Connect with us

Cronaca

Lavoro nero ed irregolarità in agricoltura ed edilizia: pioggia di sanzioni

Pubblicato

il


Ripartiti i controlli dopo l’intervallo di agosto: nei primi 15 giorni di settembre i carabinieri hanno monitorato, in provincia, i settori agricolo ed edile. Una attività finalizzata al contrasto del lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro e orientata all’osservanza della normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.





Il personale del nucleo carabinieri ispettorato del Lavoro, unitamente al personale dell’ITL di lecce (Ispettorato Territoriale del Lavoro) e in collaborazione con il Comando Provinciale dei carabinieri di Lecce, ha controllato 27 aziende: 16 agricole ed 11 edili.




Sono risultate irregolari in 13 in ambito agricolo. Per 3 tre è scattato anche il provvedimento della sospensione dell’attività imprenditoriale. Nel complesso sono stati controllati 159 lavoratori di cui 17 erano in nero e 3 percepivano anche il reddito di cittadinanza.





Mentre riguardo l’ambito edilizio su 11 aziende controllate ben 7 erano irregolari.
Sono state comminate anche prescrizioni per l’inosservanza delle norme in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché decretate sanzioni amministrative per circa 100mila euro ed ammende intorno ai 50mila euro.
I controlli da parte del personale dell’Arma procedono non si fermeranno: come gli stessi carabinieri rendono noto, procederanno incessanti a tutela dei lavoratori.


Cronaca

Scontro tra due auto: l’incrocio è il “solito” di Lucugnano

Pubblicato

il

Ancora una volta protagonista, lui, il solito famigerato incrocio di Lucugnano, sulla strada statale 275.

Siamo nella frazione di Tricase, l’intersezione è quella che insiste alla periferia del centro abitato sul tracciato della statale Maglie-Leuca.

Un incrocio semaforico già teatro in passato troppe volte di incidenti più e meno gravi, anche mortali.

Nel pomeriggio di oggi due vetture si sono scontrate, fortunatamente più spavento che gravi conseguenze per i coinvolti: nessun ferito serio nell’impatto.

Si leva però dalla comunità locale il grido per la realizzazione della tanto attesa è mai realizzata rotatoria in sostituzione dell’incrocio killer. Se ne fa portavoce Salvatore Ponzetta: “Premesso che maggiore attenzione alla guida non guasterebbe”, spiega, “devo ricordare che il progetto c’è ed i fondi pure. È ora che chi di dovere solleciti i lavori”.

Continua a Leggere

Cronaca

Paura a Muro: boato e fiamme altissime in pieno centro abitato

Prendono fuoco due auto e poi degli alberi adiacenti: ancora ignote le cause

Pubblicato

il

Un maxi incendio è divampato in serata, attorno alle 18e30, a Muro Leccese, interessando delle vetture e degli alberi. Le lingue di fuoco si sono levate alte nel cielo scuro della notte in via Malta, nei pressi del supermercato Conad (segue video a fine articolo).

Ancora non è dato sapere quale sia la fonte del rogo, né la sua natura. Da una prima ricostruzione, sembrerebbe che le fiamme siano divampate da una vettura in sosta. Un forte boato ha richiamato in strada le persone presenti in zona. In pochi istanti le fiamme hanno intaccato una seconda auto e degli alberi adiacenti.

Sul posto con il 115 anche i carabinieri. In breve, si è formato un capannello di curiosi, fermatosi ad assistere al singolare episodio.

Lorenzo Zito

Continua a Leggere

Cronaca

Marijuana a… km zero: fermato 32enne a Racale

L’uomo coltivava, essiccava, confezionava e vendeva marijuana

Pubblicato

il

Coltivava, essiccava, confezionava e vendeva marijuana.

È finito nei guai R.F.C., 32enne di Racale, arrestato in flagranza di reato dai carabinieri a conclusione di attività info-investigativa.

Durante la perquisizione domiciliare gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto: sette involucri contenenti complessivamente 391 grammi di marijuana; tre piante di marijuana, alte circa due metri; 33 piante di marijuana, di altezza variabile dai 40 ai 150 centimetri, in fase di essiccazione; materiale vario per la coltivazione, essiccazione e confezionamento della sostanza.

L’arrestato, al completamento delle formalità di rito, è stato accompagnato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus