Connect with us

Cronaca

Finte assunzioni per incassare indennità di disoccupazione

Un commercialista e 70 lavoratori denunciati per truffa all’Inps da mezzo milione di euro

Pubblicato

il

Gli agenti della Tenenza della Guardia di Finanza di Casarano hanno portato a termine nelle scorse settimane dei controlli nei confronti di alcune aziende di Ugento.

Queste, da una preliminare analisi mediante le banche dati del Corpo, risultavano presentare, sistematicamente dall’annualità 2010 in poi, un numero di lavoratori assunti troppo elevato rispetto al volume d’affari dichiarato ed alla tipologia di attività esercitata.

In particolare, sette società, negli anni di interesse investigativo, non avevano espletato alcuna attività lavorativa.

Le investigazioni preliminari hanno spinto così la Procura della Repubblica di Lecce a delegare delle attività di approfondimento volte a delineare la reale portata di quanto emerso dall’attività delle fiamme gialle.

L’inchiesta ha permesso così di accertare un’ingente truffa ideata da un noto commercialista ugentino, finalizzata all’ottenimento di indebite indennità di disoccupazione.

Tale professionista, individuato quale ideatore del sistema fraudolento, corrispondeva i compensi ai propri dipendenti mediante le indennità di sostegno derivanti da fittizie assunzioni presso ignare aziende di cui deteneva la contabilità.

Il commercialista, con la complicità dei lavoratori, formalizzava autonomamente le false assunzioni, mediante comunicazioni postume inviate all’INPS, al fine di consentire a questi ultimi l’indebita percezione delle indennità di disoccupazione erogate dall’Ente previdenziale. Tali indennità venivano, poi, suddivise tra i lavoratori ed il professionista.
A nulla sono valsi i tentativi di quest’ultimo finalizzati all’inquinamento delle prove già in possesso degli investigatori della Guardia di Finanza, mediante suggerimenti ai lavoratori in occasione dell’escussione in atti.

Gli stessi laboratori, una volta compresa la gravità della situazione nella sua interezza, hanno raccontato agli inquirenti i fatti per filo e per segno, indicando il commercialista quale unico e solo ideatore della truffa.

L’operazione, nella sua completezza, ha consentito di accertare 70 fittizie assunzioni che hanno consentito ai sodali della truffa l’indebita percezione di indennità di disoccupazione per oltre mezzo milione di euro.

Il commercialista, unitamente ai 70 lavoratori che hanno concorso indispensabilmente nella configurazione del reato, sono stati segnalati alla requirente Autorità Giudiziaria per il reato di truffa aggravata ai danni dello Stato e, segnatamente, dell’INPS.

Inoltre, la posizione dei 71 indagati è stata segnalata alla Procura Regionale della Corte dei Conti per l’accertamento delle relative responsabilità amministrative ed il ripianamento del conseguente danno erariale.


Cronaca

Imma, dalla gioia al dolore: tornava a casa per votare il fratello

Pubblicato

il


Gagliano del Capo vive oggi una giornata di lutto. La notte trascorsa ha qualcosa di surreale. Dalle 20 circa di ieri sera una giovane gaglianese non c’è più: Maria Immacolata Bisanti, da tutti conosciuta come Imma Bisanti, ha perso la vita.





Aveva solo 38 anni. Era maestra di scuola elementare in Emilia Romagna. In questi giorni si stava misurando con la nuova sfida dell’insegnamento al tempo del Covid. Poi la gioia del rientro a casa, spezzata improvvisamente per cause ancora non chiare.





Imma era tornata in Salento da pochi giorni. Su Facebook il racconto delle emozioni che accompagnavano il suo viaggio verso sud, verso casa e verso le urne. Tornava per votare e per sostenere il fratello, candidato consigliere alle comunali.





Tornare a casa è sempre meraviglioso”, scriveva su Facebook Imma. “Ritrovarsi tra quelle mura di affetto, di protezione e di calore. Ma so anche che per me la vera casa non è la casa, ma la strada di chi si mette in cammino, ascolta, osserva e si lascia cambiare… Perché la vita stessa non è altro che un viaggio da fare a piedi”.




Solare, sorridente, piena di vita. Così la conoscevano e la ricordano tutti in paese. In tanti stanotte si sono riversati in strada per cercare di capire cosa stesse accadendo nella casa dei suoi genitori. Imma non rispondeva, non apriva la porta. L’arrivo dei vigili del fuoco, del 118. Della polizia locale e dei carabinieri. Il fiato sospeso rotto dal dolore della scoperta: Imma era in bagno senza vita.





La prima impressione restituita dal ritrovamento è stata quella di un incidente. Il classico post-doccia: stava asciugando i capelli, è rimasta folgorata.





Ma il nesso tra la morte e la causa scatenante è tutt’altro che acclarato. Potrebbe essersi trattato di un malore, di un infarto. Il suo corpo è stato portato via e sarà sottoposto ad esame autoptico alla ricerca di ulteriori risposte. Il paese intero aspetta il suo funerale per dirle addio.


Continua a Leggere

Cronaca

Incidente in tangenziale: furgone contro guardrail e poi a centrostrada

Pubblicato

il


Un incidente nel pomeriggio di oggi ha visto protagonista un furgone sulla tangenziale ovest di Lecce.





Mentre la dinamica è in fase di ricostruzione, il mezzo è rimasto di traverso lungo la carreggiata, tra le uscite 1 e 2 in direzione Maglie.





Il furgone è finito contro il guardrail, quasi abbattendo, per poi terminare la sua corsa a centro strada.




Il sinistro si è verificato attorno alle 16e30. Sul posto la polizia locale di Lecce. Non vi sarebbero feriti gravi.





Foto Telegram polizia locale Lecce


Continua a Leggere

Cronaca

Fotografa la scheda elettorale: tensione a Maglie

Pubblicato

il


Dopo Ruffano (dove un uomo ieri ha rifiutato di indossare la mascherina al seggio elettorale) tocca a Maglie.





Altro comportamento grave di un elettore che è stato, in questo caso, sorpreso a fotografare la sua scheda elettorale.





È accaduto nel seggio 14 di via Bachelet. L’uomo è stato fermato appena dopo aver votato.




La legge 96 del 2008 dispone il divieto di introdurre all’interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini. Chi viola tale sanzione è punibile con l’arresto da tre a sei mesi e con l’ammenda da 300 a 1.000 euro.





A Maglie è intervenuta la Guardia di Finanza che ha bloccato l’elettore e lo ha ascoltato in merito al comportamento tenuto.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus