Connect with us

Cronaca

“La Trinità a Tricase”

I consiglieri di opposizione dopo i sigilli al nuovo parcheggio dell’ospedale: “Inammissibile che il sindaco sia contemporaneamente anche il Capo Settore dell’Ufficio Tecnico e ingegnere che esercita la libera professione”

Pubblicato

il

Dopo aver appreso la notizia del sopralluogo della Guardia di Finanza nel nuovo parcheggio dell’ospedale di Tricase dove hanno riscontrato una irregolarità nell’area di 3mila metri quadrati circa che sarà destinata alla sosta delle auto dei dipendenti del “Cardinale Panico” (si tratta di in particolaredi una struttura, una sorta di gabbiotto con annesso bagno, che dovrebbe ospitare il custode del parcheggio e che sarebbe stata realizzata in difformità con il progetto originario) ci vanno giù pesante i consiglieri di opposizione Nunzio Dell’Abate, Gianluigi Forte, Vito Zocco, Pasquale Scarascia e Guerino Alfarano.


Antonio Giuseppe Coppola, dipendente del Comune di Tricase con la qualifica di Capo Settore dell’Ufficio Tecnico, da tempo in aspettativa per mandato elettorale”, attaccano, “esercita attività libero professionale di ingegnere, nell’ambito dello stesso Comune di Tricase, vietata dalla legge e dal regolamento comunale, versando da anni in una situazione di gravissima incompatibilità e conflitto di interessi. Non lo diciamo noi, ma l’Ispettorato per la Funzione Pubblica che gli ha contestato la violazione, irrogato una pesante sanzione amministrativa ed invitato il Segretario del Comune di Tricase ad avviare, in danno del dipendente Coppola, il procedimento disciplinare che in tali casi prevede il licenziamento in tronco”.


Si dà il caso”, continuano, “che il dipendente comunale ed ingegnere libero professionista Antonio Giuseppe Coppola sia anche il Sindaco di Tricase. E si dà il caso che i suoi lavori a Tricase da ingegnere (progetti, varianti, dichiarazioni di conformità, ecc) siano esaminati e approvati da chi è suo collega, per essere incardinato nel medesimo ufficio tecnico comunale, e contestualmente nominato a responsabile del settore tecnico, con i relativi maggiori emolumenti, a mezzo di decreto a firma del sindaco Antonio Giuseppe Coppola; decreto che in qualunque momento può essere revocato o non rinnovato dallo stesso sindaco”.

Apprendiamo”, aggiungono allacciandosi all’attaulità, “che a Tricase la Guardia di Finanza ha sequestrato, in quanto privo del permesso di costruire, un edificio, il cui progettista e direttore dei lavori risponde al nome dell’Ing. Antonio G. Coppola. Eloquente la sua dichiarazione riportata dai giornali: “Già domani l’autorizzazione verrà concessa dagli uffici comunali preposti”. Insieme a lui, anche noi non abbiamo dubbi che il permesso in sanatoria sarà rilasciato in tempi record! Chissà se tutti gli ingegneri di Tricase, in casi simili, abbiano il privilegio di poter rispondere con questa certezza. A Cantone, Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione”, concludono, “si rizzerebbero i capelli se venisse a Tricase. È ora che qualcuno la smetta di ritenersi assistito dal privilegio dell’impunità e decida se perseguire l’interesse pubblico oppure gli interessi personali”.


Cronaca

L’Atalanta a tifoso con maglia del Lecce: “Terrone del c***o”

Pubblicato

il

L’Atalanta è senz’altro la squadra del momento per il campionato di calcio di Serie A. Col suo gioco spettacolare ed i risultati incredibili sta incantando il mondo del pallone, anche fuori dai confini nazionali.

Un episodio registrato questo weekend però non fa onore allo staff bergamasco.

Un video inchioda infatti alcuni componenti della compagine dirigenziale e sportiva della Dea mentre apostrofano un tifoso del Napoli che indossa una maglia del Lecce.

Nelle immagini che seguono si vede l’Atalanta raggiungere la stazione per dirigersi a Torino e sfidare la Juventus. Appare poi il tifoso con indosso la maglia del Lecce che si avvicina a Gasperini, l’allenatore dei nerazzurri.

Alla provocazione del supporter meridionale che, in vista della gara con la Juve, chiede: “Ve la giocate almeno quest’anno?”, i bergamaschi rispondono con degli insulti.

Gasperini, che per quanto raccolga elogi per le sue doti da allenatore raramente brilla per sportività, lo liquida con un “pedala co***one“.

Alle spalle della telecamera invece Marco Moioli, team manager della Dea, dà il suo meglio con un “terrone del c***o“. La Procura Federale ha aperto una inchiesta. In seguito sono arrivate le scuse degli interessati e anche un invito al tifoso. Ecco il video.

Continua a Leggere

Cronaca

Ancora ossa a Roca: ne spunta un sacco pieno sul fondale

Pubblicato

il

Una scoperta dietro l’altra, l’una più incredibile dell’altra.

Una escalation quella dei ritrovamenti nel mare di Melendugno che ha uno sfondo misto tra il macabro ed il misterioso.

Dopo il piede rinvenuto a riva a Roca e il femore ritrovato in acqua ieri, oggi è stato estratto dall’acqua un sacco nero che giaceva sul fondale marino contente un  mucchio di ossa.

Non vi è ancora un spiegazione chiara a quanto sta accadendo in queste ore nelle acque di Melendugno. Al momento però pare si possa escludere che, quantomeno le ossa nel sacco di plastica, siano umane. Potrebbero esser di un animale di grandi dimensioni.

Dopo le operazione avviate in giornata dagli uomini del nucleo specializzato del comando di Bari, intervenuti sul posto insieme ai vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce, coadiuvati da un elicottero AB412 del Reparto volo dei vigili del fuoco di Bari, è scattata una indagine attorno alla questione.

Continua a Leggere

Cronaca

Vola giù dalla Cosimina con l’auto: ragazza soccorsa a Tricase

Pubblicato

il

Incidente choc in mattinata a Tricase.

Una ragazza è volata giù da un cavalcavia a bordo della sua vettura, una Mercedes Classe A di colore nero. Per cause ancora da chiarire, è finita fuoristrada sulla cosiddetta Cosimina, la circonvallazione di Tricase. L’incidente si è verificato attorno alle 11 all’altezza del ponte che passa sulla Tricase-Andrano. L’auto procedeva sulla circonvallazione in direzione nord.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase per le complesse operazioni di estrazione dalla vettura. L’auto infatti è precipitata in una campagna sul tettuccio e ruote all’aria. Tirata fuori dalle lamiere, la malcapitata è stata consegnata al 118.

Trasportata all’ospedale di Tricase, non sarebbe in gravi condizioni.

Intanto le operazioni di rimozione della vettura si sono rivelate non semplici. Ed a causa di una copiosa perdita di carburante, si è reso necessario l’intervento della autogru del comando provinciale dei vigili del fuoco di Lecce per mettere in sicurezza la zona al più presto. Nel frattempo tratto di strada interdetto al traffico.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus