Connect with us

Aradeo

Maxi inchiesta per frode fiscale nel basso Salento: indagate 7 aziende. C’è anche un sindaco

Procura di Venezia e GdF indagano su società cartiere che avrebbe fruttato milioni mediante assunzioni e false fatturazioni

Pubblicato

il

Una inchiesta della Procura di Venezia, supportata dal lavoro della Guardia di Finanza, è giunta sino al basso Salento.

Le autorità stanno provando a ricostruire una serie di movimenti che, secondo quanto ipotizzato, avrebbero visto i responsabili creare delle cosiddette società cartiere. Ossia società utilizzare appositamente per rilasciare fatture o documentazione varia a seconda dell’occorrenza.

Le fiamme gialle hanno attenzionato 400 assunzioni di lavoratori da parte di queste società, impiegate poi per società differenti riconducibili a coloro che sarebbero gli artefici di quello che è ritenuto un costrutto criminale.

I capi d’accusa per i quali la Procura si muove sono pesanti: è contestata anche l’associazione a delinquere.

Così come non di poco conto sono alcuni dei nomi iscritti nel registro degli indagati.
Tra questi, quelli di vari imprenditori e di un sindaco del sud Salento.

Nuovo Quotidiano di Puglia rende note le identità degli interessati.

Tra i 46 nomi in elenco, 17 sono della provincia di Lecce. Tra loro 3 commercialisti. Due di Taviano, ed uno di Racale: il sindaco Salsetti.

Poi un lungo elenco di imprenditori, non solo di Taviano e Racale, ma anche di Aradeo, Squinzano, Nardò, Gallipoli e Ugento.

Ovviamente il coinvolgimento di ciascuno è ancora da provare.

Secondo l’inchiesta, la maxi truffa ai danni dello Stato veniva attuata mediante contratti sub-appalto tra le società realizzate ad hoc e quelle beneficiarie. Un modo per permettere alle società preesistenti di beneficiare di crediti Iva milionari, derivanti dalle false fatturazioni, e di risparmiarsi i carichi contributivi e previdenziali che rimanevano in seno alle società cartiere.

Nei giorni scorsi le perquisizioni nelle aziende. Quelle salentine interessate sono: “Cento Pietre Unite”; “È qui la festa”; “Manni Edilizia”; “Rent Boat” e “Multi Servizi” di Taviano; “Rasoterm” di Racale ed “Ap Montaggi” di Aradeo.

Andrano

Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae, il Forum

La Fondazione di Partecipazione, organo che rende partecipativa la costruzione di un progetto territoriale che vuole fare di “De Finibus Terrae” una destinazione di viandanti e cercatori, nel rispetto dell’identità salentina, segnata da bellezza, voglia di comunità e predisposizione all’incontro ed alla contaminazione con altre culture. Aderiscono al sodalizio: Andrano, Aradeo,  Calimera, Castrignano del Capo, Castro, Corigliano d’Otranto, Corsano, Gallipoli, Lecce, Matino, Morciano di Leuca, Nardò, Otranto, Porto Cesareo, Salve, San Pancrazio Salentino, Santa Cesarea Terme, Taranto, Taviano

Pubblicato

il

La Fondazione di Partecipazione PCE “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae” comunica che si è costituito a S. Maria di Leuca il Forum “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae”, organo che rende partecipativa la costruzione di un progetto territoriale che vuole fare di “De Finibus Terrae” una destinazione di viandanti e cercatori, nel rispetto dell’identità salentina, segnata da bellezza, voglia di comunità e predisposizione all’incontro ed alla contaminazione con altre culture.

“De Finibus Terrae” ed il Salento, quindi, non solo un punto di arrivo ma anche un vero laboratorio di talenti e di possibilità condivise tra gli attori di questa terra, nell’ottica del turismo conviviale.

Le Amministrazioni coinvolte sono quelle dei Comuni attraversati dai sentieri delle tre direttrici storiche: Via Sallentina, Via Leucadense, Via Traiana-Calabra e dei sei sentieri di interconnessione:7Bellezze,del Sole o Nicolaiano, delle Cripte, Walk&Smile, del Griko e del Vino.

Ad oggi, al Forum hanno aderito Andrano, AradeoCalimera, Castrignano del Capo, Castro, Corigliano d’Otranto, CorsanoGallipoli, Lecce, Matino, Morciano di Leuca, Nardò, Otranto, Porto Cesareo, Salve, San Pancrazio Salentino, Santa Cesarea Terme, TarantoTaviano e Tricase.

La Fondazione, i nsieme a questi Comuni svilupperà azioni condivise per un’immagine e un’esperienza integrata del territorio.


La Fondazione di partecipazione PCE “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae” è nata per incoraggiare la creazione di reti e di partenariati preordinate a realizzare un modello di “turismo di comunità” che pone l’homo viator, il viaggiatore, lo straniero, il diverso, al centro di un progetto di turismo lento e di mobilità dolce, a piedi, in bicicletta, a cavallo e in barca a vela, perché consente di vivere esperienze profonde, in sintonia con lo spirito dei luoghi, sviluppando empatia tra le persone e capace di contribuire allo sviluppo economico di territori assai diversi fra loro; il sodalizio salentino intende coinvolgere attivamente i territori attraversati dai cammini al fine di creare un’infrastruttura fisica e ideale che promuova la storia dei Cammini di Leuca, accogliendo le sfide del presente senza tuttavia perderne l’identità; questo progetto ingloba centinaia di chilometri di tracciato con relativa segnaletica e manutenzione, formazione degli info-point, comunicazione, progettazione degli interventi, promozione del territorio e dei siti di interesse culturale, accoglienza, creazione dei database utili ai fini statistici e di programmazione strategica, e molto altro ancora.

Dal 2016, la Fondazione PCE “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae” propone l’evento internazionale “Carta di Leuca”, un laboratorio permanente, interculturale e interreligioso, che nel mezzo dell’estate diviene un campo di volontariato e un cammino condiviso: la Marcia notturnaVerso un’Alba di Pace“, dalla tomba di don Tonino Bello ad Alessano alla Basilica Santuario di Santa Maria di Leuca, cuore del Mediterraneo.

Il luogo ideale di questo processo partecipativo è il Forum “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae”, di cui fanno parte territorialità ben individuate in grado di fornire un apporto concreto in termini di progettazione e sviluppo di un modello di turismo di comunità.

Cammini di Leuca” è il Marchio del Parco Culturale Ecclesiale (registrato presso l’Ufficio brevetti del Ministero dello Sviluppo Economico), che contraddistingue le realtà territoriali maggiormente sensibili a questi modelli di crescita personale e comunitaria, di accoglienza e di conoscenza dei luoghi; la presenza del Marchio lungo i percorsi e presso le strutture, garantisce la qualità del modello di turismo di comunità che in questo momento registra molto interesse e rilevante attenzione per le opportunità che offre ai territorio ed alle strutture ivi allocate che devono conformarsi a questa nuova forma di turismo ecosostenibile in sintonia con l’ambiente, la natura e la ricerca di paesaggi incontaminati, grazie alla miscela fra la valorizzazione delle diversità territoriali e lo sfruttamento delle economie di diversificazione.

Continua a Leggere

Aradeo

Un prelievo per salvare una vita: l’appello di Fabio De Luigi per Fabrizio

Pubblicato

il


Una grande mobilitazione per la salvare una vita: oggi a Casarano corsa al prelievo per Fabrizio, il giovane papà di Aradeo affetto da leucemia.





La solidarietà ha raggiunto anche vip come Fabio De Luigi che, in un video-selfie, ha lanciato l’appello ai suoi follower: “Andate a Casarano, potete salvare una vita. Dite che vi mando io!”




Per chi non ce l’ha fatta oggi, è possibile prenotarsi in una delle tante giornate in programma ai numeri 3296574627/328864327






Continua a Leggere

Aradeo

Due decessi e 90 contagi nel Leccese, ma i conti non sempre tornano

Pubblicato

il


La mappa del contagio salentina diventa sempre più scura. Vari Comuni salgono di fascia di giorno in giorno, a dispetto del trend comunque in calo per quanto concerne il numero di contagi quotidiani.





Tuttavia, resta un gap comunicativo tra le varie autorità. I sindaci dei Comuni interessati da novità sul bollettino, non sempre si ritrovano coi conti.





Le comunicazioni che giungono dalla Prefettura infatti non sempre coincidono coi dati regionali.





È stato ieri il caso di Alessano (ritrovatosi a sorpresa nella fascia 21-50, oggi confermata dal bollettino, nonostante i dati forniti alla sindaca), ed è il caso oggi di Aradeo, Otranto e Parabita, tutti e 3 entrati in una nuova fascia (segue dettaglio).





I numeri





Oggi, mercoledì 23 dicembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 10.492 test per l’infezione da Covid-19 e sono stati registrati 942 casi positivi: 306 in provincia di Bari, 57 in provincia di Brindisi, 68 nella provincia BAT, 205 in provincia di Foggia, 90 in provincia di Lecce, 208 in provincia di Taranto, 7 residenti fuori regione, 1 caso di residenza non nota.





Sono stati registrati 20 decessi: 7 in provincia di Bari, 1 in provincia BAT, 1 in provincia di Brindisi, 8 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Taranto.





Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 984.555 test.





28.068 sono i pazienti guariti.





52.872 sono i casi attualmente positivi.





Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 83.205, così suddivisi:





31.973 nella Provincia di Bari;





9553 nella Provincia di Bat;





6049 nella Provincia di Brindisi;




18.421 nella Provincia di Foggia;





6.535 nella Provincia di Lecce;





10.123 nella Provincia di Taranto;





477 attribuiti a residenti fuori regione;





74 provincia di residenza non nota.





I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.





Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 23.12.2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/viemV





In provincia





Come detto, le novità della mappa talvolta colgono di sorpresa i primi cittadini. I 3 paesi oggi scattati in un colore più scuro sono i seguenti.





Aradeo è nella fascia 21-50, nonostante il sindaco Arcuti conti circa una decina di contagiati.





Otranto come sempre si trova a fare i conti col non facile dato aggregato di turisti, non residenti, migranti ed ospiti di comunità. Qui la fascia è quella rossa: sopra i 50. Ma i positivi “locali” sarebbero meno di una decina.





Idem per Parabita. Zona rossa, oltre i 50. Ma secondo i dati pervenuti in Comune i contagi sarebbero fermi qualche decina più indietro.





Non resta che attendere le prossime ore per ulteriori aggiornamenti o, come nel caso di Alessano, attendere il bollettino di domani per avere conferma o, eventualmente, un passo indietro dal report della Regione.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus