Connect with us

Cronaca

Segregata in casa e picchiata

Gli agenti della polizia hanno arrestato un 47enne leccese per aver sequestrato e picchiato anche con un bastone la convivente

Pubblicato

il

Gli agenti della Sezione Volanti interveniva in questa via Vecchia Lizzanello, all’altezza della tangenziale est, su segnalazione di un automobilista il quale aveva riferito della presenza di una donna in difficoltà.


Rintracciato sul posto l’uomo ha riferito che, mentre percorreva via Vecchia Lizzanello in direzione Lecce, aveva notato una donna in evidente stato di agitazione la quale, facendo segno di fermarsi, gli ha chiesto di aiutarla.


La donna, identificata dai poliziotti (Z.E. le sue iniziali), ha 37 anni ed è residente a San Cesario di Lecce: in evidente stato di agitazione presentava ecchimosi al volto, sul collo, sulla schiena e sulle ginocchia. Inoltre perdeva numerose ciocche di capelli, a suo dire strappatele dal compagno, tale Luciano Sinistro.


Considerate le condizioni della donna, sul posto si è reso  necessario l’intervento di personale del “118” che ha provveduto a trasportarla in codice giallo presso il pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi”  dove è stata medicata e dimessa con prognosi di 10 giorni.


La 37enne di San Cesario ha raccontato di aver convissuto, per circa un mese e mezzo, in casa di Sinistro, quarantasettenne leccese, il quale per i primi tempi si era dimostrato tranquillo ma stranamente le aveva chiesto di non uscire da casa, condizione a suo dire necessaria per convivere insieme.


La donna inizialmente aveva acconsentito ma, resasi conto di non avere più la disponibilità delle chiavi di casa e né di avere più il proprio telefono cellulare, aveva capito di essere completamente segregata nell’abitazione, senza alcuna possibilità di uscire, in quanto porte e finestre erano tutte sbarrate.


L’ultima notte trascorsa insieme a Sinistro, dopo aver avuto con questi un litigio ed esser era stata accusata di aver sottratto i soldi da un salvadanaio, era stata presa per capelli, minacciata di morte e picchiata con una sbarra di ferro.

L’uomo stando al racconto della vittima, dopo essersi sfogato, si è spostato nel soggiorno ed in quel frangente lei ha approfittato per salire dalle scale sul terrazzo, dal quale si è lasciata cadere. Da lì la sua fuga verso la salvezza.


Appurata la dinamica dei fatti, gli agenti si sono immediatamente recati presso l’abitazione di Sinistro, persona peraltro nota per i suoi precedenti, correlati allo spaccio di sostanza stupefacente, che nel frattempo si era dileguato. È stato ritrovato subito dopo, però, nascosto in un immobile completamente dismesso, adiacente al suo appartamento. Una volta all’interno, gli agenti  hanno rinvenuto  un bastone in ferro per tendaggi, lo stesso utilizzato dall’uomo per colpire la malcapitata.


Nel corso della perquisizione rinvenuto, anche materiale atto al confezionamento di sostanze stupefacenti (bilancino, carta argentata, forbici), 11,1 grammi di marijuana, 0,28 grammi di cocaina e cinque flaconi di metadone.


Ritrovate anche tre spade tipo catana, una balestra con tre frecce, due fucili softair privi del tappo rosso, con binocolo di precisione, quattro cellulari, una stella a tre punte “shuroiken”,  una targa di autoveicolo, non di sua pertinenza, denunciata smarrita il 12 aprile scorso.


Alla luce di quanto emerso, Luciano Sinistro veniva dichiarato in stato di arresto per i reati di sequestro di persona e denunciato per ricettazione, detenzione di sostanza stupefacente e detenzione abusiva di armi. Lo stesso, su disposizione del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, è stato associato presso la locale Casa Circondariale.


Cronaca

Le case popolari si sbriciolano: l’appello da Gemini

Pubblicato

il


Foto che parlano da sé quelle inviate alla Redazione da un nostro lettore. “Ripropongo per l’ennesima volta il degrado delle case popolari di Gemini“, il commento, “dopo vari solleciti ad Arca sud di Lecce e al comune di Ugento, la situazione è sempre la stessa: siamo della povera gente abbandonata nel nulla”.





(Leggi anche la segnalazione sullo stato delle case popolari di Galatina)













Continua a Leggere

Cronaca

Auto in fiamme davanti all’ospedale, brucia anche archivio del Vito Fazzi

Pubblicato

il


I carabinieri indagano su un rogo scoppiato questa notte nel piazzale antistante l’ospedale Fazzi.





Un incendio divampato prima dell’alba da una vettura in uso ad un 32enne dipendente Asl. Una Volkswagen Touareg che è stata avvolta dalle fiamme. Fiamme che si sono poi propagate agli edifici vicini, andando a bruciare un archivio ospedaliero contente cartelle cliniche del 2018 e del 2019.




Lungo l’intervento dei vigili del fuoco. Per rimettere pienamente in sicurezza la zona. I carabinieri si sono recati sul posto per registrare l’accaduto e sono al lavoro per stabilire se possa essersi trattato di un incidente o meno.






Continua a Leggere

Cronaca

Surano: colpo al Gulliver

I ladri sono penetrati da un buco praticato sul muro interno dopo aver forzato un porta di ingresso. Presi di mira Bricos e Oviesse

Pubblicato

il

Colpo gobbo al centro commerciale Gulliver di Surano.

Nella notte scorsa i malviventi hanno forzato una porta di ingresso si sono intrufolati nel centro commerciale e sono fuggiti con l’incasso del negozio di bricolage e una cassaforte della Oviesse, smontata con la flessibile.

I ladri hanno praticato un foro sul muro interno penetrando nei locali di vendita della Brigros, impossessandosi di vario materiale riposto sugli scaffali in esposizione e del contenuto delle casseforti, sottratte mediante taglio della blindatura.

Non contenti dopo aver praticato ulteriore foro sul muro di confine con l’Oviesse impossessandosi  di 13.500 euro custoditi interno di una cassaforte forzata mediante taglio della blindatura.

Indagano i carabinieri.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus