Connect with us

Cronaca

Incidente in tangenziale: paura per uomo intrappolato in furgone

Intervento dei vigili del fuoco per estrarre il conducente del Doblò dalle lamiere: fortunatamente non è in pericolo di vita

Pubblicato

il


Poche ore dopo l’incidente mortale costato la vita ad un imprenditore di Parabita, ancora paura sulle strade salentine per un sinistro che, per fortuna, a dispetto della spettacolarità, non si è rivelato altrettanto grave.





Un furgone, un Fiat Doblò cabinato di colore rosso, si è ribaltato, a margine di un incidente la cui dinamica non è ancora chiara.





Punto dell’incidente è, sulla tangenziale Est di Lecce, l’area in prossimità dell’uscita per la statale in direzione Brindisi.





L’episodio si è verificato dopo le 12. Il conducente del Doblò, ribaltatosi nel canale a lato della carreggiata, è rimasto bloccato nell’abitacolo.




Immediata è partita la chiamata ai numeri d’emergenza, con il 115 ed il 118 che hanno inviato mezzi sul posto.





Sono stati i pompieri ad estrarre il malcapitato dal furgone adagiatosi, col tettuccio, contro la parete laterale scavata nella terra e nella roccia per far spazio alla tangenziale.





L’equipe medico sanitaria del 118 poi ha trasportato il ferito in ospedale al “Vito Fazzi” di Lecce. Non sarebbe in pericolo di vita.


Cronaca

Dolori al petto dopo vaccinazione e poi il decesso: disposta autopsia

Pubblicato

il

Poche ore dopo avere ricevuto la prima dose di vaccino anticovid, è morto per un improvviso malore.

È quanto accaduto ad un uomo salentino che aveva aderito alla campagna vaccinale a seguito dell’introduzione dell’obbligo del super green pass sui luoghi di lavoro per gli over 50.

La vittima è il 54enne Claudio Di Paolo, web designer di Galatone, in provincia di Lecce, sposato e padre di due figli, morto nei giorni scorsi a causa di un arresto cardiaco, che non gli ha lasciato scampo.

Ora la famiglia chiede chiarezza ed ha presentato un esposto in Procura, per capire se la morte dell’uomo sia correlata all’inoculazione del siero anti Covid, oppure no.

Pare che il malcapitato non soffrisse di alcuna patologia, “Pur non essendo un no vax – spiega l’avvocato Francesco Protopapa, che assiste la famiglia insieme al collega Massimo Aprile – nutriva delle riserve sul vaccino, in quanto nutriva dei dubbi sulla sua efficacia”.

Dopo appena un’ora dalla somministrazione, Di Paolo aveva iniziato a manifestare dei forti dolori al petto. Si era recato presso l’ospedale “Sacro Cuore” di Gallipoli, dove i medici avevano rilevato alcuni parametri non a norma che, tuttavia, non rendevano necessario il suo ricovero.

Dopo il ritorno a casa, aveva avvertito nuovamente dolori al petto, ancora più intensi dei precedenti. Stavolta aveva rifiutato il ricovero presso l’ospedale “Santa Maria Novella” di Galatina. Poi, nel cuore della notte, l’ennesimo malore e la richiesta al fratello di accompagnarlo in ospedale. Poi, purtroppo, il tragico epilogo.

L’Asl di Lecce ha disposto un riscontro diagnostico per chiarire se l’uomo soffrisse di patologie non note. All’esame, per conto dei familiari del galatonese, parteciperà il medico legale Luigi Di Gesù.

Continua a Leggere

Cronaca

Precipita da balcone: muore ospite di Rsa a Gagliano

Pubblicato

il

Tragedia in una Rsa di Gagliano del Capo dove una ospite è deceduta dopo esser precipitata da un balcone.

La vittima è una donna di 65 anni di Presicce-Acquarica. È caduta nel vuoto dal balcone della sua stanza, per motivi in fase di accertamento: non è escluso si sia trattato di un gesto volontario.

Il trasporto al Vito Fazzi di Lecce non è bastato per salvarle la vita: troppo gravi le ferite riportate.

Le indagini sull’accaduto sono in mano ai carabinieri, intervenuti sul posto.

Notizia in aggiornamento

Continua a Leggere

Cronaca

Ladri di ruote in azione: vittima anche assessora di Ugento

Pubblicato

il

È il caso di dire furti “a ruota” ad Ugento. Nella notte appena trascorsa, più vetture sono state prese di mira da ignoti che ne hanno asportato le gomme.

Un colpo tra il centro abitato e la marina di Torre San Giovanni che conta tra le vittime anche l’assessora alle Pari opportunità ed alla Cultura Anna Chiara Congedi e la sua Fiat 500L.

Indisturbati, i ladri hanno portato via le ruote delle vetture lasciandole, come accade in questi casi, appoggiate a dei tufi.

I carabinieri indagano sull’accaduto, cercando supporto anche in alcune videocamere di sorveglianza che insistono sulle zone interessate.

Esprime a nome suo e di tutta l’Amministrazione Comunale solidarietà all’Assessore Chiara Congedi il sindaco Salvatore Chiga: “Quanto accaduto è da condannare e confido nel lavoro degli inquirenti affinché riescano presto a dare delle risposte per la serenità di Chiara e di quei cittadini vittime di un simile gesto”.

Immagine di repertorio

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus