Connect with us

Cronaca

Investita da conoscente: docente muore in ospedale

Si è spenta per le gravi ferite la 54enne insegnante di Uggiano La Chiesa, in ruolo in un’Alberghiero del pistoiese

Pubblicato

il

Si è spenta dopo aver lottato per la vita per cinque lunghi giorni. Non ce l’ha fatta Antonia Coluccia, insegnante di educazione fisica nell’istituto Alberghiero di Montecatini, originaria di Casamassella, frazione di Uggiano La Chiesa.


La donna, 54enne, viveva a Chiesina, in provincia di Pistoia. Era stata travolta da un auto a pochi passi da casa sua: l’uomo che l’ha investita è un pensionato, un 65enne del posto che nei pressi dell’abitazione della vittima possiede una stalla. I due si erano appena salutati quando l’uomo è salito in auto ed ha travolto la donna. Non è ancora chiarissima però la dinamica dell’incidente: il pensionato potrebbe aver accusato un malore o essersi semplicemente distratto.


Come riporta il quotidiano del posto, “Il Tirreno”, le indagini a carico dell’uomo sono passate, con la morte della docente, dall’ipotesi di lesioni all’omicidio colposo.

I colleghi della signora Coluccia, ammessa in ruolo lo scorso settembre, si sono stretti attorno alla famiglia nel tragico momento di dolore.


Antonia ora riposera a Uggiano, come ha spiegato una nipote: “È quello che avrebbe deciso lei”.


Cronaca

Giù dalla moto dopo schianto con auto: soccorsi alle porte di Tricase

Sinistro lungo la provinciale per Lucugnano: strada chiusa al traffico per un’ora per permettere intervento 118 e rilievi

Pubblicato

il

Incidente stradale in serata alla periferia di Tricase tra un’auto ed una moto.

Il sinistro è avvenuto poco dopo le 20 lungo la strada provinciale per la frazione di Lucugnano.

Qui, all’uscita dal centro abitato tricasino, in corrispondenza con l’incrocio su cui insiste il Distaccamento dei Vigili del Fuoco, l’impatto tra i due mezzi ha fatto rovinare a terra il conducente della moto.

Immediati i soccorsi prestati al malcapitato, unico ferito nell’incidente, che, pochi minuti dopo, è stato raggiunto dal 118. L’ambulanza lo ha trasportato presso l’ospedale “Cardinale Panico” in codice giallo.

Il tratto di provinciale interessato è stato interdetto al traffico per circa un’ora. Dapprima per permettere le operazioni di soccorso, poi per procedere ai dovuti rilievi ed infine per rimettere in sicurezza l’area.

Molti i mezzi in transito che, una volta giunti sul luogo dell’incidente, si sono visti costretti a cambiare percorso e fare dietrofront dinanzi le pattuglie del 112 che sbarraravano la strada.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Tricase e gli agenti della polizia locale, liberi da servizio. La dinamica non è al momento nota.

Lor. Zito

Continua a Leggere

Cronaca

«Furti in campagna, agricoltori disperati»

L’ultimo caso a Melendugno, dove alle piantine di “Favolosa” sono stati sottratti i paletti di sostegno. Benedetto Accogli, presidente CIA Salento e vicepresidente regionale di CIA Puglia: “Chiederemo un incontro urgente col Prefetto di Lecce, la situazione è insostenibile”

Pubblicato

il

Gli agricoltori sono disperati. In tutto il Leccese, si stanno moltiplicando i furti nei campi. L’ultimo episodio è accaduto oggi a Melendugno.

Dai campi dell’azienda Giannuzzi, un olivicoltore associato a CIA Agricoltori Italiani Salento, sono stati rubati 60 paletti di sostegno ad altrettante piantine di olivo della cultivar Favolosa, la varietà che nell’area salentina viene reimpiantata perché resistente alla Xylella.

Ogni paletto costa attorno ai 3 euro. Nelle ultime settimane ne sono stati rubati centinaia in tutto il Salento.

Benedetto Accogli vicepresidente CIA Puglia

«Il danno arrecato ogni volta, però, è molto più grave», ha spiegato Benedetto Accogli, presidente CIA Salento e vicepresidente regionale di CIA Puglia, «poiché sradicando il paletto interrato molte piantine vengono irrimediabilmente compromesse. In più c’è il danno psicologico: gli olivicoltori salentini sono stremati dal dramma Xylella. Chiederemo un incontro urgente col Prefetto di Lecce».

«Due settimane fa», ha aggiunto Emanuela Longo, direttrice CIA Salento, «il titolare di un frantoio oleario salentino ormai fermo da anni si è tolto la vita. Forse alla politica non è del tutto chiara la situazione di vera e propria disperazione che si sta determinando. Occorre intervenire subito, sia sull’effettivo avanzamento del piano di rigenerazione olivicola sia per ciò che attiene alla piaga dei furti nelle campagne».

Proprio il Piano di rigenerazione olivicola del Salento e l’emergenza Xylella sono tra i punti qualificanti e prioritari che CIA Agricoltori Italiani di Puglia ha sottoposto con forza alle istituzioni e alla politica negli ultimi quattro mesi, anche attraverso gli incontri con le coalizioni che hanno preceduto la tornata elettorale del 25 settembre.

Gennaro Sicolo, presidente di CIA Puglia e vicepresidente nazionale dell’organizzazione, è tornato a chiedere un commissario con poteri straordinari per riprendere il bando della matassa sull’emergenza Xylella.

Emanuela Longo

Nel Salento, aziende olivicole e frantoi oleari chiudono i battenti a causa di una burocrazia sorda al loro grido d’aiuto. Tutto procede in modo troppo lento e farraginoso.

Anche la questione della sicurezza nelle campagne, sulla quale il sindacato degli agricoltori sta lottando da anni, appare sottovalutato colpevolmente dalla politica. Razzie notturne per rubare i prodotti faticosamente coltivati dagli agricoltori, furti di mezzi, materiale ferroso, rame, paletti, stanno letteralmente mettendo in ginocchio l’agricoltura.

«Bisogna capire che, in questo modo, gli agricoltori pugliesi non possono andare avanti», ha dichiarato Gennaro Sicolo, «Il nuovo governo, che speriamo sia formato al più presto, dovrà subito prendere in mano subito la situazione, coordinandosi con la Regione Puglia, le Prefetture, le Province e i comuni. L’agricoltura ha aspettato già troppo tempo, è il momento di avere delle risposte».

Continua a Leggere

Alessano

Auto contro bici sulla Alessano-Corsano: ciclista in codice rosso

Uomo di Corsano soccorso dopo violento scontro e condotto in ospedale a Tricase

Pubblicato

il

E’ apprensione per le sorti di un uomo investito oggi nel Capo di Leuca mentre era in sella ad una bicicletta.

L’incidente è avvenuto ad Alessano, lungo la strada provinciale che conduce a Corsano. Proprio di Corsano, 59 anni, sarebbe l’uomo travolto da un’auto in transito.

Violento l’impatto che ha visto il ciclista finire contro il parabrezza di una Dacia. La bici è stata piegata in due dallo schianto, l’uomo, invece, è stato soccorso dal personale del 118 e condotto in ospedale a Tricase.

Le sue condizioni sono apparse subito critiche: è arrivato in nosocomio in codice rosso. I primi riscontri sono però fortunatamente positivi: non sarebbe in pericolo di vita.

Sulla strada una macchia di sangue racconta la violenza dell’incidente, i cui rilievi sono stati effettuati dai carabinieri, intervenuti sul posto con il personale della Radiomobile di Tricase e della stazione di Alessano.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus