Connect with us

Cronaca

Addio semaforo: iniziano i lavori per la rotatoria all’uscita di Gagliano

Dopo il sopralluogo di aprile, dalla settimana prossima si apre il cantiere con parziale interdizione al traffico

Pubblicato

il


Tutto pronto per la realizzazione della rotatoria all'incrocio tra la strada SS275, la Sp351 e via Margherita di Savoia nel territorio di Gagliano.





Il Comune comunica l'"interdizione alla viabilità veicolare nei pressi dell’incrocio per apertura cantiere" a far data dal 14 giugno.





Lunedì "inizieranno i lavori di cantierizzazione per la realizzazione della rotatoria del cimitero, la circolazione veicolare sul tratto di via Margherita di Savoia, interessato dai lavori, non sarà consentita".




L'attesa è quindi finita. Negli ultimi mesi l'amministrazione, condotta dal sindaco Gianfranco Melcarne, ha costantemente aggiornato la cittadinanza sugli sviluppi. Dopo Natale, l'incrocio, dove ora il traffico è regolato da semafori, era stato interessato da un guasto all'impianto causato da un fulmine. L'amministrazione aveva provato ad accelerare l'inizio dei lavori per scongiurare una spesa, quella relativa alla riparazione dei semafori, a quel punto scongiurabile. Dalle istituzioni interessate era giunta la notizia che l'opera non sarebbe stata realizzata in tempi brevissimi. Ad aprile si è tenuto il sopralluogo in vista dei lavori che, ora, sono pronti a partire come previsto.





Lor. Z.


Alliste

Uno col metadone senza etichetta, l’altro ladro seriale: due arresti nello stesso centro

Doppio fermo operato dai carabinieri della Compagnia di Casarano nel Comune di Alliste

Pubblicato

il

I controlli dei carabinieri di Casarano hanno portato a due fermi ad Alliste per due episodi separati e differenti.

Un arresto ha interessato un 44enne, raggiunto da provvedimento emesso dall’ufficio di sorveglianza per le circoscrizioni di Lecce e Brindisi.

L’uomo era già detenuto ai domiciliari per altra causa quando, alcuni giorni fa, è stato sorpreso a bordo della sua autovettura in possesso di due flaconi di metadone privi di etichetta identificativa. I flaconi sono stati sottoposti a sequestro dai carabinieri, debitamente repertati, assunte in carico in attesa di essere versati presso l’ufficio corpi di reato del tribunale di Lecce. Poi, l’uomo è stato sia deferito per essersi rifiutato di sottoporsi ad accertamenti tossicologici, che arrestato. Espletate le formalità di rito, è stato poi associato alla casa circondariale “Borgo san Nicola” di lecce, così come disposto dall’autorità giudiziaria.

Autorità giudiziaria che ha ordinato anche un altro arresto, quello operato dai carabinieri stazione Racale, in questo caso su provvedimento emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Lecce.

È ritenuto responsabile del reato di furto in abitazione aggravato e continuato, commesso dal dicembre 2016 al febbraio 2017 in Alliste. Dovrà scontare la pena definitiva residua di un anno di reclusione. Arrestato, è stato tradotto presso la casa circondariale “Borgo san Nicola” di Lecce.

Continua a Leggere

Cronaca

Soffia la tramontana, Salento sferzato dagli incendi

Fiamme alte in zona “Cabina” sulla Litoranea Pescoluse-Torre Vado e, soprattutto, tra Santa Cesarea e Porto Badisco dove sono in azione i Canadair giunti da Roma

Pubblicato

il

Complice anche il forte vento di tramontana una serie di incendi da questa mattina sta sferzando il Salento impegnando i vigili del fuoco (dalla provincia di Lecce è stato chiesta la collaborazione ai colleghi della provincia di Brindisi) e la protezione civile.

Segnalazioni ci giungono da Santa Cesarea e Porto Badisco, dove ci sono i Canadair impegnato a spegnere le fiamme, dalla zona “La Cabina” sulla Litoranea Pescoluse-Torre Vado  e Tricase (incendio spento questa mattina).

In particolare la Protezione Civile Salento ha comunicato che, tra Santa Cesarea Terme e Porto Badisco, continuano le operazioni aeree antincendio  dei Canadair 11, 10 e 20 questi ultimi intervenuti da Roma, rifornimento acqua sempre nel lago Alimini grande causa mare mosso.

Continua a Leggere

Attualità

Covid, numeri ancora confortanti ma c’è apprensione per la variante indiana

Antonio Parisi, direttore del laboratorio di biologia molecolare dell’Istituto zooprofilattico di Puglia e Basilicata: «La variante indiana ha iniziato a circolare in Puglia e potrebbe sostituire quella inglese, oggi dominante». Stefano Termine, direttore del dipartimento Igiene e sanità pubblica della Asl di Brindisi, «Sembrerebbe che tutti i prodotti vaccinali siano efficaci contro le varianti, ma soltanto a ciclo vaccinale completato»

Pubblicato

il

Mentre il bollettino regionale odierno sulla diffusione del virus regala ulteriori confortanti notizie (appena 47 casi positivi su 3.405 registrati con un tasso di positività dell’1,38  per cento)1cresce l’apprensione in Puglia per la variante indiana del covid.

In regione infatti sono stati registrati 25 casi di positività alla variante indiana del virus.

La maggior parte delle infezioni sono state rintracciate nella città di Brindisi, due nel barese e qualche altro caso nella nostra provincia. Peraltro il numero potrebbe aumentare nei prossimi giorni: si attende il controtest dell’Istituto di zooprofilassi di Puglia e Basilicata su altri otto casi sospetti provenienti sempre dal brindisino. Un particolare monitoraggio è in atto anche in altri cinque Comuni della provincia di Lecce dove era stata accertata la presenza della variante.

«Dopo il primo caso abbiamo subito effettuato un tracciamento retrogrado degli altri contatti così che è stato possibile confinare i contagi», ha spiegato ai media Stefano Termine, direttore del dipartimento Igiene e sanità pubblica della Asl di Brindisi, «se si riesce a isolare i contagi in tempo, possiamo bloccarne la diffusione. Sembrerebbe che tutti i prodotti vaccinali siano efficaci contro le varianti, ma soltanto a ciclo vaccinale completato. Bisogna stare molto attenti e continuare ad adottare le misure anticontagio».

«La variante indiana ha iniziato a circolare in Puglia e potrebbe sostituire quella inglese, oggi dominante», ha evidenziato Antonio Parisi, direttore del laboratorio di biologia molecolare dell’Istituto zooprofilattico di Puglia e Basilicata, «abbiamo iniziato un’attività di sorveglianza per intercettare il prima possibile l’insorgenza di nuove varianti e isolarle. L’intento è di mettere a sistema tutte le strutture che fanno diagnostica per tenere conto di tutti i tamponi analizzati».

C’è da dire che, rispetto a quanto successo per i cluster riscontrati nei mesi scorsi nel leccese, nei casi di Brindisi nessuno aveva fatto viaggi all’estero o in Italia o aveva avuto rapporti con persone provenienti dall’India.

Tornando all’odierno bollettino regionale sono 17 i  nuovi casi in provincia di Lecce.

Registrati altri 2 decessi di pugliesi: uno in provincia di Bari, l’altro in provincia di Brindisi.

Il riepilogo

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.574.526 test.

233.106 sono i pazienti guariti.

12.584 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 252.280 di cui 26.793 nella provincia di Lecce.

Il bollettino del 14 giugno 2021

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus