Connect with us

Cronaca

Incidente all’uscita per Scorrano: traffico in tilt sulla 275

Soccorsi e lunghe code lì dove la Maglie-Leuca si stringe ad imbuto e dove, anni fa, si collocò il presidio pro lavori di rifacimento della statale

Pubblicato

il


Incidente e code sulla strada statale 275, dal tardo pomeriggio fino a sera, all’altezza di Scorrano.





Due i mezzi rimasti coinvolti nel sinistro su quello che, in direzione sud, è il primo tratto in cui la Maglie-Leuca si stringe ad imbuto, passando dalle 4 corsie che ci si è lasciati alle spalle a ridosso dell’abitato scorranese, alle 2 nei pressi della stazione di servizio prima del territorio di Botrugno.





L’incidente ha portato sul luogo i mezzi di soccorso ed i carabinieri. Fortunatamente, a dispetto dell’impatto e del disagio portato al traffico, le condizioni dei coinvolti non sarebbero preoccupanti. Gran da fare però per i carabinieri che, oltre ai rilievi del caso, han dovuto gestire il deflusso del traffico in un orario tra i più intensi della giornata, a ridosso del tramonto.





Lo scontro è avvenuto attorno alle 19. I due veicoli coinvolti sono rimasti sulla carreggiata. Lunghe code si sono create in entrambe le direzioni di marcia, con deflusso alternato. Dopo il tramonto le operazioni di rimozione dei mezzi e rimessa in sicurezza dell’area erano ancora da ultimare.




Beffarda la location: proprio lì, una manciata di metri più avanti, gli operai del Gruppo Palumbo, qualche anno fa, piantarono i loro gazebo facendo dello svincolo di Scorrano (snodo rappresentativo proprio perché imbuto della 275) la location del loro lungo presidio. La protesta nacque per sollecitare l’avvio dell’opera di ammodernamento della Maglie-Leuca (mai partita) e per scongiurare la perdita di oltre cento posti di lavoro.





Lor. Zito










Attualità

248 casi covid in Puglia. Cala la curva dei contagi

Ogni 100mila abitanti” sono 91; sotto soglia di saturazione i posti letto sia in area medica (7%) che in terapia intensiva (4%

Pubblicato

il

Oggi in Puglia ci sono stati 248 casi. 13.931 sono stati i test per l’infezione effettuati, con una incidenza dell’1,78%.

E’ stato registrato un decesso. Questi i positivi per provincia: 59 nel Leccese, 53 in provincia di Bari, 43 nel Foggiano, 40 nel Brindisino, 32 nella provincia Bat, 14 nel Tarantino, 5 residenti fuori regione, 2 casi di residenza non nota.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 266.706 e sono 256.579 i pazienti guariti.

Cala ancora la curva dei contagi in Puglia e migliora anche la situazione complessiva. Dall’8 al 14 settembre, secondo il monitoraggio della fondazione Gimbe, c’è stata una riduzione dei nuovi casi del 15,3% rispetto a sette giorni prima.

I “casi positivi ogni 100mila abitanti” sono 91; sotto soglia di saturazione i posti letto sia in area medica (7%) che in terapia intensiva (4%).

La provincia con più contagi è quella Barletta-Andria-Trani, con 54 nuovi casi; seguono Lecce (42); Brindisi (31); Foggia (28); Bari (25) e Taranto (16).

Continua a Leggere

Cronaca

In moto contro un muretto: muore 49enne

Pubblicato

il

Bruttissimo incidente in tarda mattinata nel nord Salento.

Una moto è finita contro un muretto sulla Veglie-Torre Lapillo. La polizia locale ha ricostruito la dinamica. Non è ancora chiaro cosa abbia provocato l’incidente. Le forze dell’ordine sono al lavoro per capire se sia stato un altro mezzo in transito a far perdere il controllo della moto all’uomo che era in sella.

Potrebbe infatti esser stata una immissione laterale a provocare uno sbandamento. Da valutare però anche la velocità cui il mezzo a due ruote procedeva.

Inutili i soccorsi: l’uomo, un 49enne di Veglie, è deceduto.

Foto Protezione Civile Salento

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Intercettata imbarcazione: migranti sbarcano a Leuca

Pubblicato

il

Un natante con un gruppo di migranti a bordo è stato intercettato oggi al lungo le coste salentine.

Nella prima mattinata è partita la prassi preparativa allo sbarco. La barca è stata raggiunta nei pressi di Lido Marini (Ugento) e scortata nel porto di Leuca dove sono in corso le operazioni di routine: sanitarie e di identificazione.

Il gruppo è composto da 52 persone che hanno riferito di essere originarie di Iran e Iraq. Sono stati tutti trasferiti presso il centro di prima accoglienza don Tonino Bello di Otranto.

Foto Valerio Schirinzi

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus