Connect with us

Attualità

Raccolta rifiuti: banditi i sacchetti neri

Non riciclabile in sacchetti semitrasparenti o anche buste della spesa; carta e cartone solo nei secchi appositi (o, al massimo, in altri cartoni), plastica nel bidoncino o al massimo in buste di plastica, purchè non siano quelle nere

Pubblicato

il

Un po’ di confusione da qualche giorno in molti paesi del Salento per la raccolta differenziata dei rifiuti.


Cittadini in alcuni casi disinformati (e non certo per colpa loro), in altri arrabbiati perché, in un periodo in cui non possono neanche recarsi all’ecocentro di riferimento, chiuso per il lockdown, gli lasciano la spazzatura davanti casa.


Dopo anni in cui i rifiuti sono stati conferiti senza badare al tipo di sacco, all’improvviso si è deciso di far rispettare quelle che dovevano essere le regole in vigore fin dal primo giorno della nuova raccolta differenziata.


ortunatamente almeno per il momento non ci risultano sanzioni amministrative ma solo “avvisi” a fianco del sacco lasciato davanti casa e che il cittadino si deve riprendere.


Ciò che non quadra sono il tempismo (era il caso di decidersi proprio in questo momento in cui le situazioni da affrontare sono altre e ben più serie?) e la scarsa comunicazione. Nessuno era stato avvertito del cambiamento in atto (vero che le regole sono le stesse in vigore sin dall’inizio ma se per due anni non vengono fatte rispettare è quasi ovvio che per per tutti quanto fatto finora diventi normalità), né le Aro hanno neanche contattato i media per darne notizia mediante comunicato stampa.


Indagando abbiamo scoperto che in questo periodo in cui tutto è fermo, chi raccoglie la carta o la plastica da riciclare ha i depositi pieni e quindi è più rigido nella selezione quando ritira. Con la conseguenza che non paga come carta o plastica ciò che è contenuto nelle buste che invece diventa indifferenziato.


In questo modo ne consegue un danno economico a tutti i soggetti interessati alla raccolta e, dalle Aro in giù, i conti non quadrano.

Carta e cartone, quindi, solo nei secchi appositi (o, al massimo, in altri cartoni) e plastica nel suo bidoncino o al massimo in buste di plastica, purchè non siano quelle nere.


Riguardo il non riciclabile, fino allo scadere del lockdown, i sacchi neri verranno ancora ritirati se correttamente inseriti nell’apposito bidoncino.


Alla fine dell’emergenza sanitaria (chi di dovere per favore chiarisca se dal 4 maggio o come altre fonti sostengono dal 1° giugno), niente più sacchetti neri ma, rispetto alla prima comunicazione, non sarà obbligatorio utilizzare sacchi completamente trasparenti che, anzi, sono un’aperta violazione alla privacy di ognuno, ma andranno bene tutti i sacchetti semitrasparenti o colorati. Come le buste della spesa, per intenderci.


Eventuali infrazioni saranno anche soggette a sanzioni amministrative.


 


Attualità

Emiliano fa il bis: Fitto sconfitto

Pubblicato

il


Iniziano i festeggiamenti nel centrosinistra pugliese.





La quarta proiezione Rai indica il governatore pugliese Michele Emiliano al 46,1 per cento contro il 37,7 per cento del suo sfidante di centrodestra. I Cinque Stelle con Antonella Laricchia oscillano tra il 10 e il 12 per cento, malgrado un trionfo al referendum (75% i Sì).




È una riconferma netta che spazza via i dubbi delle ultime ore e il timore di una risalita dello schieramento sostenuto da Salvini. In attesa dei dati ufficiali la Puglia si prepara ad un nuovo mandato di Michele Emiliano.


Continua a Leggere

Attualità

Nomine Asl: Rocco Palese direttore a Gagliano

Pubblicato

il


Sono state pubblicate oggi, in corrispondenza della chiusura dei seggi elettorali, le delibere con le quali l’azienda sanitaria di Lecce conferisce gli incarichi ai nuovi direttori dei distretti socio sanitari.





Roberto Pulli dirigerà il distretto di Campi, Costantino Giovannico quello di Lecce e Rocco Palese quello di Gagliano del Capo.

Nelle relative delibere del 15 settembre scorso, pubblicate nella giornata odierna, si legge che l’incarico di direttore del distretto viene assegnato dal direttore generale (Rodolfo Rollo in questo caso), ad un medico interno all’asl con esperienza nella gestione dei servizi sanitari del territorio oppure ad un medico convenzionato con l’azienda sanitaria da almeno dieci anni, scelta che però deve essere motivata.




Fa notizia in particolar modo la nomina di Rocco Palese, medico e politico di lungo corso, storico fittiano e onorevole definito parlamentare salentino più produttivo qualche anno fa.


Continua a Leggere

Attualità

Nuovi contagi: 81 casi in Puglia, a Salice chiude il Comune per 3 positività

Pubblicato

il

Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi lunedì 21 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 1.895 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 81 casi positivi: 37 in provincia di Bari, 14 in provincia BAT, 25 in provincia di Foggia, 4 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Taranto.

E’ stato registrato 1 decesso in provincia di Taranto.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati  376.960 test.

4306 sono i pazienti guariti.

2189 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.075, così suddivisi:

2.746 nella Provincia di Bari;

580 nella Provincia di Bat;
758 nella Provincia di Brindisi;

1.682 nella Provincia di Foggia;

759 nella Provincia di Lecce;

496 nella Provincia di Taranto;

53 attribuiti a residenti fuori regione;

1 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Ufficilizzati intanto 3 casi nel municipio di Salice Salentino: due dipendenti comunali ed un amministratore sono risultati positivi. Sono scattate nelle scorse le operazioni di sanificazione in Comune e l’isolamento dei contatti.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus