Connect with us

Alessano

Omicidio Noemi: chiesti 18 anni per Lucio

Per il pubblico ministero Lucio Marzo sarebbe l’unico colpevole e non sarebbero coinvolte altre persone. Chiesti anche altri 18 mesi di carcere per reati collaterali: ricettazione, furto, lesioni personali e danneggiamento di un’autovettura

Pubblicato

il

Diciotto anni per omicidio più un anno e mezzo per reati collaterali: è questa la condanna richiesta dal pubblico ministero Anna Carbonara al processo con rito abbreviato, aperto questa mattina, a carico di Lucio Marzo, il 18enne di Montesardo (Alessano), fidanzato della povera Noemi Durini di Specchia, uccisa a 16 anni il 3 settembre del 2017 nelle campagne di Castrignano del Capo.


Il processo è in corso di svolgimento presso il Tribunale dei Minori di Lecce perché all’epoca dei fatti, il ragazzo era ancora minorenne.


Al dibattimento era presente anche lo stesso Lucio Marzo (detenuto in Sardegna), accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e per aver agito con crudeltà per motivi abietti e futili e di aver poi occultato il cadavere.


Ricordiamo che il corpo della ragazza fu rinvenuto dieci giorni dopo la sua uccisione, sotto un cumulo di pietre in aperta campagna.


18 anni di carcere, dunque la richiesta del Pm, più un altro anno e mezzo per altri reati. I cosiddetti reati collaterali, confluiti nel fascicolo e che secondo l’accusa sono: ricettazione, furto, lesioni personali (avrebbe picchiato Noemi) e danneggiamento di un’autovettura.

Il Pubblico Ministero durante la sua requisitoria ha ricostruito quanto accaduto in quei giorni di settembre di un anno fa dalla denuncia di scomparsa presentata da Irma Rizzo, la mamma di Noemi, fino al macabro ritrovamento di 10 giorni dopo. Nel frattempo la Carbonara ha evidenziato i vari tentativi di depistaggio di Lucio e le contraddizioni nelle quali il ragazzo sarebbe caduto. Ragazzo, secondo il pubblico ministero, unico colpevole dell’omicidio. Non ci sarebbe a suo avviso, dunque, il coinvolgimento di altre persone.


Francesco Zacheo, legale della famiglia di Nomei, ritiene la pena richiesta “non congrua, perché è stata uccisa una ragazza di 16 anni con crudeltà”.


L’avvocato difensore di Lucio, Luigi Rella ha, invece, dichiarato all’Ansa: “Una richiesta di pena troppo alta. Lucio ha avviato un percorso di ravvedimento, è maturato ma le problematiche che si porta dietro sono ancora tante. Sta meglio ma non è guarito. Avevano riproposto la messa alla prova ma il gup l’ha disattesa non ritenendo il ragazzo ancora maturo. La pena richiesta è alta, ci sono le aggravanti, ma domani cercheremo di aggiustare il conto presentato dal pm, perché il conteggio deve essere fatto secondo me in maniera più attenta, più equilibrata”.


Alessano

Montesardo senz’acqua giovedì 29

La sospensione avrà la durata di ore 6, a partire dalle ore 14 con ripristino alle ore 20

Pubblicato

il

La frazione di Alessano sarà interessata il prossimo giovedì da alcuni lavori ad opera di Acquedotto Pugliese sta effettuando per il miglioramento del servizio.


In particolare i lavori riguarderanno l’inserzione di nuove opere acquedottistiche sulla condotta principale adduttrice all’abitato.


Acquedotto Pugliese informa che “per consentire l’esecuzione dei lavori, sarà necessario sospendere temporaneamente la normale erogazione idrica il 29 ottobre 2020 nell’intero abitato. La sospensione avrà la durata di ore 6, a partire dalle ore 14 con ripristino alle ore 20. 

Disagi saranno avvertiti esclusivamente negli stabili sprovvisti di autoclave e riserva idrica o con insufficiente capacità di accumulo“.


Acquedotto Pugliese raccomanda i residenti dell’area interessata di razionalizzare i consumi, evitando gli usi non prioritari dell’acqua nelle ore interessate dalla interruzione idrica. I consumi, infatti, costituiscono una variabile fondamentale per evitare eventuali disagi.


Continua a Leggere

Alessano

Morte di Siria sulla 275: chiesto rinvio a giudizio per due conducenti

Pubblicato

il


Chiesto il rinvio a giudizio per entrambi i conducenti coinvolti nell’incidente che, il 31 ottobre dello scorso anno, tolse la vita a Siria Fanciullo sulla strada statale 275.





Secondo l’indiscrezione di Corriere Salentino, il pubblico ministero Donatina Buffelli ha chiesto che sia Walter Alfarano, 28enne di Tricase alla guida dell’auto a bordo della quale, tra gli altri, viaggiava la vittima, che Massimo Torsello, 48enne di Alessano sulla Volkswagen che avrebbe tagliato la strada alla Clio di Alfarano, siano rinviati a giudizio.





L’accusa per entrambi sarebbe di omicidio stradale aggravato in concorso. Le indagini si sono chiuse 4 mesi fa.





La drammatica notte





Era la notte di Halloween e la vettura a bordo della quale viaggiava la ragazza, 17enne, finì contro il muro di cinta dell’attività commerciale Bennardi mentre muoveva in direzione di un ristorante. Uno schianto violentissimo, fatale per la ragazza, cognata del conducente Walter Alfarano, 28enne di Tricase: uno dei due indagati.





Col supporto delle videocamere di sorveglianza della stessa attività commerciale, le indagini condotte dal pm Donatina Buffelli hanno visto indagato anche un altro uomo, Massimo Torsello, 48enne di Alessano, anche lui indagato. Nonostante la sua vettura non si sia scontrata con quella condotta dal 28enne, la sua manovra potrebbe aver inciso in maniera determinante sulla dinamica del sinistro. Alla guida di una VW Sharan, infatti, il 48enne, che proveniva in senso di marcia opposto, svoltò a sinistra, tagliando la strada alla Clio di Alfarano.




La ricostruzione





La ricostruzione, oltre che delle immagini delle videocamere di sorveglianza, si è avvalsa della consulenza dell’ingegner Antonio Vernaleone.





Quella notte, sulla SS275, in territorio di Alessano, la Volkswagen Sharan effettuò una svolta a sinistra senza segnalare col dovuto anticipo la sua intenzione di cambiare di direzione. In quel momento la distanza dalla vettura che sopraggiungeva, la Clio condotta da Alfarano e con a bordo tre ragazze (oltre alla vittima, di Presicce , anche le due sue sorelle), era di 42 metri. L’improvvisa sterzata di Torsello (poi allontanatosi senza prestare soccorso perché, come riferito ai carabinieri dopo esser stato identificato, non avvedutosi di quanto successo) sarebbe la causa dello sbandamento della Clio.





Così come raccontò alle forze dell’ordine, il 28enne deviò dapprima la sua corsa verso sinistra, in una reazione prettamente istintiva per evitare l’impatto con la Sharan, per poi riaccentrarsi e perdere il controllo dell’auto che, finita in scarrocciamento, andò a terminare la sua corsa contro l’esercizio commerciale, collocato a bordo strada sulla destra rispetto alla direzione di marcia della Renault.





Rimangono poi, sulla carta, altri elementi a carico invece del 28enne. In primis, il fatto che la sua Clio montava gomme deteriorate e, al posto della ruota anteriore sinistra, un ruotino di scorta. Elemento rilevante in un contesto in cui l’auto che conduceva viaggiava ad una velocità tra i 110 ed i 115km/h. In un tratto dove, per giunta, il limite di 90km/h potrebbe venir ritenuto anche più basso dal pubblico ministero, su base delle condizioni del caso specifico: asfalto bagnato, oscurità e attività commerciali che insistono sulla strada.


Continua a Leggere

Alessano

Rubò in scuola di Alessano: 18enne di Gagliano finisce in carcere

Pubblicato

il


Rubò pannelli fotovoltaici, cavi in rame e materiale ferroso da un istituto scolastico ad Alessano. È accusato di furto aggravato in concorso, ricettazione e detenzione illegale di armi.





Finisce così in carcere un 18enne di Gagliano del Capo, detenuto presso una struttura minorile di Bari, che ha visto aggravarsi la sua posizione dopo il ritrovamento ad opera dei carabinieri, presso il suo domicilio, di un fucile semiautomatico (detenuto illegalmente) e di alcune cartucce.




Il giovane al momento del furto presso la scuola di Alessano era minorenne. Lo aiutarono nel colpo due maggiorenni, identificati e segnalati all’autorità giudiziaria dai carabinieri della Compagnia di Tricase che ha condotto le indagini.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus