Connect with us

Attualità

Nuovo DPCM: le regole per le feste

Anticipazioni sul nuovo decreto ad hoc in vigore da venerdì 4 dicembre e fino all’epifania. Coprifuoco anche a Natale e Capodanno; ristoranti aperti fino alle 18 anche nei giorni di festa; negozi fino alle 21; vietato spostamento tra regioni e anche tra Comuni nei giorni 25 e 26 dicembre e 1 gennaio

Pubblicato

il

C’è grande attesa per conoscere le regole che normeranno il nuovo Dpcm in vigore da venerdì 4 dicembre.


Il tavolo tecnico ha ipotizzato anche nello scenario migliore, quello auspicato con tutte le regioni colorate di giallo un indice di contagio basso e la tenuta delle strutture sanitarie, di non autorizzare in alcun modo un pericolosissimo liberi tutti.


Tanto che il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato di «giallo rafforzato» e il riferimento va al divieto di spostamento tra le regioni, all’obbligo di quarantena per chi torna dall’estero dopo il 20 dicembre e alla scelta di mantenere il coprifuoco alle 22 anche nei giorni di Natale e Capodanno, così come gli impianti da sci chiusi.


Palazzo Chigi questa volta scriverà un decreto ad hoc, che andrà in Gazzetta Ufficiale insieme al Dpcm e servirà a coprire dal punto di vista costituzionale la limitazione delle libertà personali, a cominciare dalla circolazione. Il decreto dovrà anche allungare la vita del Dpcm, che fin qui è stata di soli 30 giorni.


Vietato spostamento tra regioni


Sarà vietato lo spostamento tra le Regioni, anche quelle che si trovano in fascia gialla, dal 20 dicembre e per tutta la durata delle festività, fino a dopo l’Epifania.


Misura che riguarderà anche i Comuni ma solo per i giorni 25 e 26 dicembre e 1 gennaio.


Questo «per limitare al massimo i trasferimenti ed evitare che il virus sia veicolato in tutto il Paese».


Sarà sempre previsto il ritorno presso la propria residenza o domicilio e si sta ancora discutendo se concedere deroghe per evitare che gli anziani debbano trascorrere le festività da soli, dunque consentendo a un parente stretto di muoversi.

Tra le deroghe su cui il premier e i ministri hanno discusso fino a notte c’è quella che consentirebbe di raggiungere le seconde case anche se si trovano fuori regione, purché in fascia gialla.


 Coprifuoco anche a Natale e Capodanno


 Il coprifuoco rimane alle 22 e durerà fino alle 6 per l’intero periodo delle festività. Nessuna deroga: le funzioni religiose dovranno dunque terminare entro un orario compatibile con il rientro a casa dei fedeli. Al momento l’indicazione della Conferenza episcopale è che ogni parrocchia organizzi le messe durante la giornate festive seguendo i protocolli e quindi evitando gli assembramenti. C’è comunque l’ipotesi di fornire un’indicazione riguardo alla messa di Natale che potrebbe essere celebrata alle 20.


 Nei negozi fino alle 21


I negozi chiuderanno alle 21 e i centri commerciali potranno rimanere aperti il fine settimana e nei giorni festivi prima del 20 dicembre.  Dovranno restare chiusi invece durante le festività.


Ristoranti fino alle 18, anche nei giorni di festa


Per i ristoranti rimane la chiusura obbligatoria alle 18 e dopo quest’orario saranno consentite soltanto la vendita d’asporto (con divieto di consumare cibo e bevande nelle vicinanze del locale) e la consegna a domicilio. Dovrebbero restare aperti i ristoranti il giorno di Natale, Santo Stefano e forse anche a Capodanno. Una soluzione che, secondo gli esperti del Cts, «eviterebbe i pranzi con un numero alto di commensali all’interno delle case favorendo invece gli incontri in luoghi che hanno regole ferree».


Attualità

C’è Neviano nella Settimana Enigmistica

Pubblicato

il


Lo storico periodico “La Settimana Enigmistica” fa tappa in Salento.





Sull’ultimo numero, quello di questa settimana, un intero cruciverba è dedicato a Neviano.





Le foto stampate a pagina 21 hanno a tema i principali luoghi d’interesse della cittadina del Galatinese.




Ecco la foto di Ezio Mega.










Continua a Leggere

Attualità

Contagi odierni sotto i mille casi. Decessi in Puglia tristemente in cifra tonda

Pubblicato

il


Oggi, domenica 24 gennaio in Puglia, sono stati registrati 8.623 test per l’infezione da Covid-19 e sono stati registrati 954 casi positivi: 333 in provincia di Bari, 45 in provincia di Brindisi, 111 nella provincia BAT, 213 in provincia di Foggia, 75 in provincia di Lecce, 174 in provincia di Taranto, 3 casi di provincia di residenza non nota.

Sono stati registrati 14 decessi: 6 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 3 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Taranto.




Mestamente in cifra tonda il totale dei decessi da inizio pandemia: sono 3mila.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.248.985 test.

58.040 sono i pazienti guariti.

55.070 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 116.110, così suddivisi:

44.408 nella Provincia di Bari;

13.093 nella Provincia di Bat;

8.338 nella Provincia di Brindisi;

24.668 nella Provincia di Foggia;

9.480 nella Provincia di Lecce;

15.447 nella Provincia di Taranto;

570 attribuiti a residenti fuori regione;

106 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 24.1.2021 è disponibile al link: http://rpu.gl/siGqh


Continua a Leggere

Attualità

Un arcobaleno di foto dal Capo di Leuca

Pubblichiamo tutti vostri scatti al meraviglioso arcobaleno completo di oggi

Pubblicato

il


L’arcobaleno completo di oggi visto dalle vostre angolazioni.





Foto di Antonio Costa, da Alessano




Foto di Alessia Prontera, da Giuliano di Lecce



Foto di Alessia Buccarello, da Alessano




Foto di Elisabetta Alfarano, da Tiggiano




Foto di Irene Scarascia, da Specchia

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus