Connect with us

Cronaca

La 275 frena ancora: manca la Valutazione d’Impatto Ambientale

E’ di nuovo corsa contro il tempo: il rischio di un nuovo slittamento dei lavori è dietro l’angolo

Pubblicato

il

Troppo bello per essere vero, aveva commentato qualcuno. Ed infatti, rieccoci qui: il cronoprogramma stilato dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili per il rifacimento del primo lotto della strada statale 275 è già stato disatteso.


Appena un mese fa, il superamento del primo difficile, importante snodo, quello della Conferenza dei servizi, aveva fatto collocare all’inizio della prossima estate l’avvio dei lavori per le 4 corsie tra Maglie e la zona industriale di Tricase. Oggi, eccoci dinanzi ad un nuovo slittamento.


Dopo il per nulla semplice ottenimento, da parte del Commissario straordinario e responsabile della Struttura Territoriale Anas Puglia, Vincenzo Marzi, del parere favorevole di tutti i Comuni coinvolti dal passaggio del nuovo tracciato (dei 23,3 km che attraversano i territori di Melpignano, Maglie, Muro Leccese, Scorrano, San Cassiano, Nociglia, Botrugno, Surano, Montesano Salentino, Andrano, Tricase), è giunto il momento della Valutazione d’Impatto Ambientale.


Avrebbe dovuto giungere entro l’8 settembre, invece manca ancora all’appello e, al momento, non è previsto che la Commissione per la VIA si riunisca da qui a fine mese.


Questo significa una sola cosa: un altro rinvio sul calendario della 275, il cui destino dipende ancora una volta dal ministero della Transizione Ecologica. Senza questo parere, viene rimandata la redazione del progetto esecutivo da parte di Anas: il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili contava di averlo pronto per il 30 novembre, ma a questo punto siamo di nuovo ad una corsa contro il tempo.

Restano così bloccate le disposizioni di pubblica utilità dell’opera, l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio, e soprattutto la nuova messa messa a bando dell’opera: sarà possibile vederla entro il 30 aprile 2023 come previsto dal cronoprogramma? Molto probabilmente no. Di conseguenza, anche l’avvio dei lavori sarà procrastinato. Addio inizio a giugno 2023, insomma, e taglio del nastro ancora una volta rimandato.


Quello della nuova 275 è un progetto da 244 milioni che, dopo l’annullamento della prima gara 6 anni addietro, e dopo la chiusura di un interminabile contenzioso amministrativo, oggi, prima ancora che per i 23,3 km di strada tra Maglie e Tricase, passa per un tortuoso percorso a tappe in un fitto calendario. Che fossero appuntamenti per nulla banali, lo si era capito da subito. Ma se l’unica puntualità è negli imprevisti, la certezza che rimarrà al basso Salento è sempre la stessa: quella di non poter mai prevedere quando sarà realizzata l’opera.


 


Castrignano del Capo

Rifiuti in campagna, i soliti idioti

Tra Giuliano di Lecce e San Dana abbandonati sul ciglio della strada un vecchio materasso e due grossi copertoni

Pubblicato

il

Siamo tra Giuliano di Lecce (frazione di Castrignano del Capo) e San Dana (Gagliano del Capo) poco prima dell’incrocio con la via Nazionale che, in direzione nord conduce fino ad Alessano.

La campagna tutto intorno è meravigliosa, nonostante siamo in pieno inverno e gli ulivi, una volta motivo di vanto per tutto il territorio, fatichino a nascondere gli sfregi della Xylella.

Chissà chi ha approfittato della zona, pressoché isolata e lontana da occhi indiscreti, per abbandonare sul ciglio della strada, accanto ad un muretto a secco, un vecchio materasso e due grossi copertoni, probabilmente appartenuti ad un camion.

Uno scempio, uno dei tanti tra le nostre sterminate campagne, l’ennesima dimostrazione della stupidità umana: un pugno nello stomaco, al centro di un autentico paradiso verde.

L’auspicio, ora, è che qualcuno provveda a rimuovere quanto prima quell’obbrobrio nella speranza che prima o poi, questa cattiva abitudine (eufemismo) smetta di essere tale tra chi non ha rispetto per nulla.

Continua a Leggere

Botrugno

Rapina in banca a Botrugno

Due malviventi con il volto coperto da maschere carnescialesche hanno fatto irruzione nella filiale del Monte dei Paschi di Siena e, minacciando con un taglierino i dipendenti, si sono fatti consegnare 5mila euro. La fuga a bordo di un Fiat Fiorino, a bordo del quale li attendeva un terzo complice

Pubblicato

il

Poco prima dell’ora di pranzo due malviventi, mascherati come se fossero diretti ad un party di carnevale, hanno fatto irruzione nella filiale di Botrugno della Monte dei Paschi di Siena, in via Cavour.

I due hanno immediatamente esplicitato le loro intenzioni, blandendo un taglierino in direzione degli impiegati della filiale che hanno consegnato loro la somma di cinquemila euro.

I rapinatori si son poi dileguati pare a bordo di un Fiat Fiorino bianco, forse rubato, dove ad attenderli pare ci fosse un terzo complice.

Allertati, i Carabinieri della Compagnia di Maglie sono immediatamente giunti sul posto ed hanno avviato le indagini, a cominciare dalla visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza della Monte dei Paschi e dalle altre presenti nella zona.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase, ricorso contro nuova Eurospin: sentenza del Tar attesa nei prossimi 15 giorni

I giudici del Tribunale regionale si son riservati la decisione e, se i tempi verranno rispettati, entro una paio di settimane potremo conoscere l’esito della vicenda giudiziaria che si trascina dal febbraio scorso

Pubblicato

il

Dovrebbe arrivare entro un paio di settimane la sentenza del Tar in merito al ricorso presentato contro l’apertura del nuovo Eurospin.

Al termine dell’udienza tenutasi il 10 gennaio scorso, infatti, i giudici del Tribunale regionale si son riservati la decisione e, se i tempi verranno rispettati, entro una quindicina di gironi potremo conoscere l’esito della vicenda giudiziaria che si trascina dal febbraio scorso, quando il Gruppo Coop, rappresentato dall’avv. Giovanni Crisostomo, ha inoltrato ricorso al Tar.

Ricorso che, lo ricordiamo, chiedeva una valutazione dell’autorizzazione concessa per una media struttura di tipologia dimensionale M2 per la vendita al dettaglio di prodotti alimentari e misti.

Secondo i ricorrenti, «stando alla qualificazione data dall’allora Commissario ad Acta e recepita dal Consiglio, in quel sito potrebbe andarci solo un esercizio di vicinato e non un M2».

Nel maggio scorso i ricorrenti, anche per evitare che il procedimento giudiziario si protraesse nel tempo con lungaggini (anche 3-4 anni di attesa), davanti al Tribunale regionale, avevanorinunciato alla sospensiva.

Vista la non opposizione della controparte, tutto è stato rinviato prima a dicembre e poi al 10 gennaio.

Ora bisognerà pazientare ancora un apio di settimane per la pronuncia della sentenza da parte dei giudici del Tribunale regionale.

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus