Connect with us

Cronaca

In manette meccanico di Patù

Fu coinvolto dal reo confesso Lucio Marzo nell’indagine per l’omicidio di Noemi Durini. Alla vista dei carabinieri ha tentato la fuga in moto: arrestato con un chilo di marijuana

Pubblicato

il

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della  Compagnia di Tricase, supportati dalla Stazione Caranbinieri di Castrignano del Capo hanno arrestato in flagranza Fausto Nicolì, 50 anni, residente a Patù, noto alle cronache come il  meccanico coinvolto in seno alle indagini relative all’omicidio di Noemi Durini.


Durante un controllo, i carabinieri lo hanno individuato già all’esterno della sua abitazione dotata di impianto di videosorveglianza e pronto alla fuga.


Avvedutosi delle uniformi e nonostante la patente revocata, si era messo alla guida di un maxi scooter privo di assicurazione fuggendo in direzione di Morciano di Leuca e creando di fatto un serio pericolo gli utenti della strada.


Fausto Nicolì, 50 anni, di Patù


Inseguito, è stato bloccato dai carabinieri dopo circa 4 Km e trovato in possesso di un involucro di cellophane trasparente contenente poco più di un Kg. di marijuana.

A seguito di perquisizione domiciliare è stato rinvenuto un altro grammo della medesima sostanza; sul motoveicolo utilizzato per il tentativo di fuga invece aveva applicato la targa di un ciclomotore il cui smarrimento era stato denunciato presso l’Arma di Salve.


Per finire, nel cortile dell’abitazione vi erano due cani di razza Pitbull privi di microchip e sei tartarughe di grandi dimensioni verosimilmente di specie protetta, per i quali saranno svolti ulteriori approfondimenti in collaborazione le competenti guardie zoofile e con i Carabinieri del Raggruppamento CITES di Bari.


Il motoveicolo, la targa e la sostanza stupefacente, sono stati posti sotto sequestro.


Nicolì, che dovrà rispondere dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, resistenza a P.U. e ricettazione, è stato tratto in arresto e successivamente associato presso il carcere di Borgo San Nicola, su disposizioni del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce.


Cronaca

Pubblicità sessista scatena l’indignazione nel nord Salento

Pubblicato

il


È rabbia e polemica a Lizzanello per una pubblicità che gioca su un chiaro doppio senso sessista.





Una ditta di pulizie ha lanciato dei cartelloni pubblicitari con una donna in abiti succinti intenta a spolverare e una scritta a caratteri cubitali: “Ve la diamo gratis”.
Non l’ha presa bene Fulvio Pedone, il sindaco, che ha tuonato: “Fuori da Lizzanello!”
Queste le sue parole: “Una pubblicità sessista oggi ha disturbato la consueta quiete che contraddistingue le domeniche pomeriggio della nostra comunità.





Un bizzarro richiamo alla donna, come archetipo retrogrado di genere sottomesso.






Di fatto, un errore ha richiamato Lizzanello quale località di appartenenza della società che ha sfruttato lo slogan sessista per il proprio business. Lizzanello ne è solo la sede legale, la compagine, per fortuna, è altrove.







Ad ogni modo Lizzanello e Merine non si tirano indietro e saranno sempre presenti per parteggiare contro le ingiustizie e combattere per una buona causa e questa di certo lo è !







Domani, invocando la “Raccomandazione CM/Rec(2019)1 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sulla prevenzione e la lotta contro il sessismo (adottata dal Comitato dei Ministri il 27 marzo 2019, in occasione della 1342e riunione dei Delegati dei Ministri) scriveremo un regolamento comunale che ispirato al rispetto dei principi fondamentali escluderà dalla negoziazione privata col comune le imprese che si siano negativamente distinte per comportamenti sessisti, discriminatori e razzisti, oltre a negare ogni forma di affissione pubblicitaria di natura sessista”.


Continua a Leggere

Cronaca

Lucugnano al buio per un problema tecnico

Pubblicato

il


Un improvviso blackout ha interessato Lucugnano nel pomeriggio di questa domenica.





Parte della frazione di Tricase è improvvisamente rimasta senza luce qualche ora dopo il tramonto. Varie strade e numerose case sono finite al buio.




Si tratterebbe di un problema tecnico. Dai numeri di servizio l’assistenza fa sapere di essere al lavoro per risolvere la questione. Entro le 22 il problema dovrebbe rientrare.


Continua a Leggere

Casarano

Il Covid ferma le scuole in 3 Comuni della provincia

Pubblicato

il

Il Covid continua a metter lo sgambetto al normale svolgimento della didattica delle scuole salentine.

Nelle ultime ore 3 Comuni in provincia si son visti costretti a prendere provvedimenti in seguito a contagi che hanno interessato alunni o personale scolastico.

A Casarano

Il sindaco Ottavio De Nuzzo ha disposto la chiusura del plesso di piazza San Domenico dove frequentano la scuola alunni di elementari e medie. Sono stati riscontrati diversi casi di positività e scattate una serie di quarantene a catena.

A Sternatia

Il genitore di un alunno della scuola di Sternatia è risultato positivo al Covid. Qui la misura è più precauzionale che negli altri centri: in via preventiva verrà disposta la chiusura della scuola primaria e secondaria per l’intera settimana che inizia domani. Il sindaco Manera inoltre ha disposto, a spese del Comune, uno screening su base volontaria per docenti, studenti e personale Ata.

A Maglie

Maglie chiude invece la scuola dell’infanzia, la primaria e la secondaria di via Lanoce-Marconi. Sempre causa Covid, la didattica sarà a distanza nei prossimi giorni.
Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus