati.


È stato approvato dal Cdm il Decreto Rilancio, con i l quale il presidente del Consiglio Giuseppe Conte annuncia la “premessa per concretizzare la ripresa” dell’Italia.


Accordo tra Governo e regioni per velocizzare il pagamento della cassa integrazione, direttamente dall’Inps.


Intesa sulla regolarizzazione dei migranti ed emersione del nero, con la ministra Teresa Bellanova che, commossa, ha annunciato la “svolta epocale”.


Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha invece messo in evidenza le nuove norme per velocizzare i prestiti alle imprese.


Previsti 190 milioni di incentivi al personale sanitario.


Ancora: un buono mobilità fino a 500 euro per le bici e la mobilità dolce e 331 milioni alla scuola anche per la didattica a distanza.


Il Presidente Conte ha ribadito anche che per ora “i trasferimenti tra le Regioni restano congelati” e che per le riaperture vi sarà un decreto legge e non un dpcm. Pare, invece, che ci libereremo definitivamente dell’autocertificazione, strumento che ha caratterizzato questa lunga fase di quarantena che tutti abbiamo vissuto.


Il Decreto Rilancio stanzia un totale di “155 miliardi per far ripartire l’economia italiana“, ora “massimo impegno per far arrivare subito le risorse e rilanciare insieme il Paese“. Sono le parole utilizzate in un tweet dal ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, su twitter dopo il Consiglio dei ministri.





In diretta da Palazzo Chigi


Gepostet von Giuseppe Conte am Mittwoch, 13. Mai 2020



Attualità

La nuova arena del mare sul lungomare di Leuca

Sentenza del Tar: ok allo sgombero dell’area mercatale sul lungomare Cristoforo Colombo. Finanziamento di 135mila euro da parte del GAL, da destinare alla manutenzione e rigenerazione dell’area demaniale

Pubblicato

il

Con la recente sentenza pubblicata il TAR di Lecce, Prima Sezione, presidente Antonio Pasca, ha accolto le tesi del Comune di Castrignano del Capo, patrocinato dall’avv. Giuseppe Mormandi, sulla dibattuta questione dello sgombero dell’area mercatale, intervenuto nel 2018 sul lungomare di Leuca,  dove è in via di realizzazione una nuova Arena a seguito del finanziamento del GAL ottenuto dall’attuale amministrazione comunale nell’ottobre scorso.


Alcuni titolari di autorizzazione e concessione di posteggio per l’esercizio dell’attività di commercio su area pubblica all’interno del Mercatino Stagionale di Santa Maria di Leuca, ubicato nel piazzale a valle del lungomare C. Colombo, nel 2018 avevano agito innanzi al TAR di Lecce per chiedere l’annullamento della deliberazione di giunta nr. 200 del 20.12.2017 e della deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 28.2.2018, con cui il Comune di Castrignano del Capo aveva deciso di sgomberare l’area mercatale.


Il TAR di Lecce già nel 2018 aveva rigettato le domande cautelari dei commercianti ritenendo legittime le deliberazioni e le determinazioni comunali.


Anche il Consiglio di Stato, in sede di appello cautelare, sempre alla fine di luglio del 2018,  aveva rigettato in quanto aveva ritenuto manifestamente infondate le istanze dei commercianti.


Invero, il Comune aveva verificato che la Concessione Demaniale Marittima, con cui la Regione Puglia aveva concesso al Comune di Castrignano del Capo di occupare l’area demaniale da adibire ad area mercatale, era scaduta il 31 dicembre 2007 e mai più rinnovata.


Per cui gli esercenti l’attività mercatale non erano più legittimati ad occupare l’area demaniale, non essendo titolari di specifica concessione.

Peraltro, gli accertamenti compiuti dalla Polizia Municipale con propria “relazione di analisi criticità area mercatale” hanno messo in evidenza problematiche in materia di viabilità e di traffico, tant’è che il TAR aveva sancito che l’interesse economico dei ricorrenti dovesse essere  ritenuto recessivo rispetto all’interesse pubblico alla tutela della sicurezza e della incolumità dei cittadini, ritenendo peraltro insussistente il pregiudizio grave ed irreparabile atteso che l’attività commerciale poteva continuare ad essere svolta dagli istanti, seppur ubicata in luogo diverso.


Da parte del Comune è stata prospettata individualmente ai ricorrenti l’alternativa a proseguire l’attività lavorativa in altro luogo, per assicurare loro la prosecuzione del proprio esercizio, senza purtroppo sortire  effetto alcuno,  se non quello di constatare il ricorso al TAR  da parte degli esercenti, principalmente di quelli operanti nel settore alimentare, con richiesta peraltro di  risarcimento dei danni.


Nel contempo il Comune ha ottenuto prima la temporanea consegna in uso, ai sensi dell’art. 34 del Cod. Nav. dell’area demaniale marittima da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per il tramite della Capitaneria di Porto di Gallipoli, avendola individuata come area di libera fruizione e di pubblico interesse per tutte quelle attività che creano immagine e presenze ad una località a vocazione turistica, qual è la Marina di Leuca, conseguendo poi  il beneficio di un finanziamento di 135mila euro da parte del GAL, da destinare alla manutenzione e rigenerazione dell’area demaniale in questione.


Quindi con tale sentenza il Tar di Lecce, definitivamente pronunciando sul ricorso e sui motivi aggiunti ha disposto sia l’estinzione  del giudizio che il rigetto del risarcimento danni richiesto dai ricorrenti.


Continua a Leggere

Attualità

Conte in TV: “Vaccino a fine gennaio, ma non sarà obbligatorio”

Pubblicato

il


Conte parla in TV, ospite del programma “Otto e mezzo” su La7. Dopo le pillole sul prossimo Dpcm, con una serie di limitazioni alle festività, è il turno del vaccino anti-Covid.





“Sarà disponibile prima per le categorie vulnerabili ed esposte”, spiega il premier. “Penso che ci sarà da fine gennaio”, anticipa a Lilli Gruber.




“Non c’è un orientamento per l’obbligo del vaccino, ma lo raccomandiamo. L’obbligo è una scelta forte. Io lo farò senz’altro perché, quando sarà ammesso, sarà sicuro e testato”, commenta.


Continua a Leggere

Attualità

Dpcm di Natale per punti: stretta su feste e socialità allargata

Pubblicato

il


“Bisogna limitare le occasioni di socialità allargata, che di solito si accompagnano alle festività natalizie, con tombolate, festeggiamenti, veglioni“.





Queste le parole di Conte che manterrà il coprifuoco e chiuderà, durante le feste, piste e impianti sciistici. Il nuovo Dpcm prende forma ed il governo non vuole commettere l’errore di questa estate con le discoteche.





Verso il 3 dicembre





Il 3 dicembre verrà rivalutata la situazione delle Regioni, molte delle quali potrebbero cambiare colore. Ma il miglioramento dello status dovuto all’effetto delle misure anti-Covid si scontrerà con la stretta del governo sulle feste. Insomma, regioni più gialle ma con restrizioni da zone rosse e la possibilità di inasprire le misure provincia per provincia.




«Sullo spostamento tra regioni a Natale, ci stiamo lavorando ma se continuiamo così a fine mese non avremo più zone rosse. Tuttavia, il periodo natalizio richiede misure ad hoc. Si rischia altrimenti di ripetere il Ferragosto e non ce lo possiamo permettere: consentire tutte le occasioni di socialità tipiche del periodo natalizio non è possibile». Così il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7 (dove ha parlato anche del vaccino: “Pronto a gennaio“).





“Cercheremo”, ha poi continuato, “di aprire le scuole prima di Natale, stiamo lavorando per questo”. Per poi ribadire: “Non possiamo concederci vacanze indiscriminate sulla neve. Anche per gli impianti da sci, il problema del protocollo è un conto ma tutto ciò che ruota attorno alle vacanze sulla neve è incontrollabile. E con Merkel e Macron in Europa stiamo lavorando ad un protocollo comune europeo. Non è possibile consentire vacanze sulla neve, non possiamo permettercelo”.





Il rischio da scongiurare è quello di vedere il contagio fare un nuovo balzo in avanti, col terrore che la curva a gennaio vada nuovamente fuori controllo.





Se passerà la linea dura capeggiata dal ministro Roberto Speranza, nel decreto del presidente del Consiglio del 3 dicembre vedremo ristoranti, bar e pub chiusi dopo le 18 anche durante le feste e fino a quando l’indice Rt non sarà sceso stabilmente sotto l’1 in tutta Italia.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus