Connect with us

Cronaca

In piazza contro l’Università islamica

“Fronte comune” spinge sul fatto che la fondazione che creerà l’ateneo è una associazione, che pertanto non ha vincoli di trasparenza fiscale. E ci si prepara ad una raccolta firme

Pubblicato

il

Continua a far parlare la nascente Università islamica con sede a Lecce. Dopo l’ufficialità dell’avvio del progetto, voluto e portato avanti da Giampiero Khaled Paladini, sono arrivate immediate le prime iscrizioni per prender parte alle lezioni che partiranno in autunno.

Una anteprima dell'ateneo

Una anteprima dell’ateneo

Già 50 in pochi giorni gli scritti ai corsi di lingua araba e di teologia (che potranno essere avviati senza l’accreditamento del Miur), studenti pronti a convergere a Lecce anche da altre province, come Bari, Taranto e Potenza. Lo scoppiettante avvio ha immediatamente sollevato la questione spazi: la fondazione ha disposizione degli immobili che verranno utilizzati come aule, ma si teme possano presto essere insufficienti.

In tutto ciò, chi è contrario alla realizzazione dell’ateneo musulmano, che prevede tra le altre cose anche una moschea al suo interno, non sta di certo a guardare. “Fronte comune” di Monteroni ha infatti annunciato di avere in programma una raccolta firme, con tanto di gazebo in piazza, per opporsi alla nascita dell’Università islamica su territorio salentino. Il fronte del “no” farà leva sulla poca trasparenza sui fondi che ne deriverebbe: la fondazione che si occupa della creazione dell’ateneo è una associazione, pertanto non è iscritta ad un registro delle imprese e non dovrà rendere pubblici i dati su patrimonio, attività e bilancio.

“Chi sono i soci? Da dove arriveranno i 45 milioni necessari alla realizzazione delle strutture? Ed i 35 all’anno necessari alla gestione?”: queste le principali domande che “Fronte comune” si pone e gira alla comunità salentina, col fermo scopo di mobilitarla contro la nascente università.

admin-ajax (1)Paladini scocciato ripete: “Abbiamo dato risposta già numerose volte, negli ultimi 5 mesi, a questi interrogativi. Per l’ultima volta ricorderemo che Digos, Prefettura ed organi competenti, saranno i primi a sapere dell’arrivo di fondi, se e quando questi arriveranno”. E piccato aggiunge: “Qui si pensa solo ai soldi”, provocando la controparte sulla presunta mancanza di argomentazioni culturali.

Cronaca

Live di Conte: “Proroga misure restrittive al 13 aprile”

Pubblicato

il

Nell’atteso collegamento live del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è arrivata la conferma dell’ipotesi già anticipata: il nuovo decreto prolunga le misure restrittive fino al 13 aprile.

L’efficacia delle disposizioni dei decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri del 8, 9, 11 e 22 marzo 2020, nonché di quelle previste dall’ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo 2020 e dall’ordinanza del 28 marzo 2020 adottata dal Ministro della salute di concerto con il Ministro delle
infrastrutture e dei trasporti, è prorogata fino al lunedì dopo Pasqua, il 13 aprile 2020.

Continua a Leggere

Attualità

Il bollettino: 18 nuovi positivi e 5 decessi nel Salento

Dall’inizio della pandemia, il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.946 , di cui 321 nella sola provincia di Lecce. Il totale dei decessi è 129. Salgono a 57 i pazienti guariti

Pubblicato

il

Nel consueto bollettino epidemiologico del pomeriggio risultano 143 nuovi positivi in Puglia (effettuati 1.136 test), di cui 18 solo nella provincia di Lecce.

Sono purtroppo stati registrati altri 19 decessi, di cui 5 in provincia di Lecce.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 15.209 test.

Salgono a 57 i pazienti guariti.

Mentre il totale dei decessi è 129.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.946, di cui 321 nella sola provincia di Lecce.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Continua a Leggere

Cronaca

Spesa a domicilio: nuovo servizio a Tricase e dintorni

Ordini con una telefonata o un messaggio (al 375 62 85 738) e ricevi direttamente a casa beni di prima necessità, consegnati nel rispetto delle norme anti-contagio

Pubblicato

il

Da oggi, al 375 62 85 738, è attivo su Tricase e Comuni limitrofi il servizio di consegna a domicilio della spesa che ti permette di acquistare tutto ciò che ti occorre senza muovere un passo da casa.

È possibile ricevere a domicilio beni di prima necessità di vario genere: alimentari, carni, frutta, verdura, surgelati, prodotti per l’igiene della casa e della persona, prodotti per animali e tanto altro.

Come richiedere il servizio

Basta telefonare dalle 9e30 alle 19 al numero 375 62 85 738. Oppure, inviare un messaggio WhatsApp o un SMS allo stesso numero richiedendo il servizio “La spesa a casa tua” per essere richiamati gratuitamente.

Un operatore raccoglierà il vostro ordine al telefono (secondo l’elenco di prodotti disponibili nelle attività aderenti) e vi fornirà tutte le informazioni circa le modalità ed i tempi di erogazione del servizio.

La consegna a domicilio (entro i tempi concordati telefonicamente) sarà effettuata nel rispetto delle misure di sicurezza imposte dal DPCM del 09/03/2020 da un operatore munito dei dispositivi di sicurezza anti-contagio da Coronavirus.

Il servizio è attivo nella zona di Tricase e comuni limitrofi.

Le attività che ne permettono la realizzazione sono:

  • Supermercato SuperDay di Tricase
  • Azienda agricola AgriPispero di Tricase
  • Libreria Mondadori Point di Tricase
  • Dolce e Salato di Massimo Dell’Abate di Tricase

La spesa a casa tua” ha lo scopo di venire incontro alle necessità del particolare momento storico: evitare code o assembramenti in supermercati ed attività commerciali, scongiurare l’isolamento di quanti sono impossibilitati a muoversi da casa e agevolare la riduzione del rischio contagio da Covid-19.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 375 62 85 738.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus