Connect with us

Attualità

In Salento la prima Università islamica d’Italia

“Luogo di dialogo aperto a tutti, sarà come la Cattolica, ma musulmana”. E si infiamma il dibattito

Pubblicato

il

Da fantapolitica a scontro di idee, il dibattito sulla prima Università islamica in Italia si è infuocato.

Appena un paio di settimane dopo l’opposizione del Comune di Lecce al progetto del campus di religione musulmana su territorio salentino, è arrivata infatti la firma che ne avvia la fondazione. In uno studio notarile leccese, Giampiero Khaled Paladini, 56enne scrittore ed imprenditore salentino convertito all’Islam e presidente di Confime, ha posto così il primo mattone virtuale per la realizzazione dell’Università da lui ideata e fortemente voluta.

Giampiero Khaled Paladini

Giampiero Khaled Paladini

Non sarà una università coranica, ma di diritto italiano, scientifica, di ispirazione islamica, sul modello della Cattolica”, precisa nella conferenza di presentazione, e ripete: “Sarà un luogo di dialogo aperto a tutti che, attraverso la conoscenza del mondo islamico, permetterà di fare un passo avanti verso il confronto, indispensabile soprattutto in questo momento di tensione per via del terrorismo”.

Sui social intanto Paladini continua attivamente la sua propaganda, deciso a convincere anche i più fermi oppositori. L’ambizioso progetto punta a realizzare un ateneo in cui 5mila studenti potrebbero studiare alle porte di Lecce (probabilmente dirimpetto all’Ecotekne) e disporre di mensa, residenze, impianti sportivi e ovviamente una moschea ottagonale.

Si inizierà con i corsi di teologia, per i quali non è necessario l’accreditamento del Miur. Poi, a gennaio 2016, dovrebbero partire due master, uno in Diritto ed economia e Finanza islamica, organizzato assieme ad una rappresentativa di centri bancari del Barhein, e l’altro in Scienze delle costruzioni, alimentato anche da compagnie finanziarie e di costruzioni arabe.

Se dovesse poi arrivare il nullaosta del Ministero, nell’ottobre 2017 partiranno i corsi di laurea veri e propri: quello in Scienze umanistiche e quello in Scienze agrarie e ambientali, con un ‘ma’: “Se l’Università del Salento dovesse decidere nel frattempo di aprire la stessa facoltà, opteremo senza problemi per dell’altro, vale a dire per quella di medicina e Scienze infermieristiche, a partire dall’autunno 2018”.

Un progetto che senza dubbio necessita di un lauto finanziamento che, a quanto pare, sarebbe già pronto. Ben 45 milioni di euro arriverebbero infatti dai Paesi dell’Opec, andando a coprire i costi di realizzazione del campus. Le spese di gestione annuale invece, attorno ai 35 milioni, sarebbero saldate quasi per intero con le rette corrisposte dagli studenti, stimate su una base di almeno 6mila euro l’anno, come in tutte le università private.

Insomma, chi credeva che l’università musulmana sarebbe rimasta solo una chiacchiera da bar, si sbagliava. Anche per questo, il dibattito attorno alla questione si è infiammato improvvisamente. In tanti promettono guerra aperta alla realizzazione del progetto, chi forte di valide (e più o meno condivisibili) motivazioni e chi brandendo la sempre pronta spada della xenofobia e facendo di tutta l’erba (i musulmani) un fascio (terroristi).

Paladini, dal canto suo, è convinto di smentire gli scettici coi fatti. E imperturbabile epiloga: “Rispetteremo tutte le leggi. Non vedo come possano dirci di no”.

Lorenzo Zito

Attualità

Bollettino covid: +11 in Puglia ma il Salento resta vergine

Dall’inizio della pandemia è di 4.458 il totale dei contagiati: sono 2.178 i pazienti guariti, 1.793 i casi attualmente positivi

Pubblicato

il

Altri 11 contagi in Puglia ma il Salento resta ancora esente da nuovi contagi.

Eseguiti nelle ultime 24 ore 1.832 test: il tasso di positività su tutto il territorio regionale è dello 0,60% in aumento rispetto allo 0,45% di ieri ma sempre contenuto.

Sottolineato che gli ultimi casi riguardano soprattutto la Capitanata (7) e il barese (3) ieri è stato registrato un altro decesso di Pugliese con covid nella provincia Bat.

Dall’inizio della pandemia sono stati effettuati 103.570 test.

Sono 2.178 i pazienti guariti; 1.793 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza sanitaria è di 4.458, di cui 511 nella provincia di Lecce.

IL BOLLERTTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 24 MAGGIO

 

Continua a Leggere

Attualità

“Aiutaci a ripartire in sicurezza”, il video di Confcommercio Lecce

Da Confcommercio Imprese Lecce, un video per sensibilizzare sull’uso corretto delle mascherine, sul mantenimento della distanza sociale e sugli assembramenti

Pubblicato

il

IL VIDEO DI CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L’ITALIA LECCE

Continua a Leggere

Attualità

Muro Leccese: aiutiamo Gianpiero

L’appello dei figli: “Lotta da due anni contro un raro tumore al cervello. In Germania è possibile un intervento presso l’International Neuro Science Institute di Hannover che può restituirgli la vita…”

Pubblicato

il

Come per il caso di Andrea il 35enne magliese che è stato operato con successo ad Hannover (in quel caso la campagna di raccolta fondi fu lanciata dalla fidanzata Giovanna di Corigliano d’Otranto) anche Francesco e Stefano di Muro Leccese, lanciano una campagna di raccolta fondi su gofundme per aiutare il papà Gianpiero.

Siamo Francesco e Stefano”, scrivono nel loro appello, “il nostro papà Gianpiero lotta da due anni contro un male che ora mette in pericolo la sua vita. Si tratta di un raro tumore al cervello che in Italia non trova rimedi efficaci. In Germania, invece, è possibile un intervento presso l’International Neuro Science Institute di Hannover che può restituirgli la vita. Per questo chiediamo il vostro aiuto economico, per affrontare i costi dell’intervento che serve a salvare il nostro papà Gianpiero. Aiutateci!”.

Chiunque voglia aiutare Gianpiero e raccogliere l’appello di Francesco e Stefano può utilizzare l’iban: IT45Q0526279720CC0030401810;

intestatario Grande Emilio

(Indicare nella causale DONAZIONE AIUTIAMO GIANPIERO)

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus