Connect with us

Cronaca

Parchimetri malfunzionanti nelle marine di Salve: la risposta dell’assessore

Pubblicato

il


L’assessore al turismo per il Comune di Salve, Francesco De Giorgi, interviene sulla questione parchimetri malfunzionanti nelle marine, in risposta alle perplessità esposte da una nostra lettrice nella giornata di ieri (leggi qui la lettera alla Redazione).





Nella marina di Pescoluse, ed in particolare nei pressi di Largo dei Gigli e delle strade limitrofe, sono presenti 3 parcometri a breve distanza tra loro“, chiarisce De Giorgi.
Generalmente i malfunzionamenti non interessano mai tutti e tre i parcometri contemporaneamente.
In ogni caso, la ditta che gestisce i dispositivi ha sede a Salve e in 15 minuti interviene per risolvere il problema (e se ci sono i presupposti, risarcisce le somme relative alla mancata erogazione)”.




Poi un consiglio: “Invitiamo gli utenti ad utilizzare l’app “Easy Park” con la quale si può facilmente assolvere al pagamento del parcheggio su tutto il territorio di Pescoluse e Posto Vecchio anche in caso di guasto ai parcometri.
Devo anche dire, con rammarico, che quest’anno stiamo assistendo ad atti vandalici anche su questi dispositivi. Con cadenza giornaliera infatti, troviamo all’interno del cassetto delle monete, sabbia, monete imbrattate di colla e stecchette di legno dei gelati.
Tutto questo, oltre a creare in danno alle casse dell’Ente, concorre a generare un disservizio che altrimenti non ci sarebbe.
Anche in ragione di questo, l’anno prossimo doteremo le nostre marine di nuovi parcometri che saranno dotati di lettore pos (NdA: la legge ne prevede l’obbligo dal 2016, salvo casi di “impossibilità tecnica” da dimostrare), accetteranno banconote (oltre che monete) ed avranno il “rendi-resto. Chiudo, dicendo che l’area di Largo dei Gigli è fornita di telecamere che le forze dell’ordine visioneranno per smascherare i colpevoli di tali atti vandalici”.


Cronaca

In due rubano un’asina: l’appello dei proprietari

Pubblicato

il


Chi ruba, talvolta, porta via pezzi di cuore.





È quanto accaduto a Frigole, in una masseria nella marina di Lecce, dove è sparita un’asina.





Si chiama Grisonda, ha 17 anni ed è munita di microchip. È stata portata via giovedì pomeriggio, quando nella masseria non c’era nessuno.




Le telecamere di videosorveglianza hanno ripreso i malviventi in azione. Due persone che si sono avvicinate all’animale per poi portarlo via.





I suoi padroni hanno sporto denuncia ai carabinieri di Lecce portando il filmato delle telecamere. Giovanna e il marito Marco hanno anche lanciato un appello ai ladri via Facebook, chiedendo loro di riportarla a casa e promettendo una ricompensa a chi li aiuterà a ritrovarla. L’animale, che in passato ha vinto anche un concorso fotografico indetto da un’azienda salentina, era stato regalato alla donna dal marito, in servizio al Battaglione San Marco di Brindisi al rientro da una missione in Afghanistan.


Continua a Leggere

Cronaca

Questioni di cuore: tentato omicidio a Presicce-Acquarica

Dopo una lite probabilmente scaturita da questioni di cuore

Pubblicato

il


Shock in serata a Presicce-Acquarica dove una persona è stata travolta da un’auto e schiacciato su un’altra vettura a margine di un episodio ancora poco chiaro ma che pare strettamente connesso a questioni passionali.





Un uomo di 38 anni, un vigile del fuoco, è stato travolto da un Fiat Doblò bianco in un violentissimo impatto che probabilmente gli costerà una gamba (sarebbe fratturata anche l’altra).
L’uomo ora è ricoverato presso l’ospedale Panico di Tricase.


Secondo quanto è stato ricostruito pare che il 38enne vigile del fuoco si sia recato a casa dei genitori del rivale in amore. Qui avrebbe preteso di parlare con lui.


I genitori a questo punto avrebbero chiamato il figlio ed anche un loro parente.


Proprio quest’ultimo sarebbe arrivato per primo e sarebbe stato minacciato con una pistola poi risultata finta.


A quel punto sarebbe arrivato il ragazzo che, forse spaventato dalla presenza della pistola, ha investito il 38enne.


La carrozzeria anteriore del furgone, come si vede dalle immagini, oltre che ammaccata, è ricoperta di sangue.




Il tutto si è verificato in serata, attorno alle 18, in pieno centro abitato sulla via per Specchia. Lì, è intervenuto il 118 e si è precipitata la Scientifica, per ricostruire ogni dettaglio di quanto accaduto.


L’uomo alla guida della Fiat Dobló, un 34enne del posto, è stato condotto in caserma dei carabinieri.


Il comunicato dei carabinieri 


Nella mattinata di sabato, con un comunicato, i carabinieri rendono noti gli sviluppi legali della vicenda. I militari intervenuti sono quelli del luogo, coadiuvati dai colleghi del Nor e da quelli di Corsano e di Gagliano. 


Hanno tratto in arresto, con l’accusa di lesioni personali gravissime, B. A., 34enne nato a Gagliano del Capo. L’uomo è stato ristretto agli arresti domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria. 










Continua a Leggere

Cronaca

Brucia rifiuti vari a diretto contatto col terreno: denunciato

Pubblicato

il


Pensava di farla franca, invece è stato beccato dai forestali.





Un 70enne (V. A. le sue iniziali) è stato denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di smaltimento illecito di rifiuti. L’uomo, al momento dell’arrivo dei militari, stava bruciando teli in plastica, ombreggianti, tavole da cantiere, bancali in pallet e rifiuti urbani in agro località Masseria Fagà.




Dopo aver ammassato gli scarti, aveva dato loro fuoco a diretto contatto col terreno.





I carabinieri lo hanno identificato e denunciato.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus