Connect with us

Cronaca

Bevono in strada e non indossano mascherina: multa e denuncia

Pubblicato

il


Nell’ambito dei servizi di controllo per il rispetto della normativa anti-covid, nel pomeriggio di ieri, gli agenti in servizio presso la Sezione Volanti della Questura di Lecce hanno denunciato 2 persone del posto per ubriachezza molesta, oltraggio a pubblico ufficiale e violazione della normativa Covid. Ad uno dei due è stato contestato anche il reato di porto di oggetto atto ad offendere. Inoltre un cittadino straniero è stato denunciato per ricettazione ed un 35enne leccese per porto di oggetto atto ad offendere.




I fatti riportarti dalla Questura:

Presso la Sala Operativa giungevano numerose segnalazioni da parte di cittadini che, in via Minniti prima e in Piazzetta Congedo dopo, erano stati importunati da due soggetti sprovvisti di mascherine e con due bottiglie di birra in mano. Uno dei due soggetti, un leccese 22enne, alla vista della volante, per sottrarsi al controllo, iniziava a fuggire in direzione Via Sindaco Lupinacci, ma veniva fermato ed identificato. Il secondo soggetto, rimasto invece sul posto, veniva identificato per un leccese 23enne. Nel corso della perquisizione personale, eseguita sul primo soggetto, nella tasca anteriore destra del giubbotto veniva rinvenuto un coltello a serramanico.
Al termine degli accertamenti, considerato che i due giovani erano palesemente ubriachi e senza i previsti dispositivi di protezione individuale, venivano sanzionati per ubriachezza molesta, oltraggio a P.U. e violazione della normativa Covid.
Il 22enne veniva anche indagato per porto di oggetto atto ad offendere: il coltello infatti, della lunghezza di centimetri 28 e lama della lunghezza di centimetri 13, veniva sequestrato.
Sempre nel pomeriggio di ieri, nell’ambito dei precitati servizi, in Via Otranto, una Volante notava la presenza di due giovani di colore che discutevano animatamente. Uno dei due, un cittadino gambiano sosteneva di aver riconosciuto la sua bicicletta, asportata alcuni giorni prima, utilizzata da un cittadino tunisino 37enne che invece sosteneva di averla regolarmente acquistata. Il cittadino gambiano, tuttavia, dimostrava con delle foto e con la descrizione di alcuni particolari la titolarità del possesso, mentre il tunisino forniva indicazioni generiche e contraddittorie e pertanto veniva indagato per ricettazione.
Inoltre, in Via Taranto, una volante notava un giovane che, alla vista della Polizia, assumeva un atteggiamento sospetto e, con un movimento rapido, occultava un oggetto all’interno della tasca del marsupio, pertanto, veniva fermato e identificato per un 35enne leccese. A seguito del controllo, all’interno della tasca anteriore del marsupio, veniva trovato un coltello a serramanico del tipo multiuso della lunghezza di centimetri 18 e lama affilata e terminante a punta della lunghezza di centimetri 7, pertanto, veniva indagato per possesso di oggetto atto ad offendere. Il coltello veniva sequestrato.


Cronaca

Pubblicità sessista scatena l’indignazione nel nord Salento

Pubblicato

il


È rabbia e polemica a Lizzanello per una pubblicità che gioca su un chiaro doppio senso sessista.





Una ditta di pulizie ha lanciato dei cartelloni pubblicitari con una donna in abiti succinti intenta a spolverare e una scritta a caratteri cubitali: “Ve la diamo gratis”.
Non l’ha presa bene Fulvio Pedone, il sindaco, che ha tuonato: “Fuori da Lizzanello!”
Queste le sue parole: “Una pubblicità sessista oggi ha disturbato la consueta quiete che contraddistingue le domeniche pomeriggio della nostra comunità.





Un bizzarro richiamo alla donna, come archetipo retrogrado di genere sottomesso.






Di fatto, un errore ha richiamato Lizzanello quale località di appartenenza della società che ha sfruttato lo slogan sessista per il proprio business. Lizzanello ne è solo la sede legale, la compagine, per fortuna, è altrove.







Ad ogni modo Lizzanello e Merine non si tirano indietro e saranno sempre presenti per parteggiare contro le ingiustizie e combattere per una buona causa e questa di certo lo è !







Domani, invocando la “Raccomandazione CM/Rec(2019)1 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sulla prevenzione e la lotta contro il sessismo (adottata dal Comitato dei Ministri il 27 marzo 2019, in occasione della 1342e riunione dei Delegati dei Ministri) scriveremo un regolamento comunale che ispirato al rispetto dei principi fondamentali escluderà dalla negoziazione privata col comune le imprese che si siano negativamente distinte per comportamenti sessisti, discriminatori e razzisti, oltre a negare ogni forma di affissione pubblicitaria di natura sessista”.


Continua a Leggere

Cronaca

Lucugnano al buio per un problema tecnico

Pubblicato

il


Un improvviso blackout ha interessato Lucugnano nel pomeriggio di questa domenica.





Parte della frazione di Tricase è improvvisamente rimasta senza luce qualche ora dopo il tramonto. Varie strade e numerose case sono finite al buio.




Si tratterebbe di un problema tecnico. Dai numeri di servizio l’assistenza fa sapere di essere al lavoro per risolvere la questione. Entro le 22 il problema dovrebbe rientrare.


Continua a Leggere

Casarano

Il Covid ferma le scuole in 3 Comuni della provincia

Pubblicato

il

Il Covid continua a metter lo sgambetto al normale svolgimento della didattica delle scuole salentine.

Nelle ultime ore 3 Comuni in provincia si son visti costretti a prendere provvedimenti in seguito a contagi che hanno interessato alunni o personale scolastico.

A Casarano

Il sindaco Ottavio De Nuzzo ha disposto la chiusura del plesso di piazza San Domenico dove frequentano la scuola alunni di elementari e medie. Sono stati riscontrati diversi casi di positività e scattate una serie di quarantene a catena.

A Sternatia

Il genitore di un alunno della scuola di Sternatia è risultato positivo al Covid. Qui la misura è più precauzionale che negli altri centri: in via preventiva verrà disposta la chiusura della scuola primaria e secondaria per l’intera settimana che inizia domani. Il sindaco Manera inoltre ha disposto, a spese del Comune, uno screening su base volontaria per docenti, studenti e personale Ata.

A Maglie

Maglie chiude invece la scuola dell’infanzia, la primaria e la secondaria di via Lanoce-Marconi. Sempre causa Covid, la didattica sarà a distanza nei prossimi giorni.
Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus