Connect with us

Cronaca

Dal 1° agosto sarà disinstallato l’autovelox di Melpignano

Arrivato il decreto del Prefetto Luca Rotondi. Sono nove, invece, gli autovelox autorizzati in provincia

Pubblicato

il

Dal prossimo 1° agosto niente più autovelox a Melpignano sulla Maglie – Lecce.


Lo stabilisce un decreto firmato dal Prefetto di Lecce Luca Rotondi.


Il controllo elettronico, che aveva fruttato sanzioni agli automobilisti per un totale ci circa 5 milioni di euro in un anno, verrà dismesso.


Sono nove, invece, gli autovelox autorizzati: quelli sulla Lecce-Gallipoli nella zona Galatina; quello sulla statale 16, all’altezza di Cavallino; prevista l’installazione di nuovi dispositivi, sulla Tangenziale Est, in entrambi i sensi di marcia a 100 metri dalla stazione di servizio Sant’Oronzo nord in direzione Brindisi e all’uscita 7B San Cataldo in direzione Maglie; lungo la provinciale 72 che collega Casarano ad Ugento; sulla provinciale 4, in entrambe le direzioni, nel tratto Lecce-Novoli; sulla 297 Melendugno – Torre dell’Orso; sulla provinciale 18, in entrambe le direzioni, tra Galatina e Copertino.


Altri due autovelox potrebbero essere installati sulla statale 101 (km 3+000-13+000 e km 14+000-17+000 direzione Nord).


«Siamo soddisfatti che si inizi a fare chiarezza mettendo ordine al tema degli autovelox, e siamo contenti che sia disinstallato l’autovelox sulla Lecce-Maglie all’altezza di Melpignano», ha dichiarato Francesco Viva, coordinatore provinciale del Movimento Regione Salento, «abbiamo appreso con soddisfazione la notizia della pubblicazione del Decreto del Prefetto di Lecce Luca Rotondi e crediamo che sia il primo passo verso una normalizzazione della viabilità sulle nostre strade, senza che gli automobilisti si sentano in trappola per via di multe salatissime che certamente non vanno a sanare la situazione della sicurezza stradale ma sanano solo le casse dei comuni interessati. Con questo Decreto non saranno più attivati dispositivi senza l’obbligo di contestazione immediata.  Lavoreremo per chiedere sempre più ordine e per fare in modo che i cittadini non siano vessati, ovviamente tenendo sempre conto della sicurezza sulle strade».

«Per voltare pagina» continua Viva, «servono regole più chiare che non siano però degli stratagemmi nelle mani dei comuni per spremere i cittadini».


«Queste strade», conclude, «sono, giornalmente, il tragitto per raggiungere il posto di lavoro per tantissimi cittadini che non possono rischiare di vivere l’incubo continuo di ipotetiche multe per aver oltrepassato di pochi chilometri un limite di velocità che dovrebbe essere superiore».


CLICCA QUI PER LEGGERE IL DECRETO DEL PREFETTO NELLA SUA VERSIONE INTEGRALE


 


Cronaca

Tricase: ladri fanno visita alla Pizzeria da Luigi

Non sono risuciti a rubare nulla ma restano i danni al finestrino sul retro che è stato forzato e quelli morali per una sensazione di scarsa sicurezza sempre più latente tra i commercianti del posto

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Furti nei locali a Tricase: l’argomento torna di attualità.

Questa volta, ed è la seconda in poco tempo, ignoti si sono intrufolati nella Pizzeria da Luigi in via Carlo Cattaneo.

Approffitando di qualche giorno di chiusura della storica pizzeria tricasina, hanno forzato un finestrino sul retro del locale e sono entrati.

Il titolare ha appena sporto denuncia ai carabinieri che, verosimilmente, avvieranno le indagini dal controllo delle immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona.

Per i ladri tanta fatica per nulla: da un primo sopralluogo non risulterebbe mancare alcunchè.

Solo disordine all’interno della pizzera, con acqua a terra, il frigorifero aperto e oggetti spostati.

Restano i danni fisici ed economici (la finestra rotta) e soprattutto quelli morali, con la sensazione sempre più latente di essere alla mercè dei delinquenti.

Continua a Leggere

Cronaca

Il ritorno dei soliti idioti, incendio tra Tricase Porto e Marina di Andrano

Ancora qualche minuto ed una decina di metri più a sud e la pericolosa vicinanza tra la vegetazione, tra un versante e l’altro della via, avrebbe potuto dare avvio ad una notte ancora più incandescente e pericolosa. Escalation di fuoco in tutto il Salento. E c’è sempre il dolo!

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Citando Oscar Wilde, parlare con gli imbecilli è inutile, con le persone intelligenti potrebbe essere superfluo. Noi, però, ci proviamo lo stesso.

Gli imbecilli di cui sopra sono tornati e già da settimane.

Questa notte erano quasi le tre quando le fiamme hanno divorato canne e macchia mediterranea sulla litoranea a Tricase Porto, sulla via per la Marina di Andrano., un centinaio di metri più a nord della località “Isola“.

Notte di fuoco👆

Dettoci chiaramente che gli incendi spontanei sono più rari dell’avvistamento di un cercopiteco, è scontato che dietro ad ogni fuoco ad ogni affannoso intervento dei vigili del fuoco che in questo periodo non sanno più dove scappare, ci sia il dolo.

Il movente? Sempre più spesso, sembra oscillare tra incoscienza, ignoranza e follia criminale evidenziata dalla scelta di appiccare il fuoco in giornate o notti come quella di ieri con il forte vento torrido che alimentava le fiamme rendendo improbo il lavoro dei vigili del fuoco.

L’incendio è divampato sul lato mare della strada ma, ancora qualche minuto ed una decina di metri più a sud, e la pericolosa vicinanza tra la vegetazione tra un versante e l’altro della via, avrebbe potuto dare avvio ad una notte ancora più incandescente e pericolosa: con quel vento e quella temperatura, nessuno dei residenti in tutta quella fascia costiera sarebbe stato al sicuro.

Quel che resta la mattina dopo 👆

Quello di stanotte, come detto, solo uno dei tanti incendi che ogni giorno si verificano nella nostra provincia.

Basta alzare lo sguardo quando viaggiamo in auto per scorgere una o più colonne di fumo in lontananza. Ogni santo giorno!

Il Salento è ovunque teatro di incendi che devastano quel poco di verde che è rimasto, continuando quel processo di desertificazione che sta relegando a piccoli rarissimi angoli di paradiso quei posti che ancora offrono un po’ di refrigerio, grazie agli alberi sopravvissuti alla stoltezza umana. Fin qui il lato romantico. Ma una considerazione ci scappa. Fin ad oggi non abbiamo ancora dovuto parlare (e per fortuna!) di conseguenze irreparabili.

Ma che aspettiamo? Che ci scappi il morto? Visto l’alto numero di incendi e i rischi che ogni volta si corrono potrebbe essere solo una questione di tempo.

Chi ha il vizietto di appiccare il fuoco si faccia passare questa mania, chi vede denunci. Fermiamoci e fermiamoli prima che sia troppo tardi.

Giuseppe Cerfeda

 

Continua a Leggere

Cronaca

Poggiardo: anche la Cassazione proscioglie il sindaco Ciriolo

Rigettato il ricorso contro la Sentenza della Corte d’Appello di Lecce, depositata il 13 settembre 2023, riguardante la procedura di aspettativa a seguito della elezione di Ciriolo a sindaco di Poggiardo

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

La prima Sezione Civile della Corte Suprema di Cassazione ha reso nota la propria Ordinanza del 23 aprile 2024 sul ricorso proposto da tre cittadini di Poggiardo (esterni al Consiglio Comunale) contro il sindaco Antonio Ciriolo, difeso dall’avv. Angelo Vantaggiato.

La Cassazione ha rigettato il ricorso contro la Sentenza della Corte d’Appello di Lecce, depositata il 13 settembre 2023, riguardante la procedura di aspettativa a seguito della elezione di Ciriolo a sindaco di Poggiardo.

«Si conclude con l’ennesimo pronunciamento giudiziario a me favorevole una vicenda legata alla procedura posta in essere dal sottoscritto e dagli uffici comunali dopo la proclamazione dell’esito elettorale, democratico, del 3 e 4 ottobre 2021», ha commentato il primo cittadino di Poggiardo che poi ha aggiunto amaro: «Due anni e mezzo di difficoltà, di mancanza di serenità, di dubbi che il lavoro di tanti mesi potesse essere vanificato da un pronunciamento giudiziario avverso, di messaggi di persone che insinuavano il dubbio sulle mie capacità di fare il sindaco quando “ha sbagliato” la procedura che lo riguardava, ma anche di tanta solidarietà da parte dei concittadini e di tanti amici che non riuscivano a comprendere la ratio di questi atteggiamenti».

Per Ciriolo «un periodo difficile nel quale, nonostante tutto, insieme ai miei compagni di avventura, abbiamo realizzato tante iniziative e altrettante ne abbiamo programmate e che vedranno la luce nei prossimi mesi, pur nella consapevolezza che ci sono attualmente delle criticità che, primo fra tutti, riconosco senza alcuna difficoltà e delle quali me ne assumo la responsabilità, e per la cui risoluzione stiamo intervenendo anche e soprattutto in un’ottica di medio-lungo termine».

Il pronunciamento della Corte Suprema di Cassazione aiuterà il primo cittadino a «recuperare serenità e tranquillità, per poter continuare a profondere il massimo sforzo a favore della mia comunità. Anche se qualcosa», conclude dubbioso, «mi fa pensare che questa vicenda potrebbe non finire qui…»

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus