Connect with us

Cronaca

Dalla Romania in Salento: positivo al tampone

Pubblicato

il


Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì 1 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 3.651 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 41 casi positivi: 24 in provincia di Bari, 7 nella provincia BAT, 4 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 3 in provincia di Taranto, 1 di provincia non nota.

È stato registrato un decesso in provincia di Taranto.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 308.671 test.

4.062 sono i pazienti guariti.

860 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 5.479, così suddivisi:

1.914 nella Provincia di Bari;

449 nella Provincia di Bat;

705 nella Provincia di Brindisi (un caso è stato eliminato dal database);

1.381 nella Provincia di Foggia;

672 nella Provincia di Lecce;

316 nella Provincia di Taranto;

38 attribuiti a residenti fuori regione (un caso è stato eliminato dal database);

4 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.




Rodolfo Rollo dall’Asl di Lecce: “Il caso registrato oggi dal Dipartimento di prevenzione riguarda un cittadino residente fuori Italia arrivato in provincia di Lecce dalla Romania”.


Alessano

Sono 2.121 i salentini attualmente positivi

La distribuzione dei casi Comune per Comune, il numero dei degenti, dei ricoveri e il numero dei vaccinati, distribuiti in base al Comune di residenza

Pubblicato

il

Sono 2101 gli attualmente positivi in provincia di Lecce. Lo riporta il report settimanale dell’Asl Lecce. Il report evidenzia la distribuzione dei casi in tutto il Salento, indicando in rosso quei paesi cui la media di positivi è superiore a quella provinciale oggi attestatasi a 2,6 ogni mille abitanti.

POSITIVI: A SAN CASSIANO, SCORRANO E TIGGIANO LE MEDIE PEGGIORI

I Comuni con media peggiore sono in ordine San Cassiano (20 attualmente positivi ed una media di 10 casi ogni mille abitanti) Scorrano (65 attualmente positivi; 9,5 ogni 1.000 abitanti); Tiggiano (27 attualmente positivi; 9,4 ogni mille abitanti); Bagnolo del Salento (21 attualmente positivi; 8,8 ogni mille abitanti), Alessano (52 attualmente positivi; 8,30 ogni 1.000 abitanti), Gagliano del Capo (42 attualmente positivi; 8,3 ogni mille abitanti), Matino (85 attualmente positivi; 7,5 ogni mille abitanti).

Per l’andamento del virus negli altri Comuni consultare le tabelle all’interno del Report pubblicato in basso.

LA CAMPAGNA VACCINALE

Riguardo ai vaccini somministrati fino ad oggi in provincia sono stati in totale 11.608. Le medie più alte sono quelle di Andrano (43,2 ogni mille abitanti), Tricase (39,8) Poggiardo (38,1), Spongano (34,4) e Montesano Salentino (31,4).

Se si guarda il valore assoluto, invece, il maggior numero di vaccini sono stati somministrati a Lecce (1.690), Tricase (690), Gallipoli (479), Galatina (441), Copertino (426), Nardò (409).

Il numero dei vaccini somministrati negli altri Comuni nelle stesse tabelle della Distribuzione per Comune dei casi da infezione da Covid 19.

Riguardo alla diffusione per fasce di età i vaccini sono stai fino ad ora così suddivisi: il 15% da 0-35 anni; il 30% da 36 a 49 anni; il 53% da 50 a 69 anni; l’1%da 70 a 79 anni.

Nel report in basso potete trovare anche il numero dei degenti, dei ricoveri e dei decessi con la distinzione per genere ed età.

Il report, in allegato, è a cura del Dott. Fabrizio Quarta, Direttore U.O.C. Epidemiologia e Statistica ASL Lecce.

IL REPORT COMPLETO DELL’ASL LECCE



 

Continua a Leggere

Corsano

Giro di stupefacenti: arresto e denuncia a Corsano

Pubblicato

il


Un arresto e una denuncia a piede libero ieri per due uomini di Corsano durante un controllo antidroga dei carabinieri del norm di Tricase, unitamente ai militari della stazione del luogo.





A finire nei guai I. R., 33 anni, per spaccio di sostanze stupefacenti. È stato infatti trovato in possesso di 4 grammi di eroina, confezionati in altrettante dosi, un bilancino di precisione e 50 euro contanti, soldi ritenuti provento di spaccio. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro. Il 33enne è stato arrestato e accompagnato ai domiciliari presso la sua abitazione.




È stato deferito, invece, P. C., 44 anni, proprietario di casa, per aver adibito la sua abitazione a luogo di ritrovo per gli amici dediti all’uso di sostanze stupefacenti.





Entrambi gli uomini, originari di Corsano, erano già noti alle forze dell’ordine per reati inerenti allo spaccio di droga.


Continua a Leggere

Cronaca

Rumori e ombre in casa: ragazza mette in fuga ladri a Tricase

Pubblicato

il


Non si ferma la scia di furti che da mesi interessa Tricase. Le festività “casalinghe”, causa lockdown natalizio, hanno paradossalmente concesso un periodo di tregua in un periodo che solitamente, negli anni addietro, registrava un intensificarsi dei colpi.





Ora invece l’intensità dei furti è diminuita a ridosso del Natale e vede riaccendersi il campanello d’allarme col ritorno alla parziale “libertà” che porta la gente ad allontanarsi dalle proprie dimore.





Non si sono fatti attendere i ladri che tengono sotto scacco Tricase da ormai mesi. Ammesso che siano sempre gli stessi, gli autori delle “visite” che hanno interessato bar, negozi, minimarket e abitazioni private, eccoli di nuovo in azione nella giornata di ieri.




Un tentativo di furto è stato registrato in pieno giorno, qualche minuto dopo il tramonto. Le 17e30 circa, un orario in cui il paese è ancora vivo. In una zona tutt’altro che periferica (nei pressi dell’ospedale “Panico”) una banda di malviventi si è intrufolata in un appartamento. Con tutta probabilità i ladri avevano tenuto d’occhio i proprietari, usciti da casa pochi minuti prima. Ma avevano fatto male i conti: non tutta la famiglia si era allontanata.





La figlia, infatti, ha improvvisamente udito dei rumori provenire dall’altra parte dell’appartamento. Il tempo di uscire dalla propria camera è stato sufficiente per realizzare cosa stesse accadendo: torce alla mano, delle ombre si aggiravano in fondo al corridoio. Due, forse tre persone che, una volta capito che la casa non era vuota, hanno girato i tacchi e se la sono data a gambe.





Nullo il bottino e nessuna conseguenza per la malcapitata ragazza, vittima fortunatamente solo di un grande spavento. Persiste però il problema furti e stupisce anche il modus operandi in evoluzione: i ladri non si fanno scrupoli nel colpire anche in orario pomeridiano.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus