Connect with us

Cronaca

«Siamo vicini al Clan Coluccia, paga!»

Il dipendente di una ditta con l’aiuto di un pregiudicato, entrambi attigui ad uno dei Clan più noti della Sacra Corona Unita, nei guai per aver tentato di estorcere denaro ad un imprenditore del settore nautico. Coinvolto anche il commercialista dell’azienda: invece di consigliare l’imprenditore a denunciare, d’accordo con dipendente e pregiudicato, gli ha suggerito di pagare

Pubblicato

il

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria (GICO) di Lecce hanno eseguito un provvedimento applicativo di misure cautelari, personali e interdittive (arresto in carcere, arresto domiciliari ed una sospensione dall’esercizio della libera professione), emesso dal GIP del Tribunale di Lecce su richiesta della Procura della Repubblica (Direzione Distrettuale Antimafia), nei confronti di 3 persone.


Ordine d’arresto per il pregiudicato Luigi Patera, 56 anni di Noha (Galatina), che si trovava già in carcere a Lecce; Maurizio Blandini, 43 anni di Seclì, che al momento dell’arresto era a Viareggio per ragioni di lavoro, sono stati disposti i domiciliari; per il commercialista leccese, Antonio Rocco Conte, 46enne è, invece, scattata la sospensione dall’esercizio della libera professione.


Blandini dipendente di una ditta con l’aiuto del pregiudicato Patera (entrambi ritenuti attigui al Clan Coluccia della Sacra Corona Unita), ha tentato di estorcere più somme di denaro al suo datore di lavoro, un imprenditore del settore nautico. Il commercialista dell’azienda, invece di invitare la vittima a denunciare, d’accordo coi due malviventi, gli ha suggerito di pagare.


Ai tre  sarebbero contestati i reati di estorsione, tentata estorsione, aggravata dal metodo mafioso, ed indebito utilizzo indebito di strumenti di pagamento diversi dai contanti, in danno di alcuni imprenditori salentini.


L’indagine, avviata nel gennaio 2023, ha avuto origine dalla denuncia presentata da un imprenditore, sottoposto ad una serie di presunti atti intimidatori – e, conseguenti prestazioni patrimoniali che sarebbero state realizzate da un proprio dipendente, coadiuvato da un amico pregiudicato, ed entrambi contigui al clan “Coluccia”. In un caso, le condotte oggetto di contestazione sembrerebbero essere state realizzate con la complicità del commercialista, tenutario delle scritture contabili della stessa società della vittima. Il professionista, infatti, sposando appieno il presunto disegno delittuoso, avrebbe infatti avuto il compito di fornire ausilio al dipendente infedele nel convincere la vittima a cedere alle richieste estorsive di quest’ultimo, nel dare avvio ad una nuova società, costituitasi tra il dipendente e i suoi due figli, nonché nel dare giustificazione in contabilità alle “apprensioni” di denaro volte a soddisfare di volta in volta le richieste estorsive.

Nel corso delle indagini, sarebbero state ricostruite dazioni di denaro per circa 18mila euro ed utilizzi indebiti con la carta di credito aziendale per ulteriori 7.500 euro in danno dello stesso imprenditore, operante nel settore nautico, nonché un’ulteriore presunta estorsione in danno di altro imprenditore salentino, costretto ad una dazione di 3mila euro, e due tentativi di estorsione in danno di privati con pregressi debiti da onorare.


Tutte le condotte ipotizzate nei confronti delle persone indagate sarebbero state effettuate avvalendosi della forza di intimidazione derivante dalla nota appartenenza e/o vicinanza alla “Sacra Corona Unita” ed in particolare, come detto, al Clan Coluccia.


Le celeri attività investigative condotte dai militari del Nucleo PEF (G.I.C.O.) della Guardia di Finanza di Lecce, volte a ricostruire i fatti oggetto di contestazione, sono state principalmente volte a garantire in ogni momento l’incolumità delle vittime.


Cronaca

Accoltellamento all’uscita della discoteca

Forse uno sguardo di troppo ad una ragazza il motrivo scatenante della lista scaturita in due coltellate ad opera di un tarantino ai danni di due giovani leccesi

Pubblicato

il

È di 5 denunce per i reati di rissa, lesioni aggravate e porto abusivo di armi il risultato dell’attività investigativa svolta dagli agenti del commissariato di Gallipoli a seguito dell’intervento effettuato presso il parcheggio di una nota discoteca sul lungomare Galileo Galilei a Baia Verde.

Tutti i coinvolti saranno anche destinatari di provvedimenti di divieto di accesso ai locali notturni e pubblici esercizi situati sul litorale gallipolino per un periodo che va da uno a tre anni.

I FATTI

Nella notte tra sabato e domenica, all’uscita della discoteca, verso le 5 del mattino, alcuni giovani, per futili motivi, forse per uno sguardo di troppo nei confronti di una ragazza, con venuti alle mani.

Alcuni di loro hanno riportato ferite, anche gravi: uno di loro ha riportato una prognosi di 30 giorni.

Nello specifico, un giovane tarantino, incensurato, dopo aver inferto delle coltellate a due giovani leccesi, avrebbe cercato di scappare perché a rischio linciaggio.

Alla fine è riuscito a trovare un passaggio per Taranto.

Gli investigatori, però, nell’arco di poche ore, anche grazie ad alcune informazioni rese dagli addetti alla sicurezza della discoteca, sono riusciti a rintracciarlo e a farlo riportare in commissariato.

Davanti all’evidenza probatoria, l’autore dell’accoltellamento, non ha potuto far altro che ammettere le proprie responsabilità.

Nei confronti dei responsabili saranno valutate misure di prevenzione personali quali i dacur, cosiddetti daspo urbani, che gli vieteranno di accedere ai locali notturni concentrati in località Baia Verde, mentre per due di loro, gravati da precedenti penali, sarà proposta l’applicazione del Foglio di Via obbligatorio, con divieto di ritorno a Gallipoli, rispettivamente per un periodo di due e tre anni.

Continua a Leggere

Attualità

Ondata di caldo africano in arrivo, picchi di oltre 40°C

L’anticiclone colpirà soprattutto il centrosud, Salento compreso. Durerà almeno fino al prossimo fine settimana

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

«Imminente una intensa ondata di caldo africano sull’Italia, che colpirà soprattutto il centrosud», lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara, che spiega: «giorno dopo giorno le temperature saranno in costante aumento, con apice della canicola tra giovedì e sabato, quando sulle zone interne del Sud si potranno superare picchi d 38-40°C. Sulle coste farà meno caldo, complice l’azione mitigante delle brezze marine, ma al prezzo di maggiore umidità e quindi afa, che potrà comunque aumentare il disagio fisico; sull’entroterra invece il caldo spesso torrido, quindi più secco, ma anche più intenso».

CALDO ANCHE DI NOTTE

L’accumulo di calore si farà sentire anche nelle ore serali e notturne, tanto che si soffrirà anche in tarda sera. In particolare da giovedì potremo avere ancora temperature intorno ai 30-32°C intorno alle ore 20-22, mentre le minime notturne potranno non scendere sotto i 23-24°C in particolare nelle città e lungo i settori costieri. L’aumento fisiologico di umidità nelle ore serali/notturne potrebbe ancora una volta favorire un’accentuazione dell’afa e del disagio fisico.

Dopo il fine settimana il gran caldo dovrebbe progressivamente smorzarsi, almeno in parte, anche al Centro e poi al Sud.

 

 

Continua a Leggere

Cronaca

Peppino Basile: «Non dimentichiamo e non faremo mai dimenticare»

Cerimonia di commemorazione del politico ugentino che il 15 giugno 2008 barbaramente dilaniato da una serie infinita di coltellate. Sedici anni dopo la verità ancora deve venire a galla

Pubblicato

il

Il 15 giugno è stato il 16° anniversario dell’assassinio di Peppino Basile.

Il “Comitato Pro Basile” anche quest’anno è stato in prima linea nel mantenere alto il ricordo e il bisogno di mantenere sempre viva l’attenzione su una vicenda rimasta senza giustizia con il consigliere comunale e provinciale barbaramente dilaniato da una serie infinita di coltellate, la notte del 15 giugno 2008.

«Una storia tragica», sottolineano dal Comitato, «su cui troppi anche tra le alte “sfere”, hanno cercato di stendere fumosi veli affinché potesse cadere quanto prima in un oblio che, tuttavia, per l’impegno di chi ancora vuole tenere alta la guardia nella speranza che un giorno possa emergere la verità, non si è mai compiuto».

Peppino Basile

Proprio per questo, in occasione della ricorrenza del sedicesimo anno da quella tragica notte, gli amici del Comitato “Pro Basile” hanno ricordato Peppino Basile la cui terribile fine è rimasta uno dei casi irrisolti degli ultimi anni. I suoi amici e i cittadini che hanno aderito al comitato “Pro Basile”, organizzazione costituitasi spontaneamente pochi giorni dopo la morte, hanno deciso di continuare ad onorarne la “Memoria” e ricordato l’Amico, Uomo e Politico combattivo e passionari, o rappresentante delle istituzioni.

Toccante il momento di preghiera presso la tomba del consigliere nel Cimitero di Ugento dove, come ogni anno, una delegazione capeggiata dai membri del comitato, in primis i fondatori Gianfranco Coppola (nella foto in alto) e Giovanni D’Agata dello Sportello dei Diritti, è stata depositata una corona di fiori. Tutto ciò perché il ricordo dell’Amore e della Passione del “Figlio del Popolo” per questo territorio e per i suoi concittadini, ma anche la sua tragica fine e la sua lotta incessante contro il “Sistema”, dovranno sempre essere da esempio soprattutto per le generazioni future. Perché il ​suo Sacrificio non resti invano.
Per la Legalità, la Tutela del Territorio e delle Istituzioni: «Non dimentichiamo e non faremo mai dimenticare».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus