Connect with us

Copertino

Armi e droga un arresto

37enne di copertino fermato dagli agenti della Polizia di Stato per detenzione di sostanza stupefacente e possesso di arma con matricola abrasa

Pubblicato

il

Gli agenti della Sezione investigativa del Commissariato di Polizia di Nardò al termine di un’accurata attività d’indagine, nell’ambito del  contrasto  al  dilagante  fenomeno  dello spaccio di stupefacenti, hanno tratto in arresto N.M., 37enne di Copertino, ritenuto responsabile del reato di detenzione di stupefacenti e possesso di arma clandestina con matricola abrasa e relativo munizionamento.


Gli investigatori, durante lo svolgimento del servizio in abiti civili e con auto civetta nella città di Copertino, notavano un’auto che a velocità sostenuta attraversava il centro cittadino, allarmati si mettevano all’inseguimento della vettura che veniva raggiunta dopo qualche chilometro e fermata per effettuare i dovuti controlli.


A bordo il conducente, un 37enne nativo del luogo, manifestava da subito una certa insofferenza dando segni di nervosismo, tale atteggiamento destava ulteriori sospetti negli operatori che, dapprima procedevano al controllo del veicolo, ed in seguito optavano per la perquisizione domiciliare presso l’abitazione di residenza dell’uomo, ubicata nello stesso comune.


L’esito positivo della perquisizione ha permesso agli investigatori di sequestrare circa 100 grammi di cocaina e gli strumenti atti al taglio ed al confezionamento delle dosi.

Inoltre rinvenute tre pistole, di cui due di libera vendita e una clandestina con matricola abrasa ed il relativo munizionamento.


La perquisizione veniva estesa ad altro immobile di proprietà dell’uomo, sito nelle marine di Nardò, dove si rinvenivano altri 10 grammi di cocaina, occultati in un involucro di cellophane insieme ed altro materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi, chiusi in un barattolo in cucina, materiale tutto sottoposto a sequestro.


Al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’A.G. il 37enne è stato associato presso la Casa Circondariale di Lecce “Borgo San Nicola”.


Copertino

Auto e ragazzo di venti anni si cappottano sulla tangenziale

Arrivati gli aiuti hanno subito soccorso il conducente e…

Pubblicato

il

Alle ore 8.40 circa, di questa mattina, una squadra dei vigili del fuoco di Lecce è intervenuta sulla tangenziale est, anello esterno, uscita zona industriale, per un incidente stradale in cui è rimasta coinvolta una Toyota Yaris che, una volta uscita di strada, si è cappottata.

Arrivati gli aiuti hanno subito soccorso il conducente e messo in sicurezza la zona per le operazioni.

Il malcapitato è un ragazzo di venti anni, che è stato trasportato presso l’ospedale di Copertino in codice verde.

 

Continua a Leggere

Aradeo

Salento: incidenti e vittime della strada, bilancio in crescita

L’elenco delle strade più pericolose del Salento…

Pubblicato

il

Incidenti e vittime sulle strade del Salento in crescita, ma il bilancio annuale potrebbe essere ancora più disastroso.

Stando ai numeri dell’Asset (servizio Cremss) delle forze dell’ordine, le province di Lecce e Brindisi sono quelle in cui, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, nel primo semestre si è registrato il maggior incremento di sinistri stradali .

Il 72% dei sinistri è avvenuto nei centri abitati, con il 21% per cento dei decessi e il 68 per cento dei feriti; il 28% dei sinistri, il 79% dei decessi e il 32 per cento dei feriti si sono registrati fuori città.

In 13 comuni si è consumato il 52,1%  di incidenti registrati su tutta la regione e Lecce e Brindisi ‘godono’ del primato in questa classifica.

Lecce è al terzo posto con 207 sinistri (lo stesso numero di Foggia), Brindisi al quinto con 161.

Per quanto riguarda la distribuzione degli scontri nei comuni pugliesi, nel corso dei primi sei mesi di quest’anno, in 43 comuni, dei 257 pugliesi, non sono stati rilevati sinistri stradali con morti e feriti, in 134 comuni i sinistri registrati vanno da uno a dieci.

I comuni dove si contano da undici a 30 sinistri sono 56, mentre in 11 comuni ne sono stati registrati da 31 a 60.

Quali sono le strade più pericolose?

Le provinciali, che in Puglia hanno registrato il 40% degli episodi mortali e il 38% dei decessi, seguite dalle strade statali: il 27% degli incidenti mortali e del 27% dei decessi.

A seguire le strade urbane, dove si sono concentrati il 23% degli incidenti mortali e il 21% di vittime.

La strada in provincia di Lecce che registrato il maggior numero di incidenti è la provinciale 362 (che collega il capoluogo a San Cesario di Lecce e a Galatina);  la 363 (che conduce da Galatone a Santa Cesarea passando da Seclì, Aradeo, Cutrofiano, Maglie, Poggiardo e Vitigliano) ed infine si registrano numeri più bassi per la provinciale 71 (Casarano – Ruffano), la 41 (Galatina – Noha – Collepasso con diramazione ad Aradeo) e la 18 (Galatina – Collemeto – Copertino) dove si conta anche un mortale.

Nella provincia di Lecce è stata la statale 275 tra Maglie e Santa Maria di Leuca a registrare 17 incidenti con due morti e 30 feriti (numeri che purtroppo sono destinati a crescere notevolmente per il secondo semestre), seguita dalla statale 101 (Lecce – Gallipoli) con 15 sinistri un morto e 23 feriti.

Continua a Leggere

Copertino

Folle rapina sotto la pioggia: speronano camionista, poi via coi soldi

Banda di malviventi in fuga a bordo di Fiat Uno con l’incasso di giornata della vittima: gli 800 euro delle consegne effettuate sin lì

Pubblicato

il

Un camion è stato oggetto di una spregiudicata rapina nella giornata di ieri a Copertino.

In tre, con volto coperto, a bordo di una Fiat Uno, attorno alle 13, hanno tagliato la strada al malcapitato 60enne alla guida del mezzo aziendale lungo la provinciale 17.

L’uomo, vistosi speronato sotto la pioggia e sull’asfalto bagnato, ha dovuto arrestare la sua corsa e, sotto la minaccia di un taglierino, ha dovuto consegnare ai malviventi quanto in suo possesso: l’incasso delle consegne effettuate nella mattinata, ammontante a 800 euro contanti.

Per fortuna la vittima della rapina, spavento a parte, è uscita illesa dall’accaduto. La banda si è data alla fuga e sulle sue tracce si sono messi i carabinieri, che tutt’ora indagano.

Immagine di repertorio

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus