Connect with us

Calimera

Calimera piange il dottor Giancarlo Metrangolo

Era stato colto da un malore improvviso ed era stato ricoverato d’urgenza presso il Cardinale Panico a Tricase

Pubblicato

il

Addio a Giancarlo Metrangolo, medico di Calimera, che dopo un breve periodo di ricovero presso l’ospedale di Tricase, è morto nella notte.


Sgomento, sorpresa e incredulità sono i sentimenti che hanno coinvolto il mondo della professione medica, alla quale ha dedicato tutta la vita.


Il dottore Metrangolo era stato colto da un malore improvviso ed era stato ricoverato d’urgenza presso il Cardinale Panico a Tricase.


Le condizioni sono apparse subito critiche e dopo i primi accertamenti è stato trasferito d’urgenza in Rianimazione.

Nella notte, la vita del medico 72enne si è spenta.


Affranti i colleghi dell’Ordine dei medici.


La camera ardente sarà allestita presso il nosocomio di Tricase.


Attualità

Pillola contro l’obesità: il Salento alla conquista di Wall Street

Opening della Borsa usa per docente di UniSalento Alessandro Sannino, fondatore della startup di Calimera “Gelesis” che ha prodotto la pillola contro l’obesità

Pubblicato

il

La pillola salentina contro l’obesità è sbarcata a Wall Street.

Il medicinale è stato approvato dalla Fda nel 2019, è in commercio negli Usa dal 2021 e arriverà in Europa nel 2023, da venerdì è negoziato sui mercati.

Ne dà notizia l’Ansa che riporta anche le parole di un emozionato Alessandro Sannino, docente dell’Università del Salento, fondatore della startup tutta salentina Gelesis che ha prodotto la pillola contro l’obesità.

Il Prof. Alessandro Sannino

«Mi hanno intervistato dopo aver suonato la campanella e mi hanno chiesto cosa significa», ha raccontato il prof. Sannino, «ho fatto l’esempio di Michelangelo, che diceva che nel pezzo di pietra aveva già l’opera d’arte, si trattava di rimuovere la materia in eccesso. Ecco, noi oggi abbiamo rimosso una parte in eccesso, ma l’opera d’arte sarà raggiungere milioni di persone che devono combattere contro l’obesità e altre patologie del tratto intestinale».

Il 14 gennaio scorso al professore di Unisalento l’onore di fare «l’opening, suonando il campanello alla Borsa di Wall Street».

La start up che ha dato vita alla ricerca di Sannino, la Gelesis, ha una sede a Calimera, dedicata a produzione, ricerca e sviluppo, e un’altra a Boston dove vengono seguiti gli studi clinici e la parte di finanza.

Sannino, ricercatore dell’Università di Napoli con un postdoc al MIT di Boston, ha creato questa pillola realizzata con un «materiale superassorbente, l’unico al mondo interamente ingeribile a base di derivati della cellulosa, brevettato con il mio dottorato di ricerca e sviluppato dal team di Gelesis».

«Quella di Alessandro e Gelesis è una storia della nostra terra», ha commentato sui social la presidente del Consiglio regionale pugliese, Loredana Capone, «a lui e ai tantissimi ricercatori, dobbiamo una delle cure più efficaci contro uno dei mali del secolo. Grazie Alessandro, bravi ragazzi, siete l’orgoglio e l’ispirazione di Puglia».

«Una notizia che ci riempie di gioia e ci rende orgogliosi», ha aggiunto l’assessore regionale Alessandro Delli Noci, «perché Gelesis è l’emblema di una Regione che crede nell’innovazione e nei suoi tanti giovani dalle menti brillanti. Complimenti ad Alessandro Sannino, fondatore e direttore scientifico di Gelesis, e a tutti i talenti che insieme a lui hanno ottenuto questo grande risultato!».

«Gelesis approda alla ribalta finanziaria internazionale: è una notizia che rende orgoglioso tutto il Salento», commenta Vincenzo Benisi, Commissario straordinario della Camera di Commercio di Lecce, «una startup che ha seguito un percorso evolutivo straordinario, nascendo nel fecondo ambito di Unisalento su impulso del Prof. Alessandro Sannino, poi intrecciando relazioni a livello globale, oggi quotata in borsa, ma, al contempo, sempre ben radicata nella sua terra di origine. Credo fortemente nella ricerca applicata all’impresa. Le idee vincenti trovano sviluppo ed attuazione grazie alla scienza, alla tecnologia, all’innovazione, allo studio, alle sperimentazioni e al coraggio di fare impresa. Nel caso specifico, poi, non parliamo di un successo imprenditoriale meramente individuale, ma declinato in termini sociali; parliamo di un’idea, di un brevetto che impatta in maniera importante sulla salute, sul benessere, trattando una patologia estremamente diffusa. Esprimo, pertanto, le mie più fervide congratulazioni alle brillanti menti che collaborano per affermare questa promettente realtà che dal Salento è appena sbarcata a Wall Street».

Continua a Leggere

Calimera

Va a funghi col Covid in barba all’isolamento: denunciato

Pubblicato

il

Avrebbe dovuto essere in isolamento per aver contratto il Covid, ma ha pensato bene di fare una bella scampagnata in cerca di funghi.

I carabinieri forestali di Otranto hanno denunciato un 24enne per inosservanza degli ordini impartiti per impedire la diffusione delle malattie infettive.

Il giovane è stato sorpreso mentre, anziché essere a casa o in un luogo dove dare atto alla quarantena impostagli, si trovava lungo la strada provinciale 275, nei boschi ricadenti nel territorio di Calimera.

Il 24enne si è giustificato spiegando di esser andato per funghi. Motivazioni che, nonostante la location all’aria aperta ed in località poco frequentata, non lo esentava dall’obbligo di restare in casa. Motivo per cui è stato denunciato all’autorità giudiziaria.

Continua a Leggere

Alezio

Altri 33,5 milioni ai Comuni salentini

Per interventi di tutela dal rischio idrogeologico, messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti e messa in sicurezza ed efficientamento energetico degli edifici, con particolare attenzione per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Finanziati 19 progetti in 16 Comuni della provincia

Pubblicato

il

Il Ministero dell’Interno ha assegnato, con decreto dell’8 novembre, ulteriori 1,7 miliardi di euro ai Comuni per interventi di tutela dal rischio idrogeologico, messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti e messa in sicurezza ed efficientamento energetico degli edifici, con particolare attenzione per l’eliminazione delle barriere architettoniche.

A 16 Comuni della provincia di Lecce (19 progetti) andranno 33,5 milioni.

La nuova assegnazione segue lo scorrimento della graduatoria per i comuni ammessi ma non finanziati a inizio 2021, quando vennero assegnati ben 92 milioni euro alla Puglia e 41 milioni solo nella provincia di Lecce.

In cosa si traduca per questo territorio lo illustra il deputato salentino del M5s, Leonardo Donno: «Un nuovo importante stanziamento arriva per i Comuni della nostra provincia, che vedranno finanziati altri 19 progetti, per un totale di € 33.501.907. In tutta la Puglia lo stanziamento complessivo ammonta a € 92.569.910», spiega Donno, «queste opere, volte a garantire la tutela delle nostre città, sono state finanziate su proposta del Movimento 5 Stelle nella Legge di Bilancio 2019, durante il Governo di Giuseppe Conte. A testimonianza dell’attenzione del M5S per i territori, per la sicurezza dei cittadini, per l’ambiente ed il risparmio energetico, da sempre al centro della nostra politica».

Adesso il Ministero dell’Interno ha ripartito le nuove risorse tra i Comuni.

L’on. Leonardo Donno (M5S)

«I contributi di questo programma», aggiunge il deputato salentino, «sono confluiti nella linea progettuale ‘Interventi per la resilienza, la valorizzazione del territorio e l’efficienza energetica dei Comuni del Pnrr’, per cui saranno soggetti a scrupolosi controlli. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è una straordinaria occasione per promuovere lo sviluppo del nostro territorio e farlo ripartire, frutto di un grande lavoro e di una dura trattativa dell’allora Presidente del Consiglio Conte, che ottenne ben 209 miliardi di euro per il nostro Paese. Dobbiamo cogliere queste opportunità, recuperare il terreno perduto con la pandemia e la crisi che ne è derivata, voltare pagina rispetto al passato».

«Il Ministero procederà ad un ulteriore scorrimento della graduatoria al fine di assegnare altri 52 milioni di euro di risorse residue per l’anno 2022», annuncia ancora l’on. Donno, «un altro segnale importante per incentivare la ripresa, il rilancio e la competitività del territorio e del Paese».

«Proprio alla luce dell’occasione, l’ennesima, offerta dallo scorrimento della graduatoria, spiace constatare che alcuni Comuni importanti, come ad esempio la mia città, Galatina», sottolinea il parlamentare, «non abbiano ritenuto, al tempo, di dover godere di questi importanti finanziamenti. Un danno per le città, per le comunità, per i cittadini che si aspettano dagli amministratori rapidità d’azione e competenza. Un’occasione sprecata insomma. Auspico che, in futuro, vengano colmate queste gravi mancanze. Personalmente», conclude Leonardo Donno, «rinnovo, come sempre, la mia disponibilità a lavorare al fianco degli amministratori che ne hanno necessità».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus