Connect with us

Cronaca

Bollettino Covid Puglia: più di un contagio su 4 è in provincia di Lecce

Pubblicato

il


Il bollettino di oggi, 12 aprile 2021, in Puglia, conta 6.220 test per l’infezione da Covid-19 con un totale di 815 casi positivi: 297 in provincia di Bari, 59 in provincia di Brindisi, 33 nella provincia BAT, 172 in provincia di Foggia, 224 in provincia di Lecce, 26 in provincia di Taranto, 3 casi di residenti fuori regione, 1 caso di provincia di residenza non nota.





Tra i decessi delle ultime 24 ore si conta quello di una donna di Tricase. Deceduta a Lecce all’età di appena 52 anni, sarà tumulata a Muro Leccese dopo il funerale che, domani, si terrà a Caprarica del Capo (rione di Tricase).





In totale in Puglia sono stati registrati 39 decessi: 26 in provincia di Bari, 3 in provincia di Brindisi, 1 in provincia BAT, 5 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 3 in provincia di Taranto.









Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.007.810 test.
154.541 sono i pazienti guariti.
51.576 sono i casi attualmente positivi.
Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 211.345 così suddivisi:
82.232 nella Provincia di Bari;
20.596 nella Provincia di Bat;
15.491 nella Provincia di Brindisi;
38.718 nella Provincia di Foggia;
20.470 nella Provincia di Lecce;
32.807 nella Provincia di Taranto;
714 attribuiti a residenti fuori regione;
317 provincia di residenza non nota.





I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.
Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 12.4.2021 è disponibile qui.





Alessano: chiude scuola infanzia





Ad Alessano una scuola dell’infanzia rimarrà chiusa a causa del contagio di alcuni bambini. La sindaca Francesca Torsello spiega: “Ho emesso un’ordinanza di chiusura della Scuola dell’Infanzia di via Orfano in seguito alla positività di due bambini che ci è stata comunicata dal Dirigente scolastico; il provvedimento dispone la chiusura per i giorni 12, 13 e 14 aprile, salvo ulteriore proroga secondo le disposizioni dell’ASL”.


Casarano

Lettera a Mattarella da Casarano: “Banche e giustizia opprimenti e vessatorie”

La pesante denuncia: “Giudici che falsificano firme; curatori che dai conti fallimentari inviano soldi alle mogli: smaschereremo questo modus operandi”

Pubblicato

il


È una battaglia lunga e dura quella che due casaranesi portano avanti ormai da anni. Ma non intendo fermarsi proprio ora.





Marcello e Francesco Margari scrivono nuovamente al Presidente della Repubblica. Lo fecero già nel 2019 quando denunciarono un tema che “non riguarda solo la nostra famiglia, ma interessa migliaia di operatori italiani che rimangono intrappolati nelle maglie di una giustizia mal funzionante e di un sistema bancario opprimente e vessatorio“.





Oggi, maggio 2021, i due fratelli si armano nuovamente di carta e penna e indirizzano una nuova missiva a Mattarella. Ecco, di seguito, un loro sunto sul contenuto.





“Porremo fine a questo modus operandi”





“Una delegata del giudice che redige dei verbali falsificando la firma di mio padre e di mio fratello (denuncia depositata presso Guardia di Finanza, Carabinieri e Procura).





Un Curatore fallimentare che effettua dei prelevamenti in contanti dal conto corrente del fallimento ed emette dei bonifici, sempre dallo stesso conto del fallimento, alla propria moglie!




Curatore che riceve anche somme in contanti a pagamento dal sottoscritto, senza documentare tali somme o lasciare ricevute. Giudici che alterano e forzano le procedure senza rispettare la legge!





Condotte discutibili”, come recita la richiesta del GIP per un approfondimento di indagini su una nostra denuncia che riguarda la procedura di aggiudicazione della casa di mio padre.





Abbiamo un bel po’ di materiale che riguarda i misfatti compiuti nel Tribunale di Lecce nei confronti della nostra famiglia. E che, da quello che ci dicono altre vittime, è la normalità anche in altre procedure passate e presenti: un modus operandi!





Ora mi auguro che la parte “sana” (perché sono sicuro che esista) dei giudici presenti presso il Tribunale di Lecce non taccia, ma abbia il coraggio di evidenziare in futuro i misfatti oggettivi e documentati commessi da alcuni colleghi!





Noi andremo avanti! Andremo avanti nelle aule dei tribunali. Andremo avanti trasmettendo questi atti al CSM. Andremo avanti rendendo pubblici gli atti in nostro possesso a chiunque abbia voglia di sapere e capire le logiche che adotta molta parte della magistratura Italiana. Non importa quanto tempo ci vorrà, ma gli autori ed i complici (a tutti i livelli) di queste schifezze verranno fuori, prima o poi. Questa è una promessa (firmato, Marcello e Francesco Margari)“.


Continua a Leggere

Cronaca

Bollettino Puglia: un contagio su 3 è in provincia di Lecce

Ovunque, tranne che in Salento, in calo i nuovi casi

Pubblicato

il


Oggi, 16 maggio, in Puglia, sono stati registrati 6.895 test per l’infezione da Covid-19 e sono emersi 404 nuovi casi positivi: 95 in provincia di Bari, 38 in provincia di Brindisi, 41 nella provincia BAT, 74 in provincia di Foggia, 131 in provincia di Lecce, 23 in provincia di Taranto, 1 caso di residente fuori regione, 1 caso di provincia di residenza non nota.

Sono stati registrati 8 decessi: 3 in provincia di Bari, 3 in provincia di Brindisi, 1 in provincia BAT, 1 in provincia di Foggia.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.380.773 test.

201.369 sono i pazienti guariti.

38.718 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 246.349 così suddivisi:

93.451 nella Provincia di Bari;

24.582 nella Provincia di Bat;

18.733 nella Provincia di Brindisi;

44.194 nella Provincia di Foggia;

25.649 nella Provincia di Lecce;

38.576 nella Provincia di Taranto;

787 attribuiti a residenti fuori regione;

377 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico completo è disponibile cliccando qui.

Continua a Leggere

Cronaca

Guida senza patente: annullati due verbali da 5mila euro

Manca la prova della notifica delle contestazioni: il vice prefetto annulla le sanzioni

Pubblicato

il


Due verbali da 5mila euro l’uno, per aver guidato l’auto senza aver mai conseguito la patente, entrambi annullati.





Con ricorso presentato per due clienti, l’avvocato Andrea Maggiulli ha ottenuto l’annullamento di due ordinanze con le quali erano state comminate che sanzione amministrative pecuniarie (pari al doppio del minimo edittale) da 5mila euro, oltre alle spese di accertamento, procedimento e notifica in relazione a due verbali.





I fatti





Il primo caso risale al marzo 2014. In quella occasione il verbale fu redatto dalla polizia di Stato che ravvisava la violazione dell’art. 116, commi 15 e 17, del codice della strada. L’infrazione era avvenuta in a Lecce, in Piazzale Pisa, dove l’interessato circolava senza aver mai conseguito la patente di guida necessaria alla conduzione dei veicoli condotti.




Il secondo caso è di un anno più recente e vede le medesime norme violate. Il verbale qui è stato redatto dalla Guardia di Finanza – Compagnia di Lecce in Viale XXV Luglio il nel febbraio 2015.





A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 15 gennaio 2016 n. 8, il reato previsto per la violazione dell’art. 116 comma 15 e 17 del C.d.S., è stato depenalizzato in illecito amministrativo. Ai sensi dell’art. 9, comma 4, del D.Lgs. n. 8/2016, così come esplicato nella circolare n. 4953 del 2016 del Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno, per le violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto stesso, l’autorità amministrativa competente, nella specie il Prefetto, avrebbe dovuto notificare gli estremi della violazione agli interessati, purché il relativo procedimento penale non sia stato definito con sentenza o decreto irrevocabile.





A seguito di richiesta agli atti, presentata dall’avvocato Andrea Maggiulli e volta a verificare la correttezza dell’iter amministrativo, è emerso, per entrambi i procedimenti, che in sede di riesame non sia rinvenuta la prova della notifica delle contestazioni.
Per tali ragioni il Prefetto, nella persona del Viceprefetto, ha disposto l’annullamento delle proprie ordinanze.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus