Connect with us

Cronaca

Fermata donna evasa dal carcere di Lecce

Alle 12 di oggi i Carabinieri del Nucleo Operativo di Anzio hanno arrestato Rosa Della Corte, evasa dal carcere di Lecce e dopo una fuga di 14 giorni.

Pubblicato

il

La donna napoletana condannata a 18 anni per omicidio dell’ex fidanzato Salvatore Pollasto, commesso nel 2003 a Casandrino, non era rientrata in carcere il 23 luglio 2014 alla fine di un permesso premio allontanandosi unitamente a Lorenzo Trazza.


Rosa Della Corte

Rosa Della Corte


La fuga d’amore tra i due è terminata il 2 settembre 2014 allorquando Trazza si presentava dapprima presso i Carabinieri di Roma Eur e successivamente riabbracciava la sua famiglia a Muro Leccese che era rimasta in apprensione temendo per la sua incolumità. Le indagini incessanti dopo gli ultimi avvenimenti, coordinate dalla Procura della Repubblica di Lecce, nella persona della Dott.ssa Mininni, sono state condotte sul campo dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Maglie, in collaborazione con il Comando di Polizia Penitenziaria di Lecce e con l’ausilio investigativo dei Carabinieri delle Compagnie di Anzio e Ostia e della Squadra Mobile di Reggio Emilia.


Attraverso l’analisi di numerosi tabulati telefonici di parenti ed amici dell’evasa è stato individuato dapprima il nuovo numero di cellulare utilizzato da Rosa e successivamente, attraverso un tracciamento di celle, la località di Ostia dove la stessa ha soggiornato negli ultimi giorni. Successivamente, mediante intercettazione telefonica del predetto numero, gli investigatori hanno captato, nella tarda serata di ieri, una telefonata ad un parente di Reggio Emilia. La P.G. da quel momento ha quindi cercato incessantemente di capire l’eventuale collegamento nella zona di Tor San Lorenzo, cella agganciata dal telefono. E’ stata quindi individuata attraverso riscontri telefonici e anche importanti informazioni assunte sul territorio l’abitazione di un cittadino rumeno dove la stessa veniva ospitata e con il quale aveva stretto amicizia nei giorni della sua latitanza. Grazie alla preziosa collaborazione dei Carabinieri di Anzio, puntualmente indirizzati e coordinati dal Nucleo Operativo di Maglie, questa mattina è stata fatta irruzione nella villetta di Tor San Lorenzo, e Rosa Della Corte, è stata arrestata mentre era ancora in compagnia del rumeno, la cui posizione è tuttora al vaglio degli inquirenti.


Riarrestata evasa dal carcere di Lecce


 

 


Alle 12 di oggi i Carabinieri del Nucleo Operativo di Anzio hanno arrestato Rosa Della Corte (di Murio Leccese), evasa dal carcere di lecce, dopo una fuga di 14 giorni.


 


La donna napoletana condannata a 18 anni per omicidio dell’ex fidanzato Salvatore Pollasto, commesso nel 2003 a Casandrino, non era rientrata in carcere il 23 luglio 2014 alla fine di un permesso premio allontanandosi unitamente a Lorenzo Trazza. La fuga d’amore tra i due è terminata il 2 settembre 2014 allorquando Trazza si presentava dapprima presso i Carabinieri di Roma Eur e successivamente riabbracciava la sua famiglia a Muro Leccese che era rimasta in apprensione temendo per la sua incolumità. Le indagini incessanti dopo gli ultimi avvenimenti, coordinate dalla Procura della Repubblica di Lecce, nella persona della Dott.ssa Mininni, sono state condotte sul campo dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Maglie, in collaborazione con il Comando di Polizia Penitenziaria di Lecce e con l’ausilio investigativo dei Carabinieri delle Compagnie di Anzio e Ostia e della Squadra Mobile di Reggio Emilia.


Attraverso l’analisi di numerosi tabulati telefonici di parenti ed amici dell’evasa è stato individuato dapprima il nuovo numero di cellulare utilizzato da Rosa e successivamente, attraverso un tracciamento di celle, la località di Ostia dove la stessa ha soggiornato negli ultimi giorni. Successivamente, mediante intercettazione telefonica del predetto numero, gli investigatori hanno captato, nella tarda serata di ieri, una telefonata ad un parente di Reggio Emilia. La P.G. da quel momento ha quindi cercato incessantemente di capire l’eventuale collegamento nella zona di Tor San Lorenzo, cella agganciata dal telefono. E’ stata quindi individuata attraverso riscontri telefonici e anche importanti informazioni assunte sul territorio l’abitazione di un cittadino rumeno dove la stessa veniva ospitata e con il quale aveva stretto amicizia nei giorni della sua latitanza. Grazie alla preziosa collaborazione dei Carabinieri di Anzio, puntualmente indirizzati e coordinati dal Nucleo Operativo di Maglie, questa mattina è stata fatta irruzione nella villetta di Tor San Lorenzo, e Rosa Della Corte, è stata arrestata mentre era ancora in compagnia del rumeno, la cui posizione è tuttora al vaglio degli inquirenti.


Cronaca

Tafferugli dopo Gallipoli – Nardò: un arresto e 10 denunce

Anche un daspo, tre fogli di via e sanzioni del codice della strada

Pubblicato

il

È di un arresto, 10 denunce, 1 daspo e due sanzioni al Codice della Strada il bilancio dell’attività investigativa portata avanti dagli agenti del Commissariato di Gallipoli e di quello di Nardò e della Digos della Questura di Lecce, dopo i tafferugli avvenuti al termine del derby Gallipoli – Nardò di domenica 18 febbraio.

Dopo il deflusso dallo stadio di tutti i tifosi, si è verificato un momento di contatto tra alcuni esponenti delle due tifoserie, travisati con sciarpe e cappucci di felpe, armati di aste di bandiere e oggetti contundenti.

Il contatto tra i facinorosi è durato poco meno di un minuto e non ha provocato danneggiamenti e lesioni gravi.

Sedata la rissa, gli agenti di polizia hanno individuato e fermato subito 3 tifosi ospiti che poco prima avevano partecipato ai tafferugli ed avevano evidenti segni di scontro fisico.

Tra questi, il conducente di un’auto che è stato arrestato e posto ai domiciliari resistenza aggravata a pubblico ufficiale e che, dopo l’udienza di convalida, ha patteggiato a 4 mesi, pena sospesa. È stato anche raggiunto dal provvedimento di DASPO della durata di 3 anni.

Il neretino è stato sanzionato anche per violazione al codice della strada considerato che, nell’occasione, ha trasportato 7 persone, oltre il limite previsto dal libretto di circolazione, ed ha effettuato una manovra azzardata con il superamento del limite di velocità, tanto da mettere a rischio l’incolumità di un poliziotto impegnato nell’atto di identificazione delle persone coinvolte.

Attraverso il successivo lavoro di visione delle immagini registrate dagli operatori della polizia scientifica del Commissariato di Gallipoli e dal riconoscimento diretto effettuato dai poliziotti in servizio, gli investigatori sono risaliti all’individuazione e identificazione di dieci tifosi, cinque gallipolini e cinque neretini, che sono stati denunciati a vario titolo per rissa aggravata e porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere, ai sensi della normativa in tema di manifestazioni sportive.

A tre tifosi neretini identificati sono già stati notificati i provvedimenti di foglio di via obbligatorio, che impediscono loro di tornare a Gallipoli per un periodo di tempo determinato.

Per tutti gli altri è in corso di valutazione l’adozione da parte del Questore di opportune misure di prevenzione.

Prosegue l’attività info-investigativa al fine di individuare ulteriori facinorosi che hanno preso parte ai tafferugli.

  • foto in alto di repertorio
Continua a Leggere

Cronaca

Distanziometro a Cutrofiano: sala giochi resta chiusa

Sentenza della Seconda Sezione del Consiglio di Stato, che ha respinto il ricorso della sala giochi in Via Paolo VI, angolo via Sogliano: giochi e distanziometro, a non c’è effetto espulsivo

Pubblicato

il

L’effetto espulsivo del distanziometro non sussiste se c’è almeno un 1% di territorio in cui un’attività può spostarsi.

È quanto ha stabilito con una sentenza la Seconda Sezione del Consiglio di Stato, che ha respinto il ricorso della sala giochi in Via Paolo VI, angolo via Sogliano, a Cutrofiano.

Secondo la ricorrente, infatti, il provvedimento comunale con cui, nel 2017, era stata imposta la chiusura dell’attività, in quanto troppo vicina a un istituto scolastico, avrebbe causato un effetto espulsivo dal territorio.

Come riporta agipronews, la legge regionale del 2013 imponeva una distanza non inferiore ai 500 metri tra una sala giochi e un luogo sensibile. Nel 2019 tale distanza è stata ridotta a 250 metri.

Secondo i titolari, alla luce di tali divieti, nel Comune di Cutrofiano “l’area nella quale risulta lecita l’apertura di sale” resterebbe solamente dell’1%.

Una cifra, però, che secondo il Consiglio di Stato non consente di parlare di effetto espulsivo, dal momento che già in passato non era stata accolta questa ipotesi in altri processi simili.

Il Collegio ritiene dunque che sussista di fondo “un’erroneità del presupposto interpretativo”.

La riduzione delle distanze minime nel 2019, inoltre, non incide su questa sentenza, ma andrebbe “valutata sulla base delle nuove disposizioni”, qualora la ricorrente avesse intenzione di procedere in questo senso.

Continua a Leggere

Cronaca

Furti nelle scuole, due arresti

Uno per il furto del monopattino di un alunno, l’altro per aver rubato le monetine dal distributore automatico

Pubblicato

il

Continuano i servizi di controllo del territorio mirati alla prevenzione e al contrasto di reati contro il patrimonio che di recente hanno visto un incremento su tutta la provincia salentina.

Dopo le due operazioni di Polizia Giudiziaria di sabato scorso che hanno consentito di arrestare due uomini ritenuti responsabili di numerosi furti, nella mattinata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Lecce Santa Rosa hanno dato esecuzione ad un’altra ordinanza applicativa di misura cautelare personale emessa dal Gip del Tribunale di Lecce, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Il provvedimento è stato emesso a seguito di richiesta di aggravamento all’indomani del deferimento in stato di libertà dell’uomo, un 46enne, che dovrà rispondere di furto. Lo stesso, infatti, dopo essersi introdotto nell’area antistante un istituto scolastico del capoluogo, si è impossessato di un monopattino elettrico di proprietà di un alunno, manomettendolo.

L’uomo era già sottoposto a misura restrittiva per altri tre furti di biciclette in pieno centro storico del capoluogo salentino.

Nel corso dei pianificati servizi preventivi, l’accurata analisi dei fatti specifici ha permesso la raccolta di fondamentali elementi di colpevolezza nei confronti dell’uomo. Indispensabile alla sua individuazione è stato, infatti, l’esame dei filmati delle videocamere presenti nella zona e le testimonianze raccolte che hanno portato gli investigatori sulle sue tracce.

Inoltre, l’uomo è stato trovato ancora in possesso del monopattino che è stato quindi recuperato e restituito al legittimo proprietario.

Al termine delle operazioni di polizia, in osservanza a quanto disposto dal provvedimento, il 46enne è stato arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari.

A  LEVERANO

 

Nel corso della stessa mattinata, analoga attività di Polizia Giudiziaria è stata posta in essere dai Carabinieri della Stazione di Leverano che hanno dato esecuzione a un’altra ordinanza applicativa di misura cautelare personale emessa dal Gip del Tribunale di Lecce, sempre su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Il provvedimento è stato emesso all’indomani del deferimento in stato di libertà di un 30enne, ritenuto  ùresponsabile del furto avvenuto la notte del 10 febbraio scorso, quando, si è introdotto all’interno di un istituto scolastico e dopo aver forzato la porta di uno degli ingressi del plesso, si è appropriato di monete contenute all’interno del distributore automatico delle bevande che si trova nell’androne.

Le indagini condotte dai Carabinieri, supportate anche dalle riprese delle telecamere di video sorveglianza circostanti, hanno permesso di identificare il malfattore.

I militari dopo aver raccolto la denuncia da parte della dirigente scolastica, hanno immediatamente analizzato le registrazioni di videosorveglianza e hanno riconosciuto il ladro.

Al termine delle operazioni di polizia, in osservanza a quanto disposto dal provvedimento, il colpevole è stato arrestato e sottoposto alla misura cautelare personale degli arresti domiciliari.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus