Connect with us

Cronaca

In manette meccanico di Patù

Fu coinvolto dal reo confesso Lucio Marzo nell’indagine per l’omicidio di Noemi Durini. Alla vista dei carabinieri ha tentato la fuga in moto: arrestato con un chilo di marijuana

Pubblicato

il

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della  Compagnia di Tricase, supportati dalla Stazione Caranbinieri di Castrignano del Capo hanno arrestato in flagranza Fausto Nicolì, 50 anni, residente a Patù, noto alle cronache come il  meccanico coinvolto in seno alle indagini relative all’omicidio di Noemi Durini.


Durante un controllo, i carabinieri lo hanno individuato già all’esterno della sua abitazione dotata di impianto di videosorveglianza e pronto alla fuga.


Avvedutosi delle uniformi e nonostante la patente revocata, si era messo alla guida di un maxi scooter privo di assicurazione fuggendo in direzione di Morciano di Leuca e creando di fatto un serio pericolo gli utenti della strada.


Fausto Nicolì, 50 anni, di Patù


Inseguito, è stato bloccato dai carabinieri dopo circa 4 Km e trovato in possesso di un involucro di cellophane trasparente contenente poco più di un Kg. di marijuana.

A seguito di perquisizione domiciliare è stato rinvenuto un altro grammo della medesima sostanza; sul motoveicolo utilizzato per il tentativo di fuga invece aveva applicato la targa di un ciclomotore il cui smarrimento era stato denunciato presso l’Arma di Salve.


Per finire, nel cortile dell’abitazione vi erano due cani di razza Pitbull privi di microchip e sei tartarughe di grandi dimensioni verosimilmente di specie protetta, per i quali saranno svolti ulteriori approfondimenti in collaborazione le competenti guardie zoofile e con i Carabinieri del Raggruppamento CITES di Bari.


Il motoveicolo, la targa e la sostanza stupefacente, sono stati posti sotto sequestro.


Nicolì, che dovrà rispondere dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, resistenza a P.U. e ricettazione, è stato tratto in arresto e successivamente associato presso il carcere di Borgo San Nicola, su disposizioni del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce.


Cronaca

Scomparsa Mauro Romano: dopo 33 anni spunta un sospettato

Pubblicato

il

Spunta l’identità di un presunto colpevole della ormai storica scomparsa di Mauro Romano, il piccolo bambino sparito da Racale nel 1977.

Per anni tante le piste e poche le risposte. Ad ogni ritrovamento nel basso Salento, l’immediata ipotesi di collegamento col caso. Sempre smentita dagli approfondimenti.

L’ultimo dei nomi associati alla vicenda, in questi mesi, era stato quello collegato ad un amico di famiglia che all’epoca fu condannato per tentata estorsione ai danni della famiglia del piccolo (chiese soldi in cambio di informazioni risultate inutili) e che ora è indagato per presunti abusi registrati su minori nel recente passato.

Ma non è lui il sospettato numero uno degli inquirenti al momento. Prende piede infatti una ricostruzione che porta ad un uomo oggi sui 70 anni. Un amico di famiglia che il piccolo Mauro chiamava “zio”. Secondo i recenti sviluppi delle indagini, quel giorno il bambino, di appena 6 anni, si allontanò con lui in auto senza far più ritorno.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase: incendio sulla litoranea

Complice anche il forte vento di tramontana le fiamme divorano la vegetazione della collina prospiciente alla strada Tricase Porto – Marina di Andrano

Pubblicato

il

Le fiamme alimentate dal forte vento proveniente da nord stanno divorando la macchia mediterranea di un’ampia area della collina prospiciente alla litoranea Tricase Porto – Marina di Andrano.

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase, precedentemente impegnati in un altro incendio, questa volta nei pressi della marina di Novaglie, sono giunti sul posto e stanno lottando contro le fiamme.

Le operazioni sono rese assai difficoltose perchè la zona è impervia ed ai vigili del fuoco non è semplice giungere sul luogo coi loro mezzi. Intanto come già detto il vento soffia forte ed alimenta ulteriormente le fiamme.

Sul posto anche uomini e mezzi della Protezione Civile

Continua a Leggere

Collepasso

Collepasso: fermato pusher

Incastrato grazie ai cani del nucleo cinofilo di Modugno

Pubblicato

il

Arresto in flagranza per un 44enne di Collepasso ad opera dei militari locali supportati dal nucleo cinofilo di Modugno.

In seguito alla perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti 16 grammi di cocaina e 460 euro in contanti.

Il materiale è stato sottoposto a sequestro.

Il 44enne, dopo aver espletato le formalità di rito, è stato condotto nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus