Connect with us

Casarano

Fotografato a Casarano il rarissimo fenomeno del “raggio verde”

Il programma RAI Geo ammira le foto scattate all’effetto ottico dalla salentina Veronika Adamuccio

Pubblicato

il


Un fenomeno più unico che raro immortalato da Casarano e finito in TV.





È il raggio verde, fotografato qualche giorno fa da Veronika Adamuccio, amministratrice del gruppo “PcSalentoMeteo live segnalazioni”.





Come riporta Focus, si tratta di un fenomeno piuttosto raro: “un effetto ottico che viene notato quando il sole sta tramontando, ma anche sorgendo, e che dipende dalla rifrazione della luce nell’aria. Si può vedere però solo quando il cielo è molto limpido, non c’è foschia e l’astro scende su un orizzonte ampio e basso, per esempio il mare. Il sole, quando è alto nel cielo, appare come un disco bianco. Si può immaginarlo anche come il risultato della perfetta sovrapposizione di dischi colorati secondo le diverse componenti della luce. In prossimità dell’orizzonte, vale a dire all’alba e al tramonto, i raggi devono attraversare uno strato più spesso di atmosfera, che causa una maggiore rifrazione”.





Le immagini di Veronika Adamuccio sono state mandate in onda dalla trasmissione Geo di Rai3, dove si spiega come questo fenomeno sia stato fotografato rarissime volte nel mondo e forse mai in Italia.





Di seguito, frammentato in più pezzi per manterne la qualità video, il passaggio televisivo delle foto scattate a Casarano.




Le immagini da Geo


















Attualità

Ryanair, Brindisi collegherà anche Perugia e Stoccolma

“Il turismo, settore attrattivo e trainante della nostra economia, si conferma ancora una volta leva fondamentale per le scelte strategiche..”

Pubblicato

il

Dalla prossima estate Brindisi sarà collegata anche con Perugia e Stoccolma.

Due nuove rotte della Ryanair collegheranno il capoluogo dell’Umbria e la capitale scandinava, oltre alle 21 già attive sullo scalo salentino, inoltre la compagnia aerea ha annunciato un ulteriore investimento di 100 milioni di dollari, con un aeromobile aggiuntivo su Brindisi.

 “Siamo lieti di lanciare il nostro operativo estivo più grande di sempre a Brindisi, che offrirà una maggiore connettività e oltre 130 voli settimanali su 23 rotte, tra cui due nuove rotte per Perugia e Stoccolma” ha dichiarato Chiara Ravara, Head of Sales, Marketing and International Comms di Ryanair, e ha spiegato che “l’aereo aggiuntivo non solo rilancerà l’economia italiana guidando il turismo, ma creerà anche altri 30 posti di lavoro diretti nella regione. In un momento in cui altre compagnie aeree stanno riducendo la loro forza lavoro, siamo lieti di fare ulteriori investimenti sia nel nostro personale sia negli aeroporti di tutta Europa“.

 “Il turismo, settore attrattivo e trainante della nostra economia, si conferma ancora una volta leva fondamentale per le scelte strategiche messe in campo da Ryanair e Aeroporti di Puglia”  ha sottolineato Antonio Maria Vasile, vice president of Aeroporti di Puglia, “disporre di un secondo aereo basato su Brindisi, rappresenta una straordinaria possibilità di sviluppo di un territorio, divenuto brand riconosciuto a livello internazionale grazie alla cultura, alla natura, all’enogastronomia e alla storia ma anche rispetto alla straordinaria capacità della Puglia di far fronte alla crisi pandemica“.

Continua a Leggere

Attualità

Pale o non pale, questo è il dilemma

Divisioni e mal di pancia. Un impianto di 1,3 Gw di potenza e una produzione di 4Twh di energia significa sfamare un milione di persone, un quarto della popolazione pugliese

Pubblicato

il

Pale in mare sì, pale in mare no! Un progetto, quello di Odra Energia che continua a dividere, che ha suscitato continua a ispirare opinioni contrastanti, mal di pancia e divisioni, ma che tocca temi vitali come l’inquinamento paesaggistico, i problemi ambientali e l’effettiva
sostenibilità e, anche per questo, merita di essere approfondito.

PERCHÉ LE RINNOVABILI

L’energia eolica è la più avanzata tra tutte le fonti di energia rinnovabile (fotovoltaico, geotermico, idroelettrico). Con tale termine si intende il complesso di tecnologie con fonte non esauribile (in questo caso il vento), necessario per la riduzione di gas serra e sostanze inquinanti.
Da ciò nasce l’esigenza di incrementare la produzione di energia pulita che va ad affiancare, e sempre più a sostituire, la produzione da centrali a combustibili fossili; questa politica di decarbonizzazione è stata incentivata anche dagli Stati Europei.
In Italia il Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC) prevede entro il 2030 (in accordo con l’UE), una riduzione del 55% di emissioni venefiche rispetto al 1990: dopo 18 anni, nel 2018 la riduzione si è attestata solo al 17%.
Il Salento è terra di Sole, di Mare e Vento, e questo depone a favore delle nuove tecnologie, infatti, secondo l’Atlante Eolico, la nostra terra è “spazzata” da una velocità media annua di vento che va dai 6 ai 7 m/s (metri al secondo).

OCCHIO AI DATI

Tenendo conto dei dati pubblicati da Terna (l’ultimo bilancio elettrico), in Puglia nell’anno 2020 si è fatto uso di 15.562 Gwh (gigawattora) di energia, prosciugati da agricoltura, industria, servizi e domestico.
Per contro la produzione da fonte termoelettrica, derivante da centrali che utilizzano carbone, gas naturale ed altre materie prime ricavate da prodotti petroliferi, è pari a 17.793 Gwh.
Questa produzione soddisfa sì la domanda di energia interna, ma a quale prezzo? Nell’atmosfera vengono rilasciati gas serra, come CO2 (anidride carbonica), NOx (ossidi di azoto), e altre sostanze dannose. In Puglia sono presenti ben 5 impianti termoelettrici, con una potenza totale installata di 5.694 Mw (megawatt), di cui uno è ubicato a due passi casa nostra, a Cerano (Brindisi), eroga una potenza di 2.640 Mw (ovvero il 46% del totale), e funziona totalmente a carbone.
Queste produzioni dovranno essere sostituite in qualche modo, e quelle più efficaci ad oggi, avendo da tempo escluso la produzione da Nucleare, sembrano essere quelle da fonti rinnovabili. La Puglia nel corso del 2020 ha prodotto 4.802Gwh da eolico (con una potenza installata di 2.641Mw) e 3.839Gwh da fotovoltaico (con potenza installata di 2.900Mw), per un totale di 8.641Gwh.  Questi dati fanno capire come la sola produzione da fonte rinnovabile non riesce a soddisfare il fabbisogno energetico dell’intera Regione, ed è per questo che bisognerebbe abbracciare gli sforzi da parte di investitori nelle rinnovabili per ottenere una produzione di energia sempre più pulita.

GLI SVANTAGGI

Tutti vantaggi? No, anche qualche svantaggio: ad esempio, qualcuno obietta, sono brutte e non è piacevole osservare il sole sorgere trale pale eoliche. Vero,  ma non lo è neanche passeggiare tra i nostri tratturi e godersi campagne asfaltate da pannelli fotovoltaici; campagne incolte e godersi l’inquinamento atmosferico. Bisognerà valutare ogni posizione cercando di sfruttare al meglio questa situazione, non perdiamo questo treno: le pale garantiscono un significativo contributo per il raggiungimento degli obiettivi e degli impegni nazionali, comunitari e internazionali in materia di energia ed ambiente (transizione ecologica).
Pensiamo anche all’economia, questa scelta promuove la crescita economica e contribuisce alla creazione di posti di lavoro, dando impulso allo sviluppo, anche a livello locale.

CONCLUSIONE

Tiriamo le somme: parliamo di un impianto di 1,3 Gw di potenza e una produzione di 4Twh di energia, se saranno confermati questi dati, considerando il consumo medio per abitante pugliese che ammonta a 4.003 Kwh/ab (chilowattora su abitante), basterà fare una banale
divisone per capire che questo significa sfamare un milione di persone con questa energia, tradotto un quarto della popolazione pugliese. A chi giova questo tipo di progetto? Al futuro della nostra popolazione.
Vogliamo veramente rinunciare alle opportunità di sviluppo che può concederci?
Angelo Martella

Continua a Leggere

Casarano

“Mi ha stordita con un nebulizzatore ed ha abusato di me”: il racconto di una delle vittime dell’ortopedico arrestato

Pubblicato

il

Dal racconto di una delle pazienti, emergono alcuni raccapriccianti dettagli sulle pratiche messe in atto dall’ortopedico originario di Tricase arrestato in queste ore con l’accusa di violenza sessuale aggravata.

Il medico, Sergio Cosi, 66 anni, in servizio presso una clinica di Casarano, è stato ristretto ai domiciliari dopo una inchiesta che si è avvalsa di intercettazioni ambientali audio-video raccolte dai carabinieri in seguito alla prima denuncia.

L’attività dell’Arma prende piede dalla testimonianza di una donna di 50 anni di Casarano. Il suo racconto è riportato da LecceNews24: la paziente si reca in clinica lo scorso maggio. Durante la visita, il medico la fa adagiare su un lettino e dopo averle praticato dei massaggi le nebulizza una sostanza sul viso.

È qui che la donna inizia a sentirsi stordita. L’ortopedico poi le sussurra delle frasi del tutto fuori dal contesto medico e subito dopo le inserisce due dita in bocca, allargandole le labbra e sussurrandole: “Che bella lingua che hai”.

È qui che il professionista, approfittando della posizione ribassata del lettino, adeguatamente posizionato in precedenza, si denuda ed abusa della paziente, incapace di reagire perché ancora sotto l’effetto della sostanza inalata.

Uscita dallo studio, la donna si è allontanata senza riferire nulla al marito, che era ad attenderla all’esterno, per timore che lo stesso potesse farsi giustizia da sé.

Un paio di settimane dopo, confidatasi con un’amica, la donna trova la forza di denunciare l’accaduto ai carabinieri. È così che parte l’inchiesta che ha portato ora alla custodia cautelare del medico, ristretto ai domiciliari e ritenuto responsabile di almeno 5 episodi simili.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus