Connect with us

Cronaca

Malmenò ex ed amico con chiave svita bulloni: condanna a Presicce-Acquarica

Pubblicato

il

Una serata di follia a margine di altri episodi per i quali era già noto alle forze dell’ordine: è stato condannato il 34enne di Presicce-Acquarica, Danilo Cantoro, resosi protagonista nel 2015 di una aggressione alla ex ed alla sua amica intervenuta in soccorso.


Era il 22 febbraio di 6 anni fa quando, dopo una serata trascorsa in un pub, Cantoro si stava recando a Gallipoli con la ex ed una sua amica. Scoppiò una violenta lite durante il tragitto, poi acquietata. Ma gli animi si surriscaldarono nuovamente in seguito, nella notte, presso la casa dell’amica che era con loro, una 26enne di Melissano. Qui, allertati dalle due giovani donne, preoccupate dal comportamento di Cantoro, giunsero due ragazzi. Cantoro, in preda all’ira, brandì addirittura una chiave svita bulloni, usandola come oggetto contundente contro i giovani amici delle ragazze, uno dei quali finì in ospedale ferito (clicca qui per leggere la cronaca completa dell’episodio e dell’arresto del 2015).

La vicenda ha portato la Procura della Repubblica a condannare per lesioni personali aggravate, percosse e danneggiamento, il 34enne agli arresti domiciliari per 5 mesi e 28 giorni. Nei giorni seguenti l’arresto Cantoro patteggiò: questo fece decadere l’accusa di tentato omicidio.


Cronaca

Terremoto in Grecia, scossa avvertita anche nel Salento

L’intensità del sisma registrato alle 11,16 è stato di magnitudo 6.3. Epicentro ad una ventina di chilometri a nord di Larissa

Pubblicato

il

Scossa di terremoto questa mattina nella Grecia centrale.


L’epicentro del sisma è stato individuato a 10 chilometri a nordovest di Tirnavos, una cittadina a circa 360 chilometri a nord di Atene e una ventina di chilometri a nord di Larissa.


L’intensità del sisma registrato alle 11,16 è stato di magnitudo 6.3 MV.

Al momento non sono segnalate vittime.


La scossa è stata avvertita anche in Puglia e nel Salento soprattutto da chi abita ai piani alti.


Continua a Leggere

Cronaca

Furti nelle ville sul litorale ugentino: ladri in manette

Colti nelle mani nel sacco mentre portavano via da un’abitazione un divanetto completo di cuscini, un tavolino, piccoli elettrodomestici ed utensili

Pubblicato

il

Colti nelle mani nel sacco mentre portavano via da un’abitazione un divanetto completo di cuscini, un tavolino, piccoli elettrodomestici ed utensiliGli agenti in servizio presso il Commissariato di Taurisano, hanno tratto in arresto  Cosimo Caro e Davide Napoli, entrambi 38enni della zona, ma stabilitisi in una casa a Lido Marini, per furto aggravato.


Nella tarda serata di ieri, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio mirati alla prevenzione dei furti nelle abitazioni del litorale di Ugento, due pattuglie della Squadra Volanti del Commissariato di Polizia di Taurisano, hanno intercettato i malviventi mentre erano intenti a trasportare un divanetto in rattan.


I due uomini erano talmente sicuri di poter agire indisturbati, che non hanno saputo nascondere la sorpresa quando si sono visti davanti gli agenti di polizia.


Eppure, pochi giorni prima, gli stessi erano stati denunciati a piede libero per ricettazione perché, durante un controllo di polizia effettuato in orario in cui sono vietati gli spostamenti (dalle 22 alle 5), erano stati trovati in possesso di attrezzature per l’edilizia (un gruppo elettrogeno ed un martello pnumatico) di cui non avevano saputo fornire la provenienza.

Sul luogo i poliziotti hanno rinvenuto oltre al divanetto completo di cuscini, un tavolino, piccoli elettrodomestici ed utensili.


Una volta individuati i proprietari dell’abitazione depredata e devastata, i due  fermati sono stati tratti in arresto e, su disposizione del P.M. di turno, sottoposti agli arresti domiciliari in attesa del porcesso per direttissima.


Tutta la refurtiva recuperata è stata consegnata al legittimo proprietario.


Continua a Leggere

Cronaca

Covid: Montesano in lutto per Marilena

Il sindaco Giuseppe Maglie: «La pandemia ci ha portato via, a soli 44 anni, una ragazza profondamente legata alla nostra comunità». Le esequie di Marilena verranno celebrate all’aperto,  all’interno del cimitero comunale

Pubblicato

il

Lutto cittadino a Montesano Salentino.


Il sindaco Giuseppe Maglie «certo di interpretare i sentimenti di tutta la comunità», ha disposto la proclamazione del lutto cittadino per oggi, a partire dalle 14,  «per testimoniare la profonda vicinanza della nostra comunità alla famiglia di  Marilena».


Marilena molto nota in paese per il suo impegno civile e ben voluta da tutti è l’ennesima vittima del covid.

«Per la prima volta questa terribile pandemia», ha sottolineato il sindaco, «purtroppo, ci colpisce duramente, portandoci via, a soli 44 anni, una ragazza profondamente legata alla nostra comunità.  Resterà per sempre nei nostri cuori il suo entusiasmo, la sua vitalità e il suo dolce sorriso».


Le esequie di Marilena verranno celebrate questo pomeriggio, all’aperto, all’interno del cimitero comunale.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus