Connect with us

Cronaca

Sbanda e si cappotta: soccorso uomo sulla Patù-San Gregorio

Improvviso zigzag, scontro con un muro e poi il volo: conducente ferito esce sulle sue gambe

Pubblicato

il


Spaventoso quanto incredibile incidente sulla strada provinciale tra Patù e la marina di San Gregorio. Con una sola auto protagonista di un rocambolesco cappottamento (foto a fine articolo).





Attorno alle 16e30, una Renault Scenic, condotta da un uomo, si è ritrovata adagiata sull’asfalto col tettuccio. Singolare la dinamica del sinistro: secondo testimoni presenti sul luogo, non vi sarebbe stato alcun impatto con altri mezzi.





I presenti hanno però notato la vettura sbandare improvvisamente, zigzagando e finendo contro un muro. Lì, a pochi metri dall’Hotel Montecallini, in quel tratto di salita più vicino alla marina che all’abitato di Patù, l’auto è decollata dopo l’urto. L’impatto con la ruota anteriore l’ha fatta sollevare da terra e capovolgersi. Cosa che sulla carta appare difficile ma che, in realtà, con un pizzico di sfortuna (e nemmeno tanta velocità) può succedere.





Resta a questo punto una incognita la causa dell’accaduto: un animale che avrebbe improvvisamente tagliato la strada al conducente? Un malore? Non è dato saperlo, al momento.





Nonostante l’abitacolo ammaccato, il conducente è uscito sulle sue gambe. Stordito, ferito e sconvolto dall’accaduto. È stato prontamente soccorso mentre, sul posto, accorrevano polizia locale e carabinieri. Questi hanno gestito il traffico ed effettuato i rilievi. Un carro attrezzi ha, poi, sgomberato la strada: l’auto, col parabrezza distrutto e consistenti danni nella parte anteriore, non era più in condizioni idonee alla circolazione.




Lorenzo Z.














Attualità

248 casi covid in Puglia. Cala la curva dei contagi

Ogni 100mila abitanti” sono 91; sotto soglia di saturazione i posti letto sia in area medica (7%) che in terapia intensiva (4%

Pubblicato

il

Oggi in Puglia ci sono stati 248 casi. 13.931 sono stati i test per l’infezione effettuati, con una incidenza dell’1,78%.

E’ stato registrato un decesso. Questi i positivi per provincia: 59 nel Leccese, 53 in provincia di Bari, 43 nel Foggiano, 40 nel Brindisino, 32 nella provincia Bat, 14 nel Tarantino, 5 residenti fuori regione, 2 casi di residenza non nota.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 266.706 e sono 256.579 i pazienti guariti.

Cala ancora la curva dei contagi in Puglia e migliora anche la situazione complessiva. Dall’8 al 14 settembre, secondo il monitoraggio della fondazione Gimbe, c’è stata una riduzione dei nuovi casi del 15,3% rispetto a sette giorni prima.

I “casi positivi ogni 100mila abitanti” sono 91; sotto soglia di saturazione i posti letto sia in area medica (7%) che in terapia intensiva (4%).

La provincia con più contagi è quella Barletta-Andria-Trani, con 54 nuovi casi; seguono Lecce (42); Brindisi (31); Foggia (28); Bari (25) e Taranto (16).

Continua a Leggere

Cronaca

In moto contro un muretto: muore 49enne

Pubblicato

il

Bruttissimo incidente in tarda mattinata nel nord Salento.

Una moto è finita contro un muretto sulla Veglie-Torre Lapillo. La polizia locale ha ricostruito la dinamica. Non è ancora chiaro cosa abbia provocato l’incidente. Le forze dell’ordine sono al lavoro per capire se sia stato un altro mezzo in transito a far perdere il controllo della moto all’uomo che era in sella.

Potrebbe infatti esser stata una immissione laterale a provocare uno sbandamento. Da valutare però anche la velocità cui il mezzo a due ruote procedeva.

Inutili i soccorsi: l’uomo, un 49enne di Veglie, è deceduto.

Foto Protezione Civile Salento

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Intercettata imbarcazione: migranti sbarcano a Leuca

Pubblicato

il

Un natante con un gruppo di migranti a bordo è stato intercettato oggi al lungo le coste salentine.

Nella prima mattinata è partita la prassi preparativa allo sbarco. La barca è stata raggiunta nei pressi di Lido Marini (Ugento) e scortata nel porto di Leuca dove sono in corso le operazioni di routine: sanitarie e di identificazione.

Il gruppo è composto da 52 persone che hanno riferito di essere originarie di Iran e Iraq. Sono stati tutti trasferiti presso il centro di prima accoglienza don Tonino Bello di Otranto.

Foto Valerio Schirinzi

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus