Connect with us

Attualità

I numeri del Covid Comune per Comune: picco di casi a Specchia

Pubblicato

il


Sono 1753 i cittadini presenti in provincia di Lecce attualmente Covid positivi.

Il report della Asl di Lecce evidenzia la distribuzione dei casi Comune per Comune, il numero dei degenti, dei ricoveri e dei decessi con la distinzione per genere ed età. Il documento riporta inoltre il numero dei tamponi complessivamente eseguiti e il trend settimanale del rapporto casi positivi/casi testati.













Attualità

Elezioni amministrative rinviate a dopo l’estate

Pubblicato

il


Si terranno fine estate e inizio autunno le elezioni amministrative previste nel 2021. È quanto prevede la bozza del decreto legge sul differimento delle elezioni, che sarà in Cdm ed è ancora suscettibile di modifiche.




Il Consiglio dei ministri, a quanto si apprende dall’Ansa, ha approvato il decreto legge che rinvia le elezioni amministrative e suppletive a una data compresa tra il 15 settembre e il 15 ottobre.

Sul tavolo del governo il rinvio a dopo l’estate di tutte le elezioni amministrative previste da qui a fine giugno: le Regionali in Calabria dell’11 aprile, le suppletive a Siena, le amministrative che si terranno in circa 1200 Comuni. Tra i quali metropoli come Roma, Milano, Napoli, Torino.


Continua a Leggere

Attualità

Donati 9 tv per le stanze di Oncologia medica

Pubblicato

il


Si è tenuta oggi presso il Polo oncologico “Giovanni Paolo II” di Lecce, la cerimonia di consegna di nove televisori, compresi di materiale per l’installazione, all’Unità Operativa di Oncologia, diretta dalla dott.ssa Silvana Leo.

Promotore dell’iniziativa l’associazione “Cuore e mani aperte – OdV”, che da venti anni opera all’interno del nosocomio leccese su iniziativa del cappellano del Fazzi, Don Gianni Mattia.
Alla cerimonia erano presenti il Direttore Generale ASL Lecce, dottor Rodolfo Rollo, i rappresentanti dell’Associazione e la dottoressa Silvana Leo.

La donazione, che non si limita alla sola consegna dei televisori, ma si completa con l’installazione degli stessi nelle stanze di degenza, così che possano essere fruibili da subito, si inserisce nell’ambito della mission dell’Ente del Terzo Settore presieduto da Don Gianni Mattia. Infatti, l’Associazione, negli ultimi anni, ha sviluppato una sempre maggiore attenzione verso l’umanizzazione delle cure e degli spazi ospedalieri, che numerose ricerche dimostrano ormai come fondamentale all’interno di un percorso di salute. Tra queste iniziative si inserisce l’attività dello Spazio Benessere “A Sua immagine”, allestito nel dicembre del 2016, su idea dello stesso Don Gianni, che garantisce, al piano terra del Polo Oncologico di Lecce, trattamenti estetici e di well being gratuiti a donne e uomini in terapia oncologica.

Per Don Gianni Mattia “Quando si è ricoverati e la quotidianità è scandita dai ritmi dell’ospedale ci si perde in giornate tutte uguali. È come se mettessimo in pausa le nostre vite. Alcuni si confondono nel chiacchiericcio con gli altri pazienti, nomi e volti che si impara a non fissare troppo nella propria mente, perché alle volte si ha paura di riconoscere quei posti come casa e quei volti a noi estranei come famiglia.
Ci sono momenti in cui il silenzio riempie ogni spazio, che sembra quasi di sentire le lancette di un orologio che avanza inesorabilmente, ma con un ritmo diverso. È molto lento quel tempo che il silenzio segna.
La cosa strana è che difficilmente troverete un orologio appeso alle pareti di una stanza d’ospedale e quel ticchettio che ci sembra di sentire, è composto dalla nostra paura di vedere il tempo passare, ma al tempo stesso dalla consapevolezza che quel tempo che scorre è un tempo che cura.
I reparti oncologici sono speciali e diversi. In essi puoi incontrare disperazione, forza e speranza e spesso sono emozioni che tutti vivono in momenti differenti. E in queste emozioni scandite dal tempo si cresce e si cerca di ancorarsi alla normalità, perché in questa normalità ci si riconosce uomini e donne.
Essere in prima linea nella vita di chi lotta per poter ancora sognare e realizzare i propri progetti, alle volte ci mostra piccole verità, che nell’agio delle nostre case non sempre riusciamo a riconoscere.
Abbiamo capito che offrire un po’ di normalità a chi ha perso il senso di sé, passa anche attraverso quelle azioni che non sembrano di cura, ma che lo sono nel modo più semplice, dicendo all’altro “Io ti riconosco nel tuo essere uomo/donna, nella tua socialità, nel tuo bisogno di riempire i silenzi”.
Per tutte queste ragioni abbiamo pensato di donare 9 televisori, comprensivi dell’istallazione, per le stanze del reparto di Oncologia.
Oggi viviamo tempi complicati, dove la malattia purtroppo si veste anche di solitudine e noi vogliamo riempire il silenzio che questa solitudine genera.
Ancora una volta ci facciamo dono attraverso il vostro farvi dono e in questo l’amore scandisce il suo tempo”.

La donazione odierna ha raccolto il plauso dei dirigenti presenti.

Il Direttore di Asl Lecce, dott. Rodolfo Rollo, ha ringraziato l’Associazione “Cuore e mani aperte” OdV con queste parole: “In questo momento di solitudine avere una finestra sul mondo è una cosa importantissima perché il rischio è che il tempo qui non passi mai e quindi il paziente si concentri solo sulla malattia. Questa donazione fa sì che le stanze di degenza si aprono sul mondo e conseguentemente viene data ai degenti la possibilità di trascorrere del tempo senza pensare esclusivamente alla malattia, alle sofferenze. In una breve visita agli ammalati, abbiamo avuto modo di raccogliere un consenso unanime verso questa iniziativa, infatti è stata particolarmente apprezzata la dimensione dello schermo, che consente di vedere bene anche a chi ha difficoltà alla vista.”

Le parole della dottoressa Silvana Leo, direttore responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Oncologia Medica hanno chiuso l’incontro “Mi associo alle parole del nostro Direttore Generale. Un grazie sentito a tutta l’Associazione, a don Gianni che manifesta sempre la sua alta sensibilità. Siamo nel periodo del Covid, quindi i parenti non possono entrare, per cui è un valore aggiunto questo vostro gesto.”

————————————————————————————————————————
L’Associazione Cuore e mani aperte OdV è stata fondata nel 2001 e da allora opera con spirito di carità cristiana in tutte le situazioni di bisogno, con particolare riferimento alle esigenze di natura socio-sanitaria. Negli ultimi anni ha sviluppato una significativa attenzione verso l’umanizzazione delle cure e degli spazi ospedalieri; in tale ambito si inseriscono numerose iniziative e donazioni, tra le quali le umanizzazioni pittoriche della Risonanza del Polo Oncologico di Lecce “Giovanni Paolo II” di Lecce, della Sala Prelievi del P.O. “V. Fazzi” e del Day Service Pediatrico di Diabetologia e Endocrinologia del P.O. “F. Ferrari” di Casarano





Continua a Leggere

Attualità

Casarano: ok la cittadinanza a Zaki, però…

Patrick cittadino onorario casaranese? Ben venga! Insieme però a tutti gli altri che come lui sono innocenti ma che, per loro sfortuna, non hanno nemmeno l’onore di esser nominati a Sanremo e continuano a marcire in 6 in una cella in attesa che il giudice torni dalle ferie o dallo smartworking o nella speranza che il cancelliere non si perda una fotocopia del loro fascicolo

Pubblicato

il

La minoranza consiliare di Casarano non demorde e, dopo aver preso contatti con il Presidente del Consiglio Comunale, Giampiero Marrella, dopo una prima istanza dello scorso dicembre, è pronta a ripresentare l’Ordine del Giorno per il conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki.

Probabilmente ormai tutti sapranno delle vicissitudini giudiziarie di questo ragazzo egiziano (la cui vicenda è stata ricordata anche da Amadeus dal seguitissimo palco di Sanremo): cittadino egiziano, studente dell’Università di Bologna,  attivista di opposizione e membro di un’Associazione per la difesa dei diritti umani, nel 2019 viene colpito da un ordine di cattura da parte del suo Paese, con l’accusa di  minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento alle proteste illegali, sovversione, diffusione di false notizie, propaganda per il terrorismo.

Patrick continua comunque a studiare tranquillamente a Bologna ma il 7 febbraio di un anno fa, appena atterrato a il Cairo, viene arrestato in ottemperanza a quel provvedimento per il quale risultava essere latitante.

Da lì in poi, per il povero Patrick inizia un calvario giudiziario e procedurale che, a distanza di oltre un anno, lo vede ancora in uno stato di “carcerazione preventiva” in attesa di un vero e proprio processo.

Da lì in poi, su input di 26 europarlamentari italiani, tutta la comunità internazionale prende a cuore la difficile e ben poco invidiabile situazione di questo ragazzo, intimandone all’Egitto l’immediata scarcerazione.

Sulla scia di queste vicende quindi, l’iniziativa della minoranza consiliare casaranese e l’istanza di concessione della cittadinanza onoraria.

Ma la domanda che sorge è: perché? Ovviamente l’iniziativa è meritoria ed altrettanto ovviamente tutti noi ci auspichiamo che il ragazzo venga al più presto liberato e quindi la domanda completa è: “perché proprio lui?” o meglio, “perché solo lui?”.


Solo nel 2019 e solo nel nostro Paese, le Corti di Appello hanno ritenuto fondate oltre mille richieste di riparazione per ingiusta detenzione (fonte: errorigiudiziari.com) e noi contribuenti abbiamo pagato le relative e giuste compensazioni economiche, alle quali vanno aggiunte tutte quelle che rinunciano a ricorrere o che non riescono a dimostrarlo (attenzione: dati relativi al solo 2019).

La Corte di Strasburgo inoltre ha già più volte richiamato il nostro Paese per aver ecceduto, guarda un po’, proprio nell’istituto della custodia cautelare. E già il fenomeno comincia a toccarci un po’ più da vicino soprattutto se ricordiamo il periodo di “mani pulite” o certe maxi-operazioni anche più attuali che poi si risolvono in un nulla di fatto. Inoltre, non scordiamolo, il ragazzo è egiziano, detenuto in Egitto ed il provvedimento è emanato da uno Stato sovrano e quindi perfettamente legittimo da un punto di vista normativo anche a livello internazionale; oltretutto non si intravedono pericoli per la sua vita (le imputazioni infatti non prevedono la pena di morte) e pare che la madre lo abbia potuto incontrare.

Questo non toglie nulla all’auspicio che Patrick possa essere liberato, anche perché notoriamente le carceri egiziane non sono così confortevoli; ma accanto a lui auspichiamo che venga liberato anche Gennaro Esposito a Poggioreale, Ciccillo Cacace a San Vittore e tutte le centinaia di detenuti che aspettano per tantissimo tempo, il corso della giustizia.

Attenti poi a non cadere nella tentazione di pensare che sia un problema esclusivo dei nostri giorni in quanto il grande Nanni Loy, già nel 197,1 diresse Alberto Sordi in quell’inquietante film “detenuto in attesa di giudizio” che, in un certo qual modo, raccontava proprio gli stessi fatti.

Patrick cittadino onorario casaranese? Ben venga! Insieme però a tutti gli altri che come lui sono innocenti ma che, per loro sfortuna, non hanno nemmeno l’onore di esser nominati a Sanremo e continuano a marcire in 6 in una cella in attesa che il giudice torni dalle ferie o dallo smartworking o nella speranza che il cancelliere non si perda una fotocopia del loro fascicolo.

Perché, purtroppo, in una società come la nostra in cui quel che conta è solo l’evidenza mediatica, ed i problemi si risolvono solo se interviene Striscia la Notizia, sarebbe oltremodo ingeneroso, nei confronti proprio degli ultimi e dei dimenticati, continuare a dare ancora più evidenza a chi già ce l’ha o peggio, fare qualcosa soltanto perché va di moda e perché quella è la tendenza “politicamente corretta” del momento.

Antonio Memmi

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus