Connect with us

Cronaca

Cloud pubblico per diffondere pedopornografia: arrestato 45enne

Pubblicato

il


La Polizia Postale e delle Comunicazioni “Puglia”, nell’ambito dell’azione di contrasto alla pedopornografia, ha tratto in arresto in esecuzione di un’ordinanza cautelare di custodia in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Lecce, un salentino di 45 anni.





È ritenuto responsabile dei reati di cui agli artt. 600 ter, 3° e 5° co. e 600 quater, 1° e 2° co, per essersi procurato ed aver detenuto e diffuso, attraverso un cloud a lui riconducibile, una ingente quantità di foto e video a contenuto pedopornografico.




Nei confronti del 45enne è stata eseguita una perquisizione personale, domiciliare ed informatica che ha consentito di rinvenire considerevole materiale fotografico e video di natura pedopornografica, archiviato su dispositivi telefonici, informatici e cloud. Molto del materiale rinvenuto ritrae minori, anche di tenera età, in atti sessuali espliciti con adulti.





Inoltre sul cloud, posto sotto sequestro, è stato trovato un link per l’accesso a cartelle a contenuto pedopornografico la cui fruizione era consentita pubblicamente, senza necessità di password, al fine di agevolarne la diffusione.
Il procedimento trae origine da un’articolata attività investigativa espletata dalla Sezione di Polizia Postale di Foggia, diretta inizialmente dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari, all’esito della quale è stato emesso ed eseguito un decreto di perquisizione locale personale ed informatica a carico dell’indagato. Successivamente l’attività investigativa è stata proseguita con la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce.
I riscontri degli accertamenti ottenuti in sede di perquisizione hanno consentito di raccogliere elementi probanti a carico dell’indagato tali da condurre all’emissione di una ordinanza cautelare.


Attualità

Dodici positivi, blocco dei ricoveri all’Oncologico del Fazzi

L’odierno bollettino regionale: 1.261 i nuovi casi positivi in Puglia, 125 nella provincia di Lecce. Tasso di positività all’11,03%

Pubblicato

il

Sono i 1.261 i nuovi casi positivi in Puglia riportati dall’odierno bollettino regionale.

Sono invece 125 i tamponi risultati positivi in provincia di Lecce.

Giornata particolarmente frenetica al “Vito Fazzi”, dove sono state riscontrate 12 positività tra i pazienti del Polo Oncologico Giovanni Paolo II.

La direzione dell’ospedale ha disposto il blocco dei ricoveri, e avviato gli accertamenti sul personale in servizio, già sottoposto a vaccinazione, la sanificazione dei locali.

Il tasso di positività regionale (sono stati registrati 11.427 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus) si attesta sull’11,03%.

Registrati anche 29 decessi di cui 6 in provincia di Lecce.

Il riepilogo

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.582.701 test.

112.274 sono i pazienti guariti.

33.668 i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 149.963 così suddivisi, di cui 12.754 nella provincia di Lecce.

IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 3 MARZO 2021

Continua a Leggere

Cronaca

Terremoto in Grecia, scossa avvertita anche nel Salento

L’intensità del sisma registrato alle 11,16 è stato di magnitudo 6.3. Epicentro ad una ventina di chilometri a nord di Larissa

Pubblicato

il

Scossa di terremoto questa mattina nella Grecia centrale.

L’epicentro del sisma è stato individuato a 10 chilometri a nordovest di Tirnavos, una cittadina a circa 360 chilometri a nord di Atene e una ventina di chilometri a nord di Larissa.

L’intensità del sisma registrato alle 11,16 è stato di magnitudo 6.3 MV.


Al momento non sono segnalate vittime.

La scossa è stata avvertita anche in Puglia e nel Salento soprattutto da chi abita ai piani alti.

Continua a Leggere

Cronaca

Furti nelle ville sul litorale ugentino: ladri in manette

Colti nelle mani nel sacco mentre portavano via da un’abitazione un divanetto completo di cuscini, un tavolino, piccoli elettrodomestici ed utensili

Pubblicato

il

Colti nelle mani nel sacco mentre portavano via da un’abitazione un divanetto completo di cuscini, un tavolino, piccoli elettrodomestici ed utensiliGli agenti in servizio presso il Commissariato di Taurisano, hanno tratto in arresto  Cosimo Caro e Davide Napoli, entrambi 38enni della zona, ma stabilitisi in una casa a Lido Marini, per furto aggravato.

Nella tarda serata di ieri, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio mirati alla prevenzione dei furti nelle abitazioni del litorale di Ugento, due pattuglie della Squadra Volanti del Commissariato di Polizia di Taurisano, hanno intercettato i malviventi mentre erano intenti a trasportare un divanetto in rattan.

I due uomini erano talmente sicuri di poter agire indisturbati, che non hanno saputo nascondere la sorpresa quando si sono visti davanti gli agenti di polizia.

Eppure, pochi giorni prima, gli stessi erano stati denunciati a piede libero per ricettazione perché, durante un controllo di polizia effettuato in orario in cui sono vietati gli spostamenti (dalle 22 alle 5), erano stati trovati in possesso di attrezzature per l’edilizia (un gruppo elettrogeno ed un martello pnumatico) di cui non avevano saputo fornire la provenienza.


Sul luogo i poliziotti hanno rinvenuto oltre al divanetto completo di cuscini, un tavolino, piccoli elettrodomestici ed utensili.

Una volta individuati i proprietari dell’abitazione depredata e devastata, i due  fermati sono stati tratti in arresto e, su disposizione del P.M. di turno, sottoposti agli arresti domiciliari in attesa del porcesso per direttissima.

Tutta la refurtiva recuperata è stata consegnata al legittimo proprietario.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus