Connect with us

Cronaca

Guanti insanguinati e nuova ipotesi: il killer di Lecce era drogato?

L’assassino si è scagliato con più veemenza sul corpo di lei. Ferocia e sicurezza tipiche del delirio di onnipotenza da stupefacenti

Pubblicato

il


Si chiude domani, lunedì, la prima settimana dall’omicidio di Eleonora Manta e Daniele De Santis, la coppia di Lecce sorpresa nell’appartamento dove da poche ore si era trasferita.





Mentre ieri a Lecce ed a Seclì si sono tenuti i funerali (rispettivamente di lui e di lei), è ancora in libertà il killer che quella sera, attorno alle 20e30, ha inferto più di 60 coltellate ai due 33enni.





Gli inquirenti lavorano serratamente su tutti gli elementi che possono ricondurre alla sua identità. Il comando provinciale, con i reparti dedicati, non ha ricevuto supporto da Roma né da Bari: niente SIS – Sezione Investigazioni Scientifiche – dal capoluogo regionale e nessuna ulteriore strumentazione all’avanguardia come, nei primi minuti dopo il ritrovamento dei corpi, si pensava potesse succedere per accelerare le indagini.





Filtrano intanto nuovi dettagli e altre ipotesi. Oltre al ritrovamento del bigliettino insanguinato che l’assassino si era preparato per non fallire il percorso in avvicinamento ed in allontanamento dal luogo del delitto, sarebbero stati rinvenuti dei guanti in lattice. Frammenti di guanti, più che altro, che il killer potrebbe aver indossato mentre impugnava la lama con la quale ha freddato i due ragazzi.





Così fosse, questo sarebbe un ulteriore tassello a conferma della ormai acclarata premeditazione: l’azione, il pezzo di carta con gli spostamenti, l’efferatezza (avrebbe scagliato fendenti contro i corpi anche oltre la loro morte) ed i guanti sarebbero proprio ingredienti base di un delitto attentamente studiato a tavolino.




In parallelo si fa strada l’idea che l’omicida possa aver assunto stupefacenti prima di dirigersi verso via Montello. La ferocia con cui ha operato farebbe supporre agli inquirenti una sicurezza di sé tipica del delirio di onnipotenza dato da alcune droghe pesanti.





Siamo qui nel campo delle ipotesi. Ipotesi che però non vengono prese sottogamba, stante il fatto che col trascorrere delle ore cala il numero di nuovi elementi materiali che possano emergere dal luogo del delitto e sui quali poter basare l’indirizzo da seguire.





A tutto ciò, si somma beffardamente il fatto che la vita da bravi ragazzi delle due vittime, con zero scheletri nell’armadio e nessuna frequentazione scomoda, non ha agevolato le mosse degli inquirenti che si sono ritrovati ad operare a 360 gradi su quasi tutte le conoscenze e le frequentazioni di Eleonora e Daniele.





L’autopsia avrebbe invece restituito un rilevante dettaglio: il killer si sarebbe scagliato con più ferocia sul corpo della donna. Il dato può dare un rilevante segnale verso il movente dell’assassino, considerato che ad oggi non è ancora chiaro se si sia trattato di un crimine dettato ad esempio da gelosia o da una delusione amorosa. Questo, come altri dettagli, potrebbe anche esser stato dettato dal caso e dalle circostanze del momento. Motivo per cui, ad ora, si unisce ai tanti pezzi del puzzle in sospeso, che si spera al più presto vadano a comporre il quadro completo.


Cronaca

Avvocato positivo al Covid: sanificazione in tribunale

Pubblicato

il


Il quinto piano del tribunale penale di Lecce sarà sottoposto a sanificazione.





La procedura verrà arrivata dopo che un avvocato del foro leccese è risultato positivo al Covid.




Asintomatico, il legale si era recato in ospedale per accertamenti di altra natura. Al test per l’accesso agli ambienti ospedalieri è emersa la sua positività al Sarscov2.





Il suo passaggio in tribunale sarebbe tuttavia fugace. Avrebbe solo consultato dei fascicoli per pochi minuti senza entrare praticamente in contatto ravvicinato con nessuno.


Continua a Leggere

Alezio

Alezio: parroco ritrovato senza vita in casa propria

Don Antonio Minerba, 53 anni, sarebbe morto a causa di un malore, forse un infarto che lo fatto cadere e sbattere la testa

Pubblicato

il

Alezio sotto shock per l’improvvisa prematura scomparsa del suo parroco.

Don Antonio Minerba, 53 anni, è stato ritrovato senza vita nella sua abitazione  in via Garibaldi.

La scoperta in tarda mattinata, mentre i genitori lo attendevano per pranzo ad Aradeo, suo paese d’origine.

Secondo quanto trapela sarebbe caduto e avrebbe sbattuto il capo in seguito ad un malore, presumibilmente un infarto.

Continua a Leggere

Cronaca

Non ce l’ha fatta il ragazzo di Gallipoli ferito da gru a Bologna

È deceduto stamattina all’ospedale Maggiore, dove era ricoverato in rianimazione

Pubblicato

il

Purtroppo non ce l’ha fatta Francesco Caiffa, studente di Scienze statistiche a Bologna, 22 anni, di Gallipoli: troppo gravi le ferite riportate.

Francesco era tra i ragazzi che lo scorso 20 ottobre, improvvisamente, su una terrazza, durante i lavori di ristrutturazione in uno stabile in via del Borgo di San Pietro (foto in alto Corriere di Bologna), si erano visti travolti da un muro crollato a causa di una improvvida manovra con una gru su un cantiere adiacente.

Il 22enne gallipolino è deceduto nella mattinata di oggi all’ospedale Maggiore, dove era stato ricoverato nel reparto di rianimazione a seguito delle gravi ferite riportate.

Secondo la ricostruzione, il braccio meccanico di una betoniera avrebbe colpito un muro e quest’ultimo sarebbe crollato su una veranda dove si trovavano due ragazzi.

Entrambi erano rimasti feriti.

Ad avere la peggio è stato il 22enne salentino mentre l’altro ragazzo, un 20enne, ha riportato traumi al capo e alla gamba.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus