Connect with us

Cronaca

Da Nociglia in trasferta a Lecce per l’hashish, arrestato 22enne

Nascosto tra due mascherine chirurgiche, un panetto di hashish. Rinvenuti anche 1.450 euro tra i due sedili anteriori dell’auto

Pubblicato

il

Gli agenti della sezione volante della Questura di Lecce, durante i consueti servizi di controllo del territorio, hanno dato “l’ALT Polizia” a

due giovani ragazzi che viaggiavano a bordo di un’autovettura mentre transitavano in questa via Gallipoli, S.C. un 22enne di Nociglia insieme ad un suo compaesano diciottenne, entrambi già noti alle forze di polizia.


I due al controllo risultavano in evidente stato di disagio ed alla domanda dei poliziotti sul motivo della loro visita nel capoluogo rimanevano

spiazzati e assumevano un atteggiamento insofferente senza dare spiegazioni, cosa che ha insospettito gli agenti.

I due, quindi, sono stati accompagnati in Questura e sottoposti a perquisizione personale che ha dato esito negativo, mentre la perquisizione effettuata sul veicolo ha permesso di rinvenire nel vano portaoggetti, nascosto tra due mascherine chirurgiche, un panetto di sostanza stupefacente del tipo hashish del peso di gr. 94, mentre tra i due sedili anteriori era ben occultato un borsello di tela, con all’interno una somma di denaro pari ad euro 1.450.


Di tutto il materiale, posto sotto sequestro, se ne assumeva la paternità il ventiduenne S.C.


Per quanto sopra, espletate le formalità di rito, S.C. è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e, come disposto dal P.M. di turno della locale Procura della Repubblica, accompagnato presso la sua residenza in regime di arresti domiciliari.


Cronaca

Brutto scontro sulla Taurisano-Ugento: tre feriti

In ospedale una famiglia, illeso conducente secondo mezzo coinvolto

Pubblicato

il

Due mezzi e quattro persone coinvolti in un violento incidente stradale registrato nel pomeriggio di oggi, sabato 2 marzo, sulla strada provinciale che collega i centri di Taurisano e Ugento.

Le vetture che si sono scontrate sono un Fiat Doblò ed una Mercedes classe C coupé. ad avere la peggio gli occupanti di quest’ultima vettura, una famiglia di Taurisano composta da padre madre e figlia.

L’uomo e sua figlia sono stati condotti in codice giallo verde all’ospedale di Tricase. La donna, invece, a Casarano, in codice giallo.

Il leso il conducente del furgone Fiat.sul posto al lavoro, oltre al 118, gli agenti del commissariato di polizia di Taurisano.

Continua a Leggere

Casarano

Omicidio in piazza in pieno giorno a Casarano

Tre spari freddano il 32enne Antonio Amin Afendi, pregiudicato, ritenuto potenziale successore del precedente boss mafioso Augustino Potenza

Pubblicato

il

di Lorenzo Zito

Un uomo è stato ucciso questa mattina a Casarano in pieno centro a colpi di arma da fuoco.

Si tratta di Antonio Amin Afendi, 32 anni, scampato nel 2019 ad un tentato omicidio.

Afendi era nella zona nota come “i portici”, in via Lupo, a ridosso di piazza Petracca. Erano da poco passate le 11 quando, tra bar ed attività aperte, sono stati esplosi tre colpi di pistola da distanza ravvicinata. Sarebbero partiti da una vettura di colore scuro in transito, che si sarebbe immediatamente allontanata facendo perdere le sue tracce.

Sul posto il 118 accorso da Tricase, che non ha potuto che constatare il decesso dell’uomo. Sono già in corso indagini per ricostruire l’accaduto e individuare i responsabili. Intervenuto personale del commissariato di Polizia di Taurisano e Carabinieri della locale Compagnia, col supporto della polizia locale per l’interdizione dell’area al traffico, anche pedonale.

Tutto lascia intendere che possa trattarsi di un regolamento di conti, un omicidio legato al mondo della malavita: la vittima, oltre ad essere sfuggita a precedenti agguati, era pregiudicata e ritenuta, negli scorsi anni dagli inquirenti, potenziale successore del boss Augustino Potenza, ucciso nel 2016 a colpi di kalashnikov nel parcheggio di un centro commerciale casaranese.

Continua a Leggere

Cronaca

Su 27 imprese edili controllate, 22 sono irregolari

In tutte le ditte ispezionate accertata la presenza di lavoratori con contratti irregolari o privi di assunzioni. Le maggiori violazioni riscontrate hanno riguardato l’inosservanza delle norme in materia di tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro

Pubblicato

il

Proseguono a Lecce e provincia, i controlli svolti dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro unitamente ai militari del Comando Provinciale dei Carabinieri e personale dell’Ispettorato Territoriale del lavoro.

Le ispezioni sono state disposte per verificare la fondatezza di numerose segnalazioni su irregolarità in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e l’osservanza della normativa giuslavoristica.

Nel periodo in esame, febbraio 2024, sono state controllate 27 imprese edili di cui 22 sono risultate irregolari.

In tutte le ditte ispezionate sono state accertate la presenza di lavoratori con contratti irregolari o privi di assunzioni.

Sono stati adottati provvedimenti di
sospensione dell’attività imprenditoriale e comminate sanzioni e ammende per un totale di euro 150mila complessivi.

Le maggiori violazioni riscontrate hanno riguardato l’inosservanza delle norme in materia di tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e la mancata adozione di misure utili a salvaguardare i lavoratori da pericoli connessi a mancata formazione, rischio elettrico,
rischio di caduta dall’alto, mancanza di idonee opere provvisionali e la mancata valutazione
dei rischi.

L’azione dei Carabinieri e dell’Ispettorato del Lavoro attesta il grande impegno alla salvaguardia della legalità e la tutela dei lavoratori.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus