Connect with us

Cronaca

I bambini verranno vaccinati nelle scuole: lo ha deciso la Regione

Pubblicato

il


La Regione Puglia ha deciso che i vaccini anti-Covid ai bambini tra i 5 e gli 11 anni saranno somministrati direttamente nelle scuole, alla presenza dei genitori. Le prime scuole saranno pronte a partire dal 16 dicembre.





Lo riporta l’Ansa. La scelta è stata presa nel corso di una riunione con il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Giuseppe Silipo, i rappresentanti del Dipartimento Politiche della Salute, della Cabina di Regia Covid e degli uffici scolastici provinciali.




Sono circa 244mila i bambini 5-11 anni che compongono la platea vaccinabile in Puglia.





“La scuola pugliese è il luogo individuato per le vaccinazioni anticovid in età pediatrica – ha dichiarato l’assessore all’Istruzione Sebastiano Leo – dopo la riunione di oggi gli istituti cominceranno a organizzarsi in modo tale da avere le prime scuole pronte a partire già dal 16 dicembre. Il sistema sanitario e di protezione civile darà il suo contributo all’organizzazione delle sedute vaccinali negli istituti che saranno individuati in concerto con gli uffici scolastici. Un’organizzazione che si avvarrà anche del supporto dei pediatri di libera scelta e dei Dipartimenti di prevenzione delle Asl. La scuola, per i bambini, è il luogo più familiare dopo la casa. Per questa ragione è stata scelta come sede per la campagna vaccinale tra i bambini in Puglia. La scelta è stata determinata dalla necessità di farli sentire al sicuro, protetti, di far vivere loro questa esperienza come se rientrasse nella routine”. 


Attualità

Tricase: piazzetta Galilei ripulita dai volontari. Cantiere civico: «E l’Ammistrazione?»

Restituito «il decoro che merita a uno spazio urbano liberandolo da cumuli di immondizia». Cantiere civico: «Quella piazza è compresa tra i luoghi cittadini in cui è prevista la pulizia e la manutenzione periodica? L’amministrazione comunale, ad un anno e mezzo dall’insediamento, ha varato un piano di supervisione e sorveglianza di tutto il territorio comunale atto a prevenire situazioni di degrado e abbandono come in questo caso?»

Pubblicato

il

Siamo in piazza Galileo Galilei, nei pressi del Liceo G. “Stampacchia” in una domenica assolata di metà gennaio quando «riprende la buona pratica di ripulire il mondo, a cominciare dagli spazi più prossimi della vita quotidiana. L’azione di chi non si rassegna alla bruttura estetica ed etica dell’abbandono e della trascuratezza degli spazi comuni. Di chi non si volta dall’altra parte e decide di sporcarsi le mani, con la discrezione dell’umiltà e la consapevolezza gioiosa di fare la cosa giusta».

A ripulire ci hanno pensato i volontari di Clean Up Tricase, restituendo «il decoro che merita a uno spazio urbano liberandolo da cumuli di immondizia».

L’avvenuta pulizia della piazza è stata messa in risalto con un post dal Cantiere civico che intanto si pone «un paio di domande non più eludibili: piazza Galileo Galilei è compresa tra i luoghi cittadini in cui è prevista la pulizia e la manutenzione periodica? L’amministrazione comunale, ad un anno e mezzo dall’insediamento, ha varato un piano di supervisione e sorveglianza di tutto il territorio comunale atto a prevenire situazioni di degrado e abbandono come in questo caso? A giudicare dalle condizioni in cui si trovava la piazza», sottolineano dal Cantiere civico, «le risposte sono negative».

«Per il rispetto dei cittadini che vi risiedono, che pagano le tasse e perciò meritano dei servizi efficienti, ma anche per il rispetto delle centinaia di giovani che frequentano il liceo e che giornalmente attraversano quei luoghi», Cantiere civico esorta «il sindaco e la giunta a porre immediato rimedio a questa situazione».

Continua a Leggere

Cronaca

Salgono le terapie intensive e i positivi. Anche 10 decessi nel bollettino

Pubblicato

il

Il bollettino epidemiologico odierno della regione Puglia registra 9.433 nuovi casi di contagio da su 94.146 test (incidenza del 10%).

Si contano 10 morti.

I casi sono così distribuiti: in provincia di Bari 3.072, nella provincia Barletta-Andria-Trani 1.068, in quella di Brindisi 837, nel Foggiano 1.425, in provincia di Lecce 1.651, in quella di Taranto 1.281.

Tra i residenti fuori regione ci sono altri 52 casi mentre per 47 contagiati non è stata definita la provincia di appartenenza. Delle 139.003 persone attualmente positive 665 sono ricoverate in area non critica (ieri 655) e 69 in terapia intensiva (ieri 64).

Continua a Leggere

Cronaca

SuperEnalotto: vinti 33mila euro in Salento

Curiosità: un errore di stampa illude un altro giocatore che credeva di aver svoltato

Pubblicato

il

La Puglia torna a sorridere con il SuperEnalotto: nel concorso del 18 gennaio un giocatore ha centrato il “cinque” al SuperEnalotto.

Come riporta Agipronews, un fortunato ha centrato una vincita da 33mila e 824 euro. La giocata vincente è stata convalidata presso l’esercizio di via Ariosto 1/3 a Gallipoli.

Il Jackpot sale intanto a 143,3 milioni di euro, che saranno in palio nella prossima estrazione. L’ultima sestina vincente è arrivata il 22 maggio scorso, con i 156,2 milioni di euro finiti a Montappone (FM), mentre in Puglia l’ultimo “6” è quello da 26 milioni di euro realizzato a gennaio del 2014, a Bari.

Curiosità

Grande beffa invece per un uomo della provincia di L’Aquila. Un 83enne ambulante ha pensato di essere diventato milionario dopo aver confrontato i numeri del Superenalotto stampati sul giornale e quelli da lui giocati martedì scorso. Una schedina con 5 combinazioni di 6 numeri, su cui scommette da anni 3 volte a settimana, spendendo 7 euro e 50 centesimi.

Un jackpot da 130 milioni di euro. Ed un biglietto che l’uomo credeva vincente. Il giorno dopo però l’ambulante si è recato dal tabaccaio per convalidare la vincita. Qui l’amara scoperta. Il titolare della ricevitoria ha verificato i numeri che son risultati non corrispondere a quelli estratti. Infatti, il quotidiano aveva riportato dei numeri sbagliati.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus