Connect with us

Cronaca

Rapina, ricettazione, furto, spaccio, usura, abuso d’ufficio, favoreggiamento, questi alcuni dei delitti imputati al clan “Coluccia”

Coinvolti anche un Carabiniere, un agente di Polizia Penitenziaria, un vigile Urbano del Comune di Sogliano Cavour, un ex amministratore del Comune di Sogliano reo di avere collaborato in qualità di assessore alle politiche sociali del Comune di Sogliano

Pubblicato

il

Il 05 settembre, al termine di una complessa attività di indagine condotta dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Maglie, i militari del Comando Provinciale di Lecce, con la collaborazione di quelli del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Milano e della Compagnia di Tolmezzo (UD), hanno dato esecuzione a complessivi 47 provvedimenti cautelari, emessi dal GIP presso il Tribunale di Lecce su richiesta della locale Procura della Repubblica – D.D.A., di cui: 20 in carcere, 17 arresti domiciliari, 7 misure coercitive dell’obbligo di presentazione alla PG e 3 interdizioni temporanee dai pubblici uffici (quest’ultime nei confronti di un militare dell’Arma, un Agente della Polizia Penitenziaria in servizio presso la Casa Circondariale di Lecce ed un agente della Polizia Municipale di Sogliano Cavour) indagati, a vario titolo, per i reati di “associazione di tipo mafioso”, “estorsione”, “associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti”, “detenzione abusiva di armi”, “ricettazione”, “rapina”, “furto aggravato”, “porto abusivo di armi”, “detenzione e spaccio di stupefacenti”, ”abuso d’ufficio”, “usura”, “favoreggiamento personale”, “falsità ideologica commessa da P.U.”, “corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio”, “rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio”, “truffa”, “minaccia aggravata” e “lesioni personali” con l’aggravante delle modalità mafiose di cui all’art. 7 L. 203/91.


Le operazioni hanno avuto inizio alle ore 01.00, con il supporto del Nucleo Elicotteri Carabinieri di Bari Palese, di due unità cinofile del Nucleo Cinofili Carabinieri di Modugno, del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Milano e della Compagnia di Tolmezzo (UD) per un totale di 185 unità e 47 autovetture nei confronti di:


OCC IN CARCERE


ANTONACI Giuseppe inteso Castieddru o Castello, 1964 di Sogliano Cavour


BALLARINO Alexsander, 1992 di Sogliano Cavour


BLAGO Salvatore, 1978 di Sogliano Cavour


CANDIDO Massimo, 1973 di  Cutrofiano


CIANCI Vincenzo Antonio, 1985 di Sogliano Cavour


COSTA Leonardo inteso Musichedda, 1962 di Corigliano d’Otranto


DE MATTEIS Daniele inteso Panna e Fragola, 1984 di Lecce


DE PAOLIS Gabriele Antonio, 1976 di  Galatina Fraz. Noha


DE PAOLIS Pantaleo, 1969 di Cursi


DE SIMONE Paolo inteso Paulu de lu moru, 1970, di Sogliano Cavour


EPIFANI Giordano, 1975, di Cutrofiano


FRASSANITO Rosario inteso Pilone, 1969 di Sogliano Cavour


GUGLIERSI Marco, 1977 di Galatina


GUGLIERSI Pasquale inteso Zoppo, 1980 di Galatina


LONGO Rocco, 1967 di Sogliano Cavour


MENGOLI Paolo inteso  zio Pati, 1963 di Cutrofiano


PEPE Marco, 1985 di Surbo


PISCOPO Danilo, 1980 di Cutrofiano


SOLOMBRINO Salvatore inteso Schiattoddra, 1956 di Castrignano de’ Greci


STAMPETE Giuseppe, 1967, di Cursi


 


ARRESTI DOMICLIARI


BOTRUGNO Simone, 1991 di Galatina


CARECHINO Pierluigi, 1977 di Sogliano Cavour


CARLUCCIO Cristian, 1987 di Lecce


CASCIONE Ivano inteso Sciallone, 1980 di Sogliano Cavour


DELL’AVVOCATA Domenico, 1993 di Cutrofiano


DE MATTEIS Giuseppe, inteso trattorista grande, 1987 di Corigliano d’Otranto


DE MATTEIS Luigi, inteso trattorista piccolo, 1983 di Galatina


EPIFANI Francesco, inteso Checco, 1973 di Galatina


ICARO Andrea, inteso Attila, 1980 di Cutrofiano


LUBELLI Rudy, 1990 di Lecce


MAGNOLO Luciano Biagio, 1979 di Sogliano Cavour


MARZO Luca, 1975 di Corigliano d’Otranto


MENGOLI Arcangelo, inteso Cutarino, 1988 di Scorrano, ma domiciliato a Milano


MONREALE Andrea Ignazio, 1986 di Sogliano Cavour


PAGLIALONGA Cosimo, inteso Pallunaru, 1954 di Collepasso


PEDONE Emiliano, 1976 di Sogliano Cavour


VECCHIO Antonio, inteso Capoccione, 1981 di Sogliano Cavour


 


MISURA COERCITIVA DELL’OBBLIGO DI PRESENTAZIONE ALLA PG


MAGGIO Maurizio, 1993 di Sogliano Cavour


MAGNOLO Carmela, 1964 di Sogliano Cavour


FRASSANITO Lorenzo, 1969 di Sogliano Cavour


NUCIDA Antonio Rosario, inteso Trottola, 1990 di Corigliano d’Otranto


PERRONE Giancarlo, 1980 di Cutrofiano


PICA Marco, inteso Picaciù o Dragon Ball, 1979 di Sogliano Cavour


DONNO Sandro, 1973 di Sogliano Cavour


 

MISURA INTERDITTIVA DELLA SOSPENSIONE TEMPORANEA DEL PUBBLICO UFFICIO


Un militare dell’Arma


Un agente della P0lizia Penitenziaria


Un vigile Urbano del Comune di Sogliano Cavour


poiché ritenuti responsabili a vario titolo dei seguenti capi d’imputazione principali:



  1. del delitto di cui all’art. 416 bis primo, secondo, terzo, quarto, quinto e ultimo comma c.p., per aver fatto parte, in numero superiore a dieci, di un’associazione di tipo mafioso, comunemente denominata “Sacra Corona Unita”, avente la disponibilità di armi per il conseguimento delle proprie finalità; per acquisire il controllo del territorio nelle attività illecite tra le quali innanzi tutto quella del traffico di sostanze stupefacenti, nonché quelle delle estorsioni, dell’usura, dei furti, della detenzione di armi;

  2. del delitto di cui all’art. 74 D.P.R. 309/90 primo secondo terzo e quarto comma e art. 7 DL 152/91 – L. 203/91 per avere partecipato ad una organizzazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, marijuana e hashish, avente disponibilità di armi, costituita da un numero di persone superiore a dieci, alcune delle quali dedite all’uso di sostanze stupefacenti;

  3. del delitto di cui all’art. 73 D.P.R. 309/90 e art. 7 DL 152/91 – L. 203/91 per avere anche in concorso tra loro, in esecuzione del medesimo disegno criminoso, acquistato, detenuto, trasportato, venduto e comunque ceduto sostanza stupefacente del tipo cocaina, marijuana e hashish ai sodali per la successiva vendita al minuto, in alcune occasioni cedendo sostanze stupefacenti anche a minorenni;


 L’indagine, nell’ambito della quale risultano indagati complessivamente 59 soggetti, condotta nel periodo febbraio 2013 – giugno 2016, denominata “Contatto” per le molteplici infiltrazioni a vari livelli, ha consentito di disarticolare un’associazione mafiosa facente capo al clan “COLUCCIA” di Noha-Galatina, operante nel territorio della Provincia di Lecce e, in particolare, nei comuni di Sogliano Cavour, Galatina, Cutrofiano, Corigliano d’Otranto, Castrignano de’ Greci, Melpignano, Soleto, Sternatia, Cursi, Castrì di Lecce, Martano, Otranto, Calimera, Muro Leccese e Cavallino.


La cellula dell’associazione per delinquere di tipo mafioso documentata e ricostruita attraverso le indagini è risultata essere strutturata secondo uno schema verticistico e composta da 31 soggetti riconducibili alla citata consorteria delinquenziale, con a capo COLUCCIA Michele, facente parte della “Sacra Corona Unita”. L’attività prevalente del sodalizio è quella del traffico di sostanze stupefacenti, nonché delle estorsioni, dei furti e della detenzione di armi. I proventi di tali attività venivano, in parte, utilizzati anche per il sostentamento dei sodali detenuti; per influenzare e talvolta corrompere pubblici amministratori che assicuravano, anche in cambio della “protezione” e del sostegno dell’organizzazione, agevolazioni economiche per gli affiliati in danno degli effettivi aventi diritto.


ORIGINI DELL’INDAGINE


L’attività investigativa, nata da una sistematica repressione di alcuni delitti verificatisi nel territorio della Compagnia di Maglie, in particolare rapine ed estorsioni con il metodo del “cavallo di ritorno”, parte il 27.02.2013 quando BALLARINO Alexander + altri 4 soggetti, originari di Cutrofiano, Sogliano Cavour e Corigliano d’Otranto, venivano tratti in arresto nella flagranza di reato per tentata rapina in danno di un supermercato di Corigliano d’Otranto. Le successive indagini hanno poi permesso di individuare un gruppo di 6 soggetti, capeggiati da CIANCI Vincenzo Antonio, individuato quale responsabile della consumazione di almeno sei rapine in danno di esercizi commerciali, avvenute tutte nell’hinterland Magliese dal 05.02.2013. Successivamente il 09.07.2013, MAGNOLO Carmela, madre di CIANCI Vincenzo Antonio, veniva tratta in arresto nella flagranza di reato poiché trovata in possesso di gr. 50 gr. di cocaina ed oltre 1.200 gr. di Marijuana. Anche in questo caso sono state attivate indagini che hanno consentito preliminarmente di accertare la correità nella detenzione e nello spaccio della sostanza stupefacente rinvenuta, anche da parte di CIANCI Vincenzo Antonio e BALLARINO Alexander, facendo così emergere che i principali indagati MAGNOLO Carmela, CIANCI Vincenzo Antonio e BALLARINO Alexsander, gestivano una organizzazione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente, il cui ruolo di leader era ricoperto da CIANCI  sotto la protezione della madre MAGNOLO Carmela.


Già in quel contesto è emersa da subito l’esistenza di un collegamento tra la malavita di Galatina – Noha ed il gruppo di Sogliano Cavour per l’approvvigionamento di sostanze stupefacenti, attraverso il canale “Coluccia”.


FURTI DI AUTO CON ESTORSIONE – “CAVALLO DI RITORNO”


Verso la fine del 2013 ed inizio 2014 l’attività si è incentrata su alcune estorsioni eseguite in danno di soggetti a cui sono state asportate autovetture con il c.d. metodo del “cavallo di ritorno” e pertanto a già a febbraio 2014 sono emerse importanti responsabilità su CIANCI Vincenzo Antonio ed il suo gruppo. Tale attività ha permesso di acquisire elementi di colpevolezza a carico di numerosi indagati per illeciti riconducibili, non solo alla specifica attività di indagine delle estorsioni, ma anche in materia di rapine, traffico di sostanza stupefacente e truffe. L’attività estorsiva in parola operata dal “gruppo di sogliano” ha avuto evidentemente il fine di acquisire liquidità da reinvestire nel traffico di sostanze stupefacenti e contestualmente rafforzare il controllo sul territorio da parte dell’associazione oltre a disvelare l’esistenza di una vera e propria struttura associativa finalizzata alla consumazione di più reati, con base operativa nel territorio del comune di Sogliano Cavour, dove la locale popolazione ne riconosce la capacità delinquenziale e la forza intimidatrice. Tale struttura vede a capo Cianci Vincenzo Antonio direttamente coadiuvato da Candido Massimo, avvalendosi della fidata collaborazione di Ballarino Alexander, Antonaci Giuseppe, Frassanito Rosario, Pedone Emiliano, nonché di altri 15 soggetti su cui, di volta in volta e a seconda dell’interesse trattato, potevano fare affidamento nella certezza di ricevere fattiva partecipazione attesa la piena condivisione degli illeciti intenti.


Giova evidenziare come nessuna delle vittime delle estorsioni consumate ha sporto denuncia all’autorità giudiziaria e coloro i quali sono stati nel tempo convocati dalle forze dell’ordine hanno fornito false indicazioni in ordine a circostanze e modalità del rinvenimento del veicolo, a conferma della condizione di assoggettamento ed omertà conseguente alla forza di intimidazione dell’associazione di cui il gruppo di Sogliano rappresenta, come è stato possibile dimostrare, articolazione territoriale facente capo ai Coluccia di Noha.


4 i furti di autovetture contestati con conseguente richiesta con il metodo del cavallo di ritorno e numerosi altri furti di autovetture, nei quali in alcuni casi l’estorsione non è andata a buon fine per svariati motivi; in questi ultimi casi le auto venivano poi rivendute come pezzi di ricambio.


L’ASSOCIAZIONE MAFIOSA


E’ emersa una vera e propria struttura associativa di tipo mafioso con al vertice la famiglia Coluccia di Noha – Galatina. L’ascolto delle conversazioni telefoniche ed ambientali ha permesso di ricostruire, nell’ambito dell’associazione, il ruolo ricoperto da Cianci Vincenzo Antonio e Massimo Candido nonché quello di Gugliersi Pasquale inteso “Zoppo”, Gugliersi Marco, De Paolis Antonio Gabriele, PERRONE Giancarlo, Longo Rocco, Epifani Giordano, Epifani Francesco, Piscopo Danilo.


La segretezza del vincolo, un costante stato di omertà e solidarietà, la forza d’intimidazione del vincolo associativo, il rispetto per il vincolo gerarchico, il metodo mafioso nelle ritorsioni, il mantenimento dei detenuti affiliati e delle loro famiglie sono tutti aspetti emersi e abbondantemente documentati durante questa attività d’indagine.


In particolare è da evidenziare:


–     il sostentamento dei sodali nei confronti degli associati detenuti con precedenti per 416 bis, attualmente reclusi;


–     la struttura verticistica dell’organizzazione. Infatti, a seguito dello scontro tra il gruppo di Sogliano Cavour capeggiato da Cianci e quello di Cutrofiano capeggiato da Epifani Giordano, entrambi si sono rivolti ai cugini Gugliersi Pasquale e Marco. I cugini Gugliersi ricoprono il ruolo di referenti diretti della famiglia Coluccia, e da loro ricevono ordini e direttive per i vari responsabili delle locali piazze, come il caso di Cianci per Sogliano Cavour. La loro posizione all’interno dell’associazione la si percepisce sia dal timore che Cianci ha dimostrato prima dell’incontro con Pasquale, sia perché in più circostanze è evidente che i Gugliersi di Noha decidono cosa fare e dirimono le varie controversie che si vengono a creare tra i vari gruppi. All’incontro per dirimere la questione tra Cianci e gli Epifani partecipa, tra gli altri, anche Gabriele Antonio De Paolis (genero di uno degli esponenti del clan Coluccia), e anche lui con precedenti per 73 DPR 309/90 ed  estorsione e ricopre un ruolo di vertice rispetto ai Gugliersi;


–     la protezione di ogni singolo gruppo da parte del clan di riferimento. Nei territori dei comuni di Cutrofiano, Sogliano Cavour ma anche Scorrano e Corigliano d’Otranto in cui avvengono le illecite attività di spaccio di sostanza stupefacente e di estorsione sotto forma di pizzo, e la protezione consisterebbe nel pagamento di una somma di denaro per avere in cambio protezione da parte dei sodali in caso di controversie/problemi;


–     violenza e modalità mafiose nelle ritorsioni; è stato accertato che il gruppo per chiedere la restituzione di soldi da parte di debitori di denaro per droga usava spesso metodi e modalità analoghe anche nei confronti di chi non si “calava” nei confronti degli associati. Non solo, vi è anche l’avvertimento ad un centro scommesse di Galatina, quando furono posizionati cinque proiettili calibro 9 parabellum dinanzi all’entrata del locale, azione posta in essere materialmente da Cianci e Candido su mandato di De Paolis e Perrone, o anche la richiesta a CIANCI di punire ANTONACI, suo uomo;


–     il controllo del territorio nel senso di controllo della comunità mediante il suo insediamento nel territorio. Quindi controllo del territorio nelle varie aree territoriali che i gruppi SCU si sono “spartiti”. Nei diversi ambiti territoriali, infatti, operano nel settore del crimine ed in particolare nelle tipologie delittuose che formano i diversi “rami” delle “aziende malavitose” (droga, estorsioni, rapine, ecc .) solo gli affiliati o i soggetti “autorizzati” dal gruppo egemone, pena la inevitabile ritorsione o l’azione dimostrativa anche di particolare gravità (a carico di persone o cose). Spartizione del territorio nel traffico di sostanza stupefacente. Ogni singola zona è gestita da un gruppo in modo autonomo e che per ogni gruppo vige l’obbligo di corrispondere una “tassa” per il diritto di spaccio di sostanza stupefacente in una determinata piazza. Si fa infatti riferimento ad una cifra pari a circa 5.000 euro per ogni piazza (comune di Maglie). Emerge come a Sogliano Cavour il responsabile è CIANCI Vincenzo Antonio, a Cutrofiano è Giordano Epifani, mentre a Corigliano d’Otranto il responsabile è Leonardo COSTA (CIANCI chiede a GUGLIERSI di poter entrare nel mercato a Corigliano ma Pasquale gli dice chiaramente che lui non può fare niente, che COSTA è uomo dei COLUCCIA e quando uscirà deciderà lui cosa fare);


IL POSSESSO DI ARMI


Il gruppo di Sogliano Cavour era in possesso di un cospicuo numero di armi con le quali poneva in essere azioni dimostrative nonché intimidazioni e regolamenti di conti. A riscontro di tale circostanza, il 22 luglio 2014 è stato tratto in arresto Blago Salvatore per detenzione di 3 fucili una pistola, tutti con matricola abrasa, nonché munizionamento vario, che quest’ultimo deteneva per conto di Cianci.


L’APPARTENENZA ESTERNA ALL’ASSOCIAZIONE DI FUNZIONARI PUBBLICI


Le diverse attività che hanno caratterizzato l’indagine – acquisizione di documentazione, sequestri, escussioni di testimoni – supportate dall’attività tecnica di intercettazione ambientale e telefonica, hanno permesso di accertare come il contesto associativo oggetto dell’indagine si sia nel tempo ramificato sino ad inserirsi nel tessuto sociale e politico del territorio del comune di Sogliano Cavour.


Le illecite attività poste in essere dall’associazione sono state in alcuni casi possibili grazie al favoreggiamento se non alla vera e propria collaborazione da parte di commercianti e imprenditori del posto che, riconoscendo al gruppo di CIANCI non comuni capacità delinquenziali, hanno acconsentito di soddisfare anche richieste che determinavano il compimento di azioni penalmente rilevanti, come nel caso di BLAGO Salvatore titolare di una tabaccheria, prestatosi a nascondere le armi di Cianci, o del proprietario di un albergo in cui i “soglianesi” avevano tenuto nascosto il latitante DE MATTEIS Daniele.


L’attività di indagine ha permesso di riscontrare che il gruppo Soglianese aveva instaurato buoni rapporti con alcuni degli appartenenti alle istituzioni pubbliche, tra cui un Vigile Urbano di Sogliano Cavour, che intratteneva confidenziali rapporti con CIANCI Vincenzo Antonio, grazie ai quali lo stesso CIANCI ha avuto la possibilità di venire a conoscenza, durante le fasi delle indagini, di alcuni accertamenti che lo avevano riguardato. Non solo anche la vicinanza ad un militare dell’Arma dei Carabinieri che aveva, tra l’altro, la predisposizione a favorirli in caso di controlli e contestazioni di violazioni al codice della strada.


La popolazione di Sogliano Cavour riconoscendo a CIANCI Vincenzo Antonio il ruolo di referente di spicco della locale criminalità organizzata spesso, per risolvere dissidi anche di carattere familiare, richiedeva il suo intervento pur nella consapevolezza del suo ricorso a metodi violenti. Tale particolare situazione è certamente manifestazione di sfiducia da parte della popolazione nelle locali istituzioni che avrebbero dovuto garantire l’ordine a la sicurezza pubblica.


E’ da sottolineare anche la stretta vicinanza di CIANCI ad un agente della Polizia Penitenziaria oggi a Lecce, ma che all’epoca dei fatti prestava servizio a Genova. Legata a Cianci da relazione sentimentale, quest’ultima oltre ad attestare falsamente giorni di malattia allegando e depositando presso la Casa Circondariale certificati medici ideologicamente falsi per giustificare le reiterate assenze dal lavoro, lo coadiuvava in altre attività illecite (quali furti di gasolio) per le quali svolgeva la funzione di “palo”, nonché, pur essendo consapevole dell’inserimento in un contesto organizzato dell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti di Cianci, nel suo ruolo di referente, ometteva, pur avendo l’obbligo giuridico di farlo nella sua qualità di pubblico ufficiale, sia di denunciare sia di intervenire per interrompere le attività illecite dell’associazione.


Agli arresti domiciliari anche Magnolo Luciano Biagio, ex amministratore del Comune di Sogliano Cavour reo di avere collaborato, all’epoca dei fatti nella sua qualità di assessore alle politiche sociali del Comune di Sogliano Cavour, alla realizzazione dei fini dell’associazione mafiosa, fornendo un contributo significativo consistito nel versare somme di denaro per il sostentamento dei capi detenuti, , nel procurare posti di lavoro ad affiliati del gruppo di Sogliano Cavour, per la corresponsione di contributi economici, procurando a Magnolo Carmela l’assunzione presso una società cooperativa.


DIREZIONE, COORDINAMENTO E SVILUPPO DELL’INDAGINE


Ogni fase della complessa attività investigativa è stata sapientemente diretta dalla Procura della Repubblica di Lecce, consentendo di sviluppare e portare a termine l’odierna ed articolata indagine, supportata da numerosissime intercettazioni telefoniche ed ambientali. Durante le varie fasi, a riscontro dell’attività in essere, sono stati effettuati oltre i 5 arresti per rapina a Corigliano d’Otranto, 5 arresti per droga a Sogliano Cavour e Cutrofiano ed 1 arresto per armi sempre a Sogliano Cavour. Sono stati altresì sequestrati complessivamente 1,5 kg di marijuana, 200 gr di cocaina, 200 grammi di hashish, 150 grammi di eroina, 3 fucili calibro 12 con matricola abrasa, una pistola calibro 22 con matricola abrasa e numeroso munizionamento.


Gli arrestati sono stati tradotti in presso il Carcere di Lecce e presso le rispettive abitazioni per quanto attiene gli arrestati domiciliari, mentre in tre casi le misure cautelari sono state notificate presso le Case Circondariali di Lecce e Tolmezzo poiché i soggetti erano ivi detenuti per altra causa.


L’odierna operazione di P.G. ha permesso di scompaginare un’altra cellula criminale particolarmente attiva sul territorio della Provincia di Lecce, da tempo affermatasi con particolare aggressività e ramificazioni che, come un virus, avevano intaccato svariate articolazioni del substrato sociale ed istituzionale, garantendosi l’impunità ed il controllo del territorio sotto la peggiore delle forme: quel metus imposto dalla forza intimidatrice dell’appartenenza ad una associazione mafiosa.


ARRESTI IN FLAGRANZA NEL CORSO DELL’ESECUZIONE


Nel corso delle operazioni di cattura e perquisizione, sono stati arrestati in flagranza di reato, per ciascuno appresso specificati, i seguenti soggetti:



  • Giordano EPIFANI, porto di armi clandestine e alterate (pistola semiautomatica di fabbricazione Rep. Ceca CZ 07 cal. 9×21 e relativo munizionamento – pistola semiautomatica cal. 22 fabbricazione Ungherese e relativo munizionamento;

  • Paolo MENGOLI, detenzione di un revolver cal. 22, 6 colpi di fabbricazione tedesca, marca e matricola abrase, e relativo munizionamento;

  • Luigi VECCHIO, fratello convivente di Antonio VECCHIO colpito da OCC, pistola a salve modificata mediante sostituzione canna mod. 85 cal. 9×17 marca AUTOKIMER dotata di silenziatore e relativo mun izionamento, nonché 65 gr. di marijuana e 32 semi;

  • Rocco LONGO, trovato in possesso di 21 dosi di cocaina;

  • Andrea ICARO, in possesso di 6 dosi di cocaina.


Andrano

Luigi, dove sei?

Il 39enne scomparso da lunedì mattina: al momento di andare in stampa (mercoledì 7 dicembre) ritrovati cellulare e auto, poi una macchia di sangue e nulla più…

Pubblicato

il

Sull’edizione cartacea de “il Gallo” in stampa in queste ore abbiamo riavvolto il nastro delle due giornate di ricerche per il 39enne Luigi Musarò scomparso ad Andrano. Questo il punto, al momento di andare in stampa, nella speranza che presto possano sorgere sviluppi positivi.

a cura di Lorenzo Zito

È un lunedì qualsiasi per il Basso Salento, lunedì 5 dicembre. Un lunedì di fine autunno, un lunedì come un altro. Non per tutti, si scoprirà. C’è un’auto che ogni mattina percorre la stessa strada, ma che stavolta cambia percorso. È quella di Luigi Musarò, 39 anni, di Andrano. Lui, tutti i giorni, dal suo paese si reca a Gagliano del Capo per lavoro. Ma questa volta no, la sua Opel Corsa non punta Tricase, non muove verso sud, ma si dirige sulla provinciale per Castiglione d’Otranto. Appena fuori dal centro abitato di Andrano svolta a sinistra, in una via per un tratto asfaltata, tra le campagne. La Corsa percorre poche centinaia di metri, addentrandosi tra gli appezzamenti, poi si ferma e resta lì.

LE RICERCHE

Luigi Musarò scompare così, scompare presumibilmente da quel punto, proprio la mattina del 5 dicembre, senza alcuna indicazione su dove possa esser finito. L’allarme è tardivo, scatta nel pomeriggio. Proprio perché quella mattinata doveva essere una mattinata qualsiasi, una mattinata di lavoro, i suoi genitori, con cui vive, attendono il suo rientro a casa solo per il pomeriggio, come al solito, dal distretto Asl di Gagliano del Capo, dove lavora presso l’Ufficio Igiene.

Il sole è già tramontato quando è chiaro a tutti che Luigi non farà ritorno. Dopo la denuncia di scomparsa, scatta subito il tavolo per le operazioni di soccorso. La Prefettura ne affida il coordinamento ai vigili del fuoco (con il posto di comando che mercoledì mattina è stato spostato presso la sede operativa della Protezione Civile di Marittima). Viene lanciato un messaggio pubblico: si cerca Luigi, un uomo con occhiali da vista, pantaloni scuri e giacca blu, allontanatosi a bordo di una Opel Corsa blu (che poi, in realtà, si scoprirà esser grigia). Non passano molte ore e l’auto viene ritrovata. Al lavoro dei vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase e del Comando di Lecce si affianca subito quello della protezione civile di Marittima e di Tricase, assieme a tutte le altre squadre inviate sul posto dal coordinamento provinciale.

L’auto è un indizio importante: fornisce il punto da cui muovere le ricerche via terra, a macchia d’olio. In breve, però, appare subito chiaro come occorrano rinforzi. Arriva l’unità cinofila del 115 (Nucleo Cinofili Puglia) e si mettono in atto anche le tecniche speleo alpino fluviali: i pozzi e gli anfratti da scandagliare sono più di quanti se ne possano immaginare. Nell’auto, le squadre di soccorso trovano il cellulare di Luigi. Quello che probabilmente ha usato per cancellare il suo profilo Facebook poche ore prima di sparire.

TANTE DOMANDE, POCHE RISPOSTE

Poi un altro elemento importante, preoccupante e tutt’altro che risolutivo. Accanto alla vettura, parcheggiata sulla terra, una macchia di sangue. Circoscritta ma corposa. Poche altre piccole tracce ematiche su delle rocce a qualche centimetro di distanza, poi nulla più. Nessuna scia in nessuna direzione, nulla che possa indicare se si sia spostato a piedi e verso dove. Nel frattempo, diventa di dominio pubblico una notizia giunta da casa. Sono stati ritrovati alcuni messaggi scritti. Lettere di Luigi, indirizzate alla famiglia ed alla fidanzata, una ragazza di Ruffano. Il contenuto fa temere il peggio: tra le righe, anche dei desideri post-mortem. Le ricerche continuano e si intensificano. Ai droni, arrivati anche da Matera e già operativi, si unisce un elicottero dei vigili del fuoco. Alle operazioni, ovviamente, prendono parte anche i carabinieri della Compagnia di Tricase e la polizia locale. L’area da battere è ampia, ma circoscritta. A guardarla su mappa se ne percepisce la singolarità: è una zona delimitata dagli abitati di Andrano, Depressa e Castiglione d’Otranto. Un triangolo racchiuso tra tre strade provinciali, per una superficie grossomodo di un chilometro quadrato.

LA SPERANZA

Dov’è finito Luigi? Possibile si sia spinto oltre a piedi? Possibile sia sparito nel nulla dopo aver perso tutto quel sangue? Le ricerche sul posto non danno risposta. È ora quindi di cercarle altrove: vengono disposte delle analisi per appurare che quello accanto all’auto sia sangue umano. I carabinieri chiedono aiuto agli occhi elettronici: alle videocamere di sorveglianza più vicine l’onere di chiarire se con la Opel di Luigi vi fossero altre vetture, o se ve ne siano transitate poco dopo.

Il sole tramonta per la seconda volta senza esito. È mercoledì e (al momento di andare in stampa) di Luigi non ci sono ancora tracce. Le evidenze raccolte lasciano più domande che risposte.

La tenacia delle squadre di soccorso tiene accesa la speranza di trovarlo in vita. Ma le ore che passano pesano come macigni. Intanto, come accade in questi casi, qualcuno inizia a parlarne al passato. Il ricordo però è condiviso: un ragazzo mite, riservato, tranquillo. Una vita “senza ombre”, spesso partecipe alle attività parrocchiali.

Andrano lo attende con il cuore in gola, assieme ai suoi genitori ed a suo fratello e sua sorella. Chissà che le risposte ai tanti interrogativi difficilmente spiegabili non possano arrivare dalla più bella delle notizie: quella di un suo ritorno a casa. Mai come stavolta, l’auspicio di chi scrive è che, non appena andate in stampa, queste righe, questo appello del 115, possano diventare obsoleti, cancellati da un abbraccio.

Continua a Leggere

Cronaca

Sul treno senza biglietto, poi picchia la polizia: fermato 22enne

Nei guai giovane del Gambia: discute col controllore delle ferrovie e poi malmena gli agenti. Una settimana fa protagonista di un episodio simile a Scorrano

Pubblicato

il

Nel pomeriggio di ieri 6 dicembre, gli agenti della Polizia di Stato in servizio presso Sezione Volanti del
Commissariato di Pubblica Sicurezza di Otranto hanno tratto in arresto un uomo per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento.

Si tratta di un 22enne del Gambia, già noto alle forze dell’ordine, con precedenti anche per stupefacenti.

Il ragazzo ieri, mentre viaggiava a bordo del treno locale Maglie-Otranto, ha avuto un acceso diverbio col personale delle Ferrovie del Sud Est perché sorpreso senza biglietto, tanto da indurre il capotreno a chiedere l’ausilio degli
agenti della Polizia di Stato.

All’arrivo del treno presso la stazione di Otranto, difatti, sono intervenuti gli agenti in servizio di Volante del
Commissariato di Otranto. Hanno tentato di identificare il giovane che, nel tentativo di sottrarsi
all’identificazione, assestava una violenta testata ad uno dei due agenti ferendolo al volto ed ingaggiando
una colluttazione, sferrando calci e pugni e causando anche la rottura degli occhiali da vista all’altro
poliziotto intervenuto.

Immobilizzato a fatica, il 22enne è stato tratto in arresto per resistenza a PU, lesioni, danneggiamento ed
accompagnato presso la Casa Circondariale Borgo San Nicola di Lecce.
Dagli accertamenti esperiti a carico del giovane è emerso che la sua condotta è recidivante, infatti, poco più
di una settimana fa, il 28 novembre scorso, è stato arrestato dal Reparto Radiomobile Carabinieri di Maglie
per gli stessi reati all’interno del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Scorrano.

Continua a Leggere

Cronaca

Stupra donna senza fissa dimora, arrestato

Gli agenti della polizia di stato in servizio di volante a lecce soccorrono una vittima di violenza sessuale e arrestano il responsabile

Pubblicato

il

Nella serata di ieri gli agenti in servizio di Volante della Questura di Lecce hanno tratto in arresto in flagranza di reato D.M.A., cittadino guineano senza fissa dimora di 37 anni per violenza sessuale ai danni di una 54enne senza fissa dimora.

Gli agenti, intorno alla mezzanotte, su disposizione della centrale operativa si sono recati nella via adiacente il vecchio stabile dell’Ospedale Vito Fazzi per una segnalazione di violenza sessuale.

Giunti sul posto hanno assunto informazioni dalla guardia giurata in servizio per Forgolpol che aveva allertato il 113 allorché pochi minuti prima, una donna in lacrime, aveva chiesto aiuto, asserendo di aver subito violenza sessuale.

La vittima, seduta nelle vicinanze ancora in lacrime, lamentava fortissimi dolori al basso ventre e, all’arrivo dei poliziotti, ha indicato un uomo, che a sua volta vedendoli arrivare, ostentando indifferenza, si era seduto sui gradini di uno stabile disabitato poco distante.

Immediatamente è intervenuto sul posto il 118 e la vittima è stata trasportata in ospedale presso il Pronto Soccorso dove è stato attivato il “Percorso rosa” ed il personale medico ha appurato l’avvenuta violenza.

La donna, una 54enne senza fissa dimora ha sporto denuncia raccontando agli agenti di essere giunta a Lecce da pochi giorni e di aver passato il proprio tempo in compagnia di altri senza fissa dimora e di aver conosciuto l’aggressore proprio nelle vicinanze della stazione ferroviaria.

L’uomo, D.M.A., un 37enne nativo della Guinea nel pomeriggio, intorno alle ore 19, aveva già tentato un approccio, a cui lei aveva opposto un inequivocabile rifiuto, ma dopo qualche ora, con uno stratagemma si era fatto accompagnare nel piazzale antistante il vecchio nosocomio V. Fazzi, ubicato in una zona poco trafficata nelle ore serali, dove ha abusato di lei ignorando le resistenze della donna che cercava di difendersi, estraendo dalla tasca un coltellino, strappatole dalle mani dall’aggressore.

Nella concitazione la malcapitata è riuscita a scappare e chiedere aiuto alle guardie giurate della Forgolpol di passaggio in quel momento.

L’uomo sottoposto a perquisizione è stato trovato in possesso del coltellino sottratto alla vittima- Accompagnato negli uffici della Questura di Lecce per il prosieguo degli accertamenti è risultato essere destinatario di un Ordine del Questore di Lecce a lasciare il territorio nazionale, emesso il 19marzao 2021, provvedimento avverso cui lo straniero ha proposto ricorso presso il Giudice di Pace.

Per quanto sopra il 37enne D.M.A. è stato tratto in arresto per il reato di violenza sessuale e porto abusivo di oggetti atti a offendere e tradotto presso la locale casa circondariale.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus