Connect with us

Attualità

Il Tar di Bari accoglie ricorso Codacons: si torna a scuola!

Il tribunale amministrativo pugliese ha accolto il ricorso urgente del Codacons e sospeso l’ordinanza emessa dal Governatore Emiliano che disciplinava la didattica a distanza e chiudeva la didattica in presenza

Pubblicato

il

Un’ordinanza che aveva lasciato dietro se una scia di polemiche quella del governatore Michele Emiliano se non altro perché non disegnava con chiarezza i parametri per quali determinati alunni potevano continuare a fare lezione in presenza ed altri no.


Tutto inutile, però, dall’ordinanza alle polemiche che ne sono seguite, perché il Tar di Bari ha accolto il ricorso urgente del Codacons e sospeso con effetto immediato l’ordinanza, in vigore da ieri, emessa dal Governatore Emiliano che disciplinava la didattica a distanza e chiudeva la didattica in presenza.


A questo punto dunque dovrebbero essere riaperte le scuole ed i ragazzi dovrebbero tornare in aula con didattica in presenza al 100% per medie ed elementari, e una percentuale pari al 50% per le superiori.

«Il presidente della Regione, ancora una volta terrorizzato da un potenziale aumento esponenziale dei contagi nelle scuole che ad oggi non ha ragione di esistere», si legge nel ricorso del Codacons, «ha stabilito la chiusura totale di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Senza alcun riguardo alle evidenze epidemiologiche. O quanto meno, senza esplicitare i motivi epidemiologici secondo i quali, all’interno di una regione gialla. L’unica attività di rango costituzionale che non possa essere effettuata in presenza è la scuola».


Tesi questa accolta di Giudici che hanno sospeso con effetto immediato l’ordinanza di Emiliano.


Attualità

Gaming e Twitch: la crescita del gioco online e dello streaming

Un comparto in grado di generare un giro d’affari da record, in Italia così come in tutto il mondo

Pubblicato

il

Il gaming online può essere considerato come uno dei settori di maggior successo.

Si tratta infatti di un comparto in grado di generare un giro d’affari da record, in Italia così come in tutto il mondo.

Il periodo di crisi sanitaria e di lockdown, inoltre, ha accentuato il successo del gaming: per mesi, infatti, gli italiani si sono ritrovati chiusi in casa, senza la possibilità di sfogarsi, ma con alcune opzioni come il gaming.

Ecco perché oggi scopriremo insieme i numeri di questo settore, e la sua evoluzione, legata anche allo streaming dei contenuti su piattaforme come Twitch.

Il gaming e il suo rapporto con lo streaming online

Il settore del gaming lo scorso anno è andato incontro ad un aumento del proprio giro d’affari pari al +11%, con l’Italia che si è posizionata quarta nella classifica europea. Ma quando si analizza questo comparto, non si può fare a meno di studiare anche il rapporto del gaming con lo streaming online, e nello specifico con piattaforme come Twitch. Il noto servizio di proprietà di Amazon, infatti, rappresenta un must per tutti gli appassionati, dai PRO ai semplici gamer che desiderano condividere le proprie sessioni con gli altri.

In sintesi, il ruolo che un tempo apparteneva a YouTube adesso è nelle mani di Twitch, potendo contare fra l’altro su un pacchetto di strumenti molto più adatto per gli streamer e per le dirette live. Naturalmente per “strimmare” servono un PC o un tablet e una buona connessione a internet; a proposito di quest’ultima, può essere utile consultare i siti dei principali operatori del settore e sottoscrivere un abbonamento con wifi illimitato, in modo da non porsi il problema del consumo dei dati entro una certa soglia. Come anticipato poco sopra, Twitch è una piattaforma che ospita moltissimi PRO gamer, particolarmente noti in tutto il mondo, e gli italiani non fanno eccezione. Questo correla Twitch anche al giovane comparto degli eSports, a sua volta in grado di generare profitti da record, non solo per i gamers ma anche per le aziende e i partner commerciali.

I giochi in streaming più popolari su Twitch

Il primo posto in classifica sorprende un po’, ma viene certificato dai dati ufficiali: si tratta di Super Mario Maker, un videogioco che può contare su diversi streaming con una media di più di 1.000 spettatori. Il motivo del successo? È uno dei giochi che permette di interagire più facilmente con il proprio pubblico.

Altri videogames molto diffusi nelle dirette di Twitch? Non potremmo non citare League of Legends, IRL e Grand Theft Auto V, insieme ad altri must come Counter Strike Global Offensive e il nuovo capitolo di The Legend of Zelda. Infine, nella classifica si trovano pure altri giochi come Dead By Daylight, l’immortale Minecraft, Fortnite e Resident Evil 7. In sintesi, c’è una sessione di streaming adatta per ogni desiderio.

Continua a Leggere

Attualità

I fatti smentiscono le voci: il canone RAI resta nella bolletta della luce

Il governo non dà seguito ai rumors di questi giorni secondo cui l’Italia si sarebbe attenuta ad una richiesta di Bruxelles

Pubblicato

il

Non trovano conferme i rumors secondo i quali ieri l’esecutivo avrebbe dovuto scorporare il canone RAI dalle bollette della corrente elettrica.

Contrordine quindi: la tassa continuerà ad essere riscossa così come accade dal 2015, da quando il governo Renzi, per tentare di mettere un freno all’evasione fiscale, la inserì nella fattura della luce.

Il Sole 24 Ore scrive che questa misura “non risulta che sia oggetto di un intervento ad hoc nella bozza del disegno di legge per la concorrenza. Quest’ultimo, peraltro, in base alla tabella di marcia dettata dal Recovery Plan, doveva essere presentato entro fine luglio, ma si va verso uno slittamento del provvedimento che arriverà in Cdm a settembre, alla ripresa dei lavori del Parlamento”.

La norma potrebbe anche finire nella prossima legge di Bilancio, ma in ogni caso le eventuali novità entrerebbero in vigore nel 2022, mentre per il 2021 il canone sarà ancora regolarmente addebitato in bolletta.

Continua a Leggere

Attualità

La Puglia prende il volo: 5 nuove rotte a partire da ottobre

Ryanair ieri ha annunciato il suo programma operativo per la ripresa della Puglia, introducendo cinque nuove rotte per l’inverno 2021, tra cui risalta l’inedito collegamento diretto con il Portogallo, con lo snodo Bari-Porto che partirà dall’ultima settimana di ottobre

Pubblicato

il

La Puglia continua a crescere ed intensifica le sue connessioni aeree con l’Europa e ad altre destinazioni interne, in attesa che la campagna vaccinale prosegua e sia possibile rafforzare ulteriormente il turismo europeo. Lo fa grazie a Ryanair, che ieri ha annunciato il suo programma operativo per la ripresa della Puglia, introducendo cinque nuove rotte per l’inverno 2021, tra cui risalta l’inedito collegamento diretto con il Portogallo, con lo snodo Bari-Porto che partirà dall’ultima settimana di ottobre.

I NUOVI COLLEGAMENTI ESTIVI ED INVERNALI

La compagnia, che conta 67 rotte estive e 54 rotte invernali dagli aeroporti di Bari e Brindisi, dimostra di continuare a credere nelle potenzialità di crescita per gli scali regionali, nonostante la concorrenza di altri vettori low cost. Durante l’estate il vettore irlandese utilizzerà le basi pugliesi (3 a Bari e 1 a Brindisi), che supportano 120 posti di lavoro Ryanair, con 16 nuove rotte: 13 da Bari ad Alghero, Alicante, Chania, Munster, Ibiza, Santorini, Kos, Marsiglia, Pafo, Sofia, Varsavia, Zara e Zante; 3 da Brindisi a Madrid, Malta e Rodi. In totale sono previsti 323 voli in partenza a settimana.

Durante l’inverno gli aeromobili con base in Puglia saranno sempre 4 (3 a Bari e 1 a Brindisi) per un totale di 54 rotte, con 5 nuove destinazioni: 3 collegheranno Bari a Comiso, Porto e Tel Aviv; 2 da Brindisi per collegare l’Aeroporto del Salento con Barcellona e Genova.

LA SODDISFAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DI AEROPORTI DI PUGLIA

Marco Catamerò, direttore generale di Aeroporti di Puglia, fa sapere: «l’annuncio di 5 nuove rotte per l’inverno è un’ulteriore conferma del costante lavoro messo in campo anche durante la pandemia dalla società e delle grandi potenzialità del territorio colte appieno da Ryanair che continua ad investire nella nostra regione, risultando strategica per Aeroporti di Puglia e posizionandosi come la principale compagnia aerea anche per il gran numero di rotte operate e dei passeggeri trasportati».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus