Connect with us

Cronaca

Cadavere in cisterna: domani udienza e autopsia

Giornata chiave per il presunto omicidio di Specchia: attese risposte dall’esame del “Vito Fazzi”

Pubblicato

il

Si terrà nella giornata di domani l’autopsia sul corpo di Vincenzo Scupola, 79 anni, di Specchia, ritrovato senza vita in una cisterna di una sua campagna nella giornata di sabato.


Il pm Simona Rizzo ha incaricato il medico legale Alberto Tortorella nella giornata di oggi. L’esame potrà restituire una serie di importanti risposte sulle circostanze che hanno portato al decesso dell’uomo.



Quel che è certo, per il momento, è che pochi attimi prima di morire Scupola stesse litigando con suo fratello, Nicola Scupola, 70 anni. Un alterco notato da un passante, in contrada San Demetrio, nel territorio di Specchia, a pochi passi dalla Miggiano-Taurisano.


Proprio la segnalazione del passante ha fatto scattare l’intervento delle forze dell’ordine e dei soccorsi. All’arrivo delle volanti però il corpo del 79enne non era più in terra, come riportato dal passante, e non vi era più traccia di quell’uomo che con lui stava litigando, brandendo un bastone.


Il corpo, già esanime, era pochi metri più in là, in una cisterna d’acqua. Da qui lo hanno recuperato i vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase, per poi consegnarlo al 118 che, constatato il decesso, su disposizione della Procura, lo ha trasportato presso la camera mortuaria del “Vito Fazzi”.

Nelle stanze del “Vito Fazzi” il medico legale cercherà di capire se le ferite riportate dalla vittima alla testa siano state inflitte col suddetto bastone. E se le stesse ferite hanno causato il decesso 79enne, che potrebbe anche esser morto per annegamento nelle acque della cisterna. In tal caso, sarebbe da chiarire se alla cisterna sia arrivato da solo o vi sia stato gettato.


In strada, dopo il fattaccio, era rimasto il trattore della vittima. Fermo in sosta a pochi passi dai terreni di proprietà dei due fratelli, vicini e confinanti e, sembrerebbe, oggetto già in passato di diverbi tra i due.


Intanto, il fratello minore, messo sotto torchio già nella giornata di sabato presso gli uffici del Commissariato di Taurisano, ha ammesso di aver litigato con suo fratello. Era suo il bastone che nel frattempo è stato sequestrato. Nella sua versione dei fatti il 70enne afferma di esser stato aggredito con le mani al collo e di aver agito per difendersi.


Difeso dagli avvocati Cristiano Solinas e Sergio Annesi, è in stato di fermo in qualità di indiziato di omicidio volontario. E’ stato condotto in carcere a Lecce in attesa dell’udienza di convalida dinanzi al Gip Sergio Tosi, fissata anch’essa per la giornata di domani.


Cronaca

Cappottamento sulla Ruffano-Surano: soccorsa una donna

Pubblicato

il

Un’auto finita fuori strada e ribaltatasi, ed un grande spavento per una donna che era a bordo.

Nel pomeriggio di oggi un brutto incidente si è verificato sulla strada provinciale tra Ruffano e Surano.

Probabilmente anche a causa dell’asfalto scivoloso, a seguito della pioggia caduta nel pomeriggio, una vettura è uscita dalla carreggiata. Violento l’impatto.

Dall’abitacolo, rimasto capovolto sul tettuccio, è uscita una donna, condotta in ospedale dal 118 in condizioni fortunatamente non critiche.

Sul posto la polizia locale di Ruffano che ha effettuato i rilevi del caso. Necessario anche un carro attrezzi per la rimozione del mezzo.

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Incidente a Leuca: sbalzata dall’auto, muore una donna

Pubblicato

il

Tragedia nella serata di ieri a Leuca dove si è verificato un incidente risultato fatale per una donna della zona.

Il sinistro, che poco prima delle 19 ha visto il coinvolgimento di due vetture, si è verificato nei pressi del cimitero.

Le auto: una Stelvio ed una Fiat Panda. A bordo di quest’ultima la malcapitata donna, Maria Panzera, 80 anni, originaria di Giuliano (Castrignano del Capo), sbalzata dal veicolo nell’impatto, finendo rovinosamente al suolo.

Il 118 ha prestato i n primo soccorso sul posto per poi trasferirla in codice rosso presso l’ospedale “Card. Panico” di Tricase. Gli altri due feriti, invece, sono stati trasportati in codice giallo presso il “Veris Delli Ponti” di Scorrano.
Sul posto, oltre al personale medico e paramedico sono intervenuti anche gli agenti della polizia locale di Castrignano del Capo per i rilievi. A loro il compito di accertare eventuali responsabilità.

Continua a Leggere

Cronaca

Malamovida, sospensione della licenza per 15 giorni, chiusura e diffida

Sempre nello stesso locale, si era anche verificata una discussione degenerata in una scontro fisico tra il titolare della predetta attività commerciale ed il proprietario del locale attiguo…

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

GALLIPOLI: MALAMOVIDA NEL CENTRO STORICO. IL QUESTORE CHIUDE PER 15 GIORNI UN LOCALE E NE DIFFIDA FORMALMENTE UN ALTRO.

Nelle settimane scorse, presso un locale del centro storico di Gallipoli dove si sono registrati episodi di turbativa dell’ordine e della sicurezza pubblica, sono stati effettuati dei controlli da parte di personale del Commissariato Polizia di Gallipoli, a seguito dei quali, nella giornata odierna, è stato notificato un provvedimento amministrativo di sospensione della licenza per la somministrazione di alimenti e bevande, con relativa chiusura dell’attività commerciale per un periodo di 15 giorni.

Lo stesso locale in più occasioni, sin dal 2022, è stato oggetto di controllo da parte degli agenti della Polizia di Gallipoli per segnalazioni di musica ad alto volume, occupazione abusiva della sede stradale del centro storico, oltre che per altre violazioni amministrative. 

Da ultimo, nel mese di aprile, gli agenti della squadra volante sono intervenuti presso il suddetto locale per una richiesta di intervento per una lite, seguita da una ulteriore segnalazione al 113 per rissa scatenata da futili motivi.

A seguito di attività investigativa, i corrissanti, sono stati identificati e denunciati all’A.G.

Sempre nello stesso locale, si era anche verificata una discussione degenerata in una scontro fisico tra il titolare della predetta attività commerciale ed il proprietario del locale attiguo.

In relazione a questi episodi ripetuti nel tempo, il Questore di Lecce ha adottato il predetto provvedimento di sospensione dell’attività, notificatogli dagli agenti del Commissariato di P.S. di Gallipoli, mentre il proprietario del locale attiguo è stato diffidato formalmente al rispetto della normativa amministrativa e ad assumere una condotta conforme alle regole del vivere civile.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus