Connect with us

Cronaca

Cinquasettenne nasconde pistola clandestina: arrestato

Altro arresto in flagranza causato dall’atteggiamento sospetto di un giovane e di un minorenne…

Pubblicato

il

Gli agenti della Questura di Lecce, durante il servizio di prevenzione e controllo del territorio hanno effettuato due distinte attività di polizia giudiziaria, culminate con l’arresto in flagranza di due uomini, già noti alle forze dell’ordine.


La prima: un uomo residente in un comune della provincia, successivamente identificato, si temeva potesse detenere una pistola pur non avendone il titolo.


Individuato il cinquantasettenne si è proceduto alla perquisizione dell’auto e della abitazione, per verificare la fondatezza di tale segnalazione.


All’interno dell’abitazione, in una cassaforte nascosta dietro ad un quadro appeso alla parte, avvolta in un panno, una pistola clandestina con il relativo munizionamento.


Trattasi di una pistola semiautomatica marca Luger calibro 9  e di 14 cartucce dello stesso calibro.


L’arma e relative munizioni sono state sequestratre, l’uomo che la deteneva è stato arrestato nella flagranza di reato e condotto  preso la locale Casa Circondariale.

Altro arresto in flagranza causato dall’atteggiamento sospetto di un giovane e di un minorenne.


Notata la presenza dell’equipaggio, il maggiorenne ha, infatti, cercato di disfarsi di un involucro, contenente hashish del peso di grammi 3,4.


L’immediato controllo e le verifiche effettuate hanno consentito di accertare come il minore di 14 anni si fosse rivolto al ventiquattrenne per acquistare la sostanza stupefacente, concordando un appuntamento tramite un contatto telefonico, metodo questo più volte utilizzato dal ragazzino per acquistare  hashish dallo stesso fornitore.


La perquisizione personale ha consentito di rinvenire addosso allo spacciatore, già noto, un sacchetto in stoffa di colore vedere,  occultato all’interno della maglia indossata, contenente 4 involucri di hashish, per un peso complessivo di ulteriori 10 grammi.


La gravità del fatto e la gravità della condotta, tra l’altro reiterata nel tempo, hanno determinato l’arresto dell’uomo, accompagnato successivamente presso la locale Casa Circondariale.


Cronaca

Taurisano, operaio morto al lavoro: condannato Scarlino

Condannato a sette anni per omicidio colposo l’amministratore unico del Salumificio taurisanese Attilio Scarlino.
Quattro anni al fratello Antonio. L’azienda ha già annunciato l’appello

Pubblicato

il

Omicidio colposo con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro: condannato a sette anni l’amministratore unico del Salumificio Scarlino di Taurisano, Attilio Scarlino, 61 anni. Quattro anni al fratello Antonio di 52 anni.

La vicenda all’esame dei giudici era quella dell’agosto 2013, quando Mario Orlando, operaio 51enne di Taurisano rimase stritolato in un’impastatrice nel salumificio taurisanese.

Assoluzioni e prescrizioni per gli altri imputati.

Deciso anche il risarcimento delle parti civili, cioè la moglie, i due figli e i sei fratelli di Orlando, in separata sede. Per moglie e due figli, inoltre, una provvisionale di 50mila euro ciascuno.

Infine, Attilio Scarlino è stato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, mentre Antonio per cinque anni.

Il comunicato dell’azienda

“La rimozione delle cautele antinfortunistiche, infatti, non avrebbe avuto alcuna incidenza causale sulla produzione dell’evento”, si legge in una nota diffusa dall’azienda.

Già annunciato il ricorso in appello.

Continua a Leggere

Botrugno

Ennesimo incidente sulla SS 275 Maglie – Leuca

Auto in coda e traffico rallentato all’altezza dello distributore di carburante, all’inizio della due corsie

Pubblicato

il

Ennesimo incidente sull’asfalto della statale 275 Maglie-Leuca

Questa volta il sinistro se verificato sul tratto tra Maglie e Montesano Salentino, nei pressi del distributore di benzina, praticamente all’inizio della “due corsie”.

Almeno due le auto coinvolte.

Non risulterebbero feriti gravi, intanto si registrano auto in coda e traffico rallentato.

Continua a Leggere

Cronaca

Scontro tra auto e bici, anziano morto sul colpo

A causa delle ferite riportate dopo la caduta sull’asfalto. La vittima Santo Biagio Schiattino, di 79 anni di Specchia Gallone

Pubblicato

il

Incidente mortale lungo la strada provinciale che collega Poggiardo a Minervino di Lecce, nei pressi della frazione di Minervino, Specchia Gallone.

Ad avere la peggio Santo Biagio Schiattino, 79 anni, di Specchia Gallone, che era in sella alla sua bici, quando, in circostanze ancora in fase di ricostruzione, è entrato in collisione con una Ford Focus, alla cui guida vi era un uomo di 40 anni di  Cutrofiano.

la rovinosa caduta sull’asfalto non ha lasciato scampo all’anziano morto sul colpo.

Sul posto sono arrivati quasi subito i sanitari del 118 ma per l’uomo non vi era più nulla da fare.

Sul posto oltre a i vigili urbani sono intervenuti i carabinieri della stazione di Minervino di Lecce per i rilievi di rito.

Come sempre accade in queste circostanze richiesti anche i test alcolemici e tossicologici per il conducente dell’auto.

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus