Connect with us

Cronaca

Latitante, si rifugia in riva al mare armato fino ai denti

Pubblicato

il

Nel pomeriggio del 13 marzo 2021, a conclusione di una complessa attività investigativa, gli agenti della Squadra Mobile di Lecce e i militari del G.I.C.O. del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Lecce, hanno tratto in arresto un pregiudicato di Muro Leccese.


L’uomo, destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Bari per un residuo di pena da scontare, si era da tempo determinato a far perdere le proprie tracce trovando rifugio in

un appartamento situato nella località marinara di Torre Lapillo, nel comune leccese di Porto Cesareo, dove è stato scovato grazie alle sinergie investigative dei poliziotti e dei militari della Guardia di finanza.

Fatta irruzione nel fabbricato, C.M. (queste le sue iniziali) non ha opposto resistenza alla vista delle forze dell’ordine che – nel frattempo – avevano bloccato tutte le vie di fuga, eseguendo al contempo un’approfondita perquisizione dell’intero appartamento.

Un fabbricato su due livelli, all’interno del quale l’arrestato nascondeva una vera e propria armeria al di sotto del mobile del lavabo della cucina, dove i finanzieri ed i poliziotti, all’interno di una busta di cellophane, hanno scoperto:

– una pistola modello Taurus PT92AFS Cal. 9x21priva di caricatore con matricola

abrasa;

– un caricatore bifilare rifornito con 8 cartucce calibro 9 X 21;

– un caricatore bifilare rifornito con 9 cartucce calibro 9 X 21;

– un revolver calibro 6 priva di matricola avvolto in uno straccio

– una cartuccia calibro 38 Special;

– una scatola contenente 22 cartucce sul cui fondello è impressa la serigrafia “Velo

dog GFL”;

– un involucro di cellophane contenente 10 cartucce calibro 9 X 21,

tutti sottoposti a sequestro.


Inoltre, sul tavolo della cucina C.M. conservava cinque telefoni cellulari, al vaglio dell’attività investigativa, oltre alla somma di 2550 euro in contanti, in banconote di vario taglio, tutti sottoposti a sequestro.

All’esito del predetto rinvenimento l’indagato è stato, in aggiunta all’ordine di carcerazione notificatogli, dichiarato in stato di arresto in flagranza di reato per detenzione di armi clandestine e munizionamento in violazione dell’art. 23 della Legge 110/75 e dell’art. 697

del Codice penale.

Su disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica di Lecce, dott. Alberto Santacatterina, l’arrestato – dopo i rilievi di rito – è stato condotto presso la locale Casa Circondariale di Lecce a disposizione dell’autorità giudiziaria.






Cronaca

Pullman di studenti in fiamme, stanno tutti bene

Questa mattina sulla circonvallazione di Lecce, nei pressi del Comando della Polizia Municipale. Fortunatamente nessuno si è fatto male

Pubblicato

il

Un pulmann della Chiriatti carico di studenti ha preso fuoco stamattina in città.

Fortunatamente solo tanta paura e nessun danno fisico agli spaventati e involontari protagonisti della vicenda.

Sono ancora in corso di accertamento, le cause che hanno provocato l’incendio del mezzo proprio sulla circonvallazione  di Lecce, nei pressi del Comando della Polizia Municipale, il pulmino è stato avvolto dalle fiamme mentre era in transito.

Sul posto oltre ai vigili del fuoco anche gli agenti della polizia locale per decongestionare il traffico vista l’ora di punta.

Continua a Leggere

Attualità

Quell’alieno che minaccia pini ed ecosistema pugliese

L’entomologo, prof. Francesco Porcelli: « La Cocciniglia Tartaruga è un Alieno Invasivo e la sua presenza in Puglia è preoccupante perché minaccia i nostri pini e l’ecosistema in generale»

Pubblicato

il

Recente ritrovamento della Toumeyella parvicornis, la Cocciniglia Tartaruga del pino.

Il professor Francesco Porcelli, entomologo, afferma che da «Una sua occasionale recente osservazione, e campioni consegnati per l’identificazione da operatori sul territorio, confermano la presenza in Puglia della dannosissima cocciniglia che infesta il Pino da pinoli. La Cocciniglia Tartaruga è un Alieno Invasivo e la sua presenza in Puglia è preoccupante perché minaccia i nostri pini e l’ecosistema in generale».

«La cocciniglia», spiega il prof. Porcelli, «vive in dense e popolose infestazioni. Le grandi quantità di melata imbrattano le piante e i luoghi, annerendoli con la fumaggine. La Toumeyella si adatta facilmente a diversi ambienti, invadendo nuovi territori nei quali tende a uccidere le piante ospiti. L’Alieno compie diverse generazioni per anno nelle aree urbane che sono particolarmente minacciate da questa specie».

Continua a Leggere

Cronaca

Weekend di controlli stradali nella zona di Maglie: raffica di denunce

Pubblicato

il

Servizio straordinario di controllo del territorio per i carabinieri di Maglie nel weekend appena trascorso.

L’esito è una serie di segnalazioni all’autorità giudiziaria.

In 5 son stati deferiti per violazione ai sensi art.187 c. 1 c.D.S. (guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti e contestuale ritiro della patente).

Altri due per violazione ai sensi art.187 c.8 (rifiuto accertamento per verifica assunzione sostanze stupefacenti). Questi, nel corso di un controllo alla circolazione, han rifiutato di sottoporsi agli accertamenti volti a verificare l’eventuale guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Ben 7 le denunce per violazione ai sensi art.186 c. 2 lettera “b” c.D.S. (guida di veicolo in stato di ebbrezza alcolica)

Ancora due, segnalati per violazione amministrativa ai sensi art.186 c.2 lettera “a” c.D.S. (guida di veicolo in stato di ebbrezza alcolica) ed infine uno per violazione  amministrativa ai sensi art.117 c. 2 bis e 5 c.D.S.  (neopatentato alla guida di veicolo con potenza specifica superiore a 70 kw/t).

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus