Connect with us

Cronaca

Lavoro nero e altre irregolarità: controlli e sanzioni

I controlli hanno interessato quindici aziende, tra cui imprese edili, aziende metalmeccaniche e attività commerciali varie sparse su tutto il territorio della provincia

Pubblicato

il

Cinque lavoratori in nero, inadempienze in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, mancata valutazione dei rischi, mancata sorveglianza sanitaria e non conformità dei requisiti sugli ambienti di lavoro.


Sono queste le maggiori irregolarità rilevate nel corso dei vari controlli eseguiti in questi giorni dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Lecce, con il supporto dei militari appartenenti ai reparti territoriali dell’Arma oltre che con l’ausilio dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro.


I controlli hanno interessato quindici aziende, tra cui imprese edili, aziende metalmeccaniche e attività commerciali varie – alcune delle quali gestite da cittadini di nazionalità cinese – sparse su tutto il territorio della provincia di Lecce, con conseguenti irrogazioni di sanzioni  amministrative e ammende per un totale di circa 80mila euro oltre alla sospensione di cinque di esse.


L’attività svolta rientra nei controlli finalizzati a prevenire e reprimere fenomeni di sfruttamento del lavoro e di quello sommerso oltre a verificare il rispetto della normativa sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori.






Cronaca

Lei adescava “clienti” online, lui li derubava: in carcere    

I poliziotti del Commissariato di Nardò danno esecuzione alla misura della custodia cautelare per i due responsabili di rapina impropria aggravata. Nei guai un uomo di 26 anni ed una donan di 29, entrambi residenti a Galatone

Pubblicato

il

Gli agenti in servizio presso il Commissariato di Nardò hanno dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere per una coppia gravemente indiziata di rapina impropria aggravata in danno di un uomo che aveva contattato tramite un sito di incontri on line.

Da qualche mese, precisamente da gennaio, tramite l’App della Polizia di Stato “Youpol” sono state effettuate diverse segnalazioni relative ad una coppia dedita alla prostituzione che adescava clienti su siti di incontri on-line.

Questi venivano invitati presso il domicilio dei due complici a Galatone e una volta giunti presso l’appartamento la donna si faceva consegnare la somma per la prestazione in anticipo, subito dopo entrava in scena il complice che minacciava e intimidiva le vittime con una scusa facendole scappare.

L’ultimo “incontro galante” risale al 28 maggio scorso. quando la vittima aveva organizzato l’incontro presso B&B di Santa Maria al Bagno.

Quando la donna è giunta presso la struttura si è rivelata essere un’altra persona rispetto alla foto pubblicata sul sito.

Nonostante ciò l’uomo l’ha fatta entrare ed ha acconsentito a pagare in anticipo posando una banconota da 100 euro sul comodino, ma subito dopo veniva sorpreso da forti colpi sferrati contro la vetrata da un uomo che lo minacciava di morte.

Il malcapitato tentava subito di contattare il 112 NUE ma veniva minacciato dalla donna che si appropriava del denaro ed estraeva dalla biancheria una bomboletta spray al peperoncino mettendo in forte difficoltà l’uomo che, spaventato, apriva la porta per far scappare la donna richiudendola subito dopo a chiave.

L’uomo ha sporto denuncia presso il Commissariato di Polizia di Nardò e i poliziotti, in seguito ad una serie di indagini effettuate sia sul sito di incontri che visionando i filmati delle telecamere di videosorveglianza, sono risaliti all’identità dei due complici: una donna di 29 anni originaria di Trieste e un uomo di 26 anni del posto, entrambi residenti e a Galatone, già noti alle forze dell’ordine per reati specifici.

Quando i due sono stati raggiunti dai poliziotti presso il loro domicilio comune, l’uomo è stato trovato con indosso gli stessi abiti usati durante l’aggressione, come si evinceva dalle immagini dei filmati delle telecamere di videosorveglianza.

I due considerati recidivi nelle condotte illecite sono stati sottoposti dall’A.G. alla misura cautelare in carcere.

Continua a Leggere

Cronaca

Racale: 23enne accoltella la fidanzata

Ennesimo episodio di intollerabile violenza con contro le donne. Dopo una lite pare scaturita per futili motivi l’uomo ha impugnato il coltello e ha colpito più volte la giovane compagna

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Un’altra aggressione nei confronti di una donna proprio dalla persona che dovrebbe maggiormente amarla.

Non parleremo di amore malato perché se c’è la violenza non si tratta per niente d’amore.

Come per quel 23enne di Racale che ha accoltellato nella notte la sua fidanzata, anche lei 21 anni originaria di Pescara.

Dopo un litigio, pare cagionato da futili motivi, ha preso il coltello e l’ha pugnalata più volte.

Sulla vicenda indagano i carabinieri di Racale che nel fratgtempo hanno sottoposto a stato di fermo l’uomo con l’accusa di tentato omicidio.

La donna che ha riportato una seria ferita al collo è stata trasferita prima al pronto soccorso dell’ospedale di Gallipoli, poi ricoverata d’urgenza a al “Cardinale Panico” di Tricase, dove è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico.

Tutt’ora è in prognosi è riservata.

Continua a Leggere

Attualità

Strani avvistamenti in cielo, mistero risolto

Vito Lecci del Parco astronomico Sidereus di Salve: «Orario, direzione, velocità, altezza, ecc. perfettamente compatibili col lancio del razzo Falcon 9 di SpaceX, il cui scopo era quello di rilasciare un grappolo di 20 satelliti Starlink, utilizzati per avere una rete internet satellitare»

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Questa mattina vi abbiamo reso conto dell’avvistamento di uno strano fenomeno in cielo.

La prima segnalazione ci è giunta da un lettore di Morciano di Leuca ma subito dopo ce ne sono arrivate tante altre da tutta la provincia: in particolare dal nord Salento (zona Cavallino e Copertino), dal centro (Botrugno, San Cassiano) ed anche dallo Ionio (Taviano, Racale, Gallipoli). E poi ancora: Ruffano, Presicce-Acquarica, Casarano, Matino e dal Capo di Leuca (Tricase Porto, Miggiano, Corsano, Gagliano del Capo e Santa Maria di Leuca).

Vito Lecci, titolare dle Parco astronomico Sidereus di Salve

Abbiamo chiesto un parere al “nostroVito Lecci, titolare del Parco astronomico Sidereus di Salve che ha subito individuato la causa degli avvistamenti.

«Moltissimi gli avvistamenti di oggetti luminosi in direzione ovest in prima serata di ieri, da tutto il territorio salentino», premette Lecci, «a questo proposito mi sono giunte molte segnalazioni, video e foto dello strano fenomeno»

Poi spiega: «Facendo una breve ricerca sembrerebbe proprio che gli avvistamenti, per orario, direzione, velocità, altezza, ecc. siano perfettamente compatibili col lancio del razzo Falcon 9 di SpaceX, il cui scopo era quello di rilasciare un grappolo di 20 satelliti Starlink, utilizzati per avere una rete internet satellitare».

«Dalla traiettoria del razzo», evidenzia, infine, «si vede chiaramente come sia passata sul tratto di mare tra la Tunisia e la Sicilia, rendendo quindi il fenomeno particolarmente evidente proprio dalle Isole Maggiori e visibile anche dal resto dell’Italia Meridionale».

L’AVVISTAMENTO DA RUFFANO

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus