Connect with us

Cronaca

Barche confiscate, altro che scopi benefici!

Scoperto l’illecito utilizzo di imbarcazioni da diporto confiscate e affidate ad associazioni “non profit”. Le unità da diporto erano state sequestrate in occasione degli arrivi dei migranti sulle nostre coste

Pubblicato

il

  Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui


I Finanzieri della Sezione Operativa Navale di Gallipoli, nell’ambito di specifici servizi di polizia economico – finanziaria, hanno svolto mirati controlli nei confronti delle associazioni “non profit”, a cui sono state affidate le imbarcazioni confiscate.


In tale contesto, le Fiamme Gialle aeronavali hanno individuato, un’associazione che aveva distratto un’imbarcazione affidatagli in giudiziale custodia, vendendola ad una locale società adibita ad ormeggio e ricovero unità da diporto, al fine di ripianare un debito contratto.


In un’altra circostanza, i Finanzieri hanno individuato un Ente di diritto pubblico a cui erano stati affidati, in giudiziale custodia, due natanti da utilizzare nell’attività di sorveglianza di un parco naturale marino regionale.


Durante il controllo, l’Ente non è stato in grado di giustificare la completa scomparsa di un natante e l’abbandono dell’altro presso un cantiere navale da cui mancavano i tre motori entrobordo.

Al termine dell’attività di Polizia Giudiziaria eseguita in stretto coordinamento con la locale Procura della Repubblica, sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria sei soggetti e sequestrata un’imbarcazione.


Sulla base del principio di presunzione di innocenza, l’eventuale colpevolezza delle persone coinvolte sarà definitivamente accertata solo ove interverrà la sentenza irrevocabile di condanna.


La Componente Aeronavale della Guardia di Finanza costituisce un fondamentale presidio delle acque territoriali e contigue a tutela dell’economia legale e per contrastare le attività illecite, attraverso il mantenimento dell’operatività nell’arco delle 24 ore.


Cronaca

Cumulo di rifiuti abbandonati a Tricase, la segnalazione: “E se…?”

Il messaggio al sindaco di una nostra lettrice: “Inasprire le regole sulla differenziata potrebbe avere effetto contrario”

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo una segnalazione giunta in Redazione ed accompagnata da una considerazione.

Foto di cumuli di spazzatura da Tricase, in pieno centro abitato, in via Quintino Sella a pochi giorni dall’annunciato inasprimento di regole e controlli in merito alla differenziata ed all’utilizzo degli appositi sacchetti.

La domanda, indirizzata al sindaco dalla nostra lettrice, è: “E se tutto questo spingesse gli incivili ad un aumento dell’abbandono dei rifiuti?”

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase: donna ritrovata senza vita in casa

È accaduto nel quartiere di Sant’Eufemia. Tra le ipotesi degli inquirenti prende piede quella del suicidio

Pubblicato

il

Tragedia nel rione Sant’Eufemia a Tricase.

Attoniti gli abitanti del quartiere per quanto accaduto in via del Gonfalone.

Una donna di mezza età del posto è stata ritrovata in casa senza vita.

Non vi sono dichiarazioni ufficiali a riguardo ma a quanto trapela gli inquirenti propenderebbero all’ipotesi del suicidio.

La donna non era sposata e viveva sola in casa.

Continua a Leggere

Cronaca

Tentata truffa ad anziani: la segnalazione da Marittima

Pubblicato

il

Tentativo di truffa ai danni di anziani nell’abitato di Marittima (Diso), fortunatamente non andato a segno.

Lo segnala la locale Protezione Civile sui suoi canali social, dando notizia di quanto appreso dai carabinieri.

Ecco la comunicazione della Protezione Civile di Marittima: “La Stazione dei Carabinieri di Spongano segnala che giungono segnalazioni all’interno della giurisdizione di truffe agli anziani in queste ore.
E’ di pochi minuti un’ulteriore segnalazione di una tentata truffa nell’abitato di Marittima Si consiglia di prestare massima attenzione ed eventualmente contattare il 112”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus